La Neuromed al Forum della ricerca di Cernobbio, Balduzzi: “Ruolo degl Irccs fondamentale per la sanità”

14 novembre 2012 0 Di redazione

“La ricerca è fondamentale per lo sviluppo del nostro Paese e la rete degli Irccs svolge un ruolo di primo piano per il servizio sanitario tanto che i risultati si traducono in benefici assistenziali e clinici per i malati”, così il ministro Balduzzi in apertura della Terza Conferenza Nazionale sulla Ricerca Sanitaria che si è conclusa ieri a Cernobbio. Un momento fondamentale di confronto tra tutti gli attori del settore sanitario sullo stato e sugli indirizzi di sviluppo della Ricerca sanitaria in Italia. Un appuntamento cui non poteva mancare l’IRCCS Neuromed, l’Istituto Neurologico di Pozzilli (IS), che da oltre 30 anni si distingue nel campo delle neuroscienze con progetti che attirano l’attenzione del panorama scientifico a livello mondiale. Basti pensare ai numerosi protocolli d’intesa stipulati con Università e prestigiosi Enti di Ricerca che hanno consentito, e tuttora consentono, di portare avanti sperimentazioni che puntano a superare le frontiere note della medicina tradizionale. Tra le più importanti attività del 2012, è di particolare rilievo l’attivazione del Centro di Genetica e Biologia Molecolare già impegnato in diversi progetti di ricerca legati alle Malattie Rare; nel mese di giugno è stato presentato il Centro di Neurocibernetica “Cyberbrain”, polo d’innovazione dedicato alla ricerca sul cervello e alla robotica applicata alla biologia. Risale poi ad agosto l’acquisizione di una Risonanza Magnetica 7 Tesla, una tecnologia con prestazioni finora inedite che renderanno possibile la fine mappatura delle funzioni motorie, di quelle del linguaggio e della visione, la misura delle strutture e delle funzioni cerebrali a livello di singole colonne neuronali e la visualizzazione dei processi alla base dell’attività mentale dell’uomo. Le ricerche scientifiche fondate sulle nuove facilities potranno essere sviluppate, con evidenti ricadute cliniche, a vantaggio dei pazienti. Manca meno di un mese, infine, all’inaugurazione di un Laboratorio per la sperimentazione dell’alfa-immunoterapia che lavorerà sul trattamento dei tumori cerebrali in collaborazione con l’ITU (Istituto per gli Elementi Transuranici) del Centro Comune di Ricerche della Commissione Europea. Questi, solo alcuni dei progetti di ricerca attivati nel 2012 e mirati a rafforzare la competitività dell’IRCCS Neuromed sia a livello nazionale che in ambito internazionale.