Giorno: 22 gennaio 2013

22 gennaio 2013 0

Sicurezza stradale: la guida è più aggressiva ascoltando la musica hip-hop e rock

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Secondo una ricerca inglese certi generi di musica influenzerebbero lo stile di guida delle persone al volante. Il sito britannico Confused.com ha elaborato una lista di canzoni “pericolose” per i guidatori anche se la ricerca non è tra le più attendibili, scientificamente parlando, ma mette alla ribalta una questione non così scontata. Lo studio ha analizzato la guida di quattro donne e quattro uomini che hanno guidato un’auto per 800 chilometri. La prima metà del viaggio è avvenuta in silenzio, la seconda con il sottofondo musicale. Le donne hanno reagito con più aggressività ascoltando musica hip-hop, mentre gli uomini si sono mostrati più sensibili al rock. La canzone più “a rischio” sarebbe “Hey Mama” dei The Black Eyed Peas, seguita da “Dead on Arrival” ( Fall Out Boy) e “Paper Planes” (M.I.A). La più “rilassante” invece sarebbe “Come Away With Me” di Norah Jones. Il problema per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” è dato dal fatto che mentre è stato possibile proibire l’uso del cellulare alla guida, diventa assai arduo trovare gli strumenti utili per diminuire le distrazioni mentali. È chiaro che le tecnologie impiegate per la sicurezza stradale si stanno evolvendo come l’introduzione di sistemi intelligenti che “vigilano” sul nostro stato d’attenzione o in maniera più pratica sul mantenimento della traiettoria sulla carreggiata che si percorre, o l’uso di cartellonistica stradale che stimoli l’attenzione sulle arterie più trafficate e pericolose, ma è sulla psicologia delle persone che bisogna intervenire attraverso programmi di sensibilizzazione che persuadano i cittadini ad essere il più possibile vigili alla guida.

22 gennaio 2013 0

Aggrediscono per futili motivi due coniugi, arrestati tre giovani

Di admin

Nel primo pomeriggio di ieri, in Formia (LT),  i Carabinieri della Stazione capoluogo, a conclusione di specifici accertamenti, hanno tratto in arresto tre giovani ragazzi e deferito in stato di libertà due minori, tutti di origine campana, quattro dei quali ancora studenti, poiché responsabili, a vario titolo, dei reati di “lesioni gravi” e  “danneggiamento aggravato”. I predetti, in concorso,  per futili motivi riconducibili a questioni di viabilità, aggredivano due coniugi residenti a Formia, colpendoli con calci, pugni e, successivamente, con un crik. A seguito della colluttazione, sia l’uomo che la donna, riportavano lesioni in diverse parti del corpo. Su disposizioni dell’Autorità Giudiziaria procedente, gli arrestati sono stati ristretti nelle camere di sicurezza, in attesa del giudizio direttissimo fissato per il giorno 23 gennaio.

22 gennaio 2013 0

Il capitano Imbratta è il nuovo comandante della compagnia carabinieri di Pontecorvo

Di admin

Il 20 gennaio 2013 il Capitano Fabio IMBRATTA, ha assunto il Comando del Comando Compagnia Carabinieri di Pontecorvo (FR), subentrando al Tenente Sebastiano MAIELI. L’Ufficiale, di anni 45, originario di Roma, sposato, laureato in scienze della sicurezza interna ed esterna presso l’Università di Tor Vergata, è originario di Roma. Ha una consolidata esperienza di Comando, proveniente dal Ministero della Difesa, in precedenza ha retto il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Livorno ed il Comando Compagnia Carabinieri di Comacchio (FE).

