Giorno: 17 novembre 2012

17 novembre 2012 0

In piazza per il futuro. Gli studenti di Frosinone manifestano contro i tagli alle scuole

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Festosi, chiassosi, ma senza creare problemi. Questa mattina gli studenti di Frosinone sono scesi in piazza nella giornata di mobilitazione internazionale studentesca a difesa del diritto allo studio. Una azione di continui tagli da parte dei Governi che ha indebolito l’intera struttura della formazione cultura. Gli studenti temono gli effetti della privatizzazione e, soprattutto, temono per il loro futuro. Lo dicono a chiare note; hanno paura che il presente fatto di precariato e di incertezza possa essere addirittura migliore di quello che potrà essere il loro futuro. Un migliaio, quindi, hanno invaso le strade del capoluogo con slogan cantati e scritti sui cartelloni. Ma soprattutto, tutti sanno perché si sciopera; a differenza degli anni addietro, oggi lo studente scende in piazza con la consapevolezza del rischio che la sua preparazione culturale sta correndo. clicca qui per guardare le altre foto guarda il video

17 novembre 2012 0

Terremoti, scossa di magnitudo 2.9 in provincia di Messina

Di admin

Un evento sismico è stato avvertito dalla popolazione in provincia di Messina, le località prossime all’epicentro sono i comuni di Furnari, Falcone e Terme Vigliatore. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 18.29 con magnitudo 2.9. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone e/o cose.

17 novembre 2012 0

Allerta per rischio meteo sulle regioni centro-meridionali

Di admin

Una perturbazione atlantica, in rapido avvicinamento dalla Spagna verso la nostra penisola, porterà condizioni di marcata instabilità su gran parte delle regioni centro-meridionali. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso, un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede dalla prima mattina di domani, domenica 18 novembre, precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio o temporale, su Sardegna, Sicilia e Calabria, in estensione su Toscana, Lazio, Basilicata e Puglia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

17 novembre 2012 0

Pino Aprile a Colle San Magno per presentare il suo ultimo libro, “Mai più terroni”

Di admin

Prestigioso evento culturale a Colle San Magno. Sabato prossimo, 24 novembre, a partire dalle ore 17,30, presso la Sala polivalente del piccolo comune montano, sarà presente il famoso giornalista e scrittore Pino Aprile, per un incontro dibattito che prende spunto dalla sua ultima fatica letteraria “Mai più terroni”. Il giornalista, conosciutissimo per le sue ricerche e i suoi interventi sul tema della questione meridionale, proprio a Colle San Magno presenterà in anteprima nazionale il libro, “Mai più terroni”. Dunque, un appuntamento importantissimo che richiamerà a Colle San Magno tantissimi appassionati. Pino Aprile, in quello che non sarà un vero e proprio convegno come siamo abituati a pensarlo, ma si trasformerà in un incontro-dibattito, in cui dalle questioni storico politiche di circa 150 anni fa il giornalista spazierà nell’attualità, sarà affiancato nel seminario dall’altrettanto noto storico del meridionalismo e del brigantaggio post unitario, Fernando Riccardi. Porterà i saluti dalla locale amministrazione, il sindaco di Colle San Magno, Antonio Di Nota.

17 novembre 2012 0

L’Amministrazione “restituisce” a Sermoneta il lavatoio e il Giardino degli Aranci appena ristrutturati, nell’ambito della Festa degli Alberi

Di admin

Sempre più forte l’impegno dell’Amministrazione comunale verso l’ambiente, dimostrato anche attraverso iniziative che coinvolgono adulti e bambini. Anche quest’anno, l’Istituto Comprensivo Donna Lelia Caetani di Sermoneta, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Sermoneta, il Centro Anziani del Centro Storico e l’Associazione Festeggiamenti ha organizzato la Festa degli Alberi, nell’ambito della Giornata Nazionale degli alberi istituita dal Ministero dell’Ambiente. L’appuntamento è fissato per mercoledì prossimo, 21 novembre a partire dalle ore 9.30. Quest’anno la Festa riveste un carattere ancora più particolare: saranno riaperti al pubblico infatti il Lavatoio e il Giardino degli Aranci, quest’ultimo considerato il “polmone verde” del centro storico ed oggetto di una lunga e complessa opera di recupero.

