Giorno: 7 dicembre 2012

7 dicembre 2012 1

San Raffaele, vinti dal freddo e dalle “chiacciere” i manifestanti scendono dal tetto

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tre giorni e due notti passate all’addiaccio sul tetto della clinica San Raffaele di Cassino sono serviti ad ottenere solamente l’incontro con l’amministratore delegato del San Raffaele Antonio Vallone, ma nessuna risposta certa sugli stipendi avanzati da settembre. Sono scesi oggi pomeriggio i manifestanti che si erano asserragliati sul tetto della clinica San Raffaele di Cassino. Si può dire che il loro sacrificio, unito a quello dei loro colleghi che hanno mantenuto vivo il presidio davanti ai cancelli bloccando più volte Via Di Biasio e mandando in tilt la circolazione stradale, non è servita a molto. Le risposte ottenute sono quelle che già si sapevano: bisogna spettare giovedì che il commissario della regione Lazio Bondi decida se sbloccare o meno i pagamenti di fatture all’azienda. Intanto è prevista per domani un’altra manifestazione di protesta. Nel giorno dell’Immacolata il corteo partirà dalla clinica e si snoderà per le vie del centro cittadino. Martedì la protesta si sposterà a Roma. Ermanno Amedei

7 dicembre 2012 0

Un Sorriso nel Mondo presenta a Lanciano il concerto dei Joel, l’incasso destinato per diffondere la cultura della musica

Di redazione

L’associazione Un Sorriso nel Mondo, con il patrocinio del Comune di Lanciano, presenta il concerto dei Joel, gruppo di 4 fratelli di origini congolesi che vivono in città da diversi anni. L’evento di beneficenza si terrà sabato alle 18 nella sala Mazzini di Lanciano e il ricavato sarà interamente devoluto all’acquisto di strumenti musicali da destinare in beneficenza. Sarà l’occasione per sentire dal vivo il primo concerto dei Joel, formazione musicale composta dai fratelli Giovanna, Jean Louis, Cristina e Jean Luc, nati e cresciuti in una famiglia particolarmente attenta alle arti e educati fin da piccoli dal loro papà al canto corale. Il CD è prodotto dal chitarrista lancianese Stefano Barbati, che dopo averli ascoltati cantare ha proposto loro di registrare in studio 6 brani composti dai 4 fratelli e arrangiati da alcuni musicisti frentani. “Il risultato è un gradevolissimo mini CD intitolato semplicemente JOEL – spiega Stefano Barbati – nel quale la freschezza delle composizioni viene arricchita da intriganti arrangiamenti ed accattivanti sonorità nelle quali le loro origini africane si incrociano con l’r’n’b, il soul, il funk e con un’evidente e riconoscibile vena melodica”. L’associazione Un Sorriso nel Mondo opera in Tanzania, nella regione di Singida in particolare, dove ha contribuito alla costruzione di un ambulatorio odontoiatrico nel dispensario delle suore missionarie dei Sacri Cuori.

