Giorno: 23 ottobre 2012

23 ottobre 2012 0

Yacht bruciato a Gaeta, proseguono le indagini per far luce sulle cause del rogo

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Proseguono le indagini per fare piena luce su cosa ha causato l’incendio che questa notte ha distrutto il PC ONE II, una imbarcazione da diporto “Pershing” di 52 piedi (circa 17 metri) ormeggiato in località Porto Salvo a Gaeta. Sul posto hanno operato due unità dei vigili del fuoco da terra e una motobarca pompa VF 442, che ha collaborato allo spegnimento delle fiamme dell’ imbarcazione direttamente dal mare, insieme al CARRO SCHIUMA che ha trasportato lo schiumogeno, il quale è stato “sparato” sulle fiamme che avvolgevano lo yacht mediante l’ impiego dei naspi, dei cannoncini e dei lancia schiuma. In tutto al lavoro fino allle sette del mattino sono rimasti 30 uomini dei vigili del fuoco più quelli della Capitaneria di Porto che ha contribuito fattivamente a circoscrivere le fiamme del grosso natante. Ultimate le operazioni di spegnimento sono iniziate quelle tecnico investigative della squadra di “specialisti” della Sezione Investigativa Antincendi Provinciale “SIAP” giunta appositamente dalla Sede Centrale VV.F. di Latina, con il Vigile Coordinatore Giuseppe BASTEVOLE, il Vigile Esperto Stefano CRESCENZI ed il coordinamento dell’ Ing. Sebastiano DI MARIA. Una equipe di “specialisti” che ha svolto tutti gli accertamenti ed i rilievi del caso insieme al repertamento dei residui della combustione, finalizzati all’ accertamento delle cause che hanno provocato l’ incendio del grosso natante. Sul posto, fino al tardo pomeriggio di oggi, è c’era anche il Funzionario Tecnico dei vigili del fuoco di Latina Angelo PACICCO, che ha espletato operazioni e attività di Polizia Giudiziaria. La barca era ormeggiata alla banchina della Nautica Salemme, un molo sfortunato dato che appena un mese fa, dallo stesso posto di ormeggio, predoni del mare avevano rubato un gommone con due motori del valore di circa 60 mila euro di proprietà della stessa Salemme. Er. Amedei

23 ottobre 2012 0

Canoa: Successo degli atleti del Cus-Cassino alla “Adigemarathon”

Di redazionecassino1

Dopo le importanti affermazioni nei Campionati Nazionali di maratona a Pavia, gli atleti del Kayak Club Cus Cassino confermano di essere competitivi anche su palcoscenici più importanti. Domenica scorsa, infatti, nella gara internazionale “Adigemarathon”, i canoisti cassinati hanno conquistato importanti piazzamenti. L’evento è stato caratterizzato da numeri da record: oltre1200 partecipanti provenienti da sedici Paesi, diretta televisiva su rete nazionale, presenza di 32 atleti di livello internazionale. Lungo i 38 km del fiume Adige, Andrea Pontone è rimasto sempre nel gruppo di testa concludendo undicesimo nella categoria regina, il k1 senior. Tale piazzamento è sicuramente di alto profilo considerando che l’atleta del Kayak Club Cus Cassino e ancora un under 23. Sfortunato invece l’atleta master Sergio Amato, che per uno scontro fortuito ha riportato un danno alla canoa che ne ha pregiudicato il risultato, il suo tempo finale di 2h20m ha fatto sorgere molti rimpianti per una gara che poteva riservare molte soddisfazioni. Continua il suo percorso di crescita tecnica il giovanissimo Lorenzo Marcelli che si conferma una delle realtà più promettenti tra le nuove leve canoistiche. Sorprendenti invece i ragazzi del rafting, infatti nel percorso amatoriale di 20 km i giovani studenti Paolo Iovine, Giacomo Mariani, Daniele Linardi, Claudia Marcelli e Valerio Notarangelo arrivano primi tra oltre trenta imbarcazioni partecipanti. Guida e timoniere del gommone l’esperto canoista del Kayak Club Cus Cassino Francesco Marchetti. Questo risultato nasce dal progetto di collaborazione tra lo storico club canoistico della città martire e il neonato club “Natura e avventura rafting Cassino” sorto a Sant’ Angelo in Theodice, che organizza visite ambientali in gommone sul fiume Gari. Il mondo canoistico cassinate, dunque, continua ad essere una delle maggiori eccellenze sportive del basso Lazio perseguendo la propria filosofia distintiva: coniugare l’attività sportiva con la tutela e la valorizzazione del patrimonio naturalistico. Un successo, l’ennesimo, quello della compagine della canoa del Cus Cassino, che – in vista dei prossimi CAmpinati Nazionali Universitari di maggio 2013 – fa esulatre anche il presidente Carmine Calce. “Gli atleti – ha affermato il professor Calce – hanno dimostrato tutta la loro bravura e le loro competenze. Un risultato, dunque, che ci fa ben sperare e che, certamente, ci rassicura in vista della kermesse di maggio per la quale è ormai tutto pronto: stiamo infatti lavorando in piena sinergia – Cus, Ateneo, Comune e Istituzioni tutte – per far sì che possa riuscire al meglio: per il bene dei tanti atleti che saranno presenti ai giochi e, al contempo, per rilanciare settore dello sport e del turismo sul territorio».

