I medici del San Raffaele fanno fronte comune con l’Azienda contro l’immobilismo della Regione Lazio

27 novembre 2012 0 Di redazione

Le situazioni del San Raffaele di Cassino e di quella di Viterbo sono drammatiche. Il personale medico con una lettera si schiera con l’azienda.
“I Medici del Gruppo San Raffaele S.p.A., – si legge – nel prendere atto della annunciata sospensione delle attività sanitarie per ora del San Raffaele Cassino e del San Raffaele Viterbo – Centro di Riabilitazione Villa Buon Respiro, dichiarano, con vigoroso risentimento, la loro totale adesione alle posizioni aziendali verso i ritardi e i silenzi delle Istituzioni Regionali che hanno determinato l’attuale situazione.
I medici vogliono formalmente difendere la propria dignità professionale ed umana essendo impegnati quotidianamente, in prima linea, nella difesa, nella tutela e nella cura della fragilità dei pazienti a loro affidati; tale scelta rappresenta quindi il rifiuto formale delle posizioni regionali che colpiscono i professionisti tutti, lesi nell’orgoglio e nell’impegno con il quale svolgono le loro attività presso tutte le strutture del Gruppo, fornendo risposte di eccellenza a migliaia di persone malate.
Oltre all’intervento riabilitativo e assistenziale, variamente profuso sulle diverse tipologie di pazienti, il personale medico e sanitario tutto, ha sempre messo al primo posto la tutela della dignità del paziente, inteso come persona umana, con l’attenzione che ciò, doverosamente, merita.
Le difficoltà nelle quali i professionisti si dibattono quotidianamente, ormai da troppo tempo, sono la conseguenza del mancato impegno delle Istituzioni Regionali e tali difficoltà sono alla base della forte denuncia aziendale a cui i professionisti aderiscono in blocco.
I Medici del San Raffaele S.p.A.

Foto A. Ceccon