Giorno: 21 novembre 2012

21 novembre 2012 0

Strage di cani in via Sant’Antonino a Cassino, l’Anpana chiede interventi immediati

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ancora una vittima in via Sant’Antonino a Cassino, un altro cagnolino ha fatto le spese della strada pericolosa e scarsamente controllata. Per questo Francesco Altieri, presidente provinciale dell’Anpana, lancia l’allarme e si rivolge alle autorità per arginare quella che sembra essere una vera strage di cani in corso. “Di vittime se ne contano a decine – dichiara Altieri – a casa della strada che ha una forte pendenza e che attraversa una zona densamente abitata, e che per contro ha una scarsa segnalazione e controlli tutt’altro che capillari. A volte si ha l’impressione di stare su una pista da corsa con macchine e moto spinte a folle velocità. Nell’esposto che ho inviato alla Polizia Stradale di Frosinone (per Cassino) ed al Comune di Cassino, ho allegato l’ultimo referto di rimozione carcassa, una cagnolina forse di proprietà, massacrata dal solito delinquente. Altra nota nell’esposto e che la Via ha limite di velocità stabilito sui 30km/h ed ha diverse curve cieche che sono state rese ruvide e che invece di aumentare la sicurezza hanno aumentato la velocità e resa pericolosa la strada agli scooter. Concludo l’esposto con la determinazione a denunciare l’ennesima uccisione di animali alla Procura, come dettato dalla L. 189/04 e se il caso di fauna protetta anche in base alla relativa legge. Chiedo che la Via Sant’antonino sia monitorata dalle forze dell’ordine e dotata di una segnaletica più efficace e che vengano messi in atto tutti gli accorgimenti per arginare il pericolo per persone e animali”. Er. amedei

21 novembre 2012 0

Tenta di portare la droga al fratello detenuto a Lanciano, finisce per… rimanere con lui

Di redazione

Ha fatto visita al fratello detenuto nel carcere di massima sicurezza di Lanciano e, oltre ai saluti di genitori parenti e amici, gli ha anche tentato di portargli alcune dosi di eroina. Per questo un uomo di 37 anni, M.G., di Eboli, ha potuto raggiungere il fratello per un tempo più lungo. L’uomo è stato tratto in arresto perché i secondini gli hanno trovato nasscosto in bocca un involucro contenente 15 grammi di eroina. Er. amedei

21 novembre 2012 0

Multiservizi a Frosinone, si cerca una soluzione. Domani audizione alla Corte dei Conti

Di redazione

Alla presenza dell’assessore regionale alle politiche per il lavoro, Mariella Zezza, il Sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha convocato per oggi, alla Pisana, le rappresentanze sindacali per valutare le opportunità offerte dagli ammortizzatori sociali in deroga, anche per l’annualità 2013, nella vicenda della Società Multiservizi. “Qualsiasi ipotesi di ricollocamento del personale – ha detto il Sindaco Nicola Ottaviani – in società in house o con la esternalizzazione dei servizi dovrà conciliarsi con l’apporto degli ausili previdenziali offerti dal governo centrale e da quello regionale, poiché la razionalizzazione delle risorse economiche non permetterebbe il mantenimento di tutte le unità attualmente occupate negli enti territoriali di riferimento”. Alla riunione hanno preso parte, oltre al Sindaco di Frosinone e all’assessore regionale alle politiche per il lavoro, il consigliere comunale di Frosinone del Partito Democratico, Maria Spilabotte, il consigliere regionale del Partito Democratico, Francesco Scalia, i rappresentanti di tutte le sigle sindacali e il presidente della commissione bilancio del Comune di Frosinone, Adriano Piacentini. Nella giornata di domani, mercoledì 22 novembre 2012, è prevista l’audizione alla Corte dei Conti sulle problematiche della Multiservizi, allo scopo di valutare ulteriormente tutte le implicazioni giuridiche ed economiche sottese alla ricerca di una soluzione definitiva per una vicenda assai complessa che si trascina ormai da 16 anni al Comune di Frosinone.

