Giorno: 31 dicembre 2012

31 dicembre 2012 0

Petardi innescano incendio a Formia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Vigili del fuoco a lavoro, nel tardo pomeriggio di oggi in via Gramsci a Formia. L’esplosione di petardi, poco prima delle 19, hanno causato l’incendio di una macchia di vegetazione alle spalle della chiesa di San Giovanni. Sul posto sono dovuto intervenire i pompieri del distaccamento di Gaeta inaugurando, così la notte di San Silvestro che, si spera, possa limitarsi solo a questo incendio. Er. Amedei

31 dicembre 2012 0

Auguri agli angeli custodi del 118 e del 115

Di redazione

Un altro anno sta finendo, un anno difficile per molti, forse anche per qualcuno di voi. Un anno di difficoltà economiche, di occupazione, di tagli alla sanità, ma Voi, operatori del 118 e del 115 (ambulanzieri e vigili del fuoco), siete stati sempre accanto a tutti coloro che si son trovati in difficoltà, a svolgere con professionalità, serietà e amore per il vostro lavoro, al servizio dei cittadini. Siete stati accanto a chi ha avuto bisogno d’aiuto, nella maggior parte dei casi con successo, a volte meno, ma sempre accanto a chi soffre. A voi, che anche nelle ore in cui tutti festeggiano, continuate a lavorare, va il nostro ringraziamento di cittadini, di operatori dell’informazione, ma soprattutto l’augurio di un sereno 2013. Buon Anno dalla redazione de www.ilpuntoamezzogiorno.it! Felice Pensabene Antonio Nardelli Alberto Ceccon Ermanno Amedei

31 dicembre 2012 0

Pusher di Minturno getta il sacchetto della droga e fugge, inseguito e arrestato a Fondi

Di redazione

Ieri sera i Carabinieri di Fondi, unitamente ai militari del NORM del Comando Compagnia di Gaeta, dopo un rocambolesco inseguimento, sono riusciti a bloccare e trarre in arresto un pregiudicato di Minturno (LT) che in fuga a bordo di un ciclomotore si era disfatto di uno zaino contenente 253 grammi di marijuana e 93 grammi di hashish. La successiva perquisizione domiciliare eseguita dai militari presso l’abitazione dell’uomo, ha consentito di rinvenire un altro grammo di marijuana, un bilancino di precisione e materiale da taglio. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, mentre l’uomo condotto presso la Casa Circondariale di Latina.

31 dicembre 2012 0

Il 2013 porta la chiusura dei distaccamenti dei vigili del fuoco di Arce e Castelforte

Di redazione

Dal primo gennaio chiuderanno le sedi distaccate dei vigili del fuoco di Castelforte, in provincia di Latina, e di Arce, in provincia di Frosinone. Sono i presidi dei pompieri finanziati con soldi regionali che3 servono per coprire quelle zone più distanti dai distaccamenti mantenuti dal Ministero. La Regione Lazio, almeno per il momento, non ha dato indicazioni in merito alle intenzioni di rinnovare la convenzione, per questo, a partire da domani, il personale, scelto tra i pompieri liberi dal servizio, non assicurerà più la copertura sulle zona di Castelforte, quindi lontani da Cassino e da Gaeta, e su quella di Arce, equidistante da Sora, Cassino e Frosinone. Stessi problemi si sono avuti anche lo scorso anno, salvo poi riuscire a trovare i fondi necessari per riattivare il servizio. Quest’anno, però, l’amministrazione regionale in mano ad un commissario straordinario, potrebbe decidere per il taglio sulla sicurezza, un altro calcio nel fondoschiena della gente che paga le tasse abitando anche nei territorio che rimarranno scoperti dal servizio primario che offrono i vigili del fuoco. Ermanno Amedei

31 dicembre 2012 0

Guardie ittiche Fipsas, in un anno quasi 30mila euro di multe sui fiumi pontini

Di redazione

Ben 28.700 euro è l’ammontare complessivo dei 349 verbali redatti nel corso del 2012 dagli agenti della guardie provinciali ittiche fipsas, coordinate dalla Polizia Provinciale di Latina. Una serei lunghissima di controlli sulle sponde dei fiumi pontini ha permesso agli uomini diretti dal responsabile provinciale Emiliano Ciotti di liberare dalle reti cefali, carpe, spigole,carassi, pesce gatto per un peso complessivo di 280 chili e di sequestrare una ingente quantità di attrezzatura illegale o illegalemnete usata. Tra i trasgressori si contano 34 italiani, 282 rumeni, ma ci sono anche moldavi bulgari, polacchi e cinesi.