 

23 ottobre 2012 0

Viaggio della Memoria, il sindaco di Cassino: “Esperienza molto toccante e formativa”

Di redazionecassino1

“È stata un’esperienza veramente unica nel suo genere e soprattutto formativa, oltre che per noi amministratori, per i ragazzi delle scuole superiori di Cassino che hanno fatto parte della delegazione della nostra città che ha partecipato al Viaggio della Memoria.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, a capo delle delegazione di amministratori e studenti che ha fatto ritorno dal viaggio in Polonia. “Sono stati tre giorni – ha continuato il sindaco – che ci hanno dato modo di confrontarci con una realtà diversa dalla nostra, ma che, in particolare con la città di Tychy sede di stabilimento Fiat, presenta diversi punti di contatto con la nostra Cassino. Tuttavia quello che di questo viaggio di certo resterà indelebile nella memoria di tutti noi sono le visite ai campi di concentramento di Auschwitz e di Birkenau; un percorso molto commovente che ancora oggi, a quasi settant’anni di distanza, fa riflettere e soprattutto è da stimolo per far si che in futuro non si ripetano più orrori simili. È stata, infatti, una visita dal grandissimo valore educativo soprattutto per i giovani che erano con noi e che hanno avuto modo di conoscere da vicino una delle pagini più tristi della storia mondiale.” Un pensiero condiviso anche dal Presidente del Consiglio Comunale di Cassino, Marino Fardelli: “Questo viaggio è stata l’occasione per condividere un’esperienza che credo rimarrà indimenticabile per tutti noi. Di questo voglio ringraziare, oltre al sindaco ed il presidente della Banca Popolare del Cassinate Donato Formisano, i consiglieri comunali che hanno fatto parte della delegazione per aver dimostrato ancora una volta grande attenzione e sensibilità. Aver portato i ragazzi delle scuole di Cassino con noi, inoltre, è stato un grandissimo onore perché sono convinto che tra i compiti di noi amministratori rientri anche quello di essere innanzitutto da esempio per le nuove generazioni e di certo il Viaggio della Memoria, che ripeteremo anche in futuro, è stato un modo per rendere partecipi gli studenti della nostra città di un percorso che sono convinto contribuirà moltissimo alla loro formazione personale.” Sui giovani che hanno preso parte al viaggio si sono concentrate anche le parole dell’assessore alla cultura del Comune di Cassino, Danilo Grossi: “Ripercorrere la storia è sempre importante perché consente, soprattutto alle nuove generazioni, di non ripetere gli errori del passato. Con il viaggio di quest’anno abbiamo inaugurato un altro percorso importante e formativo che coinvolge gli studenti di Cassino in un progetto che ripeteremo di certo nei prossimi anni.” Il viaggio in Polonia, come confermato dal consigliere Gino Ranadli, è stata anche l’occasione per stringere ancora di più i rapporti con la città gemella Tychy. “Abbiamo avuto modo – ha dichiarato Ranaldi – di riprendere i rapporti con la città di Tychy e di stabilire un vero e proprio patto di amicizia con la città polacca che, tra le altre cose, è sede di uno degli stabilimenti più importanti del gruppo Fiat. Tutto questo proprio nell’anno in cui il gemellaggio tra Tychy e Cassino compie 35 anni, quindi fa piacere aver contribuito a rinsaldare i rapporti tra le due città. Tutto questo senza trascurare la visita ai campi di concentramento che di certo rappresenta un’esperienza unica che rimane impressa nella memoria e che ti tocca nel profondo.” Un pensiero condiviso anche dal consigliere Igor Fonte: “ho ritenuto il viaggio della memoria un’esperienza istruttiva e di crescita culturale. Abbiamo ricevuto un trattamento splendido da parte degli amministratori polacchi, soprattutto abbiamo avuto modo di vivere un’esperienza toccante ed indescrivibile, visitando Auschwitz, dal momento che le parole non renderebbero ciò che hanno percepito i sensi. Infine il mio auspicio è che tutte le nuove generazioni si rechino in visita in questi luoghi perché solo vivendoli ci si può rendere conto di quello che lì è accaduto.” Un viaggio molto commovente così come sottolineato anche dal consigliere Franco Evangelista: “non posso che essere felice di aver partecipato a questo viaggio perché ho avuto modo, insieme ai miei colleghi consiglieri, di vivere una delle esperienze più toccanti in assoluto. Credo che soprattutto per i giovani questa sia stata l’occasione per avere un confronto diretto con quella storia e con quei luoghi che loro finora conoscevano soltanto per averli studiati sui libri di scuola.”

