Basket: Esordio casalingo amaro per la Nova Virtus Frusino, cede 61-73 al Marino

21 ottobre 2012 0 Di redazionecassino1

Stecca l’esordio casalingo in DNC la Nova Virtus Frusino, che viene superata di fronte al proprio pubblico dall’Am Group Marino. 61-73 il punteggio finale di un match nel quale, comunque i giocatori di coach Bordoni hanno fatto una gran bella figura, cedendo soltanto nel finale alla maggiore forza di un Marino che tutti disegnano come la squadra da battere del girone F. A contare nell’ultimo quarto del match giocato sabato pomeriggio, è stata sicuramente la maggiore lunghezza del roster a disposizione di coach Paccariè.

Inizio di match di marca ospite, con un 5-0 di parziale. La Virtus riesce però pian piano a carburare, trascinata da un ottimo Varriale. Proprio una tripla del nuovo volto in casa Credito Artigiano, dopo 6’, vale il primo sorpasso sul 9-7. La Virtus spinge sull’acceleratore arrivando anche a condurre sul 12-7, ma gli ospiti riescono a contenere chiudendo al primo riposo in svantaggio sul 18-15.

Anche ad inizio secondo quarto a tenere in mano le redini del match è la Virtus che, con capitan Rocchi e con Marco Fiorini, dopo 2’ di gioco, arriva a condurre sul 23-17. La formazione di Bordoni riesce a contenere bene le bocche da fuoco importanti a disposizione di coach Paccariè, lasciando però più spazio agli under del Marino, che ne hanno approfittato dimostrando la profondità della squadra castellana. Già in questa fase, infatti, Alessandro Guadagnini ed Emanuele Di Giacomo riescono ad incidere sul match. Un canestro di Guadagnini vale il 26-26 al 15’, con due conclusioni vincenti di Di Giacomo, poi, che permettono al Marino di volare avanti. La partita è comunque viva, con un canestro dai 6,75 di Renato Rocchi nel finale di primo tempo  che vale il 35-36 con il quale le due squadre vanno al riposo lungo.

All’inizio del terzo quarto la Virtus ha la forza di tornare di nuovo in vantaggio grazie ad una tripla di Giorgio Fiorini. Segue una fase equilibrata del match, con il Marino che tenta più volte di scappare, e con la Virtus, invece, che riesce sempre a ricucire dimostrando grande cuore. Al 26’ il tabellone del Palasport del Casaleno indica il 45-46. Un parziale di 5-0 nel finale da parte degli ospiti regala ai castellani il 47-53 del 30’. E’ palese che la Virtus cominci ad essere in debito d’ossigeno, con Bordoni che ha disposizione rotazioni da sei uomini, a differenza invece di Paccariè che riesce a gestire tutta la sua squadra. La Virtus lotta con le unghie e con i denti, riuscendo soprattutto dai 6,75 a mettere in difficoltà l’Am Group. Proprio una tripla firmata da Porta al 34’ vale il 56-58. E’ in questa fase, però, che la Virtus cala d’intensità, non riuscendo a mordere in difesa come accaduto nei primi tre quarti. Marino ne approfitta, riuscendo a piazzare un parziale di 10-0 che al 36’ vale il 56-68. Il match è ormai indirizzato, con gli ospiti che gestiscono senza grossi problemi fino al 61-73 finale.

La Virtus esce dunque sconfitta e rimanda ancora una volta l’appuntamento con la prima vittoria in campionato. Contro una big come Marino, però, le indicazioni sono state ottime, e Rocchi e compagni possono guardare con grandissima fiducia al proseguio del campionato. A cominciare dall’impegno del prossimo weekend in trasferta contro la Tiber Roma.