21 novembre 2012 0

Virgo Fidelis, i carabinieri festeggiano la loro patrona

Di redazione

Devoti come pochi altri, i carabinieri dei vari comandi provinciali, hanno festeggiato oggi la “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri. Celebrazioni si sono svolte in ogni provincia. Ve ne “raccontiamo” alcune

Qui Latina In occasione della ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, del 71° anniversario della Battaglia di Culqualber, svoltasi in terra d’Africa, il 21 novembre 1941, per la quale fu conferita alla Bandiera dell’Arma, la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare e della “Giornata dell’Orfano”, nella mattinata odierna, presso la Cattedrale di S.Marco, è stata celebrata una funzione religiosa officiata, dal Vescovo di Latina, S.E. Mons. Giuseppe Petrocchi, alla quale hanno presenziato Autorità locali, associazioni, cittadini e varie scolaresche. Nella circostanza, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Latina, Col. Giovanni De Chiara, nel ringraziare tutti coloro che hanno voluto, con la loro presenza, dare un significato solenne alla cerimonia, ha ricordato con commozione i Carabinieri che sono caduti nella battaglia di Culquaber per difendere la Patria, evidenziando come il loro sacrificio debba sempre costituire monito per coloro che, in tempo di pace, pur in un periodo di difficile crisi come l’attuale, sono chiamati a difendere le libere Istituzioni. Un pensiero commosso è stato altresì rivolto verso coloro che non possono più ricevere una parola di conforto da parte del loro padre caduto nell’adempimento del proprio servizio.

Qui Frosinone Alle ore 18,00 di oggi 21 novembre 2012, a Frosinone, i Carabinieri del Comando Provinciale hanno celebrato la loro Patrona, Maria “Virgo Fidelis” e hanno commemorato il 71° Anniversario dell’eroica battaglia di “Culqualber”, che vide contrapposte le truppe britanniche e quelle italiane. Nel 1949, in memoria dell’evento, sua Santità Pio XII proclamò Maria “Virgo Fidelis” Patrona dei Carabinieri e ne fissò la ricorrenza il 21 novembre, data in cui la cristianità commemora l’anniversario della Battaglia e di Maria Vergine. Alla celebrazione della Santa Messa presso la Cattedrale di Frosinone (Chiesa Santa Maria), officiata dal Vescovo di Frosinone Mons. Ambrogio SPREAFICO e dal Cappellano Militare Padre Mauro AMATO, sono intervenute le massime autorità provinciali e locali civili e militari, nonché numerosi Carabinieri del Capoluogo e dell’intera Provincia. Alla stessa ha partecipato anche una folta rappresentanza dell’Arma in congedo (Associazione Nazionale Carabinieri di tutta la provincia) ed i parenti dei militari deceduti. Come consolidata tradizione è stata ricordata la “Giornata dell’Orfano”, perché un doveroso ricordo e pensiero va ai figli dei militari deceduti. Al termine della cerimonia il Comandante Provinciale, dopo aver rievocato gli eventi oggetto della commemorazione, ha ringraziato S.E. il Prefetto di Frosinone Eugenio SOLDA’, il Sindaco di Frosinone Avv. Nicola OTTAVIANI, il Questore di Frosinone Dott. Giuseppe DE MATTEIS, il Comandante Provinciale della G. di F. Col. Roberto PICCININI e tutte le Autorità provinciali e locali intervenute, nonché le vedove e gli orfani dell’Arma, le Associazioni in congedo, i familiari presenti ed il Coro Polifonico “Città di Frosinone”. Analoghe celebrazioni si sono tenute questa mattina presso i Comandi Compagnia di Anagni, Alatri, Sora, Pontecorvo e Cassino.

