Comprensorio B5: le Cooperative costruiranno 20 alloggi di edilizia residenziale agevolata

7 gennaio 2013 0 Di redazionecassino1

Sbloccata la situazione del Comprensorio Urbanistico B5 in località Calegna, le cooperative di edilizia residenziale agevolata possono finalmente tirare un sospiro di sollievo e dare il via alla realizzazione di nuovi 20 alloggi.

Saranno stipulati la settimana prossima tra il Comune di Gaeta e il Consorzio dei proprietari dei terreni del Comprensorio B5, i contratti di acquisto di tali aree. Contestualmente l’Amministrazione comunale firmerà gli atti di cessione del diritto di superficie, relativo a tali terreni, a favore delle Cooperative Bellavista e Colaco, finanziate dalla Regione Lazio.

A comunicare la buona notizia è l’Assessore all’Urbanistica Pasquale De Simone che tiene a precisare: “A Calegna, superati gli ostacoli tecnici che impedivano la felice conclusione delle procedure, si spiana la strada per la costruzione di alloggi di edilizia residenziale agevolata. Ancora una volta riempiamo di sostanza la vuota politica della precedente amministrazione. Siamo davvero soddisfatti di poter lanciare un messaggio distensivo ai soci delle cooperative che, da anni, aspettano di concretizzare il loro legittimo diritto ad una casa. Vogliamo, inoltre, rassicurare i cittadini di Gaeta sulla nostra azione amministrativa e politica che procede con linearità e continuità in tutti i comprensori urbanistici. Siamo, infatti, in piena attività anche per i comparti C2 e C3 (area Calegna) che, nei prossimi giorni, saranno al centro di specifici incontri”.

“Ci siamo impegnati, sin dal primo giorno di insediamento al governo della nostra città, nella risoluzione di empasse storici nel settore urbanistico – dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano – Grazie ad un’accorta politica di concertazione e collaborazione con tutte le parti interessate, stiamo ottenendo importanti risultati per Gaeta: nel mese di novembre è stato istituito il Consorzio “Il Colle B3”, rimasto bloccato per decenni, oggi diamo il via alla possibilità di costruire 20 alloggi di edilizia agevolata nel Comprensorio B5. Altri verranno realizzati nei comparti C2 e C3. La nostra operatività politica e amministrativa non solo sta consentendo di alleviare l’“emergenza casa”, ma al contempo riteniamo possa stimolare quell’indotto economico che ruota intorno al settore edilizio, determinando così positive ricadute sul territorio”.