Giorno: 5 novembre 2012

5 novembre 2012 0

Spacciatori di eroina nella rete dei controlli dei carabinieri di Ortona

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tre giovani sono stati denunciati dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Ortona comandata dal capitano Gianfilippo Manconi, con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I malviventi, la scorsa notte, sono stati fermati dagli uomini dell’Arma mentre si aggiravano nel centro cittadino di Ortona a bordo di una Fiat Punto. Ad insospettire i militari è stato l’atteggiamento nervoso assunto dai tre ragazzi alla richiesta di esibire i documenti. I carabinieri hanno quindi deciso di procedere ad una perquisizione personale, che poi è stata estesa anche al veicolo, recuperando 6 dosi di eroina pronte per essere vendute. I tre giovani, due ragazzi di 27 e 28 anni con precedenti penali ed una ragazza di 30 anni incensurata, dovranno ora rispondere del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività svolta dai carabinieri di Ortona rientra in un più ampio servizio specifico di controllo finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti.

5 novembre 2012 0

Sanità in provincia di Frosinone, venti sindaci intorno ad un tavolo per affrontare le problematiche

Di redazione

Si è riunita questo pomeriggio (lunedì 5 novembre 2012) la conferenza dei sindaci della sanità della provincia di Frosinone. L’assemblea si è svolta alla presenza di venti primi cittadini e del direttore sanitario, facente funzioni di direttore generale, Mauro Vicano. Nel dibattito che si è sviluppato si sono affrontate le problematiche della chiusura dell’ospedale di Anagni e delle criticità che riguardano il sistema sanitario provinciale. “Voglio ringraziare – ha detto il sindaco di Frosinone e presidente della conferenza Nicola Ottaviani – tutti i sindaci che sono intervenuti. Si è trattato di un primo incontro con il quale si sono volute fare emergere in prima battuta le esigenze e le deficienze del sistema sanitario in provincia di Frosinone. La conferenza come organismo non ha potere gestionale, però, se riesce a svolgere appieno le funzioni che le sono assegnate dalla normativa vigente, può svolgere un ruolo concreto nelle scelte di politica sanitaria. La ferma volontà che abbiamo è quella di valorizzare la Conferenza dei sindaci e di farle svolgere quel ruolo che non ha mai recitato, perché è la sede più opportuna in cui i sindaci e i comuni possano far sentire la propria voce in materia sanitaria, costituendo l’ideale interfaccia politico con la Regione che ha le responsabilità delle scelte nella sanità. Proprio allo scopo di evitare uno sterile abbaiare alla luna, abbiamo proposto al direttore generale facente funzioni Mauro Vicano, di poter valutare la bozza del nuovo atto aziendale, prima ancora che sia reso definitivo ed inviato all’autorità regionale. L’atto aziendale, infatti, è il documento amministrativo che corrisponde, in buona sostanza, all’atto di programmazione e di bilancio che viene adottato nelle amministrazioni locali per la realizzazione degli obiettivi di governo. Siamo fiduciosi del fatto che Bondi, il commissario della sanità regionale indicato da Monti, ascolti con attenzione le richieste che provengono anche dagli ospedali di periferia , evitando di far recitare alle strutture della capitale il solito ruolo di macchina fagocitante ed irrazionale nella ripartizione delle risorse finanziarie”.

5 novembre 2012 0

Fondo Valle del Sangro, Di Giuseppantonio coinvolge il segretario della Cisl a sollecitare il Governo per completare l’arteria

