Sottoscritto accordo per garantire un sostegno ai… ragazzi “difficili”

12 ottobre 2012 0 Di redazione

La Asl Lanciano Vasto Chieti assicurerà l’assistenza psicologica ai ragazzi soggetti ai provvedimenti della giustizia minorile: è questa la finalità dell’accordo stipulato tra l’Azienda sanitaria e l’Ufficio dei servizi sociali per i minorenni d’Abruzzo (Ussm) per garantire la presa in carico psicologica dei minori residenti in provincia di Chieti che commettono reati di tipo penale e che, pertanto, devono essere sottoposti ai provvedimenti del Tribunale per i minorenni.

L’intesa prevede che l’Ussm segnali all’unità operativa di Medicina penitenziaria della Asl il nome di un ragazzo da prendere in carico, che viene quindi affidato a uno psicologo per una prima valutazione psicodiagnostica, in base alla quale sarà poi il giudice a decidere se procedere con la detenzione in carcere minorile, con l’invio in comunità o con l’affidamento ai servizi sociali. In quest’ultimo caso, la Asl, sempre tramite l’unità operativa di Medicina penitenziaria, garantirà al minore il necessario sostegno psicologico e psicoterapeutico, lavorando in stretta collaborazione con l’Ussm per il reinserimento sociale del ragazzo. Nella valutazione psicologica e nel percorso terapeutico gli operatori dell’Unità operativa di medicina penitenziaria coinvolgeranno anche il Servizio per le tossicodipendenza (Ser.T), il servizio di Neuropsichiatria infantile e il Dipartimento di salute mentale della Asl, qualora il minore sia stato già preso in carico da una di queste strutture aziendali.

L’accordo operativo è stato sottoscritto presso la sede della Direzione generale all’ospedale “Santissima Annunziata” di Chieti, alla presenza del Direttore e del vicedirettore regionale dell’Ufficio di servizio sociale per i minorenni, Albertantonia Aracu e Cinzia Carlone, del Direttore regionale della giustizia minorile, Concetto Zanghi, del dirigente dell’unità operativa di Medicina penitenziaria della Asl Lanciano Vasto Chieti, Francescopaolo Saraceni, e di Francesco Zavattaro e Silvia Cavalli, rispettivamente Direttore generale e Amministrativo dell’Azienda Sanitaria.