Giorno: 23 gennaio 2013

23 gennaio 2013 0

L’Antitrust multa “Agenzia debiti” e B&b per pratiche scorrette. Promettevano sconti sui debiti con il fisco

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

L’Antitrust ha sanzionato per pratiche commerciali scorrette due società, Agenzia Debiti e B&p che chiedevano ai cittadini compensi di centinaia di euro per rinegoziare i debiti con Equitalia promettendo forti “sconti”, fino al 70%. Obiettivo impossibile visto che tutte le attività di riscossione sono regolate dalla legge e che Equitalia può solo rateizzare i pagamenti degli importi richiesti dai vari enti creditori.

Per tali comportamenti, scoperti anche a seguito delle segnalazioni inviate da Equitalia, l’Autorità ha disposto una sanzione amministrativa di 100 mila euro per Agenzia Debiti mentre B&p è stata sanzionata con una multa di 50mila euro.

23 gennaio 2013 0

Ex Golden Lady, il Presidente Di Giuseppantonio: “Ognuno deve fare la sua parte e rispettare gli impegni, specie sul fronte imprenditoriale”

Di redazionecassino1

“L’impegno delle Istituzioni, Provincia e Regione in particolare, per la ricollocazione dei lavoratori ex Golden Lady, non è mai venuto meno e proseguirà fino a quando non si troverà una soluzione definitiva ma in questa vicenda ognuno deve fare la sua parte e rispettare gli impegni che ha assunto, specie sul fronte imprenditoriale”. Lo ha detto il Presidente Enrico Di Giuseppantonio al termine dell’incontro svoltosi ieri pomeriggio sera per affrontare le vicende Silda Invest e New Trade. All’incontro hanno preso parte Confindustria Chieti con Giuseppe Fontana, la Regione con il Presidente della Commissione attività produttive Nicola Argirò e il Dirigente Giuseppe Sciullo, i rappresentati di Cgil, Giuseppe Rucci, Cisl Franco Zerra e Uil Arnaldo Schioppa, la Provincia con il Presidente Di Giuseppantonio, l’assessore Daniele D’Amario e i consiglieri Camillo D’Amico e Antonio D’Ugo.

Per quanto riguarda la Silda Invest, l’impegno è finalizzato a superare gli ostacoli che si frappongono al pagamento diretto della cassa integrazione straordinaria.

<Ho avuto notizia che a breve ci sarà l’attesa ispezione presso la Silda da parte della Direzione provinciale del lavoro – dice il Presidente Di Giuseppantonio:  il mio auspicio è che abbia l’esito sperato affinchè i lavoratori possano ricevere direttamente dall’Inps il trattamento di cassa integrazione>.

Più complessa, invece, è la posizione della New Trade che a tutt’oggi non risulta aver presentato la fideiussione necessaria per accedere ai bandi regionali sulla formazione che vengono finanziati attraverso il fondo sociale europeo. <Purtroppo – dicono il Presidente Di Giuseppantonio e il Consigliere regionale Argirò  – si sono verificati fatti che  stanno segnando negativamente il percorso della riconversione come la decisione del Governo di bloccare i fondi per la formazione on the job,  mettendo in difficoltà imprese, come la Silda, che hanno assunto precisi e gravosi impegni, specie in termini occupazionali, e che all’improvviso si sono ritrovate addosso oneri rilevanti ed imprevisti. Per quanto riguarda la New Trade il nostro auspicio è che la fideiussione venga prestata entro i termini della proroga concessa dalla Regione. Golden Lady e Wollo hanno preso atto dei problemi sul tappeto e si stanno attivando per trovare altre soluzioni che possano garantire la ricollocazione di tutte le maestranze ex Golden Lady>.

<Questo – conclude il Presidente Di Giuseppantonio – è il momento della responsabilità da parte di tutti, comprendo in pieno il dramma di tante famiglie senza reddito, e ribadisco che la Provincia continuerà a seguire questa vicenda con la massima attenzione: non ci interessano i proclami, vogliamo solo che si attui completamente il piano di riconversione restituendo la speranza di un lavoro a tante persone in un territorio come la Val Sinello che sta pagando un prezzo altissimo alla crisi e a politiche industriali che nel tempo hanno rivelato la loro fragilità>.