7 dicembre 2012 0

Maltempo, allerta meteo per pioggia e neve nel fine settimana

Di admin

Una perturbazione di origine nord-atlantica, portatrice di aria molto fredda, sta iniziando a interessare il nostro Paese e nelle prossime 24-48 ore determinerà, in rapida successione, precipitazioni anche temporalesche sulle regioni centrali, nevicate a quote molto basse su gran parte del centro-nord e un generale rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso, pertanto, un avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quello emanato ieri, riguardante nello specifico le nevicate in atto nel Nord Italia. L’avviso prevede dalla sera di oggi, venerdì 7 dicembre, precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale su Umbria e Lazio e in successiva estensione sulla Campania. Dalla mattinata di domani, sabato 8 dicembre, si prevedono, poi, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Basilicata, Calabria, Sicilia, con particolare riferimento ai settori tirrenici e sulla Sardegna. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. L’avviso, inoltre, prevede dalla sera-notte di oggi, venerdì 7 dicembre nevicate al di sopra degli 800-1.000 metri, con apporti al suolo da moderati a elevati, su Umbria, Lazio orientale e Abruzzo. Dalla mattinata di domani si prevede poi la persistenza di nevicate, fino a quote di pianura, sui settori centro-orientali dell’Emilia Romagna, con apporti al suolo localmente moderati. Dal pomeriggio di domani si attendono nevicate, generalmente moderate, inizialmente a quote collinari, in abbassamento fino ai livelli di pianura, su Toscana orientale e Marche, in estensione a Umbria e Abruzzo e successivamente a Lazio orientale, Molise e Puglia settentrionale. Dalla sera di domani, sabato 8 dicembre, si prevedono nevicate al di sopra dei 600-800 metri, in calo fino ai 300-500 metri su Campania orientale e Basilicata, e al di sopra degli 800-1.000 metri – in successivo calo fino a 400-600 metri – su Calabria e Sicilia, con apporti al suolo generalmente moderati. Dalla mattina di domani si prevedono anche venti da forti a burrasca dai quadranti settentrionali, con raffiche fino a burrasca forte, su Marche, Umbria, Abruzzo, Lazio, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia. Saranno possibili mareggiate lungo le coste esposte. Alla luce delle previsioni disponibili, in concomitanza con il fine settimana dell’Immacolata, si raccomanda la massima prudenza nella guida a quanti si trovassero in viaggio nelle zone interessate dal maltempo. In particolare si consiglia di informarsi sulle condizioni della viabilità per il percorso che si intende seguire – prevedendo la necessità di dotarsi di catene o gomme da neve se comprende tratti stradali dove si prevedono nevicate e privilegiando le ore diurne per mettersi in viaggio, così da ridurre la probabilità di incontrare tratti ghiacciati. Per ridurre al minimo il rischio di incidenti in caso di neve o ghiaccio si raccomanda in ogni caso di usare la massima prudenza nella guida, moderando la velocità, aumentando le distanze di sicurezza ed evitando le frenate brusche. È utile ricordare che sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

7 dicembre 2012 0

Basket DND: BPC Virtus, sabato la trasferta con la SS Lazio. E’ una sfida che vale il campionato

Di redazionecassino1

Mancano poche ore alla supersfida tra Virtus Terra di San Benedetto Cassino e Lazio Basket. E’ questo l’incontro più atteso del girone A, quello in cui si daranno battaglia le due principali contendenti alla vittoria finale. Entrambi i team, infatti, sono ancora imbattuti, con la Virtus davanti ai biancocelesti in classifica in virtù della gara ancora da recuperare di questi ultimi contro il Pegaso Basket.

Archiviata la grande vittoria di sabato scorso con Sora, gli uomini di coach Vettese sono tornati al lavoro e stanno preparando in maniera certosina questa importantissima trasferta. I rossoblu hanno sonoramente battuto tutte le altre pretendenti al primo posto e rimane, dunque, solo lo scoglio Lazio per prendere il largo.

Sarà la sfida tra il miglior attacco del girone e la miglior difesa: mentre i cassinati hanno segnato 774 punti, di gran lunga lo score più alto di tutta la D laziale, i romani fanno della solidità difensiva la loro arma migliore. Solo 468 i canestri subiti dal team di coach Fabbri contro i 604 del team di Vettese.

Ma a sorprendere di più è l’età anagrafica dei ragazzi che compongono il roster romano: classe ’96 il play titolare Melillo, classe ’93 l’ala Lorenzi il top scorer del team biancazzurro, in cui nessun elemento supera i 20 anni. Questo la dice lunga sulla forza di questi giovani che siamo certi avranno un futuro roseo davanti a loro e domani metteranno in serie difficoltà il team cassinate che, invece, si regge sull’esperienza di De Monaco e compagni.

La Virtus TSB, che ha finora accumulato un margine importante sulle inseguitrici (6 punti il vantaggio sul Sora terzo in classifica), vuole scrollarsi di dosso anche la squadra romana e violare così per prima il campo del centro sportivo La Petriana, fortino inespugnabile della Lazio. Il calendario è dalla parte dei cassinati che avendo già incontrato tutti i team migliori, si potranno avvicinare con la giusta tranquillità alla pausa natalizia con l’ultimo match in casa contro la Smit San Cesareo terzultima.

