Giorno: 1 gennaio 2013

1 gennaio 2013 0

Sequestrati a Frosinone 30 chili di botti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nel pomeriggio di ieri a Frosinone, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno eseguito due perquisizioni domiciliari nei confronti di P. M. 46enne e S. G. 24enne entrambi di Frosinone gravemente sospettati di mantenere occultati presso le rispettive abitazioni artifizi di cui ne è viettata la vendita. I carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 30 chili di artifizi prodotti artigianalmente di cui ne è vietata la vendita. I due uomini sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Frosinone ai sensi dell’Art. 2 Legge n. 895/67.

1 gennaio 2013 0

Due morti sospette tingono di giallo il capodanno Cassinate

Di redazione

Il capodanno a Cassino è iniziato con due morti sospette avvenute a poche ore di distanza l’una dall’altra e che hanno richiesto l’intervento della magistratura. Il primo decesso è avvenuto quattro ore dopo l’inizio del nuovo anno in piazza San Giovanni a Cassino. un 61 anni, di San Pietro infine, ha imboccato una strada contromano litigando con un altro automobilista che glielo ha fatto notare. Secondo la versione fornita da quest’ultimo, il 61enne si sarebbe accasciato a terra, accusando un malore ed è morto. La magistratura inquirente ha disposto il sequestro della salma per conoscere la natura del decesso. Qualche ora dopo, alle 6 circa, una donna di 34 anni Angela Florentina Kapic, di origini rumene ricoverata presso una clinica privata di Cassino, è morta a causa di un trauma cranico. La donna era stata ricoverata per curare i traumi di un incidente. Anche in questo caso la procura cassinate è intervenuta e chiederà un esame autoptico per stabilire se il trauma cranico killer era già presente al momento del ricovero o successivo. Ermanno Amedei foto repertorio

1 gennaio 2013 0

Un tuffo nel mare di Gaeta per festeggiare il Capodanno, si ripete la tradizione

Di redazione

Il sole non splendeva e la temperatura, stamattina, era tutt’altro che mite. Nonostante ciò il tradizionale tuffo di buon augurio per il 2013 andava fatto e in 80 si sono ritrovati sulla spiaggia di Serapo a Gaeta per immergersi nella acque del Tirreno. Ciò che a luglio viene indicato come un bagno refrigerante, fatto a Gennaio, con la temperatura intorno ai dieci gradi, la definizione deve per forza cambiare. Temerari, da sette anni, un gruppo di amici festeggia in capodanno con un bagno decisamente fuoristagione. A mezzogiorno il gruppo si ritrova sulla spiaggia di Serapo con spumante, panettoni e costume da bagno. Uno, due, tre, via e chi vuole partecipa al singolare saluto del nuovo anno può farlo gettandosi a mare. “Abbiamo iniziato in cinque – dichiara Giorgio Marinacci – oltre a me c’erano Massimo Masella, Mauro Masella, Salvatore Di Fonzo e Lino Striano. Adesso siamo oltre ottanta tra cui anche stranieri o gente che viene appositamente anche da altre cittá. Lo facciamo in ogni condizione climatica e ricordo che nel 2009 e 2010 lo abbiamo fatto anche con la mareggiata. Gaeta é una cittá caratterizzata dal mare e questo é il sistema migliore per fare gli auguri di buon anno a tutti. Devo dire che nessuno di noi, dopo il tuffo, si é mai ammalato. buon 2013 a tutti”. Ermanno Amedei

1 gennaio 2013 0

Soldi falsi sull’autostrada, La Stradale arresta brasiliano con 1800 euro “copiati”

