Giorno: 9 gennaio 2013

9 gennaio 2013 0

Oltre mezzo quintale di hashish sequestrato sull’A1 a Cassino

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Oltre cinquanta chili di droga sono stati sequestrati ieri dagli agenti della sottosezione di polizia stradale di Cassino diretta dall’ispettore Giovanni Cerilli. Il controllo ad una Opel Meriva è scattato alle 19.10 quando la vettura, guidata da un giovane, stava transitando i direzione sud nel territorio di Castrocielo. Gli agenti hanno invitato il giovane a fermarsi nell’area di servizio e là, l’eccessivo nervosismo di D.R. G. di 23 anni originario e residente a Napoli, ha consigliato agli agenti di approfondire il controllo. Ben occultata sotto il sedile anteriore destro è stata rinvenuta una busta di colore bianco contenente diversi panetti di sostanza stupefacente del tipo hashish, così come all’interno del bagagliaio posteriore dove veniva trovata una borsa di grosse dimensioni contenente altrettanti panetti dello stesso tipo. Alla fine si sono contati 83 panetti di hashish per un peso complessivo di 50,565 chili. Inevitabile per il giovane finire in galera mentre tutta la sostanza è stata sequestrata. Ermanno Amedei

9 gennaio 2013 0

Cade in un dirupo a San Felice, 71enne soccorso dai vigili del fuoco con un elicottero

Di redazione

Spettacolare soccorso dei vigili del fuoco oggi a San felice Circeo dove un uomo di 71 anni è rimasto ferito durante una escursione con amici in una zona collinare. L’uomo è caduto in un dirupo mentre stava percorrendo un sentiero, riportando un preoccupante trauma toracico. Sul posto sono arrivati gli esperti saf da Latina che dopo averlo soccorso, lo hanno imbragato e eassicurato ad un elicottero che lo ha tirato su per trasportarlo in un posto sicuro e facilmente raggiungibile dagli operatori del 118. A quel punto, anche in considerazione delle condizioni del ferito, di trasferirlo in elicottero al Santa Maria Goretti di Latina. Er. Amedei

9 gennaio 2013 0

Attrezzi e computer, ritrovato bottino di furti. Denunciati cinque stranieri

Di redazione

Questa mattina a Cisterna di Latina (LT), i Carabinieri della Stazione di Borgo Podgora e di Latina Scalo, denunciavano in stato di libertà cinque persone, di varia nazionalità, per il reato di ricettazione. I Carabinieri a seguito di perquisizioni domiciliari effettuate presso le loro abitazioni, rinvenivano numerosi personal computer portatile, telefoni cellulari, macchine fotografiche, televisori ed altri apparati elettronici di svariate marche, tutti di provenienza furtiva. Nel medesimo contesto operativo, venivano sottoposte a sequestro giudiziario alcune autovetture che erano parcheggiate sulla pubblica via, poiché risultate sprovviste di regolare copertura assicurativa.

9 gennaio 2013 0

Pensionato “arrotondava” facendo prostituire due ragazze nel suo appartamento

Di redazione

Sfruttava due donne facendole prostituire, arrestato un pensionato di Latina”. Arrotondava la pensione sfruttando prostitute. Lo hanno scoperto i carabinieri a Latina ieri quando hanno tratto in arresto in flagranza di reato, al termine di una specifica attività info-investigativa, un sessantenne del luogo, pensionato, senza precedenti di polizia, per “favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione”. Il prevenuto favoriva e sfruttava, dietro compenso di 800 euro mensili, la prostituzione di due ragazze, di cui una di nazionalità brasiliana mentre l’altra romena, in un appartamento di sua proprietà. L’arrestato è stato temporaneamente sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, mentre l’abitazione è stata posta sotto il vincolo del sequestro.

9 gennaio 2013 0

Ladro e “apprendista” fanno razzie in abitazioni di Vallerotonda

Di redazione

Probabilmente stava insegnando il mestiere del ladro al suo discepolo, ma la lezione è finita male per due rom arestati ieri dai carabinieri della compagnia di cassino. Si tratta di un 41enne e di un 16enne che hanno messo a segno due furti in poche ore nella stessa zona in pieno giorno. Il luogo scelto per le razzie in abitazione è stata la zona di Valvori, frazione di Vallerotonda. E’ lì che i carabinieri li hanno arrestati per rapina impropria e furto aggravato in concorso. Si tratta di due Rom residenti a Roma già noti alle forze dell’ordine. I due, dopo essersi introdotti all’interno dell’abitazione di una 67enne e di aver ribato la somma di 1.900 euro, sono stati sorpresi dalla donna mentre si dileguavano furtivamente. La signora benché spaventata è riuscita ad annotare il tipo e la sigla della targa dell’autovettura dei malfattori e ad allertare la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Cassino. I due rom certi di averla fatta franca hanno tentato, sempre in zona, il furto presso un’altra abitazione di una 35enne che nell’occorso è stata spintonata (senza però riportare lesioni) dai malfattori al fine di assicurarsi la fuga. Nel frattempo l’operatore addetto al 112 aveva fatto confluire in zona le pattuglie di diverse Stazioni che, dopo aver cinturato la zona ed attuato i predisposti servizi del caso, sono riusciti a bloccare e ad arrestare i due malfattori. La loro perquisizione personale e veicolare ha permesso di ritrovare un cacciavite di grosse dimensioni. La refurtiva in danaro, interamente recuperata, è stata restituita all’avente diritto, mentre gli arrestati espletate le formalità di rito, sono stati tradotti , l’adulto presso la Casa Circondariale di Cassino e il minore presso la Casa Famiglia – Centro di Prima accoglienza di Roma. Er. Amedei