Qui Campobasso (Termoli) Alla presenza delle massime autorità civili e militari del territorio, nella suggestiva cornice della Chiesa cattedrale di Termoli, Sua Eccellenza Mons. Gianfranco De Luca ha officiato la celebrazione della Santa messa per la ricorrenza della “Virgo Fidelis” patrona dell’Arma dei Carabinieri. Alla Cerimonia erano presenti il Colonnello Ferdinando Lombardi Comandante della Legione Carabinieri Molise, il Procuratore della Repubblica di Larino Dott. Ludovico Vaccaro, il Comandante Provinciale di Campobasso Colonnello Andrea Bertozzi della Zonca, il Sindaco di Termoli Dott. Antonio Basso Di Brino, il Sindaco di Larino Dott. Guglielmo Giardino, oltre ai dirigenti e comandanti delle forze di polizia ed alle rappresentanze delle associazioni combattentistiche e d’arma. La cerimonia religiosa si è conclusa con la tradizionale preghiera del Carabiniere e l’inno alla “Virgo Fidelis”. La patrona dell’Arma fu scelta sotto questo nome l’11 novembre 1949, data di promulgazione del Breve relativo di Papa Pio XII, che in tal senso aveva accolto il voto unanime dei cappellani militari dell’Arma e dell’Ordinario Militare per l’Italia. Il titolo di “Virgo Fidelis” era stato sollecitato in relazione al motto araldico dell’Arma “Fedele nei secoli”. La ricorrenza della Patrona è stata fissata dallo stesso Pontefice il giorno 21 del mese di novembre, in cui cade la Presentazione di Maria Vergine che coincide inoltre con la data del 21 novembre in cui cade la ricorrenza della battaglia di Culqualber di cui oggi ricorre il 71° anniversario.

Qui Teramo Oggi 21 novembre 2012, alle ore 17:00, i Carabinieri di Teramo hanno commemorato la Celeste Patrona dell’Arma Maria Virgo Fidelis, con una Santa Messa celebrata nel Duomo da Sua Eccellenza Monsignor Michele Seccia, Arcivescovo della Diocesi di Teramo-Atri. Alla celebrazione hanno presenziato Autorità civili e militari cittadine. Contestualmente è stata rievocata anche la Battaglia di Culqualber, combattuta in Africa orientale dal 6 agosto al 21 novembre del 1941. In quella data, infatti, dopo l’ennesimo attacco di preponderanti forze inglesi, il caposaldo di Culqualber cessò di resistere e quasi tutti i Carabinieri caddero in combattimento. In quella battaglia il 1º Gruppo Mobilitato dei Carabinieri si immolò con tale valore che ai pochi sopravvissuti gli avversari tributarono l’onore delle armi. Oltre a numerose menzioni e decorazioni individuali, per il comportamento tenuto dall’intero reparto composto anche da Zaptiè, ovvero carabinieri arruolati tra le popolazioni locali, alla bandiera dell’Arma dei Carabinieri è stata concessa la 2^ medaglia d’oro al valor militare e l’11 novembre del 1949, Papa Pio XII, volendo ricordare ed onorare l’eroico sacrificio dei Carabinieri di Culqualber con “breve apostolico” dichiarò, così, la Santissima Vergine Maria, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, con il titolo di Virgo Fidelis. Al riguardo, è stata anche ricordata, in occasione della Giornata dell’Orfano, l’opera svolta proprio in favore degli orfani dall’O.N.A.O.M.A.C. (Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri), Ente assistenziale fondato il 5 ottobre 1948 con decreto del Presidente Einaudi, che diede soluzione al complesso e delicato problema dell’assistenza alle famiglie dei numerosi militari scomparsi nel corso della seconda guerra mondiale. L’Ente, infatti, realizzò istituti dove accogliere i giovani in particolari difficoltà ed elargì annualmente “assegni di studio” alle famiglie dei militari dell’Arma più bisognose. Oggi l’Opera assiste circa 1000 orfani, a ciascuno dei quali eroga un sostegno semestrale, distinto per fasce d’età, sino al compimento degli studi. L’assistenza agli orfani disabili, invece, è a vita. Le disponibilità finanziarie dell’Ente sono date da contributi volontari mensili elargiti dai militari di ogni grado dell’Arma dei Carabinieri, nonché da elargizioni liberali da parte di militari dell’Arma, in servizio ed in congedo, nonché di privati cittadini estimatori dell’Arma. L’Opera non riceve contributi di sorta dallo Stato. L’attività assistenziale che essa realizza in favore degli orfani è resa possibile prevalentemente dai suddetti contributi volontari mensili (che rappresentano circa il 90% delle entrate). Ciò costituisce motivo di vanto e orgoglio per l’Arma perché è testimonianza concreta del legame ideale che unisce l’Istituzione alle famiglie dei colleghi meno fortunati.

