Il servizio Civile di Gaeta gemellato con quello di Frontignan, proposta dei giovani volontari

15 gennaio 2013 0 Di redazione

Un gemellaggio tra i Servizi Civili di Gaeta e Frontignan, per conoscersi, scambiare esperienze ed imparare, da realtà diverse, nuovi percorsi e nuovi metodi finalizzati al miglioramento del servizio stesso, riempiendo di significati e contenuti l’amicizia tra le due cittadine.
E’ questa l’interessante iniziativa che vede protagonisti i giovani volontari del Servizio Civile del Comune di Gaeta. Spinti dall’ambizioso desiderio di andare oltre il proprio orizzonte, allungando lo sguardo verso l’Europa, i ragazzi hanno inviato, nei giorni scorsi, una mail al responsabile dell’omologo servizio di Frontignan, città del sud della Francia gemellata con Gaeta, proponendo il gemellaggio. Immediata è stata la risposta francese: nelle prossime settimane la corrispondenza tra i due Servizi Civili continuerà per mettere a punto il progetto.
“L’idea è nata prendendo spunto dall’esistenza del gemellaggio tra la nostra città e Frontignan: un legame che diventa vero e produttivo quando prende forma e sostanza attraverso progettualità ed esperienze concrete – affermano i volontari che così spiegano gli obbiettivi della loro iniziativa “Vorremmo saperne di più sull’analogo Servizio svolto in Francia conoscerne la struttura, i metodi operativi e gestionali, gli ambiti di azione, per confrontarli con i nostri. Siamo sicuri che avremo molto da imparare: come è ben noto, i francesi sono davvero avanti nel terzo settore, nei servizi al cittadino, nelle politiche sociali”.
Attualmente il Servizio Civile del Comune di Gaeta, ente accreditato, è attivo nell’ambito dei progetti A.S.I.A.4 (assistenza, solidarietà, integrazione sociale ) e OSSERVANDO GAETA2. Il progetto A.S.I.A4 vede 5 giovani volontarie impegnate nei servizi di assistenza scolastica, di assistenza domiciliare e nel centro diurno per disabili, mentre il progetto OSSERVANDO GAETA 2 prevede il coinvolgimento di 8 volontari in una serie di attività nell’ambito del disagio adulto, tramite azioni di rilevazione e monitoraggio costante dei bisogni della comunità locale, realizzando anche una sorta di feedback rispetto ai servizi erogati.
I progetti nascono dalla forte motivazione a dare continuità alla presenza del Servizio Civile nell’ambito delle attività che il Comune realizza sul territorio, allo scopo di diffonderne i principi e i valori e fornire ai giovani un’opportunità di vivere un’esperienza nel sociale e contestualmente avvicinarli alla realtà del volontariato. Le iniziative, ampiamente articolate, vantano della collaborazione in rete di personale coinvolto e di diversi enti pubblici e del privato sociale che quotidianamente aiutano e sostengono le attività per il raggiungimento degli obiettivi.
14 quindi sono i giovani, tra i 20 e i 30 anni, coinvolti nei due progetti, che oggi vogliono dar vita ad un filo diretto permanente con Frontignan, mossi soprattutto dal desiderio di rendere più incisivo il Servizio Civile del Comune di Gaeta. “Il nostro obiettivo finale – concludono infatti i volontari – è dar vita ad una stretta collaborazione tra le due strutture, rafforzando i legami anche attraverso lo scambio di periodici stage. L’esperienza dei volontari sul campo favorirebbe l’incontro ed il confronto tra le due diverse realtà, con tutti i vantaggi che ne potrebbero derivare per il perfezionamento del nostro operato”.