Di redazione

Il Presidente Enrico Di Giuseppantonio ha incontrato il segretario nazionale della Cisl Raffaele Bonanni chiedendogli di intervenire personalmente per sollecitare lo stanziamento, da parte del Governo, dei fondi necessari per completare la Strada Statale 652 nota anche come Fondo Valle Sangro. Per ultimare gli ultimi 4 chilometri della strada occorrono 160 milioni di euro e l’Anas, nel corso di una riunione svoltasi a Roma lo scorso 3 ottobre, alla quale hanno preso parte il Presidente Di Giuseppantonio e il Presidente della Provincia di Isernia e Luigi Mazzuto, ha dato la propria disponibilità a redigere il progetto cantierabile dell’opera. “Ringrazio Bonanni per avermi dato immediatamente la propria disponibilità a sostenere il completamento dell’arteria – dice il Presidente Di Giuseppantonio. Ho deciso di rivolgermi a lui non solo perché per via delle sue origini conosce bene le esigenze del nostro territorio, ma soprattutto perché ha la piena consapevolezza che, senza una viabilità adeguata, il sistema delle imprese rischia di non reggere i maggiori costi derivanti dai trasporti e di vedersi costretto persino a delocalizzare le attività. Le stesse Aziende, Fiat in testa – sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio – hanno chiesto sia a me sia al Governatore Gianni Chiodi di fare pressing sul Governo affinchè finanzi l’opera, ed hanno prospettato concrete possibilità di crescita e dunque di nuovi insediamenti produttivi che però non possono prescindere da una viabilità adeguata. La Fondo Valle Sangro è un’opera strategica per il sistema industriale della Val di Sangro, ovvero per quell’area che rappresenta a tutt’oggi il motore dell’economia, dell’occupazione e dell’esportazione non solo della provincia di Chieti ma dell’intero Abruzzo. Una viabilità disagiata incide sia sulle imprese in termini di maggiore dispendio di risorse economiche e di tempo, sia sulla sicurezza delle decine di migliaia di automobilisti e di coloro che risiedono nelle zone interne. Ci sono, insomma – conclude il Presidente Di Giuseppantonio – tante ottime ragioni per completare la Fondo Valle Sangro e credo che dal sostegno di Bonanni possa arrivare una spinta determinante nella direzione che tutti auspichiamo”.

5 novembre 2012 0

Tabaccheria svaligiata a Lanciano, bottino da 20mila euro

Di redazione

Furto nella notte ad una tabaccheria in località Marcianese a Lanciano gestita da una anziana coppia. Ignoti hanno forzato la serranda in ferro per poi sfondare la vetrata. Una volta all’interno hanno fatto man bassa di sigarette, tagliandi gratta e vinci ma anche del contenuto della cassa, circa 6mila euro in contanti. Tutto il bottino portato via dai malviventi è stato quantificato in circa 20mila euro. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri della compagnia di Lanciano comandata dal capitano Massimo Capobianco e dal tenente Massimo Canale. Pochi gli elementi a loro disposizione. Si sa che i ladri hanno agito tra le tre e le quattro, ma la zona non sarebbe coperta da telecamere a circuito chiuso.

5 novembre 2012 0

Imprese verdi, Legambiente: un quarto punta su ambiente, ora nuovo patto verde per il futuro del Lazio

Di admin

Dall’Ufficio stampa Legambiente Lazio riceviamo e pubblichiamo: “Nel Lazio oltre un quarto delle imprese punta sull’ambiente, è un dato di enorme importanza sul quale fare leva per migliorare la qualità della vita dei cittadini e aggredire la crisi economica e ambientale che attraversiamo così Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, commenta i dati del Rapporto GreenItaly 2012 che Fondazione Symbola e Unioncamere hanno presentato oggi a Roma. Per numeri è assolutamente rilevante che oltre 23mila imprese dell’area metropolitana romana investano sulla sostenibilità, facendo piazzare Roma come seconda provincia in Italia per numero assoluto di imprese che investono green. Molto spesso queste scelte sono state compiute dalle imprese nella quasi assoluta solitudine, hanno migliorato i cicli di produzione e speso soldi nella direzione dell’ambiente in assenza di un quadro istituzionale di scelte timide. Nel Lazio, serve un’idea di futuro che punti su un nuovo patto verde, un green new deal, che faccia crescere le nostre comunità in questa direzione, non si tratta di produrre nuovi beni e nemmeno di decrescere, serve una nuova economia che diffonda benessere, qualità, soddisfazione, con una grande attenzione al nostro “petrolio” italiano che è fatto di territorio, paesaggio, beni culturali, artigianato, produzioni.”

Nel Lazio, secondo il Rapporto GreenItaly 2012 che Fondazione Symbola e Unioncamere hanno presentato oggi a Roma, 33.028 imprese hanno investito nell’ultimo triennio, o investiranno entro l’anno, in tecnologie e prodotti verdi, il 24,5% del totale delle imprese, facendo piazzare la regione al terzo posto in Italia. La provincia di Roma si colloca al primo posto con 23.756 imprese green, il 24,2% del totale delle imprese della provincia, seguono Latina con 3.917 imprese (27,7%), rosinone 2.949 imprese (24,5%), Viterbo 1.709 imprese (23,9%), Rieti 697 imprese (22,4%).

