Giorno: 22 febbraio 2013

22 febbraio 2013 0

Lo tsunami tour chiude tra gli applausi dei cittadini la campagna elettorale di Grillo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dal gruppo del meet up ciociaro riceviamo e pubblichiamo: Giornata memorabile per la massa oceanica che ha occupato piazza San Giovanni a Roma. Neanche l’acquazzone ha potuto placara la voglia di manifestare dei cittadini volenterosi di cambiare il paese. La protesta pacifica e colorata dalle bandiere del Movimento 5 Stelle di è alzata come un arcobaleno dopo anni di buio la forza del movimento grillino è nei giovani che credono nelle loro forze. Grillo commosso dal palco ha raccolto applausi e letto una pagina piena di pensieri e speranze dedicate a tutti gli italiani che vogliono il nuovo corso. L’appuntamento per i sostenitori è al dopo elezioni perchè la strada verso il futuro è ancora tutta da fare.

22 febbraio 2013 0

Turbano il comizio di Rivoluzione Civile a Frosinone, 5 appartenenti a Casapound denunciati

Di redazione

Oggi pomeriggio durante lo svolgimento della manifestazione politica organizzata dalla lista Rivoluzione Civile alla quale è presente il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris ed il giornalista Sandro Ruotolo, cinque appartenenti al Movimento Provinciale Casapound hanno tentato di esporre uno striscione di contestazione nei confronti del candidato Sandro Ruotolo. Gli appartenenti al Movimento Casapound sono stati immediatamente identificati dal personale di questa Digos ed accompagnati in Questura dove sono stati denunciati ai sensi dell’art. 99 del DPR 361/1957 per “ aver turbato la riunione di propaganda elettorale pubblica”. Non vi sono state interruzioni della manifestazione che continua tuttora a svolgersi regolarmente.

22 febbraio 2013 0

Blitz dei carabinieri del Nas, chiuso noto panificio in centro a Cassino

Di admin

A Cassino i carabinieri della locale Stazione e i carabinieri del N.A.S. di Latina, nell’ambito di un predisposto servizio teso alla verifica dell’osservanza delle norme per la tutela della salute, procedevano al controllo di un noto panificio gestito da un 64enne del posto, a cui venivano contestati vari illeciti amministrativi. A seguito del controllo veniva disposta l’immediata chiusura dell’attività di laboratorio e contesta la violazione amministrativa di €1.000,00 circa.

22 febbraio 2013 0

Maltempo, ancora allerta meteo su gran parte dell’Italia

Di admin

Sono ore di tregua per le nevicate su gran parte delle regioni settentrionali, ma una nuova perturbazione determinerà domani generale maltempo sull’Italia, con precipitazioni intense, anche nevose, associate a forte ventilazione nei bassi strati. Come anticipato nei giorni scorsi, le previsioni indicano tempo generalmente perturbato su tutto il Paese fino a lunedì, salvo qualche intervallo di attenuazione dei fenomeni, con piogge al centro-sud e nevicate fino a quote di pianura al nord. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quello diffuso ieri. L’avviso prevede il persistere di precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sardegna, Lazio, Umbria e Campania, e l’estendersi dei fenomeni, che potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento, anche ad Abruzzo e Molise. Dalla mattinata di domani, sabato 23 febbraio, si prevedono inoltre nevicate su Liguria e Toscana, al di sopra dei 200-400 metri con apporti al suolo da deboli a moderati. Nel corso della giornata le nevicate torneranno progressivamente a interessare anche Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia, con apporti al suolo da deboli a moderati a quote di pianura, ed elevati sui settori montuosi. L’avviso prevede, infine, venti forti e mareggiate lungo le coste delle regioni centro-meridionali nella giornata di domani: in particolare dalla mattinata si prevedono venti forti con raffiche di burrasca dai quadranti occidentali sulla Sardegna, e dai quadranti meridionali su Lazio e Campania. Dalla serata, venti forti dai quadranti meridionali soffieranno su tutte le regioni meridionali e sulla Sicilia, con raffiche di burrasca da sud-est su Molise e Puglia. Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

22 febbraio 2013 0

Scuola, Profumo e Mastrapasqua firmano Protocollo d’Intesa Miur – Inps

Di admin

100 borse di studio, per un importo di massimo di 12mila euro ciascuna, per consentire per la prima volta a studenti, figli di dipendenti pubblici, di frequentare una scuola all’estero, per un anno o un semestre. Due milioni di euro per finanziare voucher formativi per corsi di perfezionamento e aggiornamento dedicati a docenti e dirigenti, da svolgere in Italia o all’estero.