23 ottobre 2012 1

Crolla la “Grande Muraglia” di Cassino. Tutti assolti i Terenzio e gli imprenditori indagati per camorra

Di redazione

Il fatto non sussiste. Con questa formula il tribunale Collegiale di Roma ha assolto ieri dieci degli indagati nell’operazione anticamorra Grande Muraglia messa a segno nel 2008 dalla direzione distrettuale antimafia di Roma. Un terremoto in particolare negli ambienti imprenditoriali di Cassino di cui, molti degli indagati, facevano parte, ma anche negli ambienti politici. Oggetto di misure cautelari infatti furono anche Vincenzo e Luigi Terenzio, padre e figlio, e padre e fratello di Annarita Terenzio, allora assessore al comune di Cassino in quota alla lista civica Forza Cassino “capitanata” da Mario Abbruzzese; il terremoto giudiziario la costrinse a dimettersi. Secondo il lavoro investigativo che si basava sulle deposizioni di un pentito giudicato inaffidabile, i Terenzio gestivano per conto della Camorra, la rete della merce dai marchi contraffatti prodotti in Cina e approdati nel centro Italia. Con l’accusa di riciclaggio, invece, finirono coinvolti nella stessa indagine anche Antonio Valente, Nunzio Sacco e Gennaro Fiorentino, tutti assolti con formula piena.

23 ottobre 2012 0

Quartiere Fraschetti, a breve il via ai lavori di riqualificazione, presentato il progetto Ater

Di redazionecassino1

Un progetto di riqualificazione per uno dei quartieri storici di Cassino, il Fraschetti, vedrà a breve l’inizio dei lavori di riqualificazione. L’Ater di Frosinone ha consegnato al sindaco Petrarcone il progetto  dei lavori che prevedono una serie di interventi di riqualificazione del quartiere Fraschetti di Cassino.  A dichiararlo a margine dell’incontro di questa mattina, a cui erano presenti l’assessore Antimo Pietroluongo, il direttore generale dell’Ater Giuseppe Tedesco ed il consigliere Tommaso Marrocco, è stato lo stesso  sindaco Petrarcone.  “Come Comune – ha ribadito il sindaco – e grazie all’impegno ed alla disponibilità dell’Ater di Frosinone vogliamo continuare gli interventi di riqualificazione che in quella zona abbiamo iniziato nei mesi estivi con il rifacimento del manto stradale nel tratto di via Lombardia che va da via XX Settembre a Piazza San Giovanni. Già da tempo, d’intesa con l’Ater,  abbiamo previsto dei lavori che vadano a riqualificare l’intera zona, andando di fatto a restituire alla città uno dei suoi quartieri storici, Fraschetti appunto, realizzato nell’immediato dopoguerra”.  “I lavori riguarderanno principalmente il rifacimento dei marciapiedi, il recupero e la realizzazione di nuovi cigli stradali – ha proseguito  Petrarcone – al fine di migliorare la fruibilità pedonale. Un intervento che verrà realizzato, ovviamente, tenendo in considerazione la normativa sulle barriere architettoniche in modo da facilitare sia gli accessi che il percorso ai diversamente abili. Il tutto senza tralasciare le aiuole con alberi presenti sui marciapiedi che, oltre ad essere sistemate, verranno protette mediante l’apposizione di griglie quadrate che avranno anche il compito di facilitare il percorso pedonale”. Nel progetto di recupero  sono previsti, inoltre, altri due interventi nell’area in questione: il primo riguarderà una zona centrale del quartiere attraverso la sistemazione delle aree verdi ed il ripristino del percorso pedonale all’interno dei due fabbricati; il secondo, invece, riguarderà gli stessi fabbricati e nello specifico la rimozione dell’intonaco con successivo rifacimento dello stesso, la tinteggiatura ed il ripristino della revisione e la verniciatura con smalto delle ringhiere e dei cancelli d’accesso. Infine, di concerto con il comando di Polizia Locale, verrà recintata l’intera area in previsione dell’imminente inizio dei lavori.

