Giorno: 2 dicembre 2012

2 dicembre 2012 0

Ballottaggio primarie del centrosinistra: a Cassino Bersani vince con il 59%. Renzi si attesta al 41%

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Secondo turno delle Primarie del centrosinistra a Cassino, giornata di voto per il ballottaggio fra Matteo Renzi  e Pierluigi Bersani, per la scelta del candidato premier del centro sinistra. Anche oggi notevole l’afflusso di votanti  alla biblioteca comunale ‘P. Malatesta’ di via del Carmine. Già dalle prime ore di questa mattina in molti si sono presentati ai due seggi allestiti dai volontari del Pd, complice anche la giornata più fredda, ma soleggiata e dall’assenza di pioggia. In molti hanno voluto partecipare alla scelta del candidato premier del centro sinistra anche se l’affluenza è stata lievemente inferiore al primo turno di circa il 12%. Alle 20, alla chiusura dei seggi, infatti, avevano votato solo 990 elettori, rispetto a circa i 1200 del primo turno, domenica 25 novembre. Nel primo seggio al termine dello scrutinio, dopo circa un’ora dalla chiusura dei seggi, sostanzialmente le percentuali dei due candidati erano in linea con quelle nazionali, Bersani ha ottenuto, nel primo seggio, 264 voti, pari al 59%, mentre Renzi ha ottenuto 181 preferenze, pari al 41%. Solo due le schede nulle.  Nel secondo seggio il totale dei votanti è stato di 544 e Bersani ha ricevuto 318 preferenze, pari al  58,5 %,  mentre Renzi  ha avuto 224 preferenze, pari al  41,5 %. In totale la percentuale per Bersani resta confermata al  59% con  582 voti mentre quella di Matteo Renzi si conferma al 41% con 405 voti. Il segretario del Partito democratico, Bersani, a Cassino vince il ballottaggio e se queste percentuali verranno confermate o accresciute a livello nazionale sarà il candidato premier per il centrosinistra.

F. Pensabene

2 dicembre 2012 0

Leggi antifumo UE: Bruxelles proibirà per legge la vendita delle sigarette al mentolo

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Una’altra buona notizia arriva dall’UE in termini di divieto di fumo. Questa volta ad essere colpiti saranno gli aromatizzanti, quali mentolo, vaniglia e mango che secondo quanto annunciato dal Commissario UE alla salute John Dalli saranno vietati.

La novità è stata riferita dall’edizione online del giornale tedesco Stuttgarter Nachrichten.

Le motivazioni della drastica decisione giungono dopo che gli esperti hanno stabilito che questi additivi facilitano l’assuefazione al tabacco, specie nei giovani fumatori.

Proprio di recente, il NEJM (“The New England Journal of Medicine”) la rivista scientifica edita dalla Massachusetts Medical Society, ha pubblicato le raccomandazioni della Tobacco Products Scientific Advisory Committee (TPSAC) che riguardano l’impatto dell’uso delle sigarette al mentolo (che costituiscono il 30% del mercato americano di sigarette) sulla salute pubblica compresi i bambini, gli afroamericani, ispanici ed altre minoranze etniche.

Il mentolo, secondo gli studi di per sé non sarebbe nocivo, né le sigarette al mentolo sarebbero risultate più pericolose per la salute di quelle senza, ma può influenzarne notevolmente il consumo proprio attraverso una più facile assuefazione: la dipendenza al fumo sarebbe legata al fatto che ne diminuisce le proprietà irritative, interagendo con i recettori della nicotina e migliorando la percezione della forza e del gusto delle sigarette. Inoltre, attraverso la sua azione rinfrescante e anestetizzante, modererebbe le sensazioni sgradevoli che normalmente si avvertono all’inizio e che molti non riescono a superare.

La dura ed auspicata presa di posizione della Commissione Europea nei confronti della vendita di tale tipo di sigarette, per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, potrebbe procurare notevoli benefici in termine di riduzione dei costi sociali relativi al consumo di tabacco in tutta l’UE.

Secondo le stime del TPSAC, infatti, se si continueranno a mettere in vendita le sigarette con additivi, nel 2020 si avranno circa 17.000 morti premature in più e ben 2,3 milioni di persone che avranno iniziato a fumare.