Qui Isernia Celebrata nella mattinata odierna nella sala rapporto della sede del Comando Provinciale di Isernia, la VIRGO FIDELIS, patrona dell’Arma. Alla S.Messa, officiata da Don Gianluigi PETTI titolare della parrocchia di S.Giuseppe Lavoratore del quartiere S.Lazzaro di Isernia hanno partecipato, accolti dal Comandante Provinciale Ten.Col.Antonio RENZETTI, i famigliari dei caduti dell’Arma della provincia nella circostanza della contestuale celebrazione della “Giornata dell’Orfano”, gli Ufficiali della sede, i Comandanti delle Compagnie di Isernia, Agnone e Venafro, i Comandanti delle Stazioni dipendenti del Comando Provinciale dell’Arma e dei Reparti della sede. Inoltre hanno preso parte alla ricorrenza il personale della Sezione dei Carabinieri in congedo dell’A.N.C. Al termine della S.Messa il Comandante Provinciale Ten.Col. Antonio Renzetti ha commemorato la ricorrenza partendo dalla rievocazione del fatto d’arme collegato alla data celebrativa che coincide con l’immolazione con la vita di un intero Battaglione Carabinieri nella campagna d’ Africa Orientale in loc. Sella di Culqualbert, richiamando quindi, il valore della fedeltà che da due secoli ed ancora di più oggi, nel particolare delicato contesto socio-economico, ogni Carabiniere interpreta quotidianamente con la propria missione al servizio del cittadino.

21 novembre 2012 0

Il MuseoArchitetturaArte di Lanciano conferma la presenza al Salone di Lipsia

Di redazione

Anche quest’anno il MusAA-MuseoArchitetturaArte di Lanciano partecipa al Salone Internazionale di Architettura e Restauro (Denkmal Messe 2012: http://www.denkmal-leipzig.de/) che si tiene a Lipsia dal 22 al 24 novembre, con uno stand dedicato alla divulgazione delle attività culturali che il MusAA promuove dal 2009. I contatti che il MusAA prende al Denkmal Messe sono tesi a implementare l’interesse verso la cultura architettonica, paesaggistica ed artistica abruzzese. Presso la stand vi sarà una sezione speciale edicata al Comune di Lanciano ed il suo territorio, che verrà promosso attraverso una serie di opuscoli, brochures, depliants ma sopratutto disegni originali prodotti all’interno dei workshop universitari del MusAA. Il Denkmal Messe è una vetrina internazionale di elevato profilo culturale e annovera la presenza di numerosi espositori non solo della Germania (la scorsa edizione 449 da 15 Paesi, 13.400 visitatori da 36 Paesi), ma anche del nord Europa e della Russia. In ogni edizione il Denkmal Messe, che si tiene a cadenza biennale, focalizza l’attenzione su un Paese diverso; il primo fu l’Italia, quest’anno è il turno della Russia. Il MusAA già nell’edizione 2010 ha stabilito importanti partnership internazionali con Università e Istituzioni culturali straniere con cui poi ha realizzato in Abruzzo progetti culturali di spessore (v. www.musaa.it); quest’anno si vogliono implementare i rapporti internazionali facendo venire sempre più persone qualificate in Abruzzo e nello specifico a Lanciano, con cui collaborare all’insegna della cultura architettonico-paesaggistica ed artistica.