31 dicembre 2012 0

Lotta ai fuochi pirotecnici illegali, i Carabinieri continuano i sequestri per un “capodanno sicuro”

Di admin

A Parete (CE), i Carabinieri della locale stazione hanno deferito in stato di libertà all’A.G. un ventinovenne del luogo ritenuto responsabile di commercio abusivo di materie esplodenti. I militari dell’Arma, nel corso di uno specifico servizio di prevenzione e repressione dei reati in materia di produzione, detenzione e commercio di artifizi pirotecnici illegali, hanno sorpreso il predetto, nelle vie del centro, a commercializzare materiale pirico di V categoria per complessivi kg. 7 (sette) circa. Tutti gli artifizi sono stati sottoposti a sequestro. A Casal di Principe (CE), nell’ambito di un servizio coordinato finalizzato alla repressione del commercio illegale di artifizi pirotecnici, i carabinieri della locale stazione hanno deferito, in stato di libertà per “commercio e omessa denuncia di materie esplodenti”, un quarantunenne del luogo trovato in possesso, a seguito di perquisizione locale, di complessivi: –  kg. 1,00 (uno/00) circa di artifizi pirotecnici illegali, sottoposti a sequestro penale; –  kg. 140,00 (centoquaranta/00) circa di artifizi iv e v categoria e di libera vendita, sottoposti a sequestro amministrativo. ambito medesimo servizio venivano sottoposti a sequestro amministrativo: –  kg. 7 (sette/00) circa di artifizi pirotecnici di libera vendita, rinvenuti nella disponibilità di un secondo soggetto, non autorizzato alla vendita; –  kg.  4 (quattro/00) circa di artifizi pirotecnici di libera vendita, rinvenuti nella disponibilità di un terzo soggetto, non autorizzato alla vendita. Gli artifizi pirotecnici sono stati sottoposti a sequestro e prelevati dai Carabinieri artificieri del Reparto Operativo Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta, intervenuti sul posto, che provvederanno alla relativa distruzione.

31 dicembre 2012 0

Beccati mentre rubano in una struttura alberghiera di Filignano, arrestati due 40enni

Di admin

Operazione di servizio dell’Arma della Compagnia di Venafro che questa notte ha operato l’arresto nella flagranza del reato di furto di due 40enni residenti nella piana Venafrana.

I due sono stati “beccati” con le mani nel sacco all’interno di una struttura alberghiera di Filignano da qualche tempo chiuso al pubblico, ove erano entrati previa effrazione di una finestra posta sul lato posteriore, asportando posate e materiale elettrico “cannibalizzato” all’impianto del complesso ricettivo.

I militari della locale Stazione collaborati dal Nucleo Operativo della Compagnia di Venafro, da qualche tempo avevano intensificato la vigilanza e tenevano d’occhio la struttura che già in precedenza era stata presa di mira da ignoti predatori.

Ora i due uomini, dopo le formalità di rito trascorreranno il tramonto del 2012 nel carcere di via Ponte S.Leonardo di Isernia ove sono stati associati a disposizione dell’Autorità Giudiziaria del capoluogo Pentro, immediatamente avvisata.

31 dicembre 2012 1

Il Governo Monti ha mantenuto fede solo alle promesse fatte alle banche

Di redazione

di Max Latempa Un recente studio pubblicato da Il Sole 24 ore ha fatto il bilancio finale del Governo Monti ed ha stabilito che solo il 25% dei provvedimenti attuativi delle riforme è giunto al traguardo. Ne restano da fare ancora 355 su un totale di 476. Al vaglio del giornale di Confindustria è stato posto il lavoro attuativo di 7 dei principali provvedimenti di riforma, dal Salva Italia alla spending review. E questo misero risultato si è avuto nonostante che il governo abbia goduto, per oltre un anno, di una maggioranza così ampia che non si era mai vista prima in Italia.

Monti ha in pratica tenuto solamente fede alle promesse fatte a coloro per cui ha lavorato in passato, cioè alle banche e all’Unione Europea. Cioè a chi lo ha messo al governo.

E gli italiani, che avevano invece bisogno di un governo che risolvesse i problemi vitali impellenti e di interesse comune (lavoro,giustizia, sanità, trasparenza), sono rimasti ancora una volta imprigionati nella rete di interessi che volano sopra le loro teste.

Così, nonostante il salasso dell’ Imu, dell’ aumento dell’ Iva, delle accise sulla benzina e dei tagli alla sanità, il debito pubblico continua a crescere ed ha sfondato quota duemila miliardi.

L’ Europa continua a rappresentare per noi un fiume di soldi in uscita, senza che gli eventuali piccoli benefici rappresentino una miglioria al declino economico e produttivo nazionale. Le banche continuano a vendere i mutui a tassi altissimi, anche se ormai accendere un mutuo è diventato un terno al lotto per oltre la metà degli italiani.

In questo scenario il Professor Mario Monti ha pensato bene di candidarsi come premier alle prossime elezioni politiche,come se nulla di tutto ciò lo riguardasse. E magari ci sarà pure qualcuno che lo voterà, tenendo in piedi il teatrino ancora per 5 anni.

Buon 2013 a tutti.