2 dicembre 2012 0

Mario e Marco Iaconianni in mostra a Pesche

Di admin

La Pro-Pesche ha indetto, anche quest’anno, in occasione delle festività natalizie, la ormai tradizionale mostra “I Presepi nel Presepe”, giunta alla sua XIII edizione. Opere presepistiche, provenienti da tutta Italia, saranno esposte in concorso nel Centro Storico di Pesche, dall’8 Dicembre al 6 Gennaio 2013. Nei locali della Proloco, proprio in questa occasione, sarà organizzata anche un’esposizione di tele, a firma di due artisti isernini Mario e Marco Iaconianni: padre e figlio, da oltre 10 anni, accomunati dalla passione per la pittura. Una trentina le opere che i due autori, entrambi autodidatti, hanno scelto per allestire la sala al centro del Paese, che arricchirà il già considerevole programma culturale della manifestazione. Ritratti di famiglia, olio su tela, volti e nudi ispirati a Klimt, che mettono in luce l’uomo e il suo animo, quelli di Marco; parlano invece, della sua terra di origine le pitture del padre Mario, che sceglie Tufara (Cb) ed i suoi panorami come soggetti principi della sua arte. I colori forti e gli elementi simbolici dell’uno si mescolano alle tinte più naturali ed alle immagini paesaggistiche dell’altro, rese più brillanti dalla presenza di uno speciale pigmento che ne valorizza la tela. Non mancano scorci dell’amata Puglia e sculture che uniscono pietra locale e legno, finemente lavorati insieme per dare agli oggetti le forme più impensate; quasi in grado, grazie a questa speciale fusione, di donare loro la vita. Da un lato emergono il turbamento e l’inquietudine tipici della giovane età, dall’altro gli scenari sereni ed appaganti dell’età matura che, nello stesso tempo e luogo, daranno alla personale due volti diversi e mai monotoni, legati però da un unico filo conduttore: l’amore per l’arte e per la sua espressività.

Una esposizione, dunque, da non perdere che resterà aperta per tutto il periodo della manifestazione di Pesche.

2 dicembre 2012 0

Peduzzi e Palma (Fds): “Con i lavoratori e i pazienti del San Raffaele per il diritto alla salute”

Di redazionecassino1

“Parteciperemo, lunedì, alla mobilitazione promossa  dalla Cgil, Cisl e Uil e dai lavoratori del San Raffaele di Cassino, in difesa degli oltre 400 dipendenti della Rsa che rischiano il licenziamento. Di fronte a un sistema privatistico che fa acqua da tutte le parti, l’unica via percorribile è la ripubblicizzazione dei servizi.

Non si possono scaricare sui lavoratori, né tanto meno sull’utenza, le conseguenza di una gestione sconsiderata della sanità. Facciamo quindi appello al commissario Bondi affinché intervenga per la salvaguardia occupazionale dei dipendenti e per la salute dei pazienti, la cui continuità terapeutica è messa in crisi da un sistema che danneggia in primo luogo la parte più debole della società”. E’ quanto affermano Ivano Peduzzi e Riccardo Palma, rispettivamente capogruppo della Federazione della Sinistra alla Regione Lazio e  segretario del Prc di Cassino.

2 dicembre 2012 0

Basket DNC: Derby amaro per Basket Cassino, sconfitta meritata 66-65 contro la Virtus Frusino

Di redazionecassino1

Derby dal sapore amaro per la nostra squadra che si fa scappare una grand’occasione per incamerare altri punti importanti nella sua seconda stagione nella DNC. Dopo aver condotto in sostanza per 36 minuti consecutivi la partita, dopo aver messo 12 punti di differenza a quattro minuti dalla fine il black-out terrificante che ha portato Frosinone a risalire la china tanto da vincere di un punto alla quarta sirena. Alla fine vittoria meritata per i padroni di casa che con l’innesto di D     elle Cave vincono una gara che cancella di colpo lo zero in classifica e da fiducia all’ambiente ciociaro, i nostri invece devono recitare il mea culpa, tante le sbavature mostrate durante tutta la gara, 13 errori dalla lunetta su 31 tentativi, 21 palle perse o regalate agli avversari senza contare la mancanza di cattiveria sportiva palesata in molti dei suoi protagonisti soprattutto nel momento cruciale della partita, quando si potevano amministrare diversamente i possessi per proteggere il buon vantaggio accumulato.

Al Cassino non sono bastati neanche i due falli tecnici fischiati dalla coppia arbitrale alla frusino per vincere la gara, forse la mancanza di un giocatore importante come Massimiliano Guida schierato solo per un minuto ha complicato ulteriormente le cose, ma questa gara non c’è piaciuta e ha lasciato l’amaro in bocca tra la dirigenza presente in massa al Pala città di Frosinone che sperava e pretendeva una prestazione migliore dai suoi ragazzi.

Onore al Frosinone che ci ha messo il cuore e quella cattiveria necessaria a vincere partite come queste.