Coach Vettese avrà tutti a disposizione, compreso lo sfortunato Gabriel Gonzalez che, dopo l’infortunio al dito di due settimane fa, sabato scorso ha subito una botta all’occhio, ma stringendo i denti sarà regolarmente in campo per aiutare i compagni.

L’incontro, che inizierà alle ore 20, sarà diretto da Silvio Faro di Tivoli e Simone Salvatori di Roma.

7 dicembre 2012 0

Domani l’inaugurazione del “Presepe Etnografico a Grandezza Naturale”

Di redazionecassino1

Dall’8 dicembre 2012 al 6 gennaio 2013 il Presepe Etnografico a Grandezza Naturale più lungo, più figurato del Lazio torna per il quindicesimo anno ad animare il centro storico di Serrone con un programma di intrattenimenti culturali, enogastronomici e musicali che hanno la durata dell’intero mese. Al Presepe sono state aggiunte, dallo scenografo Santi Migneco, altre figure allungando di più il percorso all’interno del suggestivo Borgo ed è stato dato più spazio alla tradizione, con diversi appuntamenti con i mercatini alla ex stazione, e alla cultura, con importanti mostre, tra cui spicca Wild Lazio organizzata dall’Info Point regionale (che ha curato anche una bella mostra d’arte) in collaborazione con il Sistema Archivistico Intercomunale, concerti di grande qualità e tanti appuntamenti per i più piccini.  Unica nel suo genere riapre anche il museo con la mostra permanente dei Costumi Teatrali della sartoria Bice Minori allestito con la collaborazione dello scenografo Santi Migneco. Per tutta la durata della manifestazione saranno inoltre aperti il punto informativo presso la Pro Loco e le caratteristiche cantine dove gustare sapori tipici locali e vino Cesanese con tanto folklore e spettacoli di varia natura. Oltre a S.E. Cardinale Dario Castrillion Hoyos, ospite speciale il 21 dicembre per festeggiare il 60esimo di sacerdozio, domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani pomeriggio sarà il Vescovo Monsignor Domenico Sigalini a dare la benedizione al presepe in occasione dell’inaugurazione ufficiale, davanti alle autorità religiose, civili e militari.  Moltissime sono, comunque, le iniziative messe in cantiere dal comitato organizzatore, presieduto dal vice sindaco e Assessore al Turismo Enilde Tucci, che ha anche organizzato una lotteria con tantissimi premi e il bel concorso Addobba la tua contrada, che ha coinvolto tanti cittadini. “Anche quest’anno – commenta l’assessore Tucci – siamo riusciti con i sacrifici ad allestire un programma per grandi e bambini, con l’aiuto delle nostre associazioni che ci aiutano ad animare il paese durante le festività e renderlo una meta da raggiungere per le scuole (a cui sono dedicate speciali visite guidate) e le famiglie”.

“Un programma ricco – aggiunge il sindaco Maurizio Proietto – che, fino alla Befana, renderà Serrone un riferimento per le famiglie del frusinate e della provincia di Roma, che come sempre faranno un salto qui per far vivere ai loro bambini una giornata diversa, magari degustando qualche piatto tipico o i nostri vini”.  La manifestazione è organizzata in collaborazione con il Comune di Serrone e con l’Associazione Culturale Serrone, l’Associazione Amici dello Scalambra, l’Associazione gli Amici del Carnevale, l’Associazione Serrone Vola, l’Associazione Pro Loco, l’Associazione Amici Senza Frontiere, l’Associazione Rocca D’oro, il Consiglio dei Giovani e le Parrocchie Sacro Cuore di Gesù e San Pietro Apostolo, l’Istituto Comprensivo “Salvatore Prili”, il Centro Anziani, la C.R.I. Serrone e il F.V.R.S. Serrone con il supporto dell’Info Point Regionale e di Lazioservice Spa.