5 novembre 2012 0

Tentano di rubare una motosega camuffandola da neonato. Arrestati due albanesi

Di redazione

Due uomini ed un passeggino, così era costituita la banda di ladri che la notte scorsa ha operato all’interno del centro commerciale per la vendita di articoli da giardinaggio. I giovani, un ventenne ed un trentenne di origine albanese, entrano con disinvoltura presso l’esercizio commerciale ed all’interno si dividono. Quello più esile si aggira tra i corridoi dove è esposta la merce, spingendo un passeggino vuoto. Vengono notati dal personale di vigilanza che ne osserva i movimenti e nota che lo “snello” preleva frettolosamente una motopompa e la blocca nel passeggino mentre l’altro complice, quello più robusto, provvede con una coperta a coprire l’attrezzo. Di nuovo si dividono e cercano di guadagnare l’uscita. A questo punto il personale di vigilanza blocca uno dei due che però reagisce violentemente utilizzando il passeggino per allontanarlo fino ad arrivare alle mani. Si avvicina nel frattempo anche l’altro complice che inveisce nei confronti della vigilanza e cercano entrambi di fuggire. Sul posto sopraggiunge una pattuglia delle Volanti che ferma i due giovani ladri e li trae in arresto.

5 novembre 2012 0

Ancora scosse di terremoto tra Cosenza e Potenza

Di redazione

Un evento sismico è stato avvertito dalla popolazione tra i comuni di Laino Borgo, Laino Castello e Rotonda, tra le province di Cosenza e Potenza. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 13.06 con magnitudo 3.3.

5 novembre 2012 0

Crisi della Italcraft, i 47 lavoratori in corteo per scongiurare la mobilità

Di redazione

Un tempo costituiva il fiore all’occhiello dellla cantieristica navale italiana, oggi è a rischio chiusura. E’ la Italcraft di Gaeta che ha alle dipensenze 47 lavoratori, gli stessi che hanno sfilato questa mattina, partendo dalla sede dei cantieri navali fino al comune della città portuale. Il loro posto di lavoro è a rischio e il 15 dicembre finisce anche la cassa integrazione straordinaria e dopo: la mobilità. Finiti i tempi d’oro durante i quali l’azienda produceva le migliori imbarcazioni di lusso, oggi, e da tre anni, gli operai della Italcraft lavorano 15 per volta al mese. Gli altri restano fermi in cassa integrazione che, tra l’altro, sta finendo. A metà giugno una nuova società ha rilevato le quote dell’azienda, e si sperava, così, che l’ingresso di nuovi capitali potessero dare la spinta necessaria per la ripartenza. “Ad oggi – dichiarano i sindacalisti della Cgil, Cisl e Uil dalla testa della corteo – Ancora non sappiamo nulla del piano industriale e se in esso vi sono commesse che possano salvare l’azienda e i posti di lavoro”. Il sindaco di Gaeta, Cosmo Mitrano, li ha incontrati a metà strada e ha promesso un suo interessamento diretto presso la Prefettura per organizzare un tavolo per discutere della situazione e trovare soluzioni. “Stiamo facendo di tutto – continuano i sindacalisti – perché questa gente non faccia sciocchezze”. Venerdì, infatti, alcuni di loro sono saliti sul tetto della struttura e sono scesi solamente dopo lunghe trattative. Er. Amedei Per le foto clicca qui

5 novembre 2012 0

Escavatore in fiamme ad Esperia, ipotesi dolo

Di redazione

Fiamme quasi certamente dolose, nella notte, ad Ausonia. Erano le 22 circa quando un escavatore parcheggiato in un cantiere in via Selvotta è stato avvolto dalle fiamme. L’intervento dei vigili del fuoco di Cassino ha permesso di domare il rogo che, però, ha seriamente danneggiato il mezzo meccanico. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri di Pontecorvo ma è forte il sospetto che le fiamme siano di natura dolosa. E.A. Foto repertorio