Max Marzilli

 

PARZIALI: 11-14, 15-16, 16-15, 24-20

NUOVA VIRTUS FRUSINO: Grande ne, Delle Cave 17, Fiorini G. 12, Fiorini M. 9, Quaresima ne, Ruggieri 3, Maiuri 10, Porta 10, Andreozzi 3 , Rosichini 2.   All. Bordoni BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE BASKET CASSINO: Granata 8, Confessore 15, Lepore 3, Canzano 15, De Giorgio 8, Violo 11 , Di Donato ne, Onomo 0, Guida 0, Serafini 5.   All. Porfidia

2 dicembre 2012 0

Maxi sequestro a Cassino di olio da cucina e champagne

Di redazione

Olio da cucina e champagne sequestrati in grosse quantità in due diverse operazioni dalla polizia stradale dipendente del comando provinciale di Frosinone. Gli uomini del vice questore Bruno Agnifili hanno fermato ieri nei pressi di Pontecorvo, diretto a sud, un furgone che trasportava merce per un valore di oltre 70 mila euro in bottiglie di champagne di varie marche, oltre a vini pregiati e altro tipo di merce frutto, probabilmente, di furti nei supermercati. L’uomo alla guida del mezzo, un italiano, di origini napoletane ma residente a Lucca, ha riferito di aver comprato quella merce da zingari e che, non avendo un lavoro, si arrangiava a fare da corriere. Questa mattina, gli stessi agenti, sulla stessa direttrice, questa volta nei pressi del casello autostradale di San Vittore del Lazio, hanno fermato un autocarro che trasportava ben 1462 bottiglie di olio da cucina di una nota marca. Ha riferito di averlo pagato un euro al litro mentre il valore di mercato supera i 5 euro. Il corriere denunciato per frode alimentare ha raccontato che quella merce era stata destinata alla distruzione dall’azienda proprietaria, ma che gli incaricati della distruzione, invece, l’avevano rivenduta. Le indagini si sono spostate a Prato in collaborazione con la polizia stradale di Firenze. Ermanno Amedei

2 dicembre 2012 0

Domani la Capitaneria di Porto di Gaeta festeggia la patrona Santa Barbara

Di redazione

Domani alle 10.30 nel Santuario della Santissima Annunziata a Gaeta, S. E. Rev.ma Mons. Fabio Bernardo d’Onorio, Arcivescovo della diocesi di Gaeta, officerà la Santa Messa per la festività di Santa Barbara patrona della Marina Militare. Oltre al Contrammiraglio Francesco Maria de Biase (Comandante del Comando Militare Marittimo Autonomo della Capitale) parteciperanno alla celebrazione il sig. Prefetto di Latina e le altre massime Autorità Civili e Militari provinciali e locali. LA STORIA: nacque nel III secolo D.C. in Asia minore, in quella che è l’attuale Izmit, porto della Turchia, a quei tempi Nicomedia, per poi trasferirsi a Scandriglia, in provincia di Rieti. La leggenda vuole che suo padre Dioscuro, di religione pagana, l’avesse rinchiusa in una torre per proteggerla dai suoi pretendenti. Inoltre, per evitare che utilizzasse le terme pubbliche, gliene fece costruire di private. Barbara, vedendo che nel progetto vi erano solamente due finestre, ordinò ai costruttori di aggiungerne una terza, con l’intenzione di richiamare il concetto di trinità. Quando il padre vide la modifica alla costruzione intuì che la figlia poteva esser diventata cristiana e decise allora di denunciare sua figlia al magistrato romano che, in quei tempi di persecuzione, la condannò alla decapitazione. Era il 4 dicembre dell’anno 306. Secondo la leggenda, Dioscuro procedette all’esecuzione dopo averla torturata col fuoco, ma subito dopo venne ucciso da un fulmine, interpretato come punizione divina per il suo gesto. È invocata contro la morte improvvisa per fuoco, perciò gli esplosivi ed i luoghi dove vengono conservati vengono spesso chiamati “santabarbara” in suo onore.

2 dicembre 2012 0

Volley femminile: Ancora tre punti per BLS Lanciano 1 a 3 al Fuoriclasse Montesilvano

Di redazionecassino1
Ancora a punti la BLS LANCIANO, per la terza giornata consecutiva; questa volta è una vittoria da tre punti sul campo del Montesilvano e ci stanno tutti a parte una partenza un pò titubante nel primo parziale, quando le lancianesi fanno troppi errori in attacco ed al servizio; poi coach Litterio sistema tatticamente meglio il sestetto, la percentuale di errore diminuisce, i punti iniziano ad arrivare dalla battuta e da un attacco un pò più registrato; la formazione di casa ha delle buone capacità difensive ma non una continuità di gioco che impensierisca la BLS di questa sera, i due set centrali vanno via abbastanza agevolmente, le bianco blu frentane giocano anche un buon volley con attacchi dal centro ed in fast ed hanno la sensibilità di alternare attacchi profondi a pallonetti dalle bande laterali.

