Tagli alla Regione Lazio, cara Polverini non ci convinci

18 settembre 2012 0 Di redazione

Encomiabile, verrebbe da dire, quasi storico aggiungiamo noi, quanto accaduto ieri al consiglio Regionale del Lazio. Ma resta comunque un vergognoso teatrino. Crocifiggiamo Fiorito, ma nella cricca chi può scagliare la prima pietra? possibile che nessuno sapeva? che cosa ha voluto dire l’indagato Fiorito quando ha detto “I soldi li ho dati a tutti”? Ben venga il passo indietro da parte della Casta, ma crediamo però dall’essere ben lontani da un rientro nel seminato. Non è possibile che a questa forma di blando ravvedimenti ci si arrivi dopo l’intervento della Guardia di Finanza. In un Paese ai cui cittadini si chiedono sacrifici enormi, atteggiamenti di rinuncia ai privilegi della “Casta” andavano assunti prima, molto prima. Eppoi va aggiunto un altro aspetto, In un corpo a maggioranza sano, è la parte buona che cerca di contrastare quella cattiva ancora prima di un intervento esterno, anche perchè nessuno crede che i vertici della Regione non conoscono cosa accade qualche gradino più in basso. 
E no cara Polverini, non siamo per nulla convinti dalle sue iniziative per poter dire che quanto accaduto ieri sia di buon auspicio per il futuro