9 gennaio 2013 0

Arrestati dai carabinieri, per rissa, tre nigeriani ospiti di una Casa famiglia

Di redazionecassino1

Nel tardo pomeriggio a Frosinone, a seguito di richiesta pervenuta al “112” della Centrale Operativa del Comando Provinciale da parte dei responsabili della “Casa Famiglia” ubicata in questo centro, i militari del NORM della locale Compagnia, traevano in arresto tre cittadini nigeriani per “rissa e lesioni personali” . I predetti, ospitati presso la citata struttura, venivano sorpresi mentre si percuotevano violentemente minacciandosi con coltelli da cucina. Il tempestivo intervento dei militari operanti interrompeva la violenta colluttazione scaturita per futili motivi, scongiurando ulteriori gravi conseguenze. Nella circostanza uno dei nigeriani riportava lesioni alla testa giudicate guaribili in giorni 10 dai sanitari del locale Ospedale Civile. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, venivano trattenuti presso le camere di sicurezza di questo Comando in attesa di rito direttissimo.

9 gennaio 2013 1

Il campo boario di via Verdi torna ad essere rifugio di randagi pericolosi e di rifiuti a cielo aperto

Di redazionecassino1

Sembrava non dovesse più ripetersi il degrado, l’incuria e l’abbandono di uno dei pochi polmoni veri di Cassino come è l’ex campo boario di via Verdi. In realtà non è stato così. Da tempo ormai quello che era il luogo di incontro di varie associazioni, ripulito di tutti i rifiuti che da anni venivano depositati a cielo aperto, ora è tornato ad essere il deposito di immondizia, di terra proveniente da lavori di scavo e di manutenzione, ma soprattutto di ricovero di cani randagi da parte di qualche signora, già in passato allontanata da quel posto. È da tempo, infatti, che la signora che si occupa di cani randagi, peraltro in modo assai discutibile, sia tornata a piazzarli all’interno dell’ex campo boario di via Verdi, nonostante già in passato fosse stata allontanata per i problemi di igiene, sporcizia e pericolo che quegli animali creavano ai cittadini. Ora ci risiamo, cani di varie taglie, cuccioli, sporchi e non si sa se vaccinati e sterilizzati sono di nuovo lì, senza controllo, liberi di girovagare per il campo boario. È facile intuire la pericolosità, la scarsa igiene e il disturbo che quegli animali recano ai cittadini della zona. Come se non bastasse, poi, molti residenti denunciano i cattivi odori, il fumo proveniente da sterpaglie e rifiuti brucati da chi accudisce i cani. Ma non basta, perché quei cani lasciati liberi all’interno di quel terreno comunale, rappresentano un notevole pericolo, non solo per l’igiene, ma anche per l’incolumità delle decine di bambini che nei weekend frequentano i locali dei boy scout. È indispensabile che il Comune intervenga immediatamente ad allontanare quegli animali da un luogo così frequentato, ma soprattutto per evitare sporcizia, incuria e ricettacolo di rifiuti a cielo aperto!

F. Pensabene

Foto A. Ceccon

9 gennaio 2013 0

Rubava in locali di aziende e alla prostitute, 27enne finisce in manette

Di redazionecassino1

La scorsa notte in zona Asi di Ferentino, i  carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di predisposti servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare i reati predatori, furti ad aziende del luogo e rapine alle prostitute,  traevano in arresto G.B., 27enne di Frosinone già censito per “rapina aggravata”. L’uomo veniva bloccato dai  militari operanti immediatamente dopo aver perpetrato una rapina in danno di una giovane meretrice residente in provincia di Roma, a cui asportava con violenza la borsa contenente la somma di duecento euro ed un telefono cellulare. La refurtiva a seguito di perquisizione veniva rinvenuta e restituita all’avente diritto, mentre l’arrestato veniva trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Anagni in attesa del rito direttissimo.

