Editoria in crisi, giornalisti di Ciociaria Oggi in strada. Drammatico appello della redazione

24 settembre 2012 5 Di redazione

Momenti difficili per i redattori, i poligrafici e i giornalisti di Ciociaria Oggi, lo storico e più rappresentativo giornale della provincia di Frosinone. Questa mattina hanno trovato gli uffici della redazione centrale al 18esimo piano del grattacielo De Matteis a Frosinone, chiusi da sigilli apposti dal proprietario dei locali che rivendica diverse mensilità di affitto. una situazione paradossale che vede il maggiore dei giornali provinciali costretto a stoppate le pubblicazioni. Un settore, quello dell’editoria, in piena crisi, sempre attento a raccontare le crisi degli altri, e poco quelle proprie. 
Tutta l’amarezza del corpo redazionale e la cronaca di quanto accaduto, sono espressi un un comunicato che integralmente riportiamo.
 
Da: Redattori e Poligrafici di Ciociaria Oggi
A: Direttore Alessandro Panigutti
A: Direttore Editoriale Gianluca Trento
A: Editore N.E.O. sig. Armando Palombo
A: Associazione Stampa Romana
A: CGIL Cisl e Uil sigg. Giuseppe Di Pede, Pasquale Legnante, Angelo Astuti
 
In data  24 settembre 2012 i redattori di Ciociaria Oggi hanno avuto la spiacevole “sorpresa” di trovare la redazione centrale di Frosinone del quotidiano succitato chiusa a seguito di sfratto esecutivo.
L’evento, paventato da più parti e da parecchi giorni, non è stato scongiurato da alcun intervento dell’Azienda, che non ha operato alcun tentativo di evitare le estreme conseguenze, visto che nessun dirigente era presente al momento del provvedimento.
I redattori, compatti, si sono riuniti ai piedi del grattacielo L’Edera, di piazzale De Matthaeis a Frosinone, sperando in una soluzione positiva del grave problema. Dinanzi alla proposta di disperdersi nei vari uffici di corrispondenza per produrre un giornale rabberciato e incompleto, peraltro in presenza di problemi tecnici di variegata natura, la redazione di Ciociaria Oggi, con il personale poligrafico, ha opposto un fermo rifiuto.
Il  problema fa infatti seguito a gravissime insolvenze da parte della proprietà.
La precarietà economica cagionata da tali ingiustificate mancanze ha di fatto reso ancor più penosa l’ipotesi di trasferimenti momentanei. Il corpo redazionale intende salvaguardare la propria dignità, la propria deontologia professionale ed il prodotto che fino a ieri ha confezionato con straordinario spirito di sacrificio.
A tal fine intende ribadire la propria buona volontà qualora venissero ripristinate le condizioni indispensabili per recarsi sul posto di lavoro.
Ribadisce invece il più fermo rifiuto a forme di coercizione e  ricatti di varia natura tesi a sfruttare ulteriormente la buona volontà e la disponibilità dei lavoratori.
Il corpo redazionale inoltre sottolinea che non si riconosce in un prodotto che eventualmente dovesse andare in edicola con contenuti difformi da quelli che hanno sempre caratterizzato la testata.
In fede
Il corpo redazionale di Ciociaria Oggi