23 ottobre 2012 0

Il Coro polifonico Molise inCanto si è “presentato” in Regione

Di redazione

Si è tenuta oggi, nella Sala Convegni della Giunta regionale, la Conferenza Stampa di presentazione del “Grande Coro Polifonico Molise inCANTO”. La prima tappa del progetto culturale vedrà l’animazione, da parte del “Grande Coro del Molise inCANTO”, della Messa Solenne delle ore 11.00, di domenica 28 ottobre, che si terrà nella nuova Chiesa di San Pio di Pietralcina a San Giovanni Rotondo. La cerimonia religiosa sarà trasmessa in diretta televisiva sui canali di “Padre PIO TV”, Telenorba e TRSP. Sarà questa la prima uscita ufficiale del “Grande Coro”. L’iniziativa è stata sostenuta e patrocinata dalla Presidenza della Regione Molise, dall’Arcidiocesi di Campobassso-Bojano, dalle Province di Campobasso ed Isernia e dai Comuni di provenienza dei vari cori. Sono intervenuti alla Conferenza Stampa di oggi, il Presidente della Regione, Michele Iorio, il Presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis, il Presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, insieme al Direttore dell’Ufficio di Musica Sacra della Diocesi di Campobasso-Bojano, Don Giuseppe Graziano, oltre ovviamente, al Presidente dell’Associazione “Molise InCANTO”, Tiziana Martinelli, e il direttore artistico del “Grande Coro”, Sabina Mascia. “Questo è il Molise che ci piace vedere e sostenere –ha detto il Presidente Iorio- una terra di antichi valori capace di creare cultura, solidarietà e occasioni di socializzazione e condivisione. Quest’evento rappresenta un esempio valido di un Molise positivo che vuole crescere anche attraverso le sue risorse artistiche e vuol farsi conoscere ad un pubblico sempre più ampio.” Iorio ha anche sottolineato la corale collaborazione di diverse Istituzioni che “hanno saputo – ha detto-concertare la loro azione per sostenere questa iniziativa e le sue finalità culturali, sociali e religiose.”

23 ottobre 2012 0

La raccolta dei rifiuti “inciampa” ad Aquino, il sindaco Grincia: “Problemi risolti”

