Giorno: 30 novembre 2012

30 novembre 2012 0

Il circolo SEL di Cassino per il ballottaggio alle primarie del centrosinistra invita tutti a votare per Bersani

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La sfida per un centrosinistra rinnovato e di governo continua ancora in questi giorni, e i militanti di SEL a livello locale e anche a livello nazionale, convinti che la posta in gioco è altissima, continuano ad adoperarsi, insieme alle altre forze politiche, per l’organizzazione del secondo turno delle primarie, che si svolgeranno domenica 2 dicembre.

Il successo della candidatura di Vendola al primo turno deve continuare ad essere un elemento di stimolo ed entusiasmo, sia per tutti i militanti di sinistra ecologia e libertà che per tutti gli altri cittadini impegnati nelle istituzioni e nella società civile, che si sono prodigati per costruire il bel successo di Vendola qui a Cassino.

Dobbiamo ricordare a tutti noi, che dopo la fine del berlusconismo non si è messa a fuoco la crisi di quel modello sociale liberal – populista, ma tutta la politica è stata messa sul banco degli imputati senza distinzioni. Questo ha consentito di occultare le ragioni della crisi, a partire proprio dalla subalternità della politica ai poteri finanziari e dalla sua distanza dal mondo del lavoro.

Da rottamare è questo modello sociale che ci ha privato di una dimensione comunitaria e solidale e rende sempre più anoressico lo Stato sociale. In Renzi non c’è alcun cenno critico verso l’austerity e la cultura liberista, nessuna eco rispetto all’America che chiede il recupero di un approccio keynesiano.

Il circolo di Sinistra ecologia e libertà di Cassino per combattere il cinismo, l’affarismo, la deriva verso destra della colazione di centrosinistra, ritiene importante votare per Bersani e fa un appello a tutti i militanti di SEL, a tutti i democratici di Cassino e del Cassinate, nonché ai rappresentanti delle forze sociali e ambientaliste e progressiste locali, ai tanti amministratori che si rivedono nel centrosinistra, di ritornare a votare, e di far votare Bersani.

Il nostro augurio è vedere un rinnovato impegno di tutto il centrosinistra locale, e in particolare gli amministratori comunali di maggioranza, desiderosi di ricostruire a Cassino un fronte sempre più ampio per sostenere il programma di “Italia bene comune” e rilanciare il nostro programma di Bene Comune per Cassino.

Il circolo SEL Cassino nel sostenere Bersani chiede che venga messo al centro dell’azione politica, di tutto il centrosinistra, la difesa dei diritti dei lavoratori, la difesa dell’ambiente e dei diritti civici e della partecipazione, nonché lo sviluppo economico e sociale del nostro paese, per ricostruire in Italia una forte identità di sinistra in un rinnovato centrosinistra.

 

Il segretario cittadino di SEL Angelo Costanzo

Il gruppo consiliare di SEL Gaetano Ranaldi Andrea Velardocchia Alberto Ficaccio

L’Assessore Riccardo Consales

30 novembre 2012 0

IDI-UgL Sanità: Un’altra lavoratrice tenta di gettarsi dal tetto. Situazione insostenibile

Di redazionecassino1

“Questa mattina una lavoratrice del San Carlo Idi, spinta dall’esasperazione per problemi economici, ha tentato di gettarsi dal terrazzo della struttura. Per fortuna gli altri lavoratori sono riusciti a fermarla”. Lo rende noto Emiliano Luciano, RSA Ugl Sanità presso il San Carlo Idi, spiegando che “un episodio simile era già avvenuto agli inizi di novembre e non siamo più disposti a rischiare che altri lavoratori minaccino gesti estremi come questi. Chiediamo quindi a tutte le istituzioni, rivolgendo un accorato appello anche al Vaticano, per un intervento tempestivo a soluzione di questa vicenda”.

Per il sindacalista “la situazione è ormai insostenibile e rischia seriamente di degenerare se non saranno date risposte immediate. Si deve dunque dare seguito alle richieste dei lavoratori che da troppo tempo stanno attendendo il pagamento degli stipendi”. “Non è più possibile restare in attesa che la situazione si sblocchi: potrebbe accadere qualcosa di irreparabile, e per evitarlo serve un’assunzione di responsabilità da parte di tutti”, conclude.