7 dicembre 2012 0

Strasburgo, un ricercatore di Fondi, Domenico Terenzio, al 1° Congresso Mondiale sui Biostimolanti

Di redazionecassino1

Il dott. Domenico Terenzio sta riscuotedo un grande successo in tutto il mondo per le sue scoperte nel campo dell’agricoltura, sintomo di come sia apprezzata la ricerca italiana (e pontina) fuori dai confini peninsulari.

Nei giorni scorsi a Strasburgo si è tenuto il primo “WORLD CONGRESS ON THE USE OF BIOSTIMULANTS IN AGRICULTURE”, organizzato da NEW AG INTERNATIONAL, sponsorizzato dall’EBIC (EUROPEAN BIOSTIMULATS INDUSTRY CONSORTIUM), per esplorare lo stato delle conoscenze e delle acquisizioni scientifiche e tecnologiche in materia. Questo primo convegno ha visto la presenza di molti prestigiosi relatori internazionali, i quali hanno discusso circa l’impatto dei biostimolanti nella nutrizione vegetale, nello stress abiotico, nei meccanismi di difesa delle piante e nella loro crescita e sviluppo, come anche circa gli aspetti normativi che regolano l’uso di tali prodotti nei principali mercati europei. E tra gli invitati, uno dei più attesi, figurava anche il dott. Domenico Terenzio, Direttore tecnico scientifico dell’azienda “Fertirev” (società del gruppo Medestea Internazionale SpA), ma soprattutto fiore all’occhiello della ricerca pontina, in quanto nativo di Fondi.

«Al Congresso Mondiale sui Biostimolanti – ha spiegato Terenzio – ho incontrato numerossimi ricercatori di ogni nazionalità e aziende che operano nel settore agricolo, con cui ho parlato delle enormi potenzialità delle mie tecnologie, coperte da brevetti internazionali e riconosciute in tutto il mondo; in modo particolare ho incontrato tecnici USA, Cina, Russia, Sud Corea, Venezuela, Brasile, Perù, Cile, Canada, Turchia, Francia, Olanda, Israele, Nuova Zelanda, Spagna».

Forte è stato l’interesse dei tecnici e delle aziende commerciali ed industriali operanti nel settore delle coltivazioni agricole, di ogni area del mondo. Questo perché le tecnologie ideate dal dott. Terenzio, brevettate in tutto il mondo nel 2003 e 2009, sono state negli anni testate in ogni area del pianeta (dai tropici alle aree desertiche) e sulle differenti colture, con risultati eccezionali. Per ciò che riguarda l’azione biostimolante sulle difese endogene delle piante, queste tecnologie favoriscono l’incremento delle produzione delle fitoalessine (contro le infezioni fungine) e delle proteine di resistenza (contro le infezioni batteriche) e sono state confrontate con quelle delle più quotate multinazionali del settore, evidenziando, sempre, risultati superiori a queste.

Questi i brillanti risultato ottenuti nei quattro anni di sperimentazioni scientifiche presso l’Università di Modena e Reggio Emilia seguite dal Prof. Emilio Stefani sulle infezioni batteriche delle drupacee (Xanthomonas Arboricola pv. pruni) e in altrettanti sulle infezioni da Peronospora (Plasmopora viticola) presso il centro di saggio riconosciuto dal Ministero dell’Agricoltura della Viten di Calosso (Asti) diretta dal Dr. Albino Morando.

«All’incontro di Strasburgo – conclude Terenzio – ho avuto il piacere di incontrare, dopo circa otto anni, il Prof. Ugo Omar Ramirez Guerrero dell’Università Centro Occidentale Lisandro Alvarado di Barquisimeto (Venezuela), il quale è stato il primo ricercatore ad utilizzare un mio potente biostimolante elicitore (potenziatore delle difese endogene delle piante, BACTIME) per il controllo della batteriosi della cipolla e della sitagoka nigra delle banane, senza che le colture ne avessero residualità di sostanze chimiche dannose per la salute dei consumatori».

I biostimolanti elicitori rappresentano sempre più il futuro della nuova agricoltura a basso impatto ambientale, altamente ecosostenibile, in grado di salvaguardare sia l’ambiente che la salute degli operatori e dei consumatori, permettendo di limitare l’impiego di agrofarmaci molto tossici e residuali, migliorando la qualità e le quantità delle produzioni agricole.

