Nuovi strumenti per la ricerca scientifica alla Neuromed di Pozzilli, arriva la risonanza 7 Tesla

27 agosto 2012 0 Di redazione

Sarà operativa – presumibilmente – entro un anno, la Risonanza Magnetica a campo ultra alto (7 Tesla) appena arrivata all’IRCCS Neuromed di Pozzilli (IS). 18esima installazione in Europa e seconda in Italia, la nuova risonanza conferma l’avanguardia tecnologica dell’IRCCS Neuromed che presto avvierà avanzati protocolli di ricerca sui pazienti entrando a far parte del circuito internazionale dell’imaging ad altissima risoluzione. L’elevato campo magnetico consentirà di approfondire i segreti ancora irrisolti del cervello umano: lo strumento rende infatti possibili ricerche innovative sul cervello in modo non invasivo, consentendo di effettuare analisi altrimenti inaccessibili. Con i ricercatori dell’IRCCS Neuromed, saranno numerosi gli specialisti e gli Istituti – presumibilmente non solo italiani – impegnati nelle sperimentazioni, a partire dal pool di fisici dell’Istituto Enrico Fermi di Roma, fino al coinvolgimento di professionisti provenienti da più settori scientifici: fisica, chimica, bioingegneria, neuroscienze, imaging.
L’apparecchio, che vale circa un milione di euro per ogni Tesla, è stato costruito negli Stati Uniti, e con le sue 33 tonnellate ha sostenuto un viaggio via mare durato più di un mese.
L’installazione della risonanza magnetica 7 Tesla segna un nuovo primato dell’Istituto di ricerca molisano che si qualifica ancor di più, con le proprie eccellenze, come punto di riferimento – non solo del Centro-Sud Italia, ma dell’intero territorio nazionale – nel campo medico, della diagnostica e delle cure. Le possibili applicazioni della nuova risonanza magnetica spaziano infatti dallo studio anatomico ad altissima risoluzione del cervello all’esplorazione dell’apparato scheletrico, del cuore e della mammella. Nel settore delle Neuroscienze l’installazione di tale tecnologia rappresenta un incremento delle potenzialità di ricerca e quindi di diagnostica per un ampio spettro di patologie di interesse di Neuromed, e più in generale di interesse nazionale ed internazionale, offrendo l’opportunità di approntare nuove e più efficaci modalità di cura e terapia, anche per esempio per le patologie Neurodegenerative. Le alte prestazioni della Risonanza Magnetica Nucleare 7 tesla renderanno possibile la fine mappatura delle funzioni motorie, di quelle del linguaggio e della visione, la misura delle strutture e delle funzioni cerebrali a livello di singole colonne neuronali e la visualizzazione dei processi alla base dell’attività mentale dell’uomo.
Le ricerche scientifiche che potranno essere sviluppate, a vantaggio dei pazienti italiani, sono sconfinate e permetteranno grandi passi avanti nella ricerca scientifica, favorendo l’apporto di importanti contributi alle neuroscienze, alle terapie molecolari e ad una più approfondita comprensione della relazione tra lo sviluppo anatomico e funzionale del cervello e di tutti i distretti corporei.