Due giovani arrestati per detenzione al fine di spaccio di stupefacenti a Pineto e Giulianova

17 agosto 2012 0 Di admin

L’intensificazione dei servizi esterni finalizzati a prevenire e reprimere i reati afferenti le sostanze stupefacenti continuano a dare i loro frutti.
In ordine di tempo, i Carabinieri della Stazione di Pineto agli ordini del Luogotenente Gianni Mincone, nella tarda serata di ieri 16 agosto 2012, hanno arrestato in flagranza di reato con l’accusa di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti DI PANCRAZIO Alberto, 27enne di Atri (TE). Nel corso del servizio il giovane, incensurato, all’atto del controllo dei militari ha destato con il suo atteggiamento dei sospetti che poi si sono rivelati fondati. Infatti, sottoposto dapprima ad ispezione degli effetti personali e successivamente a perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di complessivi gr. 28 di hashish, gr. 11 di marijuana, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento dello stupefacente e la somma contante di € 450,00 ritenuta provento dell’attività di spaccio, il tutto sottoposto a sequestro. L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida che si dovrebbe svolgere nella mattinata di oggi 17 agosto 2012.
Alle prime ore dell’alba di oggi 17 agosto 2012, anche i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Giulianova hanno arrestato un giovane di Castellalto (TE) con la stessa accusa. SCACCHIOLI Piero, 20enne, fermato sul lungomare di Giulianova, sottoposto a perquisizione personale è stato trovato in possesso di circa tre grammi di hashish. I militari decidevano di approfondire gli accertamenti e nel corso della successiva perquisizione domiciliare il giovane veniva trovato in possesso di ulteriori gr. 41 della stessa sostanza, un bilancino di precisione, 5 piantine di marijuana e la somma contante di € 250,00, verosimile provento dell’attività di spaccio.
Dopo le formalità di rito il giovane è stato ristretto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida fissata sempre per la giornata odierna.