7 dicembre 2012 0

Pony di Esperia a rischio estinzione. I lupi attaccano selvaggiamente gli ultimi esemplari

Di redazionecassino1

Salvare dall’estinzione il Pony di Esperia è, per gli allevatori di questo splendido cavallo e per l’associazione che li rappresenta, una missione che giorno per giorno si sta facendo sempre più dura.

Questa volta non parliamo solo della crisi del mercato ma parliamo di qualcosa di più antico, ovvero la condivisione dei territori marginali delle nostre montagne tra i pony ed i lupi, questi ultimi tornati a ripopolare il Parco degli Aurunci e la dorsale dei Lepini, in maniera consistente e non più con animali solitari ma con piccoli branchi, più efficienti e determinati nelle tecniche di caccia.

Solo sugli Aurunci e più precisamente sul monte Appiolo ci vengono segnalati, dall’allevatore Franco Mattei, 35 capi uccisi dall’inizio dell’anno, ed ora che sono finiti i puledri gli attacchi si stanno rivolgendo alle fattrici gravide, il che significa perdere 2 capi alla volta, se consideriamo il puledro che non nascerà. La situazione è ovviamente complessa e gli indennizzi promessi agli allevatori prevedono una trafila burocratica lunghissima che oltretutto non è affatto tempestiva nei risarcimenti. Gli allevatori vedono fortemente minacciato il loro duro lavoro e visto che a contendersi i territori sono due animali minacciati di estinzione, la soluzione è complessa ed andrebbe concertata a più livelli, ad esempio tra Corpo Forestale dello Stato, Parchi, Istituzioni Locali ed allevatori aiutandoli ad adoperare, magari, in maniera costruttiva i fondi comunitari che tutelano la biodiversità e gli attacchi da fauna selvatica.

In conclusione, l’Associazione Allevatori Pony di Esperia è disposta al dialogo con chiunque abbia a cuore il nostro territorio e sia interessato al mantenimento dei pony allo stato brado, ma soprattutto li metta alla pari degli altri animali selvatici. Perché la tutela della biodiversità e la salvaguardia degli habitat non siano solo delle belle parole, ma concreti interventi che rappresentino un’opportunità per chi ancora tutte le mattine, con passione, segue i propri animali in montagna.

7 dicembre 2012 0

Le Fontane danzanti in via Aldo Moro l’8 e il 9 dicembre

Di redazionecassino1

Lo spettacolo delle fontane danzanti giunge nel capoluogo e sarà possibile ammirarlo l’8 e il 9 dicembre in via Aldo Moro. Con Cazacu’s Fontane Danzanti il fascino dell’acqua e l’eleganza del movimento si fondono in una concezione di fontana che ricrea la grazia e la bellezza del balletto del balletto. Visibile attraverso una serie di arcate, l’acqua crea spruzzi d’acqua che non solo si alzano e si abbassano, ma oscillano da una lato all’altro, girano in tondo, imitando i veri ballerini. Lo stile dello show Cazacu’s è molto elegante; è un display lineare di pompe e luci. Gli spettacoli d’acqua musicali utilizzano la base meccanica; le pompe a velocità multipla, offrono altezze d’acqua variabili. Gli spettacoli musicali Cazacu’s sono uno dei pochi di questo genere che ad oggi conservano l’eleganza di un’attrazione visiva impareggiabile. Le fontane musicali fisse sono costruite dalla Cazacu’s Fontane e possono essere completamente controllate da un computer. La fontana musicale Cazacu’s è un tipo di fontana animata per scopi di intrattenimento che crea un design estetico e, a volte su richiesta, un’immagine tridimensionale. Questo fatto avviene utilizzando gli effetti a tempo, onde sonore e la luce laser, il tutto volto verso le particelle d’acqua. La luce rifrange e riflette sull’acqua, solo in tal modo può essere creata un’immagine tridimensionale.