22 gennaio 2013 0

Allerta per piogge al centro-sud, venti di burrasca su isole maggiori e neve in Piemonte

Di admin

Un sistema perturbato di origine atlantica determinerà domani condizioni di spiccata instabilità, specie sulle regioni centro-meridionali tirreniche, con una contestuale intensificazione della ventilazione sulle due isole maggiori. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede, dalla mattina di domani, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna, in estensione a Sicilia, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Puglia. I fenomeni risulteranno più frequenti sui settori tirrenici e potranno essere accompagnati da forti raffiche di vento ed attività elettrica. Si prevedono, inoltre, nevicate diffuse fino a quote basse sul Piemonte, specie sui settori meridionali, e venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti occidentali sulla Sardegna, in estensione dal pomeriggio alla Sicilia, con mareggiate lungo le coste esposte. Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

22 gennaio 2013 0

Commercianti come bancomat in balìa degli usurai, cinque arresti a Lanciano

Di redazione

Per saldare un debito di poche migliaia di euro commercianti a corto di liquidità erano arrivati anche a pagare 80 centomila euro ai loro usurai. In questa maniera un gruppo di malviventi di matrice napoletana trapiantati in Abruzzo, erano riusciti ad accumulare veri tesori. Oggi i carabinieri di Lanciano hanno sgominato quella banda composta da due coppie di fratelli e un quinto elemento. A dire il vero le indagini hanno portato ad individuare una decina di persone per le quali gi inquirenti, coordinati dal capo della procura Francesco Menditto e dal sostituto Rosaria Vecchi, ne avevano chiesto l’arresto. Il gip però ha ordinato l’arresto solo per cinque di loro che sono i fratelli Gennaro e Ferdinando Malvone, di 43 e 47 anni, originari di Torre Annunziata, i fratelli Rocco e Antonio Buccini, di 29 e 26 anni, originari di Santa Maria Capua Vetere, tutti rinchiusi nel supercarcere frentano e Roberto Spinelli(45), ai domiciliari. Per loro, oltre all’usura è stato contestato il reato di estorsione e solo per Gennaro Malvone, spaccio di droga. Altri cinque sono stati denunciati e sono tutti parenti degli indagati. Le indagini sono partite grazie alle denunce presentate da alcune vittime che hanno permesso agli uomini della compagnia di Lanciano comandati dal capitano Massimo Capobianco e coordinati da tenente Massimo Canale, di aprire lo squarcio nel contesto di quasi schiavitù in cui le vittime dell’usura erano cadute. Gente trasformata, secondo quanto si apprende dalla procura, in veri bancomat costretti a sborsare anche 500 euro a settimana per coprire gli interessi del prestito ricevuto. Una condizione che ha permesso ai presunti aguzzini di accumulare beni oggi sequestrati come 23 auto, una villa a Castelfrentano, immobili a Torre Annunziata, un bar e terreni a Lanciano, due appartamenti a San Vito Chietino e conti correnti Ermanno Amedei foto Andrea Colacioppo

22 gennaio 2013 0

Scoperto il magazzino dei contrabbandieri di sigarette

Di redazione

I Carabinieri della Stazione di San Cipriano d’Aversa durante la notte hanno tratto in arresto in flagranza di reato a Lusciano per “contrabbando di tabacchi lavorati esteri” quattro cittadini di nazionalità rumena. I militari hanno notatato l’uscita da un appartamento di via D’Annunzio di due autovetture sospette alle quali i Carabinieri intimavano l’Alt. Gli occupanti però tentavano invano di eludere il controllo. I militari infatti li hanno bloccati poco dopo nel centro cittadino. A seguito di una accurata perquisizione veicolare, proseguita poi all’interno del loro domicilio, li hanno trovati in possesso di ben 142 chilogrammi complessivi di sigarette di lavorazione estera, prive del monopolio di stato. Nel dettaglio si tratta di 710 stecche di sigarette marca jinling, pari a 7100pacchetti. Inoltre venivano rinvenuti nella disponibilità di tutti e quattro i soggetti arestati anche dell’importo in contanti di Euro 4.900,00. Anche le autovetture a bordo delle quali gli indagati sono stati bloccati, unaWolkswagenSharane una Renault Megane, sono state poste in sequestro penale in quanto oggetto pertinente al reato ed affidati in giudiziale custodia. Si tratta di Cionca FlorinDaniel, classe 71, Cionca Gabriel, classe 1983, Cionca Nirela Maria, classe 1974, e PodeaIuliana Maria, classe 1990. Tutto il materiale recuperato durante le attività di perquisizione è stato sottoposto a sequestro. Gli arrestati sono stati tradotti rispettivamente presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere e presso la casa circondariale di Pozzuoli in attesa del rito direttissimo.