Sono le principali iniziative che vedranno la luce nei prossimi mesi grazie al Protocollo d’Intesa firmato oggi dal ministro Francesco Profumo e dal presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua. La gestione INPS ha da sempre avuto nei suoi scopi istituzionali l’erogazione di prestazioni sociali in favore dei dipendenti  pubblici e dei loro familiari. Questo accordo prevede uno stanziamento  complessivo di 6 milioni di euro per promuovere  la mobilità studentesca, l’occupazione dei giovani e la formazione del personale della scuola statale.

Le 100 borse di studio per frequentare un periodo di scuola all’estero saranno bandite a marzo e nei prossimi mesi saranno messi a bando anche i voucher formativi per l’aggiornamento dei docenti e dei dirigenti. Tra le altre iniziative previste dall’accordo, anche borse di studio, dedicate a figli di dipendenti pubblici, per dottorati di ricerca in azienda, master per giovani non occupati e progetti di alternanza scuola-lavoro all’estero per favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. A breve sul sito dell’Inps verranno aperte le procedure di accreditamento di enti, istituzioni, associazioni disciplinari, associazioni professionali e università che, in una logica sussidiaria, saranno in grado di fornire proposte di qualità in tutti i settori previsti dal Protocollo ed individuati nei bandi.

“In un momento di crisi – ha commentato il Sottosegretario Elena Ugolini – è fondamentale fare sistema tra le istituzioni per migliorare le possibilità di occupazione dei giovani attraverso una formazione di qualità e per valorizzare la professionalità di insegnanti e dirigenti. L’auspicio è che questo accordo faccia da apripista ad altre possibili alleanze con soggetti pubblici e privati di diversi settori professionali e produttivi”.

22 febbraio 2013 0

La Guardia di Finanza sequestra immobili e auto per oltre 3mln di euro per evasione fiscale

Di redazionecassino1

La Tenenza della Guardia di Finanza di Aprilia ha eseguito due provvedimenti di sequestro di beni e patrimoni per un valore superiore ai 3 milioni di euro.

Nel primo caso, a conclusione di una complessa ed articolata attività di verifica nei confronti di una società operante nel settore dell’abbigliamento, i finanzieri apriliani hanno dato esecuzione ad un provvedimento, emesso dal giudice per le indagini preliminari, dott. Costantino De Robbio, su richiesta del sostituto procuratore della repubblica, dott.sa Raffaella Falcione, finalizzato al sequestro “per equivalente” di tre locali commerciali, un fabbricato ed un’autorimessa, siti ad Aprilia, per un valore di oltre 1 milione di euro, tutti riconducibili ai tre amministratori di fatto della stessa società.

L’attività ispettiva si era incentrata sulla verifica delle annualità in cui la società non aveva presentato le dichiarazioni fiscali, riscontrando una strana coincidenza: nello stesso giorno in cui la società era stata acquisita da un nuovo socio unico, un nullatenente romano, la stessa aveva venduto degli immobili strumentali di ingente valore, omettendo di presentare la dichiarazione dei redditi.

A destare ulteriori sospetti era stata anche la cessione delle quote societarie, operazione assolutamente antieconomica per il cedente, considerato che il prezzo di vendita di tali partecipazioni è risultato di gran lunga inferiore al valore della società stessa.

Attuando questo modus operandi, i responsabili hanno ottenuto un duplice vantaggio: da un lato non hanno dichiarato al fisco una plusvalenza di oltre due milioni di euro (cui afferisce un’imposta sul reddito societario pari a oltre 700 mila euro e un’iva per oltre 400 mila euro); dall’altro, hanno tentato di far ricadere la responsabilità penale di tale omissione in capo al neo amministratore, nonché socio unico (la  cosiddetta testa di legno).