21 novembre 2012 0

Identificato e arrestato uno dei due malviventi che rapinarono una tabaccheria a Vasto

Di redazione

E’ stato fermato dai Carabinieri, uno dei due responsabili della rapina perpetrata, lo scorso 2 Novembre, ai danni della titolare di una tabaccheria di Vasto. L’uomo, un albanese di 22 anni, è stato rintracciato dagli uomini dell’Arma nell’abitazione della sua compagna rumena, dove stava progettando la fuga dal territorio nazionale. La vittima, una signora di 36 anni, era stata aggredita dai due malviventi mentre faceva rientro a casa, subito dopo aver chiuso la sua attività commerciale.

21 novembre 2012 0

Guardiana e ladra, i carabinieri di Formia denunciano addetta alla sicurezza di centro commerciale

Di redazione

Avrebbe dovuto cercare i ladri all’interno di un centro commerciale di Formia, ma la ladra era proprio lei. I carabinieri della compagnia di Formia hanno accertato, in seguito ad una indagine, che una donna, addetta alla vigilanza, approfittando della sua mansione, aveva trafugato alcuni prodotti in vendita. La refurtiva è stata rinvenuta e restituita ai proprietari, sottoponendo altresì a sequestro amministrativo cautelare, una pistola detenuta dalla donna, all’interno della propria abitazione.

21 novembre 2012 0

Pesta un cliente del suo locale, arrestato 29enne

Di redazione

La scorsa notte, i carabinieri di Formia, hanno arrestato un 29enne, noto pregiudicato del luogo, titolare di un circolo ricreativo, poiché resosi responsabile del reato di lesioni personali gravi in concorso. Infatti, il predetto, all’interno del circolo, per futili motivi, insieme ad un’altra persona, ha aggredito con calci e pugni un 32 enne del luogo, causandogli delle gravi lesioni. L’arrestato è stato ristretto nelle camere di sicurezza del locale Comando Stazione, a disposizione dell’A.G., in attesa della celebrazione del rito direttissimo fissato per la mattinata odierna presso il Tribunale di Latina.

21 novembre 2012 0

Ruba in un distributore e per fuggire ai carabinieri si trincea in una casa minacciando il proprietario

Di redazione

Questa mattina i carabinieri della Stazione di Sonnino, insieme a quelli del Comando Arma di Maenza, hanno tratto in arresto un cittadino Romeno, senza fissa dimora, che poco prima aveva rubato la somma di 3mila euro da una cassa self service di un impianto di distribuzione carburanti della zona, dandosi poi alla fuga. L’uomo aveva cercato di rifugiarsi in un’abitazione del posto, minacciandone il proprietario, ma l’intervento dei Carabinieri ne ha consentito la cattura e l’arresto, non senza prima vincere l’animata resistenza del malvivente. L’arrestato è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Latina, in attesa di rito direttissimo.

21 novembre 2012 0

Malvivente pendolare, da Napoli a Formia in treno per rapinare barista. Arrestato mentre scappava in auto

Di redazione

Rapinatore pendolare arrestato a Formia. Si tratta di Gianluca Montella, 45 anni residente a Grumo Nevano in provincia di Napoli che è giunto in treno questa mattina a Formia con il chiaro intento di compiere una rapina per poi tornarsene a casa con l’auto della sua vittima. Un piano che non gli è riuscito grazie al capillare controllo del territorio compiuto dal commissariato di Formia diretto dal Vice Questore Paolo Di Francia. Il malvivente alle sei di questa mattina si è introdotto all’interno del Bar Napoli in via Santa Teresa a Formia e minacciando la dipendente con una bottiglia di vetro rotta sul fondo si è fatto consegnare l’incasso, circa mille euro, e le chiavi della Opel Corsa della donna con cui si è allontanato diretto a Napoli. Non è andato lontano. L’allarme lanciato dalla donna e le dettagliate descrizioni fornite dell’uomo, hanno permesso agli agenti di rintracciare in poco tempo la vettura e il rapinatore che è stato arrestato e tradotto in carcere a Latina. Ermanno Amedei