Il programma della giornata prevede alle ore 9.30 la riapertura del Lavatoio e alle 10.30 la riconsegna alla cittadinanza del Giardino degli Aranci. Alle 11 i bambini della Scuola Primaria del Centro Storico di Sermoneta faranno una piccola recita, mentre alle 11.30 avverrà la semina del grano. Infine, alle ore 12.00 ci sarà una merenda offerta dal Centro Anziani del Centro Storico. Questo particolare evento permette l’incontro ed il confronto tra anziani e bambini, uno scambio generazionale utile per creare e diffondere una sana coscienza ecologica nelle generazioni a venire, che dovranno affrontare problemi ambientali sempre nuovi e su scala sempre più grande. “La politica di attenzione all’ambiente promossa dall’Amministrazione comunale si concretizza anche con questi semplici gesti, necessari per far comprendere ai nostri bambini l’importanza del rispetto della natura”, spiegano il Sindaco Giuseppina Giovannoli ed il delegato alla Pubblica Istruzione Mafalda Cantarelli. “In occasione della Festa degli Alberi – conclude l’Assessore ai Lavori Pubblici Gilberto Montechiarello – siamo orgogliosi di poter restituire alla cittadinanza due gioielli del nostro centro storico come il Lavatoio e il Giardino degli Aranci”.

17 novembre 2012 0

A Colle San Magno visita dell’europarlamentare Gualtieri, il sindaco: “La Regione non eroga i finanziamenti, costretto a bloccare i cantieri”

Di admin

In occasione della visita a Roccasecca dell’europarlamentare del Partito Democratico Roberto Gualtieri e del segretario provinciale Sara Battisti a sostegno della candidatura di Pierluigi Bersani alle primarie del prossimo 25 novembre, il sindaco di Colle San Magno, presidente dell’Unione Cinquecittà e membro della direzione provinciale del Pd, ha voluto evidenziare il riflesso negativo sui Comuni della mancanza di una Regione Lazio pienamente attiva nella sue funzioni. “Finalmente abbiamo avuto oggi una certezza sulla data del voto regionale – ha spiegato Di Nota – Il 10 marzo, benché ancora lontano, comunque è almeno una data sicura. Purtroppo, tra le perniciosità di questa perdurante vacatio della Regione, c’è una conseguenza che scontano i Comuni: la mancata liquidazione dei finanziamenti già accordati. Colle San Magno, benché sia un paese di 800 abitanti, vanta dalla Regione un credito per diverse centinaia di migliaia di euro, che sommano l’importo di circa una quindicina di finanziamenti Anche ieri mi sono premurato di telefonare a Roma, nei giorni scorsi sono stato negli uffici regionali, ma niente, non se ne viene a capo. Blocco dei mandati significa che di conseguenza io debbo bloccare i cantieri che ho avviato in paese, perché se non pago le ditte, loro non possono operare. Così viene meno la possibilità, da parte delle amministrazioni comunali, di dare risposte ai loro cittadini. Un gravità ancor maggiore per i Piccoli Comuni che cercano di ovviare al gap che li separa con i grandi centri, attraverso l’ammodernamento e i servizi per la comunità. Noi ci abbiamo investito pesantemente su questa modalità di azione, abbiamo realizzato ottime progettualità, finanziate dalla Regione per la bontà dell’iniziativa. Ora non possiamo realizzarle perché la Regione Lazio vive un deficit di operatività: oltre al danno, la beffa. Per questo era urgente tornare a votare subito, per fortuna ora abbiamo almeno una data certa, anche se lontana. Auspico da parte del futuro presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, infine, che inserisca nel suo programma la certezza dei tempi per l’erogazione dei finanziamenti regionali e proporrò questo punto in sede di direzione provinciale del PD, come contributo alla vittoria del centrosinistra da parte dei territori”.