Il quarto set è il più equilibrato ed il Lanciano lo subisce un pò all’inizio ma ha la pazienza e la lucidità di recuperare nella parte centrale e nel finale quando Marta Di Mattia infila due aces ed un servizio che mette in difficoltà il Montesilvano, poi ci pensa Di Paolo a chiudere in attacco. Ci sarà una settimana di sosta per le elezioni nazionali della FIPAV e che consentirà di recuperare qualche acciacco che ancora affligge Della Valle e Gaeta poi il campionato di C riprenderà. FUORICLASSE MONTESILVANO Cirillo D’Amico D’Arcangelo Dell’Elce Di Salvatore Perna Piersante Vaccaro Vallese Sichetti Chiavarelli Perfumi 1All Perfumi  2All Veronesi BLS LANCIANO Milano 3 Di Menno 0 Di Mattia B 10 Di Paolo 13 Della Valle 13 Romano 8 Gaeta ne Di Mattia M 15 Salerno ne Sorrentini (L) 0 1All Litterio  2All Corzo Arbitri Sebastiani e Cherni di Pescara
2 dicembre 2012 0

Calcio a 5: Sesta vittoria per il Tofe C5, supera 5-0 il Legio Colleferro

Di redazionecassino1

Sesta vittoria in sette gare giocate per il Tofe C5. La squadra ferentinate ha superato la formazione del Legio Colleferro con il punteggio di 5-0. Non c’è stata storia nel match che si è giocato al palasport di Tecchiena, con i padroni di casa sempre con il pallino del gioco in mano e soprattutto con un Datti in giornata di grazia, che ha portato subito la contesa dalla parte degli amaranto, con una doppietta. A completare la cinquina ci hanno pensato il solito Romiri, Junior e Collepardo. Debutto nei padroni di casa per il giovane Pavia, che è riuscito a conquistare due vittorie in meno di una settimana, vista l’affermazione con la formazione Juniores contro la Sportime .

I colleferrini hanno tenuto bene per il primo quarto d’ora, poi la forza d’urto della capolista ha fatto la differenza. La doppietta di Datti ha tagliato le gambe al team allenato da Ambrosetti, che non è riuscito a reagire, subendo i colpi del ko da Romiri, Collepardo e Junior. Qualcosa nella Legio non ha funzionato, visto che la compagine rossonera non è riuscita ad esprimere lo stesso gioco  manifestato contro la Bellator Frosinone.  Una sconfitta che ci può stare per la squadra di Colleferro, che saprà certamente rialzarsi quanto prima. Una vittoria importante invece per  il Tofe che conferma gli ottimi progressi visti già nella sfida di San Giovanni Incarico. Il rientro di Sperduti ed il mercato invernale che è alle porte, sicuramente porteranno ancora più entusiasmo nel club di Massimo Bianchi e Maurizio Datti. Nel frattempo la squadra si gode il primato e guarda con attenzione al derby contro la Bellator.

Tofe – Legio Colleferro: 5 – 0

Tofe: Ribardo, Smania, Costantini, Datti, Pavia,  Romiri, Collepardo,  Junior, Martire,  Lanciotti . All. Datti. Dirigente accompagnatore: Scaccia.

Legio Colleferro C5: Mastronicola, Macali, Tapurali, Capuano, Zuccaro, Patrizi, Ragucci, Mennonna, Blonik, Del Ferraro, Lubrano. All. Simone Ambrosetti. Dirigente accompagnatore:  D’Urso.

Marcatori: Datti(2); Romiri;  Junior; Collepardo.

2 dicembre 2012 0

Rubano in un’officina, ma per quattro rumeni scattano le manette dei Carabinieri

Di redazionecassino1

Nella scorsa nottata, a Ceccano, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dei reati predatori, arrestavano quattro romeni, tre uomini ed una donna, tutti domiciliati presso il campo nomadi di Roma, via Prenestina, già censiti, per tentato furto aggravato in concorso. I predetti, poco prima, dopo aver scardinato la porta d’ingresso di un’officina meccanica di quel centro, alla vista dei militari dell’Arma prontamente intervenuti, tentavano una precipitosa fuga a bordo di un’autovettura terminata, dopo un breve inseguimento, in prossimità del casello autostradale del capoluogo. All’interno del mezzo venivano rinvenuti e sequestrati grimaldelli atti allo scasso, mentre gli arrestati venivano trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo.