Giorno: 17 settembre 2012

17 settembre 2012 0

Incidente a Patrica, grave una ragazza di 27 anni

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una ragazza di 27 anni è in gravissime condizioni a causa di un incidente stradale che si è verificato oggi pomeriggio alle 15.30 circa, nel territorio del comune di Patrica. La ragazza era a bordo di una utilitaria quando, percorrendo la strada provinciale Morolense, per cause ancora al vaglio della polizia stradale di Frosinone, si è scontrata contro un’altra vettura. L’urto è stato violentissimo e tutti e due i conducenti delle vetture sono rimasti feriti. All’arrivo degli operatori del 118, però, le condizioni della 27enne sono sembrate gravi e, per questo, a bordo di una Eliambulanza, è stata trasportata al Santa Maria Goretti di Latina dove resta in prognosi riservata.

17 settembre 2012 0

Detenuti al servizio della collettività, a Frosinone con progetto pilota risparmiati 90mila euro

Di admin

Il Comune di Frosinone, la Casa Circondariale di Frosinone e l’Associazione Gruppo Idee hanno stipulato una convenzione per l’inserimento di persone detenute in attività formative prioritariamente destinate allo svolgimento di lavori di pubblica utilità. Il progetto è nato per perseguire il fine del reinserimento sociale dei condannati, ed ha come elemento fondamentale di riferimento l’occupazione lavorativa durante l’espiazione della pena e l’orientamento e l’inserimento al lavoro per il futuro post detentivo. Nel mese di agosto e in questi giorni, i detenuti sono stati impegnati in attività di bonifica di alcune zone della città: dapprima una vasta area verde sulla quale l’Amministrazione comunale ha intenzione di realizzare un parco e poi alcune strade del capoluogo. Si tratta di un progetto sperimentale, che fa di Frosinone il primo comune in Italia a portare avanti un’esperienza di così vasto respiro e così articolata, che durerà sei mesi e che ha visto fino ad oggi coinvolti sei detenuti (per un massimo di dieci), impegnati in attività formative che faranno curriculum, finalizzate ad offrire, in prospettiva futura, opportunità lavorative ai medesimi soggetti per un completo reinserimento sociale. Con gli interventi di bonifica effettuati dai detenuti è stata pulita un’area di due ettari, con un risparmio per le casse comunali di circa 90.000 euro. “E’ un progetto del quale andiamo orgogliosi – ha detto durante la conferenza stampa di illustrazione delle linee guida e dell’attuazione del protocollo d’intesa il vice sindaco e assessore all’ambiente Fulvio De Santis – un’esperienza pioneristica che vuole dare una significato alla previsione dell’articolo 27 della Costituzione”. “Questo protocollo d’intesa – ha detto poi il sindaco Nicola Ottaviani – attiva un circuito virtuoso che nasce da un dialogo positivo tra istituzioni e che vede nella tensione alla coesione sociale l’unica via d’uscita per la rinascita del Paese. Come amministrazione abbiamo voluto dare pieno significato al nostro ruolo, perseguendo il duplice obiettivo di tendere la mano e offrire un’opportunità a chi sta cercando un pieno reinserimento nella società e ridonando, grazie alle preziosa opera dei detenuti impegnati nelle attività previste dal protocollo, alla città un’area di due ettari, completamente dimenticata da tutti, con sorgenti naturali, che vogliamo trasformare in parco attrezzato tematico sull’acqua. Occorreranno 250.000 euro per renderlo fruibile e ci impegneremo per trovare la giusta strada in questo senso”. [nggallery id=445]

17 settembre 2012 0

West Nile virus: in Italia sono stati segnalati 9 nuovi casi confermati

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Undici nuovi casi sono stati segnalati in Grecia dal Centro ellenico per il Controllo delle Malattie e la Prevenzione (KEELPNO). Due casi probabili provengono dalla prefettura recentemente colpita di Drama. Nove casi sono stati confermati in zone con casi dei precedenti report: Achaia (1), Chalkidiki (1), Kavala (3), Salonicco (1), Xanthi (3). Nuovi casi e le aree colpite in Grecia non sono inaspettati, dato che dal 2010 non vi è stata una progressiva espansione geografica della trasmissione del virus West Nile in tutto il paese, come indicato nella valutazione del rischio Ecdc recentemente pubblicato sulla situazione epidemiologica della febbre del Nilo occidentale in Grecia.

In Italia, sono stati segnalati 9 nuovi casi confermati (2 della provincia di Vicenza recentemente colpita e 7 da Venezia, una provincia con casi riportati precedente) mentre in Romania è stato confermato un nuovo caso (dal comune Bucuresti, Bucarest, una zona con precedente caso).

Dei paesi limitrofi, per la prima volta la Croazia quest’anno ha segnalato tre casi autoctoni, da due contee, Osjecko-baranjska (2) e Vukovarsko-srijemska (1). 43 nuovi casi sono stati segnalati in Russia e 15 nuovi casi in Serbia.

Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, la recrudescenza della trasmissione della febbre del Nilo occidentale quest’anno rimane inspiegata. Un’ipotesi è la grave siccità dei mesi precedenti, che avrebbe favorito la trasmissione dagli uccelli alle zanzare che sono il vettore della malattia per gli esseri umani.

In Europa, l’infezione WNV è riconosciuta come un problema di importante salute pubblica fin dalla prima diffusione in Romania nel 1996. Per rispondere a questa preoccupazione, l’ECDC pubblica dal 2011 sul suo sito Web aggiornamenti settimanali sulla distribuzione dei casi di febbre del Nilo occidentale nell’Unione europea e nei paesi vicini. I casi segnalati nell’UE includono casi confermati e probabili, con risultati di laboratorio positivi secondo la definizione di caso di EU e tutti segnalati casi di fuori dell’UE. A partire dal 30 agosto 2012, 115 casi umani di febbre del Nilo occidentale sono stati segnalati nell’UE (da Grecia, Italia e Romania) e 224 casi nei paesi limitrofi.

17 settembre 2012 0

Bebè e valium: la sedazione dei bambini un problema molto diffuso

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

Negli asili-nido, scuole materne, reparti pediatrici, brefotrofi, ma anche nelle famiglie, è sempre in voga una pratica che pare non abbia una fine, ma anche un inizio se, è noto a tutti, che risale all’alba della civiltà: l’uso di tranquillanti e sedativi somministrati a infanti e fanciulli per calmarli o addirittura farli addormentare. Un fatto che dovrebbe essere un’extrema ratio, ma che in alcuni di questi luoghi e tra non pochi nuclei familiari diventa prassi costante anche se i bimbi non hanno alcun bisogno di psicofarmaci ma solo di poter esprimere la loro natura.

Il problema costante di tanti genitori impazienti risulta quello di avere un figlio che si sveglia mediamente la notte ogni 30-60 minuti, non solo nei primissimi mesi di vita, ma anche intorno al primo anno d’età ed anche oltre. Sono tanti i papà e le mamme hanno riscontrano miglioramenti e sono tornati a dormire dopo aver somministrato farmaci a base di niaprazina ai piccoli ‘insonni’.

Ci sono poi confezioni di latte per neonati che contengono un gruppo di farmaci classificati come antipsicotici, sedativi ed antidepressivi che fanno parte di medicinali utilizzati come broncodilatatori, vasodilatatori delle coronarie e, a livello sperimentale, anche per la terapia genica.

Dopo una poppata un neonato resta calmo e rilassato (artificialmente), rendendo felici i genitori, i quali, in questo modo, continuano a comprare quel latte che fa così bene al bambino e soprattutto lo rende docile e “portato” al sonno.

La sostanza comunemente più usata è lo ThioXantone che è un elemento presente nell’inchiostro della confezioni nonché catalizzatore della polimerizzazione del film plastico che compone l’involucro.

Gli studi sulla molecola hanno evidenziato, tra l’altro, rischi per morte cardiaca improvvisa, oltre che per ischemia cerebrale e cardiaca.

Proprio in questi giorni in Francia un infermiere è stato posto sotto inchiesta, sospettato di aver somministrato ad un bambino di sei mesi il Valium. Il bebè di circa sei mesi è stato ricoverato in gravi condizioni.

Sempre in un ospedale francese, un’altra infermiera è stata di recente sospettata di avere fornito sedativi ai bambini. Ma non si tratta di casi sporadici e che avvengono solo oltralpe. Per quanto è dato sapere, per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” è una pratica transazionale che dimostra come troppo spesso genitori, ma anche puericultori e persino medici adottino comportamenti al limite della leggerezza ma comunque tutti censurabili.

Al di là dell’ovvio consiglio di rivolgersi sempre prima al pediatria prima di somministrare qualsiasi tipo di farmaco, specie quelli di cui si tratta, il suggerimento per i genitori accorti è quello di verificare puntualmente cosa accade nelle strutture dove vengono temporaneamente lasciati i propri piccoli, soprattutto se gli stessi appaiono più appannati e meno svegli del solito, mentre agli enti deputati ai controlli di effettuare verifiche anche a campione in quei luoghi per accertarsi che non siano somministrati sedativi e tranquillanti contro la volontà dei genitori e senza alcuna prescrizione medica.

17 settembre 2012 0

Seduta straordinaria del Consiglio Regionale del Lazio, Tedeschi (IDV): “Copione prevedibile e mal recitato”

Di admin

Dall’Ufficio stampa Gruppo Idv riceviamo e pubblichiamo: “Un copione prevedibile e pure mal recitato, questo è stato l’intervento del Presidente Polverini. Che se invece avesse voluto veramente agire, avrebbe portato in aula una delibera di Giunta con i tagli già votati dalla stessa Giunta. Invece ha voluto fare uno spettacolo, con riferimenti inopportuni alla sua malattia in Aula consiliare. Con un discorso che avrebbe dovuto fare alla sua maggioranza, ammesso che ce ne sia una”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Italia dei valori Anna Maria Tedeschi. “In quanto Presidente di questa Regione” continua Tedeschi “lei conosceva benissimo tutti i regolamenti e tutti i fondi che venivano assegnati, e non posso credere che dopo aver condiviso la campagna elettorale con Fiorito ed usufruito delle sue 26 mila preferenze, non sapeva dell’uso disinvolto delle risorse del Gruppo PdL. Insomma dopo le magistrali lacrime elettorali al Santa Lucia nel 2010, oggi viene a recitare con minor maestria la parte della povera vittima, ruolo che proprio non le si può riconoscere. Si assuma invece tutte le sue responsabilità politiche ed amministrative e si dimetta”. Ufficio stampa Gruppo Idv Simone Fattori 346.3809048

17 settembre 2012 0

Seduta straordinaria del Consiglio Regionale del Lazio Scalia: “La Polverini e la sua parte politica si prendano le proprie responsabilità”

Di admin

DallUfficio Stampa di Francesco Scalia riceviamo e pubblichiamo: “La Presidente Polverini ha tentato di scaricare indistintamente sull’intero Consiglio Regionale le responsabilità di una gestione allegra delle finanze pubbliche, che è esclusivamente sua e della sua parte politica.

Gran parte delle proposte che oggi la Polverini avanza al Consiglio, come il dimezzamento delle commissioni e lo scioglimento dei mono-gruppi, è oggetto di disegni di legge che il PD ha presentato un anno fa.

E’ stata la Polverini a regalare i vitalizi agli assessori esterni, l’opposizione ha votato contro.

Né possiamo mettere sullo stesso piano le spese del gruppo del PDL in cravatte, ostriche e champagne, oltre ai bonifici esteri ed i prelievi in contanti, con le spese del gruppo PD per le finalità per cui le risorse sono state assegnate, ovvero manifesti, comunicazione e assemblee pubbliche.

Ma soprattutto, la Presidente Polverini deve assumersi la responsabilità di una Regione che è ferma da due anni e di una Giunta che ha fallito sia sul piano politico che amministrativo”.

17 settembre 2012 0

Scoperto evasore totale, sotratti al fisco oltre 10 milioni di euro

Di admin

Il Nucleo di Polizia Tributaria di Chieti ha individuato una società teatina nel settore dell’edilizia che operava in totale evasione d’imposta, omettendo di presentare le dichiarazioni dei redditi per gli anni d’imposta dal 2007 al 2010, oltre a non detenere i libri ed i registri contabili obbligatori per legge. L’attività di verifica eseguita ha consentito di individuare redditi sottratti a tassazione per oltre 10 milioni di euro e un’imposta sul valore aggiunto dovuta pari ad oltre 1,5 milioni di euro. L’imprenditore, avvalendosi di una società principale e di altre società satelliti, costruiva immobili che puntualmente vendeva ad acquirenti a cui rilasciava fatture apparentemente regolari senza tuttavia provvedere alla loro registrazione ed alla successiva dichiarazione al Fisco dei relativi ricavi. Gli acquirenti degli immobili, vedendosi consegnare una fattura in apparenza regolare, erano convinti dell’assoluta liceità della transazione dal punto di vista fiscale. I Finanzieri del Nucleo hanno potuto ricostruire l’intero volume d’affari riscontrando gli atti di registro degli immobili venduti presso la conservatoria dei RR.II. di Chieti, nonché le contabili bancarie e le dichiarazioni degli acquirenti. L’indagine è scaturita dal fatto che lo stile di vita e le abitudini di spesa dell’imprenditore erano apparsi sproporzionati ai redditi dallo stesso dichiarati. Questi primi sospetti sono stati successivamente avvalorati dalle interrogazioni alle banche dati informatiche in uso alla Guardia di Finanza ed infine resi inconfutabili dalle prove documentali acquisite e dagli accertamenti bancari effettuati. Sono in corso ulteriori attività d’indagine afferenti alle società gravitanti nella sfera d’interesse del soggetto denunciato all’Autorità Giudiziaria.

17 settembre 2012 0

Picchia e rapina il medico di guardia, 24enne in manette

Di redazione

Aveva rapinato e rinchiuso nel suo ambulatorio il medico di guardia di Gambatesa e, dopo le indagini svolte dai carabinieri coordinate da la procura di Campobasso, C.S. 24 anni èstato arrestato si ordine del gip molisano per rapina e tentato sequestro di persona. Il giovane ad inizio settembre, ha fatto irruzione nell’ambulatorio medico e dopo una collimazione con il medico, e dopo averlo ferito ad un braccio con un fendente, lo ha costretto a consegnare le chiavi dell’auto, una flacone di valium e 55 euro. 

17 settembre 2012 0

Picchia il padre pensionato per ottenere soldi, 42enne in manette

Di redazione

I Carabinieri della Stazione di Pineto, agli ordini del Luogotenente Gianni Mincone, nel corso del pomeriggio di sabato hanno arrestato in flagranza di reato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e lesioni personali  COLLEVECCHIO Matteo, 42enne di Pineto, già noto per fatti di giustizia.  Il giovane,  in attesa di occupazione, mentre si trovava all’interno della propria abitazione, allo scopo di ottenere danaro dal padre, T.C., 64enne, pensionato, non ha esitato a picchiarlo colpendolo con calci e pugni. L’anziano genitore, che convive con il figlio in abitazione di Pineto, ormai stanco di questa situazione [sembrerebbe che non sia l’unico episodio di violenza] ha con non poche difficoltà avvisato subito i Carabinieri della Stazione di Pineto che sono intervenuti sul posto ed hanno arrestato l’aggressore. Il pensionato è dovuto ricorrere alle cure mediche dei sanitari dell’Ospedale Civile di Atri che lo hanno riscontrato affetto da lesioni giudicate guaribili in giorni 10, mentre per COLLEVECCHIO Matteo, si sono aperte le porte del Carcere di Castrogno in attesa dell’udienza di convalida davanti al giudice del Tribunale di Teramo.

17 settembre 2012 0

Tutto pronto per la quattro giorni di “Ferentino è” tra musica, tradizioni e cultura