22 gennaio 2013 0

Giro di vite all’usura a Lanciano. Cinque arresti e otto denunce

Di redazione

Cinque persone tratte in arresto, 8 denunciate a piede libero e beni immobili sequestrati per un valore di un milione e mezzo di euro è il bilancio dell’attività d’indagine denominata “WILD HORSE” svolta, a partire dallo scorso mese di Giugno, dai Carabinieri della Compagnia di Lanciano. I provvedimenti di custodia cautelare in carcere, emessi dal GIP del Tribunale di Lanciano, sono stati eseguiti, questa mattina, nei confronti di cinque persone, tutte pregiudicate, accusate a vario titolo dei reati di usura, estorsione, e rapina, commessi tra il Gennaio 2009 e il Novembre 2012. Otto le persone denunciate in stato di libertà per i medesimi reati. Nel corso dell’operazione, che ha interessato i comuni di Lanciano(CH), Frisa(CH), Castel Frentano(CH) e San Vito Chietino(CH), sono state eseguite 13 perquisizioni domiciliari che hanno permesso di recuperare copiosa documentazione comprovante l’attività illecita svolta dagli arrestati e sequestrati beni mobili ed immobili per un valore di un milione e mezzo di euro.

22 gennaio 2013 0

Oltre 700 stecche di ‘bionde’ di contrabbando sequestrate dai Carabinieri. Quattro arresti

Di redazionecassino1

I Carabinieri della Stazione di San Cipriano d’Aversa durante la notte hanno tratto in arresto in flagranza di reato in Lusciano per “contrabbando di tabacchi lavorati esteri” quattro cittadini di nazionalità rumena. I militari operanti, durante un controllo del territorio atto a prevenire i reati di furto e rapina, notavano l’uscita da un appartamento sito in quella via D’Annunzio di due autovetture sospette alle quali i Carabinieri intimavano l’Alt. Gli occupanti però tentavano invano di eludere il controllo. I militari infatti li bloccavano poco dopo in quel centro cittadino. A seguito di una accurata perquisizione veicolare, proseguita poi all’interno del loro domicilio, li hanno trovati in possesso di ben 142 chilogrammi complessivi di sigarette di lavorazione estera, prive del monopolio di stato. Nel dettaglio si tratta di 710 stecche di sigarette marca jin ling, pari a 7100  pacchetti. Inoltre venivano rinvenuti nella disponibilità di tutti e quattro i soggetti arestati anche dell’importo in contanti di Euro 4.900,00. Anche le autovetture a bordo delle quali gli indagati sono stati bloccati,  una Wolkswagen Sharan e una Renault Megane, sono state poste in sequestro penale in quanto oggetto pertinente al reato ed affidati in giudiziale custodia. Si tratta di Cionca Florin Daniel, classe 71, Cionca Gabriel, classe 1983, Cionca Nirela Maria, classe 1974, e Podea Iuliana Maria, classe 1990. Tutto il materiale recuperato durante le attività di perquisizione è stato sottoposto a sequestro. Gli arrestati sono stati tradotti rispettivamente presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere e presso la casa circondariale di Pozzuoli in attesa del rito direttissimo.