 

 

30 novembre 2012 0

Montino (PD): “La Polverini nomina un suo amico presidente dell’Ipab Sacra Famiglia”

Di redazionecassino1

“La data delle elezioni ancora non c’è, intanto però la Polverini continua a nominare gli amici più fidati. A ricevere l’ultimo cadeau della Presidente con stipendio di 1500 euro al mese assicurato fino al giugno del 2014, è il signor Enrico Zappacosta. Lo scorso 23 novembre con decreto presidenziale n. T00406 è stato nominato presidente dell’Ipab Sacra famiglia. L’istituto che, secondo lo statuto, ha il compito di ‘educare, istruire e addestrare professionalmente fanciulli poveri’ e a tal fine dispone di un cospicuo patrimonio immobiliare. Ma che titoli ha il signor Zappacosta per cotanto incarico? E’ parte organica del cerchio magico Polverini-Cetica. E’ un tecnico commerciale diplomato, ma senza laurea, è consigliere comunale di Città nuove a Civitavecchia e, titolo decisivo, proviene dall’Ugl. Fino allo scorso settembre ha lavorato come esterno, stipendio mensile circa 2000 euro al mese, nella segreteria dell’assessorato all’ambiente. Poi, con la soppressione della struttura, è rimasto a spasso. Ma gli amici non si abbandonano ed ecco la soluzione: la Polverini interviene per salvare il soldato Zappacosta dall’oblio della disoccupazione nominandolo presidente dell’Ipab Sacra famiglia assicurandogli uno stipendio decente fino al giugno del 2014 quando scadrà l’attuale Cda dell’Ipab nominato nel 2009. Questa scelta è vergognosa, illegittima e uno spreco di denaro pubblico. Una giunta dimissionaria non può procedere a fare nomine che impegnano la prossima amministrazione. Se c’era un problema di gestione ordinaria dell’Ipab si poteva incaricare il più anziano del consiglio d’amministrazione in carica, oppure nominare un funzionario regionale. Non un esterno. Polverini blocchi la nomina e ritiri il decreto. L’unico che deve fare è quello per indicare la data delle elezioni. Il futuro della regione non è più di sua competenza”.

30 novembre 2012 0

La Provincia chiede al Governo il rimborso delle spese per le nevicate 2012

Di redazionecassino1

Il Consiglio provinciale ieri ha approvato un emendamento, proposto dal Consigliere Fabrizio Montepara, alla  Delibera di riconoscimento del debito fuori bilancio di 1,5 milioni di euro  relativo alle spese sostenute nella fase dell’emergenza neve, come da DPCM dell’8 febbraio 2012. L’emendamento va a sostegno delle iniziative già intraprese dal Presidente Enrico Di Giuseppantonio affinchè la Provincia ottenga il rimborso delle spese sostenute per fronteggiare gli interventi sulla viabilità in occasione delle abbondanti nevicate dello scorso mese di febbraio. <L’emendamento del Consigliere Montepara ha evidenziato opportunamente – dice il Presidente Di Giuseppantonio – che la Provincia a febbraio è intervenuta, diligentemente, anche senza avere le adeguate coperture finanziarie. E che c’erano sollecitazioni continue da parte dello Stato e della Regione per portare soccorso alle comunità e per garantire la percorribilità lungo le strade provinciali.

Personalmente ho scritto al Presidente del Consiglio Mario Monti e al Dipartimento della Protezione Civile sollecitandoli affinchè il provvedimento, che stanzia una somma palesemente insufficiente che le Regioni dovrebbero ridividersi, sia rivisto e gli Enti vengano ristorati integralmente delle spese sostenute – sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio. Mentre la Commissione Europea, applicando meri parametri burocratici, ha respinto la richiesta di intervento finanziario avanzata da 11 Regioni italiane, fra le quali l’Abruzzo. Oggi, sulla spinta si questa ulteriore sollecitazione che arriva dal Consiglio provinciale, unitamente alla Giunta, tornerò a chiedere al Governo il rimborso delle spese sostenute, con l’ulteriore obiettivo di evitare di mettere a rischio la tenuta dell’intero bilancio della Provincia>.

<Abbiamo fatto il nostro dovere, con la Struttura dell’Ente  e con la collaborazione delle imprese – dice il vice Presidente nonché Assessore alla viabilità Antonio Tavani: oggi, però, non riusciamo ancora a onorare i nostri impegni con le ditte e i fornitori mentre siamo già nel pieno di una nuova stagione invernale>.

