Nove mesi in kossovo a garantire la pace, il capitano Lugibello torna in Patria

25 settembre 2012 0 Di redazione

Nove mesi di impegno intenso, in terra straniera in un contingente multinazionale a rappresentare l’Italia. Il capitano Geremia Lugibello, in questi giorni è tornato in Patria, e dal comando comando di compagnia carabinieri di Lanciano prima della partenza per il kossovo, è approdato adesso alla Compagnia di  Intervento Operativo di Firenze. Nell’esperienza oltre Adriatico ha comandato la Compagnia Bravo formata da carabinieri italiani e militari austriaci, in tutto circa 50 uomini con competenza di vigilanza a Mitrovica, città per metà serba e metà albanese, proprio per evitare disordini tra le due etnie. Disordini che ci sono stati in particolare a Giugno ma anche grazie all’opera dei carabinieri italiani non sono mai andati oltre le scaramucce. Operazioni, queste, in cui l’Arma è particolarmente apprezzata anche perchè quel tipo di attività e molto simile a quella che i carabinieri svolgono in Patria. Ad oggi, in Kossovo, c’è ancora un Reggimento di Carabinieri, circa 200 uomini.
Er. Amedei