22 gennaio 2013 0

Vende griffe contraffatte agli studenti, pregiudicato fermato e denunciato

Di redazione

I militari della Compagnia di Frosinone hanno proceduto al sequestro di merce contraffatta di noti marchi ed alla segnalazione di una persona all’Autorità Giudiziaria. L’attività di smercio illegale riscontrata dai finanzieri avveniva nei pressi di una scuola di Frosinone ove l’individuo, un quarantenne campano, con due borsoni molto capienti proponeva merce contraffatta ad ignari studenti. L’attenzione dei militari è stata attirata dal comportamento anomalo del soggetto e dall’insistenza con cui lo stesso avvicinava i giovani all’uscita della scuola. Pertanto le fiamme gialle, dopo aver osservato attentamente i movimenti del soggetto, sono intervenute per un controllo constatando che all’interno dei borsoni vi erano numerosi maglioni contraffatti recanti i marchi di note griffe (Moncler, Giorgio Armani, Fred Perry, Liù Jo, Harmont Blaine ecc.). Il quarantenne veniva subito condotto presso gli uffici della Compagnia per gli accertamenti di rito all’esito dei quali emergeva che lo stesso oltre ad essersi reso responsabile del reato di detenzione e commercio di articoli di abbigliamento contraffatti, aveva violato il divieto di ritornare nel Comune di Frosinone sino al 2014, provvedimento recentemente adottato dal Questore di Frosinone. L’uomo, la cui merce è stata sottoposta a sequestro, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Frosinone per il reato di introduzione nello Stato e/o commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione ed inosservanza al divieto di ritornare nel Comune di Frosinone per un periodo non superiore a tre anni.

22 gennaio 2013 0

La Polizia locale insegue e arresta due pregiudicati per tentato omicidio

Di redazionecassino1

La  maggiore presenza della polizia locale sul territorio frusinate incomincia a produrre i primi risultati di rilievo .

Nella tarda mattinata di lunedì 21 gennaio una pattuglia della polizia locale in servizio nella zona di Sant’Antonio notava che da un’autovettura in corsa, una Ford Focus, veniva scaraventato fuori un uomo apparentemente anziano che mentre cadeva a terra tentava di aggrapparsi alla macchina, per attutire il colpo gridando “aiuto mi vogliono ammazzare”.

La pattuglia interveniva prontamente intimando l’Alt all’autovettura che non si fermava ma proseguiva nella corsa.

I due operatori della polizia locale, visto che l’uomo scaraventato fuori dalla macchina si rialzava e accostava dal lato del marciapiede si gettavano all’inseguimento dell’autovettura che proveniente da viale Napoli girava verso corso della Repubblica. L’inseguimento si concludeva con successo e i due soggetti alla guida dell’autovetture venivano fermati e portati immediatamente presso il Comando della polizia locale per i successivi accertamenti, unitamente alla vittima, un uomo di 60 anni di Arpino.

Dai preliminari accertamenti emergevano immediatamente responsabilità gravissime nei confronti di due fratelli di Carpineto Romano, con numerosi precedenti penali che venivano, su disposizione della Dott.ssa Caracuzzo Rita, P.M. di turno tratti in arresto per l’ipotesi di tentato omicidio, tentata estorsione e sequestro consumato di persona.

La vittima che riportava evidenti traumi facciali veniva, tramite ambulanza trasportato immediatamente presso lì’ospedale di Frosinone per gli accertamenti medici di competenza.

Il referto recita “CONTUSIONE ECCHIMOTICA REGIONE ORBITARIA SX, TRAUMA DA CONTRACCOLPO RACHIDE CERVICALE, CONTUSIONE BRACCIO E GINOCCHIO SX”.

I due responsabili venivano tradotti agli arresti domiciliari presso la loro abitazione di Carpineto Romano da pattuglie della polizia locale unitamente a quelle dell’Arma dei Carabinieri che, fin dai primi istanti, forniva fattiva collaborazione  ad un’attenta e analitica ricostruzione dell’accaduto.

Pare che la vittima dovesse dei soldi ai due fratelli per la vendita di alcuni maiali e che non ricevendo tale somma i due lo avrebbero minacciato, più volte di ucciderlo, per poi passare ai fatti.

Dopo averlo sequestrato nei pressi della sua abitazione lo hanno fatto salire sulla loro auto per andare a prendere i soldi e visto il rifiuto della vittima hanno messo in atto il loro atto criminale.

Sono in corso ulteriori ed approfonditi accertamenti atti a verificare l’intero accaduto , compresa la posizione della vittima che risulta avere numerosi precedenti penali.

L’attività odierna è un evidente esempio di collaborazione che si spera possa proseguire anche per il futuro per rendere il nostro territorio sempre più sicuro  da simili situazioni.

Il Comandante della polizia locale ringrazia personalmente il Comandante provinciale dei Carabinieri, Col Antonio Menga per la proficua ed ottimale collaborazione tra i suoi militari e gli operatori della polizia locale.