30 novembre 2012 0

CNSAS: Chiuso il Centro Coordinamento per le ricerche del pastore scomparso. L’uomo segnalato a Bojano

Di redazionecassino1

Alle ore 15.10 del pomeriggio di oggi, 30.11.2012, è stato chiuso ufficialmente il Centro di Coordinamento delle Ricerche, allestito presso il Comune di Pesche di Isernia a seguito della scomparsa di un pastore, ivi residente, dato per disperso dalla serata di lunedì, 26.11.2012. La decisione è stata presa a seguito della conferma, da parte dei Carabinieri, di una testimonianza, secondo la quale la presenza dell’uomo era stata segnalata a Bojano(Cb) nel pomeriggio di martedì 27.11.2012.  Le ricerche avevano avuto inizio fin dalla tarda serata di lunedì e, nonostante le condizioni meteo davvero proibitive, i Tecnici del Soccorso Alpino regionale, appartenenti alle Stazioni di Campobasso ed Isernia, avevano continuato ad ispezionare, senza soluzione di continuità, zone molto difficili ed impervie. Nella giornata di oggi era giunta sul posto anche una squadra di sei uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, proveniente da Roccaraso, che ha coadiuvato i Tecnici del Soccorso Alpino molisano e tutte le Forze dell’Ordine presenti ( i Carabinieri, con un’Unità cinofila, l’Unità cinofila dei Vigili del Fuoco ed il Corpo Forestale dello Stato) nelle ricerche.

30 novembre 2012 0

Ue: Italia il Paese più insofferente alle leggi europee. Si conferma al primo posto nella classifica delle procedure d’infrazione aperte

Di redazionecassino1
Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo.Che l’Europa andasse a più velocità è un fatto misurabile in ogni statistica così come sono noti i ritardi con cui l’Italia si mette in regola con le normative europee. Da tempo Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, evidenzia come se non ci fossero normative europee applicabili negli Stati membri nel campo della tutela dei diritti e dei consumatori che sono molto spesso più avanzate rispetto alle legislazioni nazionali i cittadini non si vedrebbero garantiti giuridicamente in vasti campi del vivere quotidiano. Il Belpaese in tal senso, lo abbiamo detto più volte, è da sempre il più sordo e lento a recepire ed applicare la legislazione comunitaria nonostante negli anni si sia cercato d’introdurre strumenti normativi, come la “legge comunitaria” che si fa ogni anno, in grado di farla attuare.

La conferma che il nostro Paese rappresenti ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi il fanalino di coda in termini di applicazioni delle leggi di diritto comune, a tal proposito, arriva dal 29mo rapporto sull’applicazione delle leggi europee pubblicato dalla Commissione Ue.

Secondo quanto riportato le “procedure d’infrazione” alle leggi europee al momento sono ben 135, dato che ci pone in testa alla classifica dei Paesi che applicano di meno il diritto Ue, o recepiscono in ritardo le sue norme.

Le materie nelle quali si verificano i maggiori problemi in tal senso sono ambiente, trasporti, mercato interno e servizi, e tassazione.

In queste macroaree sono il 60% delle infrazioni totali. Dopo l’Italia, per numero di casi seguono Grecia (123) e Belgio (117).

La conseguenza per il nostro paese, oltreché dipendente dalle differenze evidenti con gli altri Stati membri che si manifestano nella vita concreta per il mancato recepimento o applicazione è l’elevato numero di sanzioni previste dal Trattato di Lisbona.

Tant’è che la Commissione Ue per ridurre le procedure anche per il recepimento in ritardo delle direttive ha deferito 9 Paesi, tra cui l’Italia, alla Corte di Giustizia.

Per lo “Sportello dei Diritti”, quindi, occorre uno scatto in avanti del nostro Stato al fine di garantire nella maniera più rapida possibile l’attuazione e il recepimento delle norme UE con la riforma urgente della “legge comunitaria” che proprio il 27 novembre scorso è passata alla Camera nel quasi assoluto silenzio dei media se non di quelli specializzati.

Ciò a tutela di tutti i cittadini italiani che devono essere considerati a tutti gli effetti, perché lo sono, cittadini europei.

 

30 novembre 2012 0

Basket: Virtus Cassino – NB Sora: è tempo di derby. Sabato l’atteso big match tra le due corazzate

Di redazionecassino1

E’ finalmente giunta l’ora del derby! Domani, al palazzetto dello sport “Soriano” di Atina, la Virtus Terra di San Benedetto Cassino sfiderà la Nuova Basket Sora 2000. E’ uno scontro d’alta classifica che porrà di fronte due tra le migliori compagini del girone A. Da un lato i cassinati, che arrivano al match da primi in classifica forti delle loro 8 vittorie su 8, dall’altro i sorani che seguono al terzo posto dopo 6 successi e 2 sconfitte.