Di redazione

“Nonostante gli allarmismi di certuni che non vedono di buon occhio la soluzione di disfunzioni che si presentano all’improvviso, il Comune di Aquino ha affrontato immediatamente il problema che si è presentato nella giornata di lunedì relativamente alla raccolta dei rifiuti solidi urbani”. Lo scrive in una nota stampa il sindaco di Aquino Antonino Grincia. “Premetto che il servizio, dopo relativa gara, un anno fa è stato affidato ad una ditta di Roma, concedendo in comodato il camion compattatore comunale; quindi al di là di alcuni elementi secondari, l’intera gestione è di competenza della stessa ditta che deve affrontare anche le varie incombenze del caso, e il comune effettua con regolarità i pagamenti. In effetti lunedì scorso, il fornitore non ha concesso il rifornimento del mezzo, accampando un ritardo nel pagamento del dovuto da parte della ditta che gestisce il servizio; nella stessa giornata poi, ci siamo resi conto che ancora non era stata rinnovata l’assicurazione (anche se i 15 giorni di “tolleranza” ancora non sono scaduti), nè ancora effettuata la revisione dell’automezzo. Il sindaco e l’ufficio tecnico preposto, si sono immediatamente attivati per affrontare questa piccola emergenza, e pur reclamando l’intervento del gestore, per risolvere in tempi rapidi questo disservizio, si sono assunti il compito di provvedere momentaneamente loro, stante che il sindaco è anche responsabile della pubblica igiene, e che non si potevano aspettare i tempi della ditta in questione, che avrebbero potuto essere tempi troppo lunghi per un servizio di raccolta dei rifiuti. Per questo si è provveduto a che si impegnasse direttamente il comune, anticipando i pagamenti di alcune materie indispensabili(vedasi carburante) e impegnandosi anche per l’assicurazione e la revisione. Nel frattempo il comune ha preso in affitto un automezzo per alcuni giorni, stante l’impossibilità di interrompere il servizio di raccolta. Così stanno le cose, e nella giornata di mercoledì, tutto tornerà nella normalità(in realtà il servizio si è interrotto solo per alcune ore nella giornata di lunedì), pur essendo consapevoli avendolo sperimentato già tante volte, che in questo tipo di servizio, problemi possono sempre crearsi; tutto sta nell’affrontarli con tempestività, cosa che il mio Comune ha fatto sempre, come anche in questa occasione. Il problema vero però, non è esattamente questo, ma è il polverone che dopo mezz’ora viene subito sollevato da chi sta perennemente “di guardia” davanti al palazzo comunale, nella speranza di imbattersi in qualche intoppo nei servizi. Polverone che, come è facile capire, non aiuta di certo le soluzioni, ma anzi le ostacola e le ritarda”.

23 ottobre 2012 0

Antenne, delegazione editori Radio/Tv ricevuta in conferenza dei capigruppo

Di redazione

Nuovi rilievi da parte dell’Arta per verificare se i limiti alle emissioni di onde elettromagnetiche siano ancora tali (dopo il passaggio al digitale terrestre) da giustificare la delocalizzazione degli impianti da San Silvestro. E’ la richiesta avanzata dalla delegazione degli editori radiotelevisivi abruzzesi (di cui facevano parte i rappresentanti di Rete8-Telemare, TeleMax, Antenna 10, Tv6, Tvq, Atv7, Trsp e Vera Tv) che questa mattina è stata ricevuta in audizione nel corso della Conferenza dei Capigruppo che si è riunita all’Emiciclo. Il Presidente Pagano, dopo aver valutato positivamente l’istanza, ha annunciato che in una delle prossime riunioni della Conferenza, saranno invitati il Sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia, all’Assessore regionale all’Ambiente Mauro Di Dalmazio e alla Dirigente dell’Assessorato all’Ambiente Iris Flacco. Al centro di oggi, la situazione legata alle ordinanze di spegnimento degli impianti di trasmissione dalla postazione di San Silvestro, che in questi giorni il Comune di Pescara sta inviando a tutte le emittenti. Gli editori contestano l’alternativa di delocalizzazione proposta dall’amministrazione comunale, che ipotizza un trasferimento delle antenne su una piattaforma in mare. Una soluzione che gli operatori del settore considerano eccessivamente onerosa sotto il profilo economico e che presenta numerose difficoltà tecniche.

23 ottobre 2012 0

Tragedia sull’A1 di ritorno da “C’è Posta per te”, 73enne perde il pullman e viene investito mentre lo raggiunge a piedi

Di redazione

Erano di ritono da Roma dove avevano assistito alla registrazione del programma C’è Posta per te, quando hanno deciso di fermarsi per una sosta nell’area di servizio di Anagni. Ieri sera poco dopo le 22, il pullman che trasportava una comitiva di Alvignano (ce) è ripartita diretta a sud è ripartito senza accorgersi che S. G. di 73 anni, ancora non era risalito. Questi, però, per cause ancora tutte da stabilire, lasciata a piedi l’area di sosta, ha attraversato le corsie dell’A1 ritrovandosi su quelle in direzione nord. E’ stato lì che un Lancia Lybra guidata da un 51enne di Velletri, lo ha investito ed ucciso. Il suo corpo, poi, è stato investito anche da altre autovetture. Gli uomini della polizia stradale di Frosinone comandati dal vice questore aggiunto Bruno Agnifili, stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto. Er. Am.