I soggetti segnalati all’autorità giudiziaria pontina per omessa dichiarazione sono i tre amministratori di fatto, appartenenti alla stessa famiglia, due dei quali originari di Aprilia ed ivi residenti, uno originario di latina ed ivi residente, ed il nullatenente romano.

Di qui, ricorrendo i presupposti del sequestro “per l’equivalente” della somma illecitamente sottratta all’erario, volto ad aggredire i beni riconducibili in maniera diretta o indiretta agli amministratori di fatto, l’emissione del provvedimento di sequestro di tre locali commerciali, un fabbricato ed un’autorimessa.

Nella seconda operazione, invece, i finanzieri hanno eseguito, su disposizione della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Latina, il sequestro e la contestuale confisca di beni immobili, terreni, quote societarie e veicoli per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.

il provvedimento del Tribunale, richiesto sempre dalla d.ssa Raffaella Falcione a seguito di attività d’indagine svolta dalla tenenza di Aprilia, riguarda anche l’applicazione della  misura della sorveglianza speciale nei confronti dei tre soggetti destinatari della misura patrimoniale, in quanto è stato ravvisato, a loro carico, un attuale profilo di pericolosità sociale poiché, così come previsto dalla normativa cosiddetta “antimafia”, la loro condotta ed il loro tenore di vita fanno ritenere che vivano abitualmente con i proventi di attività delittuose.

In particolare, il sequestro e la contestuale confisca del patrimonio si fonda sulle risultanze investigative che hanno evidenziato forti discordanze tra i beni posseduti e le fonti di reddito ufficiali, assolutamente irrisorie.  Le persone interessate dai provvedimenti di natura personale e patrimoniale sono un sessantasettenne originario di Roma e residente ad Aprilia, che annovera vari precedenti penali e condanne per associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, reati inerenti agli stupefacenti e usura; una sessantaseienne originaria di Roma e residente ad Aprilia, anch’essa segnalata più volte all’autorità giudiziaria per differenti reati in materia di stupefacenti, associazione a delinquere, detenzione abusiva d’armi e usura; infine, un quarantasettenne, tratto in arresto più volte per falsi in genere, reati contro la persona, furto ed usura.

22 febbraio 2013 0

In cinque rapinano una gioielleria, bottino oltre 10mila euro. Rapinatori catturati dai Carabinieri

Di redazionecassino1

Alle ore 13.00 circa, in Vitulazio (CE) è stata perpetrata una rapina ai danni della gioielleria Damiani di quel centro. Tre malfattori, con volto parzialmente travisato e armati di pistola, accompagnati da una donna hanno fatto irruzione nell’esercizio e sotto la minaccia delle armi hanno costretto il titolare ad aprire la cassaforte dalla quale hanno asportato la somma in contanti di 10.000 euro circo oltre a vari monili in oro in corso di quantificazione. Prima di lasciare il negozio i rapinatori hanno colpito alla testa con il calcio della pistola il titolare del negozio. I quattro sono quindi fuggiti a bordo di un autovettura Nissan Micra di colore bianco. Alla richiesta di intervento pervenuta sul 112, la Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Caserta attuava, nell’immediato il dispositivo antirapina facendo convergere sul posto tutte le autovetture in circuito. L’immediata risposta induceva i rapinatori ad abbandonare il mezzo utilizzato per la fuga. Solo grazie alla presenza di ulteriori autoradio inviate sul posto ed ai mezzi tecnici in dotazione della Centrale Operativa  veniva dopo poco intercettata un Autovettura Audi A3, alla cui guida uno dei militari occorsi riconosceva un noto pluripregiudicato del luogo che trasportava altre persone a bordo. Alla vista del mezzo militare l’Audi intraprendeva una precipitosa fuga innescando così l’inseguimento dei mezzi dell’Arma. Nel frattempo la Centrale Operativa disponeva la cinturazione dell’Area permettendo così dopo rocambolesco insegiuimento protrattosi anche a piedi sul territorio capuano di bloccare i rapinatori e recuperare la refurtiva. Cinque sono i malfattori finiti in manette, di cui quattro italiani ed una donna straniera.