La squadra di coach Vettese è nel bel mezzo del tour de force che la sta portando a sfidare tutte le squadre più forti del girone: dopo le vittorie con Libertas Roma e Cavese quarte in classifica, ora c’è il derby e, la settimana prossima, la trasferta romana contro la Lazio che segue al secondo posto.

Uscendo a testa anche da questi ultimi due incontri i rossoblu avranno ipotecato un bel vantaggio e, a quel punto, si potrà pensare con sempre più convinzione all’obiettivo promozione.

Visto il campanilismo esistente tra le due città, più che tra le due giovani squadre che finora non si sono mai affrontate in match ufficiali, sarà legittimo aspettarsi che il team di coach Bifera verrà ad Atina con il coltello tra i denti per strappare una vittoria di fondamentale importanza contro una rivale diretta nella corsa alla C2.

Da tenere sott’occhio soprattutto l’americano Cris Clock e l’argentino Lisandro Liguori, le stelle della compagine biancazzurra che stanno trascinando i volsci a suon di punti.

Tra i rossoblu sarà al 100% della contesa Gabriel Gonzalez, ma sono buone le probabilità di vedere in campo anche Simone Lo Tufo. I due erano usciti doloranti dall’ultimo incontro di campionato. Il centro argentino aveva subito un duro colpo alla mano. Il play calabrese era rimasto stoicamente in campo fino all’ultimo quarto resistendo ad una dolorosa distorsione alla caviglia rimediata nella seconda frazione di gioco. Il ragazzo vuole essere in campo a tutti i costi ed il fisioterapista Virtus Angelo D’Aguanno dovrebbe dare l’OK. Per il resto, non ci sono problemi di formazione per coach Vettese, che schiererà lo starting five composto dai già citati Lo Tufo e Gonzalez e poi da De Monaco, Loughlimi e D’Acunto.  L’incontro sarà diretto dalla coppia romana Federico Ciolli e Vito La Macchia, che avevano già diretto i virtussini a Viterbo. Che vinca il migliore!

30 novembre 2012 0

Picchia la fidanzata e danneggia il Convitto. Arrestato un 18enne

Di redazionecassino1

La scorsa notte i carabinieri della Stazione di Anagni, nel corso del servizio di controllo del territorio, traevano in arresto A.M., 18enne originario della provincia di Avellino domiciliato in città, per “violazione di domicilio e danneggiamento aggravato”. Il giovane nella tarda serata di ieri, per motivi passionali, malmenava una coetanea della stessa provincia, studentessa domiciliata presso il convitto “Principe Piemonte” del luogo, che subito dopo l’aggressione fuggiva per evitare ulteriori conseguenze. Nella circostanza il 18enne, allo scopo di rintracciare nuovamente la ragazza, irrompeva all’interno del convitto, danneggiando con calci e pugni una vetrata. L’arrestato, ad espletate formalità di rito, veniva tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

30 novembre 2012 0

Rubano soldi e carta di credito ad una donna, incastrati dalle telecamere dei negozi in cui la usano. Tre sorani finiscono in manette

Di redazionecassino1

Nelle prime ore di oggi la Stazione Carabinieri di Arpino ha concluso le indagini avviate nel settembre 2012 dopo il furto di un portamonete avvenuto ai danni di una dipendente 23enne di un negozio di fiori del luogo. Alla donna, distratta con la richiesta di un bouquet di fiori, i malviventi sottraevano con una mossa fulminea il borsello che custodiva anche la carta di credito e i documenti. Tre i soggetti coinvolti nel furto e nell’utilizzo della carta di credito, tutti di Sora, i quali mostrando scaltrezza ed un apparato organizzativo pronto a consumare numerosi delitti contro il patrimonio, dopo aver trafugato la carta di credito indebitamente acquistavano preziosi, abbigliamento e carburante in vari esercizi commerciali: 11 le operazioni fraudolente commesse nel giro di 24 ore ed interrotte nel momento in cui la vittima si accorgeva di aver subito il furto, per un importo totale di circa 1.500,00 euro. Gli autori, due uomini D.T. e D.S. A. di 42 e 21 anni e la donna B.N. 25 enne, con precedenti di polizia, venivano riconosciuti ed identificati visionando le telecamere dei negozi che avevano accettato in pagamento la carta. La minuziosa attività investigativa permetteva di richiedere all’Autorità giudiziaria di Cassino le ordinanze di custodia eseguite questa mattina, che finalizzano anche gli intenti del Comando Provinciale di Frosinone volti a contrastare l’incidenza del fenomeno delinquenziale delle frodi creditizie sul territorio.

I tre arrestati, ad espletate formalità di rito, venivano associati presso la Casa Circondariale di Cassino e Roma Rebibbia.