7 dicembre 2012 0

Ritrovati resti ossei risalenti al IX-X sec. D.C., accanto a San Pietro della Foresta

Di redazionecassino1

Resti ossei umani sono venuti alla luce vicino il rudere del vecchio monastero di  San Pietro della Foretsta, edificato da monaci greci in Monticelli, località Campogrande,  intorno al  IX°-X° sec. D.C. Le abbondanti piogge di questi giorni  e le conseguenti esondazioni dei fossi di scolo hanno aperto un solco profondo nelle vicinanze del rudere, facendo venire alla luce  frammenti ossei ed un’arcata dentale intatta e ben conservata appartenenti ad un corpo umano. I resti sono stati notati dal proprietario del terreno, sig. Paolo Cerrito, il quale ha provveduto tempestivamente ad informare del rinvenimento il Sindaco e la locale Stazione dei Carabinieri. Dopo un sopralluogo effettuato congiuntamente dalle suddette Autorità, il maresciallo Giacomo Forino, Comandante della Stazione di Esperia, ha provveduto  ad informare del fatto il Sostituto Procuratore della Repubblica, Dr. Alfredo Mattei, ed al recupero dei resti per l’espletamento dei primi accertamenti di rito.

Successivamente, dopo che esperti hanno constatato che i reperti risalgono a molti anni fa, il Maresciallo Forino, custode temporaneo degli stessi, ha invitato il Sindaco ad attivarsi per chiedere l’intervento della Soprintendenza ai Beni Archeologici del Lazio, cui, già nella mattinata di ieri, sono stati affidati i resti per lo studio e l’approfondimento scientifico del caso.

“ Spero- ha detto il Sindaco, prof. Giuseppe Moretti – che il rinvenimento di resti umani vicino il rudere del monastero di S. Pietro della Foresta, diventato, poi, S.Clino della Foresta e meglio conosciuto,oggi, con il nome di S. Cimo ( denominazione di origine dialettale), possa servire da stimolo alle Autorità competenti per avviare uno studio di ricerca, di recupero e di valorizzazione di un sito archeologico importante, noto a tutti e riportato su tutte le mappe del Ministero dei Beni e Attività Culturali.

L’Amministrazione comunale è disposta a sostenere, per quanto di competenza, tutte le iniziative che mirino a valorizzare ed a preservare dalla distruzione totale una testimonianza archeologica così importante, di cui, con il passare del tempo, si rischia di non avere più traccia. Del resto, tutti sanno che il rudere dell’antico monastero sorge vicino ad un’area ben più vasta, ove, anni fa, in occasione della realizzazione di opere pubbliche importanti ( metanodotto, rete irrigua, ecc.) furono rinvenuti insediamenti risalenti di origine romana ”

7 dicembre 2012 0

Stalking lesbo, 20enne in manette

Di admin

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Chieti, hanno tratto in arresto una ragazza di 20 anni, con precedenti penali, responsabile dei reati di atti persecutori, percosse e lesioni nei confronti dell’ex fidanzata, anche lei 20enne. La giovane, che attualmente si trova agli arresti domiciliari, ad Agosto, era stata già arrestata dai Carabinieri di Chieti, per aver minacciato ed intimorito la sua coetanea, colpevole di voler interrompere la loro “storia d’amore”. Nonostante l’arresto, la giovane, non si era persa d’animo, ed aveva continuato a perseguitare l’ex fidanzata con sms e telefonate minacciose, arrivando perfino ad aggredirla lo scorso Novembre e procurandogli delle lesioni con un referto di 5 giorni di prognosi. Per queste ragioni, i carabinieri, avevano fatto scattare nei suoi confronti anche una denuncia in stato di libertà con le accuse di atti persecutori, minacce, percosse e lesioni personali. A partire da quel momento, le indagini svolte dagli uomini dell’Arma, hanno poi permesso di accertare che l’arrestata, nei giorni successivi, aveva continuato ugualmente a perseguitare la sua coetanea, diventando sempre più insistente e minacciosa. Per queste ragioni, il G.I.P. del Tribunale di Chieti, ha quindi emesso nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari che è stata eseguita, lo scorso pomeriggio, dai carabinieri.