Di redazione

Grande attesa per la sesta edizione di “Ferentino è” che si svolgerà a Ferentino, in provincia di Frosinone, da Giovedì 20 a domenica 23 settembre e che negli scorsi anni ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico. L’evento organizzato dall’Amministrazione Comunale, e in particolar modo dell’Assessorato Comunale alla Cultura e Spettacolo in collaborazione con la Pro Loco, è patrocinato dalla Presidenza del Consiglio della Regione Lazio, dalla Provincia di Frosinone, dall’ARSIAL- Agenzia regionale per lo Sviluppo e l’innovazione dell’Agricoltura del Lazio.   “Ferentino è” si articolerà in quattro giornate tra cultura, tradizioni, visite guidate, moda, musica e spettacolo.  Ricco il programma degli appuntamenti, che si svolgeranno in diversi luoghi della Città, anche in contemporanea.   Giovedì 20 settembre – novità di questa edizione – la festa inizia nel Quartiere di S. Lucia con l’apertura di  Antiche Cantine, degustazioni di vini e prodotti tipici locali, direttamente organizzate e gestite da numerose associazioni, accompagnate da momenti musicali con più gruppi: Four Flowers, Cover Red Chili Peppers, Revival Folk band e l’esibizione dei Pizzicati e della Rapsodia rumena. Presso il Memoriale esposizione di moto d’epoca a cura del Moto Club. In Piazza della Catena, l’associazione il Cartello e l’Officina dell’Arte di Acuto hanno previsto esposizioni di arti visive. Presso la Pro Loco l’esposizione fotografica degli incontri dei Cornisti Guelfo Nalli.   Venerdì 21 settembre alle ore 18.00 Inaugurazione mostra concorso i Monumenti di Ferentino a cura del Gruppo Archeologico Volsco e presso il Salone del Martino Filetico della Mostra Opere di G. Turina. Nel Chiostro, concerto in costume d’epoca barocca della Nova Vivaldi, diretto da Olga Zagorovskaia Presso Piazza Martino Filetico con la presentazione del Palio di S. Pietro Celestino, i Cavalieri e i cavalli che parteciperanno alla Giostra dell’Anello, e a seguire la Festa degli Antichi mestieri e Sapori a cura dell’Associazione Amici dell’Agricoltura, con esposizione di attrezzi e mezzi d’epoca, esibizione di gruppi locali, musiche e balli al suono dell’organetto. Degustazioni e piatti tradizionali. A rallegrare la manifestazione partecipano gruppi folk che intrattengono i partecipanti con musiche canti e balli popolari. A seguire, giochi popolari a cura del Gabbiano e ASD Torre, spazi musicali, con la presentazione di nuove giovani promesse canore.  Alle ore 23.00 in Piazza Matteotti, intrattenimento con Festone e Michele.   Sabato 22 settembre In Piazza Mazzini le guide della Pro Loco (0775.245775) saranno a disposizione per accompagnare i turisti per scoprire e visitare i monumenti più importati della città. In questi giorni si avrà la possibilità di visitare il Palazzo storico Giorgi Roffi Isabelli, su prenotazione. – In Piazza Matteotti è previsto un defilè di moda, di altissima qualità, promosso dalla Boutique Dell’Olio, con ospiti d’eccezione. Alla sfilata prende parte l’Accademia di Belle Arti di Frosinone, corso di Fashion design di Ferentino con modelli esclusivi. – In Piazza Mazzini, con il concerto di GIULIANO GABRIELE E LA JACARANDA, reduce dal World Tarantella Tour, con le loro musiche popolari ed etniche per uno spettacolo di grande richiamo. – Al Vascello, luogo privilegiato dei giovani ferentinati con le proposte musicali: Il SOGNO tributo ai Modà, e lo spettacolo Io non sono bello … piaccio con l’eccentrico ed estroso … Gerry Calà.   Nel pomeriggio di sabato, dalle ore 17.00 un susseguirsi di appuntamenti: Sfilata del gruppo Cultura e Tradizioni, musica con i CARPE DIEM, stand dell’ARSIAL, agenzia regionale per lo Sviluppo e Formazione dell’Agricoltura e Mercatini in Piazza M. Filetico. Performance di Artisti di Strada.  Seconda edizione del Trofeo di GOLF CITTA’ di Ferentino, nel campetto del Martino Filetico, curato dal Country Club e Golf Fiuggi Terme. Un’esibizione con un allestimento esclusivo per avvicinare questa pratica sportiva molto seguita a giovani e giovanissimi. Dalle ventiquattro spazio ancora alla musica, in Piazza Matteotti e presso Zambardino: Lato B e Festone e Michele.   Domenica 23, nella mattinata, protagoniste saranno le macchine rosse della Ferrari, che arriveranno a Ferentino per il 6^ raduno Città di Ferentino, a cura del gruppo del Club Passione Rossa in collaborazione con Allianz Bank di Ferentino.   Una spettacolare edizione del Palio di S. Pietro Celestino. Per rivivere l’atmosfera medievale, domenica 20 Settembre al Vascello, a partire dalle ore 16.00, giornata della “rievocazione storica” del Palio di san Pietro Celestino – Giostra dell’Anello.   “Un viaggio nel tempo”, con lo spettacolo dei Cavalieri e del Cavalli impegnati a onorare i vessilli delle contrade. Un solenne Corteo storico aprirà la sfilata in costumi d’epoca: Gruppo Cultura e tradizioni di Ferentino, Contrada Cellere di Anagni, gli Sbandieratori dei Rioni di Cori, il gruppo degli Archibugieri di Cava de Tirreni. Lungo la pista approntata nel centro storico al Vascello. 4 i gruppi di Cavalieri in rappresentanza di Porta s. Agata, Porta s. Francesco, Porta Montana, Porta Sanguinaria, si contenderanno il Palio. Il Palio con la sfida delle Contrade, che storicamente si svolgeva ogni anno a fine agosto, è ormai diventata un evento d’interesse regionale. Il Palio riprende un’antica tradizione popolare, una manifestazione eccezionale, molto sentita dai cavalieri e dai loro sostenitori.   “Ferentino è” un appuntamento da non perdere, che sicuramente richiamerà il pubblico delle grandi occasioni. Ferentino merita sicuramente una visita, accanto allo splendido patrimonio artistico, Ferentino può riportarci in un passato lontano, in cui le antiche vicende della storia si fondono in una grande scenografia all’aperto fatta di festa, musica, balli, tradizioni, ottimi ingredienti per avere sue attrattive all’insegna del buon gusto e del pieno rispetto della cultura popolare.