Esplosione controllata in una cava della “Santa Barbara” di residuati bellici – LE FOTO

30 novembre 2012 0 Di redazione

Un centinaio di ordigni bellici di fabbricazione italiana, tedesca e americana, risalenti al secondo conflitto bellico, sono stati fatti esplodere ieri in una cava a Coreno Ausonio dai militari EOD del 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma. Si tratta di residuati rinvenuti sulle pendici di Montecassino da volontari e dagli stessi artificieri dell’esercito. Le dimensioni spaziavano dai 35 agli 80 centimetri ed erano bombe a mano, da mortaio o da artiglieria, tutti funzionanti. Gli esperti hanno spiegato che in un conflitto almeno il 7 per cento del munizionamento utilizzato resta inesploso. In un anno sono decine di migliaia i residuati rinvenuti e moltissimi nella zona del cassinate, in particolare nel Parco di Montecassino il cui presidente Iris Volante ha annunciato la sistemazione di appositi cartelli per segnalarne il pericolo.

clicca qui per guardare il video

clicca qui per guardare le altre foto