Di redazione

Aveva addosso una ingente somma i danaro falso e, questa mattina, è stato individuato, fermato e arrestato dagli agenti della sottosezione di polizia stradale di Cassino sul tratto di A1 che attraversa la Città Martire. Erano le 08.20 quando, in direzione sudgli agenti diretti dal sostituto commissario Giovanni Cerilli , dopo un lungo inseguimento sul filo dei 200 Km/h iniziato all’altezza del casello di Ceprano, dove il conducente alla vista degli operatori accelerava la marcia per un chiaro tentativo di fuga, hanno proceduto al fermo ed al controllo di un’autovettura Fiat Marea con targa italiana. A bordo del veicolo viaggiavano due ragazzi di cui uno di origine brasiliana R. R. di anni 28 (passeggero) e l’altro di origine napoletana C. S. di anni 20 (conducente) residenti rispetti-vamente a Scafati (SA) e Boscoreale (NA). Durante la fase di controllo, i due giovani, in particolar modo il passeggero R.R., manifestavano un evidente stato di nervosismo, fornendo nella circostanza risposte contrastanti e molto evasive a domande circa la loro provenienza e la natura del viaggio, nonché sul loro tentativo di fuga. Dagli immediati riscontri in Banca dati, emergevano a carico del cittadino di origine latina americana c’erano numerosi precedenti penali, pertanto gli agenti ritenevano necessario procedere all’ispezione del veicolo che veniva estesa anche alle persone. La perquisizione dell’autovettura dava esito negativo, mentre nella tasca dei pantaloni dell’anzidetto cittadino di origine brasiliana, venivano rinvenute diverse banconote tutte di taglio di 100 euro. Un più accurato controllo dei 18 (diciotto) biglietti di banca, tra l’altro di ottima fattura, consen-tiva di rilevare che avevano tutti la stessa matricola, pertanto chiaramente falsi, così come confermato dal successivo passaggio degli stessi attraverso l’apparecchio minicash. Il R.R. non forniva alcuna giustificazione riguardo al possesso del denaro, e pertanto veniva dichiarato in arresto per il reato di possesso di banconote false. Lo stesso dopo le formalità di rito, come disposto dalla competente A.G. di Cassino è stato asso-ciato presso la locale casa circondariale. Proseguono le indagini finalizzate in primis a verificare l’eventuale spedita delle banconote false soprattutto nella zona di Firenze, dove i due giovani avevano trascorso il capodanno, nonché a verificare l’esistenza di un sodalizio criminoso dedito alla produzione ed allo spaccio di banconote false.

1 gennaio 2013 0

Escursionista scivola in un dirupo a Campitello Matese, salvato dai tecnici del Soccorso Alpino

Di admin

Tre squadre di Tecnici del Soccorso Alpino Regionale, appartenenti alle Stazioni di Campobasso ed Isernia, sono state impegnate a partire dalle ore 16.00 di ieri, 31.12.2012, in un soccorso a Campitello Matese (Cb) di due ragazzi di circa 30 anni, che si erano avventurati, provvisti soltanto di ciaspole, lungo il sentiero che conduce alla Grotta delle Ciaule e si snoda poi diramandosi in due direzioni; l’una, verso la cima del Monte Miletto e l’altra verso Campitello di Roccamandolfi (Is). La presenza di neve ghiacciata lungo tutto il percorso del sentiero, che attraversa un bosco particolarmente scosceso ed impervio, ha fatto si che uno di loro scivolasse in un dirupo per diversi metri. L’amico dello sfortunato escursionista ha immediatamente dato l’allarme tramite cellulare verso le ore 15.30. Gli agenti della Polizia di Stato, che svolge l’opera di soccorso sulle piste, sono immediatamente giunti sul posto, distante circa un’ora dal Pianoro di Campitello, ove è situata anche una postazione del 118. Resisi conto dell’impossibilità oggettiva di raggiungere l’infortunato, gli agenti hanno richiesto, tramite la C.O. del 118, l’intervento dei tecnici del Soccorso Alpino, i quali sono riusciti ad arrivare sul luogo dell’incidente tramite motoslitta, sci e ramponi nel giro di un’ora dalla chiamata del 118. L’escursionista, politraumatizzato ed in evidente stato di iportemia grave, è stato immediatamente immobilizzato, imbarellato e trasportato, non senza difficoltà, fino al Pianoro, dove è stato subito trasferito tramite ambulanza del 118 presso l’Ospedale Civile Cardarelli di Campobasso intorno alle ore 20.00. Vista la complessità dell’intervento in un territorio scarsamente coperto dalle reti telefoniche ordinarie, i tecnici del Soccorso Alpino hanno dovuto utilizzare per le comunicazioni i ponti radio della Protezione Civile.

1 gennaio 2013 0

Raid notturno all’ufficio postale di Alife per rubare 2000 litri di gasolio, 35enne finisce in manette

Di admin

I Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, anche a capodanno sono scesi in campo per garantire sicurezza e tranquillità ai cittadini e ai vacanzieri che hanno trascorso questo periodo di feste nel territorio matesino. Le attività dell’Arma si sono concentrate in particolare sul contrasto ai quei fenomeni di criminalità diffusa che provocano maggior allarme sociale, come i furti e le rapine. Proprio per furto aggravato è finito in manette Gennaro Natale, 35enne di Qualiano in provincia di Napoli, con a carico numerosi precedenti di reati contro il patrimonio e la persona. Il pregiudicato, è stato sorpreso la notte dell’ultimo giorno dell’anno dai militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Piedimonte Matese, mentre con l’utilizzo di una pompa elettrica stava asportando da un serbatoio ubicato all’interno dell’Ufficio Postale di Alife, circa duemila litri di gasolio che sarebbero serviti per alimentare l’impianto di riscaldamento della predetta struttura pubblica. Nella circostanza, oltre all’attrezzatura utilizzata per commettere il furto, sono finiti sotto sequestro un furgone e due cisterne che erano a bordo, già quasi piene del gasolio asportato. La refurtiva è stata interamente recuperata, mentre il 35enne è stato trasferito presso le camere di sicurezza dell’Arma in stato di arresto. Sono ora in corso ulteriori indagini per accertare se l’arrestato sia coinvolto in altri furti analoghi verificatisi nel recente passato tra Piedimonte, Alife e altri comuni limitrofi, e se lo stesso si sia avvalso della collaborazione di qualche complice. Già nel periodo precedente alle festività natalizie, due 40enni di Piedimonte Matese, finirono nei guai per il reato di ricettazione, in quanto furono trovati in possesso di venti fusti contenenti oltre mille e cinquecento litri di gasolio di provenienza furtiva.