 

22 febbraio 2013 0

Sorpresi dai carabinieri mentre rubano in un capannone abbandonato, in manette due rumeni

Di redazionecassino1

Nella mattinata  i carabinieri del N.O.R.M. – Aliquota Radiomobile della Compagnia di Pontecorvo, nel corso di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, hanno tratto in arresto due cittadini rumeni, domiciliati presso il campo nomadi di Guidonia ed un 36enne residente in Roccasecca, poiché resisi responsabili del reato di “furto aggravato”. I predetti venivano sorpresi dai militari operanti all’interno di uno stabilimento in disuso sito in Castrocielo, mentre erano intenti a recidere cavi elettrici di rame ed ad asportare vari sanitari. Nel medesimo contesto, il personale operante rinveniva all’interno dell’autocarro in uso ai nomadi altri cavi elettrici di rame, materiale ferroso nonché pannelli elettrici. Automezzo e materiale recuperato sottoposti a sequestro. I due rumeni sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza del comando Stazione di Pontecorvo  in attesa del rito direttissimo previsto mattinata di oggi, mentre il terzo arrestato è stato sottoposto al regime della detenzione domiciliare a disposizione dell’A.G.

22 febbraio 2013 0

Basket: BPF Basket Cassino tutto pronto per lo scontro con Marino

Di redazionecassino1

Giornata ad molto importante quella di domenica 24 febbraio per il Basket Cassino, infatti alle ore 18.00 nello storico palazzetto di Via Appia si accenderanno i riflettori per la sfida dei ragazzi della città martire alla corazzata Marino che prima degli impegni di Coppa Italia scende a Cassino per ribadire e provare a consolidare la testa del campionato.

Sarà una sfida carica di agonismo, molta la fisicità sul parquet con diversi atleti oltre i 200 cm, i ragazzi di Porfidia dopo la prova maiuscola sul parquet di Valmontone vogliono cercare conferme anche se  l’avversario incute rispetto per tutto quello che ha fatto fino ad ora.

12 vittorie, 4 sconfitte, 1252 punti realizzati con una media gara di 78.50, 1096 punti subiti media gara 68.50 con un saldo positivo di 156 punti, questi i numeri impressionanti dei ragazzi di coach Paccariè che fino a questo punto ha utilizzato un gruppo composto da 15 giocatori con forti personalità. Dicevamo solo 4 sconfitte in 16 gare per Marino, tre in trasferta a Viterbo 73-63, a Sestu contro i Pirates 57-54 e sul parquet della Luiss 86-75, una sola sconfitta casalinga ad opera di palestrina che si impose sul filo di lana di un solo punto 74-75, per il resto solo vittorie e tutte con numeri importanti. Nella gara dell’andata Canzano e compagni non riuscirono a trovare la vittoria complice un Marino precisissimo da 3 punti (8 bombe dei castellani a referto a fine gara) e che riuscirono a portare 6 uomini a referto in doppia cifra con Bertoldo e Lucidi vicini al ventello, per i nostri buona prestazione soprattutto di Confessore a cui andò il platonico titolo di miglior realizzatore della partita con 24 punti.

Roster completo per i castellani che si avvalgono delle grandi potenzialità di uomini come Bertoldo, miglior realizzatore fino ad ora con 242 punti e 48 realizzazioni da 3, di Barraco 179 punti per il gigante, 204 cm ex Montecatini, per lui in 514 minuti anche 108 rimbalzi e 12 stoppate, Monti classe 1975 x 205 cm, 166 punti 112 rimbalzi e 12 stoppate, ed ancora Spizzichini Simone ex Luiss giocatore più utilizzato, Criscimanni 159 punti 43 palle recuperate e 49 assist, numeri di assoluto prestigio, completano il roster Lucidi, Spizzichini Bruino, D’Erchie, Guadagnini, Spampinato, Ciavarro, Giovannangelo, Piazza e Fabrizio, out probabilmente per infortunio Di Giacomo.

