Il Consiglio comunale dice sì ai nuovi centri commerciali

28 dicembre 2012 0 Di redazionecassino1

Slancio al commercio, rilevanti input occupazionali e riqualificazione urbana: questi gli importanti obbiettivi di sviluppo che la città di Gaeta potrà raggiungere, grazie all’approvazione unanime di due punti all’ordine del giorno nel Consiglio Comunale, riunitosi giovedì 27 dicembre 2012. Consiglio chiamato a prendere atto di due varianti proposte dal Consorzio Industriale Sud Pontino, di cui una relativa ad un’area di proprietà consortile, e l’altra su zona demaniale gestita dall’Autorità Portuale.

Un grande successo messo a segno dall’Amministrazione Mitrano, in perfetta linea con l’attuazione del suo programma di governo, che porterà alla realizzazione di una grande struttura di vendita in località “Vivano” (meglio conosciuta come Bevano), con campi sportivi adiacenti, e alla creazione di una media struttura commerciale nel quartiere La Piaja.

Voto unanime dei consiglieri, quindi, per il punto 3 all’Odg: Presa d’atto del Piano Particolareggiato in Località “Vivano”, redatto dal Consorzio Industriale Sud Pontino in conformità al P.R.G. Consortile. Ratifica documenti programmatici sottoscritti dal Consorzio di Sviluppo Industriale ed i Comuni di Gaeta,Itri e Ventotene in data 18/07/2012 e 07/08/2012. Grande struttura di vendita. Determinazioni.

Si dà così il via all’attuazione di uno specifico programma volto alla costruzione, da parte di privati, di un centro commerciale di grandi dimensioni nell’area di Monte Conca sud, denominata Vivano o Bevano. Contestualmente i privati si impegnano a realizzare, a proprio onere, impianti sportivi nella zona limitrofa, così come opere accessorie e pertinenziali quali parcheggi, illuminazione, viabilità ed arredo urbano.

 “In sostanza si tratta di un’evoluzione del progetto della Cittadella della Nautica – spiega il Sindaco Cosmo Mitrano – a favore del potenziamento del tessuto commerciale cittadino, in un’area davvero strategica dal punto di vista logistico, situata tra Itri, Gaeta e Formia. I benefici che la nostra città ne trarrà saranno davvero considerevoli, a partire dalle ricadute positive in ambito occupazionale. Con il voto di oggi sosteniamo, infatti, interventi a favore di un settore particolarmente sofferente dell’economia gaetana qual è quello commerciale e offriamo nuovi servizi ai cittadini per lo sport, lo svago, il tempo libero. Al contempo andiamo a riqualificare zone di Gaeta inutilizzate o in degrado, che hanno però enormi potenzialità economiche e sociali. La crescita della città deve passare attraverso queste strategie di sviluppo, nelle quali siamo fortemente impegnati, al fine di determinare quella necessaria inversione di rotta che tutti auspichiamo per il bene della città. Per Gaeta che finalmente potrà decollare. Il voto unanime del Consiglio ci dice che stiamo lavorando nella direzione giusta”.

Unanimità raggiunta anche per il punto 4 all’Odg: Presa d’atto della variante esecutiva ex art.1/bis L.R. 02/07/1987 n°36 del Planivolumetrico del “Comparto A” – area portuale, redatta dal Consorzio Industriale Sud Pontino. Media struttura di vendita. Determinazioni.

 

Si tratta della creazione di una media struttura di vendita, da parte di privati, nell’area antistante il quartiere La Piaja, lasciando comunque inalterato l’adiacente campetto sportivo di S. Carlo, per il quale, tra l’altro, sono previsti lavori di ristrutturazione e miglioramento.

Anche in questo caso – afferma l’Assessore all’Urbanistica Pasquale De Simone – gli input economici ed occupazionali del progetto si accompagnano all’opera di riqualificazione del tessuto urbanistico che, attualmente nel quartiere La Piaja. è particolarmente disomogeneo. L’ingresso alla città sarà rinnovato restituendo a Gaeta un’immagine più appropriata. Finalmente non saremo più terra di colonia dei Comuni limitrofi, ma diventeremo protagonisti delle attività commerciali, riappropriandoci di tutte le nostre capacità e di tutte le nostre risorse in tale ambito. Finalmente anche Gaeta sarà competitiva, in grado di attrarre consumatori e capitali, creare posti di lavoro e produttività, in una parola “sviluppo”.

All’Ordine del Giorno del Consiglio anche altri due punti proposti dal capogruppo consiliare UDC Giuseppe Matarazzo. Uno  relativo allo “Stadio RICINIELLO, ritirato dallo stesso proponente,e l’altro inerente l’«Accordo programmatico tra Autorità Portuale, Comune di Gaeta, Capitaneria di Porto di Gaeta, Base Nautica “Flavio Gioia” ed Associazione Nautica “Darsena Montesecco” che non è stato discusso per mancanza del numero legale.

Il