1 gennaio 2013 0

Blitz della Guardia di Finanza a Caserta per garantire un capodanno sicuro

Di admin

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, in occasione dei festeggiamenti di Capodanno, ha intensificato i controlli orientati al contrasto del fenomeno della vendita e detenzione illegale di prodotti pirotecnici privi delle necessarie autorizzazioni di conformità agli standard minimi di sicurezza. Numerosi sono stati i controlli effettuati in tutta la Provincia, con la finalità di ritirare dal mercato prodotti potenzialmente pericolosi per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini, che inevitabilmente, ogni anno, causano innumerevoli incidenti, talvolta anche mortali.

Le Fiamme Gialle, negli ultimi giorni dell’anno, hanno quindi sottoposto a sequestro complessivamente circa 200.000 artifizi pirotecnici appartenenti alla IV e V categoria, per un peso di oltre 6 tonnellate.

Ventisei le persone denunciate alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, di cui una tratta in arresto perché sorpresa in flagranza di reato mentre trasportava illegalmente un quantitativo di “botti” superiore a 850 chilogrammi.

I Comuni maggiormente monitorati e dove sono stati effettuati i sequestri più sostanziosi sono stati quelli di Caserta, Aversa, Capua, Succivo, Curti, Santa Maria Capua Vetere, Casal di Principe, Cesa, Gioia Sannitica e Caianello.

In particolare, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta hanno individuato una ditta in Maddaloni regolarmente autorizzata, ma che deteneva per la vendita fuochi non conformi alle normative di sicurezza previste dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. In tale circostanza, sono stati sottoposti a sequestro oltre 45.000 artifizi pirotecnici, per un peso di circa 720 Kg..

La Compagnia di Marcianise ha scoperto un deposito clandestino in località San Clemente di Caserta, abilmente occultato nelle sterpaglie della campagna. In questo caso, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a sequestro circa 1.100 artifizi già ultimati (rendini, trac, cipolle, ecc), per un totale di circa 250 Kg..

La Compagnia di Caserta ha invece concentrato gli sforzi nei Comuni di Caserta e Curti, dove sono state controllate numerosissime bancarelle che ogni anno vengono allestite ai margini delle strade cittadine. In questo caso, molteplici sono stati i controlli effettuati dai finanzieri, che hanno sottoposto a sequestro circa 36.000 botti, per un peso di circa 900 Kg..

Punti di vendita abusivi e soprattutto negozi sono stati controllati dalla Compagnia di Capua nel citato Comune e in quelli di Aversa, Curti e Santa Maria Capua Vetere, dove sono stati complessivamente sequestrati circa 90.000 artifizi pirotecnici, per un peso di oltre 2.000 Kg.. In occasione di un posto di controllo su strada nel Comune di Aversa, le Fiamme Gialle di Capua hanno tratto in arresto un responsabile che, a bordo di un furgone, trasportava illegalmente un quantitativo di “botti” superiore a 850 chilogrammi.

Il Gruppo di Aversa ha perlustrato i Comuni di Succivo, Cesa e Casal di Principe, nell’ambito dei quali i numerosi controlli effettuati hanno consentito il sequestro di oltre 12.000 prodotti esplodenti, per un peso complessivo di oltre 500 Kg..

Infine, la Tenenza di Piedimonte Matese ha controllato il territorio dell’alto casertano, dove sono stati complessivamente sottoposti a sequestro oltre 13.000 artifizi pirotecnici, per un peso complessivo di oltre 900 Kg., gran parte dei quali sono stati rinvenuti in un’abitazione privata ubicata nel pieno centro cittadino del Comune di Gioia Sannitica.

1 gennaio 2013 0

Terremoti, ancora una lieve scossa a Cassino

Di admin

Una scossa di terremoto è stata registrata ieri sera nel distretto sismico “zona Cassino”. Secondo i dati registrati dai sismografi dell’Istituto di Geofisica e vulcanologia il sisma è stato di magnitudo 1.7 e si è verificato alle ore 21 e 11 minuti ad una profondità di 10,2 chilometri tra i comuni di Belmonte Castello, Cassino, Cervaro, Piedimonte San Germano,Pignataro Interamna, San Giorgio a Liri, Sant’Apollinare, Sant’elia Fiumerapido, Terelle e Villa Santa Lucia.