Il Basket Cassino dovrà far leva sull’orgoglio e sulla classe del suo gruppo per vincere questa partita, nelle caratteristiche del gruppo cassinate ci sono tutti gli elementi da gettare sul parquet, la saggezza e l’esperienza di uomini come Confessore, Guida, Canzano, Violo e Liburdi, a cui affiancare la voglia di essere protagonisti dei giovani che daranno il massimo per scrivere una pagina indelebile per lo sport di Cassino. Out ancora De Giorgio e Serafini,  Liburdi ancora fermo in settimana causa l’infortunio rimediato nella sua prima gara a Cassino contro Viterbo toccherà ai cassinati Lepore, Onomo e Caldelaresi dare il loro indispensabile contributo alla causa  in una gara cosi ostica. Il Basket Cassino sta facendo molto affidamento sui giovani del vivaio nati proprio nella città martire e il loro apporto costante sta contribuendo in maniera solida alla crescita della squadra in vista dei nuovi, ed importanti progetti futuri della società.

Palla a due alle ore 18.00, arbitri ancora di Avellino per la partita i signori Ciro Marzullo e Mario Marsico.

22 febbraio 2013 0

Iniziati i lavori per la bonifica della discarica al campo di aviazione

Di redazionecassino1
Sono iniziati ad Aquino i lavori per bonificare la grande discarica comunale che si trova nelle vicinanze del campo d’aviazione.

Proprio nelle scorse settimane è stata espletata la gara ed affidati i lavori che dovrebbero concludersi nel prossimo mese di giugno. I lavori, per un importo di oltre 600 mila euro, sono stati finanziati a suo tempo dalla regione con fondi europei nell’ambito di un programma che prevede la bonifica di gran parte delle discariche regionali, cosi come imposto dalla commissione europea. I lavori prevedono la rimozione dei rifiuti li depositati, fino all’esaurimento del contributo finanziario; il trasporto ovviamente in sicurezza, presso discariche autorizzate, la ricostruzione del sito con impianto di manto erboso e una nuova recinzione a protezione del vecchio sito con materiale non soggetto ad usura. La discarica di Aquino nacque, insieme a tante altre di molti altri comuni, nei primi anni novanta, in piena emergenza da rifiuti, in quanto i comuni non disponevano di punti di deposito e smaltimento, e ognuno doveva vedersela da sè, pena l’impossibilità di raccogliere i rifiuti solidi urbani. Era il tempo in cui l’impianto di smaltimento di Colfelice, pur se già realizzato, non veniva ancora aperto per le resistenze dei comuni più vicini all’impianto, e i palleggiamenti dell’amministrazione provinciale che per legge doveva provvedere. Questa situazione durò ben cinque anni, giusto il tempo perchè la nostra provincia si riempisse di discariche “provvisorie” realizzate dai sindaci con procedura d’urgenza, e alla fine l’impianto entrò in funzione. Le discariche “provvisorie”, tra cui quella di Aquino, furono realizzate con sufficiente sicurezza, diverse altre no, e diversi comuni ebbero non poco da fare per affrontare anche problemi giudiziari in cui molti si trovarono coinvolti in questa situazione d’emergenza e difficilissima da affrontare. Negli ultimi anni, la regione, diffidata spesso dagli organismi europei, ha programmato il finanziamento per la bonifica delle discariche; adesso è la volta anche di quella di Aquino che comunque in questi anni non ha dato luogo a problemi di sorta, perchè a suo tempo il comune la realizzò secondo i criteri stabiliti dalla normativa di emergenza emanata allora. “Ricordo benissimo quel brutto periodo in cui ci trovammo ad affrontare problemi di enorme difficoltà e di difficilissima soluzione, perchè li ho vissuti direttamente” ha rilevato il sindaco di Aquino Antonino Grincia, in carica anche a quell’epoca..”furono un incubo per tutti, ma con tanta fatica e tanto impegno, riuscimmo ad affrontarli. “Certo, quella situazione ha lasciato le sue tracce, e proprio adesso io stesso mi trovo a chiudere quel periodo lontano e che molti hanno dimenticato, dando l’avvio all’opera di bonifica di quella discarica realizzata allora”.