23 gennaio 2013 0

Incendio al Bellavita, il proprietario: “Il rogo non ci ferma, discoteca e ristorante pronte per sabato prossimo”

Di redazione

Relativamente ALL’INCENDIO DI NATURA DOLOSA, commesso da ignoti, che si è verificato presso la struttura BELLAVITA DISCO di CERVARO, la proprietà, nella figura di LUDOVICO GIULIANELLI, dichiara: “Ci tengo a precisare a tutta la nostra clientela che la discoteca rimarrà aperta come ogni sabato, poiché l’atto doloso si verificato nella sala del piano superiore adibita a bar e alle feste private e di solito chiusa al pubblico, rimangono completamente intatte e perfettamente funzionanti la GRANDE DISCOTECA del piano inferiore e il RISTORANTE. Ci tengo ulteriormente a chiarire che i danni sono di MODESTA ENTITÀ, come confermato dalle forze dell’ordine e dai vigili fuoco, prontamente intervenuti, e non costituiranno un ostacolo al normale corso delle attività del locale ma non sottovaluto e condanno con forza i’intenzione dolosa e criminale degli ignoti nei nostri confronti e mi chiedo chi possa aver voluto o tratto vantaggio da un atto cosi scellerato. In tempi cosi difficili, in cui fare gli imprenditori è diventato un atto di puro eroismo, dovuto alla forte crisi economica con l’ aumento della delinquenza, la discoteca BELLAVITA continua con forza e determinazione il suo progetto, manda un messaggio di “coraggio “ a tutti gli imprenditori che stanno soffrendo, paga a sue spese i danni perché pur coperta da tutte le tipologie di assicurazione che la legge richiede non ha quella destinata agli “atti vandalici” che è facoltativa, e esorta con forza tutto il suo pubblico a stargli vicino, a essere solidale contro gli atti di prepotenza e a continuare a sostenerlo nelle sue serate. Per questo – conclude Giulianelli – vi invitiamo alla serata di sabato prossimo”.

23 gennaio 2013 0

Incendio al Bella Vita di Cervaro, locale distrutto. Si sospetta il dolo

Di redazione

Ha origini misteriose l’incendio che questa mattina ha semi distrutto il disco Pub Bella Vita di Cervaro in via Casilina. Le fiamme si sono sprigionate poco dopo le otto all’interno della struttura costruita su due piani, partendo dal primo dove, ogni sabato sera, si ritrovano centinaia di persone tra giovani e meno giovani. Tutti gli arredi sono andati distrutti e nel corso dell’incendio, una deflagrazione, ha fatto saltare anche tutte le vetrate. I vigili del fuoco intervenuti con una squadra e un’autobotte di supporto, dopo aver domato il rogo e messo in sicurezza l’area, hanno iniziato ad indagare insieme ai carabinieri di Cervaro per scoprire cosa lo ha innescato. Si esclude il corto circuito; il locale, inoltre, pare non fosse assicurato contro gli incendi. Ermanno Amedei foto Antonio Nardelli

23 gennaio 2013 0

Scontro tra due auto su Via per Fossacesia a Lanciano, due feriti gravi

Di redazione

In un fragoroso incidente, ieri sera a Lanciano in via per Fossacesia sono rimasti feriti in maniera grave due uomini. Lo scontro tra una fiat Panda vecchio modello e un’Alfa è avvenuto poco dopo le 20.30 e, a causa del violentissimo impatto, l’utilitaria è stata scaraventata ad alcuni metri di distanza finendo capotta. Stessa sorte per l’Alfa finita con le ruote all’aria. Immediatamente sul posto sono accorsi i mezzi di emergenza, primi fra tutti gli operatori del 118 di Lanciano arrivati con più unità. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare sodo per liberare i feriti dal groviglio di lamiere per poi affidarli agli operatori dell’emergenza sanitaria. Solo dopo averne stabilizzato le condizioni, i due sono stati trasportati d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Renzetti dove sono continuate ve cure e i riscontri diagnostici. Ermanno Amedei foto Andrea Colacioppo

23 gennaio 2013 0

Assicurazioni false, 17 persone arrestate dai carabinieri nel casertano

Di admin

È in corso da parte dei Carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che vede coinvolti 45 indagati di cui 17 destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere poiché resisi responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. L’indagine ha consentito di accertare l’esistenza di una associazione criminale dedita alla commercializzazione su vasta scala di polizze assicurative RCA. Oltre 2000 i contrassegni perfettamente riprodotti recanti i loghi delle più importanti società nazionali ed estere del settore, sequestrati dai carabinieri. L’organizzazione si avvaleva anche di un call-center, collegato ad un numero verde, per la stipula di contratti on-line. Tra i destinatari del provvedimento anche due elementi contigui al clan “Mariniello”, operante in Acerra, ed uno al “clan dei Casalesi”.