9 gennaio 2013 0

Rifiuti da Roma, Petrarcone (Cassino): “Così rischiano la paralisi anche i nostri impianti”

Di redazionecassino1

“Abbiamo ribadito la nostra totale contrarietà all’attuazione del decreto Clini così come è formulato perché siamo fermamente convinti che, in mancanza di una compiuta pianificazione delle attività connesse all’attuazione dello stesso, la situazione di emergenza per quanto riguarda i rifiuti possa trasferirsi anche nella nostra provincia.” Queste le parole che il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, all’uscita della riunione, avente ad oggetto il delicato problema della gestione dei rifiuti provenienti dalla capitale, che si è tenuta questa mattina pressi la se della Provincia a Frosinone. “Sono pronto – ha continuato il sindaco – a convocare in tempi brevi la Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale per portare avanti la battaglia contro quello che rappresenta l’ennesimo attacco al nostro territorio. Siamo preoccupati perché i nostri impianti, come già dichiarato da chi li gestisce, sono già prossimi alla saturazione e di conseguenza non possono assolutamente accogliere anche i rifiuti provenienti dalla capitale. La Saf, la discarica di Roccasecca – Cerreto e l’inceneritore di San Vittore tecnicamente non possono ricevere il quantitativo di rifiuti previsto dal decreto ministeriale e soprattutto, stando ai risultati delle indagini epidemiologiche, noi stiamo già pagando a caro prezzo l’impatto che questi impianti hanno sul nostro territorio. Come sindaco di Cassino sono convinto che l’unico modo per superare le emergenze inerenti alla gestione del ciclo dei rifiuti sia l’incentivazione del porta a porta in tutti i comuni della Regione a partire proprio da Roma. Solo in questo modo sarà possibile giungere alla riduzione a monte dei rifiuti e alla chiusura del ciclo integrato della raccolta differenziata. Siamo pronti, quindi, a partire dalla convocazione della Consulta che ha sempre svolto un ruolo fondamentale nella risoluzione dei problemi all’interno del nostro territorio, ad ogni forma di protesta e di azione, se necessario anche legale, per contrapporci ad un provvedimento fortemente penalizzante per il nostro territorio e chiediamo al Ministro Clini che ci si concentri, invece che su di una soluzione provvisoria del problema, sull’incentivazione della raccolta differenziata e sulla costruzione di impianti che servano al funzionamento ed al completamento del ciclo dei rifiuti.”

9 gennaio 2013 0

SEL alle regionali candida Marcuccilli, alle politiche un consigliere comunale di Cassino e una donna

Di redazionecassino1

Venerdì 5 gennaio 2013 l’assemblea del circolo di Cassino, all’esito di precedenti riunioni e di una ricca e plurale discussione, all’unanimità ha deciso di sostenere e far propria la proposta di candidare per il sud della provincia di Frosinone nella lista proporzionale di SEL al Consiglio Regionale del Lazio il compagno Alessandro Marcuccilli, militante di Sel ed assessore alla cultura nella città di Roccasecca, proposta già avanzata all’interno della riunione dei rappresentanti dei circoli dell’intero comprensorio del cassinate. Tale candidatura rappresenta una importante sintesi dell’esperienze politiche e amministrative del partito nell’intero territorio del cassinate, con collegamenti storici e rinnovati anche nella nostra città, soprattutto in virtù di un contributo fattivo nell’azione di governo. Nella stessa riunione l’assemblea, sempre all’unanimità, ha deciso di proporre alla direzione nazionale del partito la candidatura di due rappresentanti del nostro territorio alla Camera e due al Senato. Candidature, che sono maturate in un fecondo e propositivo confronto tra tutti i compagni dello stesso circolo, nonché con gli altri militanti di SEL del territorio. Per quanto riguarda i nomi da indicare alla Camera, è stato deciso che uno dei candidati debba essere un consigliere comunale di Cassino del nostro partito e l’altro deve essere una donna impegnata nell’associazionismo in tutela dei diritti delle donne. Anche per il senato ci sarà sempre un candidato uomo ed una candidata donna espressione del circolo di Cassino, in rappresentanza del mondo del lavoro, nonché delle professioni nel sud della provincia di Frosinone. Detto ciò, il circolo di Cassino in piena sintonia con quelli che sono i principi ed i valori di Sinistra Ecologia Libertà nazionale, che senza ombra di dubbio rappresenta una delle forze politiche più innovatrici del Paese, attua la buona politica fatta di confronto e di partecipazione. Ed è proprio in questo clima che sono maturare le candidatura, mantenendo sempre fede a quell’idea di politica che vede tutti i militanti del circolo impegnati al servizio dei cittadini e del bene comune. Questo a dimostrazione che Sel non fa politica soltanto in occasione degli appuntamenti elettorali, ma la fa quotidianamente, investendo nell’impegno dei compagni che mettono la propria persona a servizio del bene collettivo.

 

Il segretario del circolo SEL di Cassino

Angelo Costanzo