Gli Mbl ed Erasmo Petringa fanno ballare la piazza di Colle San Magno

18 agosto 2012 0 Di admin

Ancora una successo per le serate dell’estate di Colle San Magno. Stavolta protagonsta la musica popolare, la tarantella, il salterello, la word music, attraverso l’esibizione e il concerto di due straordinari interpreti: Erasmo Petringa e Mediterranea Sound e soprattutto Benedetto Vecchio, enfant du pais, con la gli Mbl.
Un concerto straordinario che ha richiamato in paese numerossisimi appassionati che hanno cantato e ballato, nella piazza Umberto I trasformata in palcoscenico all’aperto, facendosi rapire dai ritmi coinvolgenti della pizzica e della tarantella.
Grande soddisfazione per l’amministrazione comunale locale che ancora una volta ha visto nel giusto, promuovendo l’evento.
“Straordinario Benedetto con gli Mbl ed eccezionale Erasmo Petringa e il suo grupo – ha dichiarato il sindaco Di Nota – la musica popolare non è solo ritmo, non è solo suono, è storia e tradizione, è recupero di una dimesione di immedita sintonia con il nostro ambiente. Valorizzarla e promuoverla, significa salvaguardare la nostra identità.
In questa opera di valorizzazione Benedetto Vecchio e gli Mbl sono stati di precursori e ormai costituiscono massimi esponenti a livello nazionale del genere. E Bendetto, mi piace sottolineralo, è di Colle San Magno. Complimenti, naturalmente, anche ad Erasmo Petringa”.
La serata di musica è stata preceduta da un interessante e partecipato seminario informativo che si è svolto della Chiesa dedicata a San Magno sul tema della sicurezza e dei consigli utili per evitare raggiri e truffe. Si è trattata di un’iniziativa voluta dal Comando provinciale dei Carabinieri, sotto l’egida del Comando generale dell’Arma. Molto interssante la relazione tenuta dal maresciallo della stazione di Roccasecca Donato Bottone.
“Grazie al maresciallo Bottone – ha spiegato il sindaco Di Nota – un amico della nostra comunità. Il suo intervento, molto apprezzato dai cittadini, soprattutto dalle persone anziane, sarà utilissimo per capire e prevenire spiacevoli episodi di truffa che ormai stanno diventanto sempre più diffusi anche nelle nostre latitudini”.