17 novembre 2012 0

Furto di rame, pregiudicato arrestato dai carabinieri

Di admin

Un pregiudicato di 39 anni, M.M., questa notte, è stato tratto in arresto, con l’accusa di tentato furto aggravato, dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile. Il malvivente, originario di Chieti ma abitante a Bucchianico, è stato rintracciato dai militari nel comune di Ripa Teatina mentre, da solo, camminava in strada. Poche ore prima, verso le 02:00, l’uomo, unitamente ad un complice riuscito a dileguarsi, aveva tentato di asportare alcune grondaie di rame da un capannone ubicato nei pressi del centro commerciale “Il Centauro”. Ad allertare il 112 dei carabinieri era stato lo stesso proprietario del capannone che, insieme ai figli, aveva sorpreso i due malintenzionati mentre erano all’opera. M.M., dopo l’arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione e questa mattina, il Giudice del Tribunale di Chieti, dopo aver convalidato l’arresto, accogliendo le richieste di termini a difesa del suo avvocato, gli ha imposto la misura di prevenzione dell’obbligo di firma tre volte a settima. Sono in corso le indagini dei carabinieri per rintracciare l’altro complice.

17 novembre 2012 1

Chiede aiuto al Comune per sostenere i tanti cani e ottiene costose prescrizioni e minacce

Di redazione

Va per grazia e ottiene giustizia, recita un vecchio detto popolare che si usa quando qualcuno chiede aiuto e riceve invece legnate. é accaduto a Alfredo Di Rauso un 40enne di Sant’Elia Fiumerapido il quale si è rivolto al comune per chiedere sostegno per i tanti cani che accudisce e ha rimediato, invece, una reazione inaspettata ed anche miope. L’uomo ha raccolto circa 16 cani dalla strada ma a causa della crisi, non riuscendo più a far fronte alle spese, aveva chiesto aiuto all’associazione animalista Anpana di Frosinone, ottenendolo, per un sostegno in termini di croccantini e assistenza veterinaria. Interpellata l’amministrazione comunale sulla problematica la risposta data è consistita in un sopralluogo dei vigili urbani e nella redazione di una relazione inviata alla Asl, la quale ha intimato a Di Rauso di microcippare (28 euro a cane) tutti gli animali e di disfarsi di almeno sei cani perché per un numero superiore a dieci cani è necessario avere delle autorizzazioni dai veterinari della stessa Asl che Di Rauso non ha e neanche potrebbe ottenere. In caso di mancata regolarizzazione della situazione scatterà l’accalappiamento dei cani. Una scelta miope secondo Francesco Altieri presidente dell’Anpana Frosinone. «Accalappiare un cane costa 150 euro e mantenerlo in un canile ben 4 euro al giorno che per un anno fa circa 1500 euro a cane quando a Di Rauso sarebbe bastato che il Comune comprasse qualche sacchetto di mangime e che lo aiutasse con la sterilizzazione, cioè poche decine di euro, al massimo qualche centinaio. Per fortuna altrove i sindaci si comportano diversamente. Per questo, data l’emergenza che si è creata, ci stiamo muovendo in altre direzioni cercando anche di trovare soluzioni per gli affidi degli animali. Ermanno Amedei Foto Antonio Nardelli

17 novembre 2012 0

Carabinieri “fotomodelli” a Roma rubano la scena ai centurioni a Fontana di Trevi

Di redazione

La città Eterna offre occasioni di scatti fotografici ineguagliabili: monimenti, fontane, scorci, centurioni e… carabinieri. E si, un po’ come il nuovo (e vero), i carabinieri, e l’antico (ovviamente ricostruito) i centurioni. Passeggiando per Roma, magari davanti alla Fontana di Trevi o in piazza di Spagna, capita di trovare da un lato i centurioni che si propongono affannosamente ai turisti per farsi scattare foto; dall’altro lato, ti trovi orde di cinesi, giapponesi e anche… italiane, in fila per farsi riprendere tra due baldi giovanotti in uniforme da rappresentanza della Benemerita. Intendiamoci, i centurioni chiedono soldi per posare, i carabinieri no e ci sembra un poco normale che degli uomini delle forze dell’ordine si prestino a questo “gioco”; pensiamo più ad una iniativa autonoma dei due, salvo invece scoprire che quello che stanno svolgendo è un servizio finalizzato alla rappresentanza dell’Arma tra la gente. Vi piaccia o no, ma è così. Er. Am.