Giorno: 25 febbraio 2013

25 febbraio 2013 0

Elezioni 2013: Aspettando… i dati definitivi, Grillo da exploit, si attesterebbe al 25%

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Chiusi  alle 15 i seggi elettorali per il rinnovo della Camera e del Senato, in alcune regioni come Lazio, Molise e Lombardia anche per rinnovare i rispettivi Consigli regionali e i governatori, è iniziato lo spoglio delle schede che ha riservato non poche sorprese. Un dato particolarmente significativo è sicuramente quello riferito al calo nell’affluenza alle urne da parte degli italiani, un risultato attestato intorno al 6%.

Chiuse le urne, gli instant poll realizzati dagli istituti di sondaggio Tecnè e Piepoli davano inizialmente il Centrosinistra verso la maggioranza anche al Senato, ma le proiezioni successive, relative sempre a Palazzo Madama, ribaltano il quadro: per Piepoli Centrodestra al 31,6%, centrosinistra al 29,4% e il Movimento Cinquestelle al 24,9%. Numeri quasi identici per Tecné. Se i dati fossero confermati, il grado di governabilità del Paese sarebbe sicuramente a rischio. Occorrerà attendere le altre proiezioni per avere il quadro più chiaro della situazione, certo la ingovernabilità è l’elemento che caratterizza questa prima parte dello spoglio.

25 febbraio 2013 0

Frana di Pontecorvo, l’amministrazione vigila lo smottamento e dichiara: “Da tempo avevamo informato l’Ardis”

Di redazione

“Il movimento franoso avvenuto intorno alle 4 della scorsa notte ha interessato circa 50 metri di strada e compromesso la viabilità in tutta via Lungoliri. La macchina dell’emergenza è stata attivata subito”. E’ quanto si legge in un comunicato stampa redatto dal comune di Pontecorvo. “Certo è che in più occasioni abbiamo segnalato all’Ardis, con note protocollate, la grave situazione che si stava prefigurando al di sotto di via Lungoliri, nel letto del fiume Liri, dove, come noto, l’amministrazione comunale non può intervenire dacchè non ha competenza giuridica”. Lo scrive nella nota il sindaco Michele Notaro e l’assessore ai lavori pubblici Ugo Cincis il quale aggiunge: “Ad ogni modo, in questo momento di emergenza non cerchiamo assolutamente le polemiche, ma vogliamo tutelare l’incolumità dei cittadini, tutti, sia residenti che non, per cui ci siamo attivati presso gli organi competenti, come la Regione Lazio, il ministero dell’Ambiente e l’Ardis. Domani mattina sarà eseguito un sopralluogo con i i tecnico Ardis, nel frattempo l’amministrazione comunale, tramite l’ufficio tecnico, ha installato dei piccoli rilevatori di movimenti del terreno nella parte sovrastante via Lungoliri, ovvero ai bastioni di Santo Stefano. È priorità assoluta di quest’amministrazione tutelare i cittadini, per cui monitoreremo costantemente la situazione attraverso dei turni si sorveglianza h 24 che si stanno predisponendo di concerto con i carabinieri, la protezione civile e la polizia locale. Accanto all’emergenza frana, abbiamo preso in considerazione anche la viabilità, in via Lungoliri, è stata disposta la chiusura totale del traffico, ma con ordinanza è stato anche provveduto alla limitazione del traffico pesante in via La Cupa, ciò per tutelare la stabilità e la sicurezza dei cittadini. Invitiamo la cittadinanza a non recarsi nell’area interessata alla frana”.

25 febbraio 2013 0

Mezza Maratona di Barcellona: buoni risultati per gli atleti del Cus Cassino

Di redazionecassino1

Ben 15 mila sono stati i partecipanti alla mitja maratò (mezza maratona o half marathon) di Barcellona, svoltasi domenica scorsa.  Ottime le condizioni climatiche: né troppo freddo, ne troppo caldo e, ottimo anche il percorso pianeggiante e scorrevole. Alla kermesse sportiva, dopo gli appuntamenti di Berlino (a luglio) e di Stoccolma (a settembre), ha preso parte anche la compagine del Centro Universitario Sportivo di Cassino, capitanato dal presidente, il professor Carmine Calce, e che ha visto – come sempre – la presenza del rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Ciro Attaianese che, seppur con una gara un po’ incauta e nervosa ha comunque sfiorato il suo primato personale e ha rifilato ben 4 minuti di distacco al Presidente del Cus. Si segnala poi la performance di Panaccione che ha  migliorato abbondantemente il suo primato personale, ma, di rilievo assoluto, è stata la prestazione di Sergio Calce che neanche da atleta “vero” andava così forte. Ha migliorato abbondantemente il suo primato personale passando da 1h29’ ad 1h25’. Bisogna dire che sulla sua strada ha trovato il fantastico treno della studentessa di ingegneria a Frosinone Alessandra Scaccia che ha impostato la gara su ritmi ottimali, poi è stata frenata da problemi di salute che ne hanno condizionato le ultime settimane di allenamento e il rendimento in gara, il risultato è un po’ lontano dal suo personale di 1h 23’ ma ampiamento giustificato dalle condizioni fisiche. Da manuale la distribuzione dello sforzo di Fiorella Pittiglio che, sempre da sola, ha corso in modo encomiabile ed ha sfiorato il suo primato personale di Stoccolma. Abbondantemente nuovo primato personale per Stefania Salvi: ha sfrecciato con le “trecce tricolori” accompagnata da Giovanni Baldassarri. Un  po’ in calando i parziali di gara che denotano una partenza forse un po’ troppo briosa. Le due “vecchie glorie” Valente “piccantino” e Terranova, a corto di allenamento, hanno fatto una partenza molto prudente e poi sono andati in crescendo. Ancora un nuovo primato personale per la inossidabile coppia Di Zazzo-Lancia. Eccezionale l’esordio dell’aspirante ingegnere Francesca Marotta che alla prima esperienza sulla distanza è partita con molta cautela ed ha finito in notevole crescendo registrando un ottimo tempo che lascia ben sperare per il futuro. Nuovo primato personale – infine – per il Presidente del Cus Carmine Calce, anche grazie alla sapiente regia del dottor Gregorio Tibaldi che lo ha guidato con maestria ad un notevole miglioramento, che però – nonostante tutto – ancora non gli ha consentito neanche di vedere le spalle del Rettore che lo ha staccato imperiosamente. Soddisfatto si dice il presidente del Cus Carmine Calce: «Il nostro obiettivo era quello di coinvolgere gli studenti e possiamo dire di esserci riusciti anche se ci auguriamo sempre una più ampia partecipazione».

 

RISULTATI MEZZA MARATONA DI BARCELLONA

 

Pos.       Drs.        Nombre                              Cat.        Club                      País                       Tiempo

00714    01890    Sergio Calce                       DM        Cus Cassino        ITA                         01:25:44

00995    01891    Alessandra Scaccia          DF          Atl Colleferro    ITA                         01:27:54

04447    04784    Fiorella Pittiglio                DF          Cus Cassino        ITA                         01:43:00

04509    09377    Giovanni Baldassari        DM        Runners Club Anagni     ITA         01:43:11

04514    09917    Stefania Salvi                    DF          Runners Club Anagni     ITA         01:43:12

06001    04785    Augusto Terranova        EM         Cus Cassino        ITA                         01:47:49

06031    04896    Giovanni Valente            EM         Cus Cassino        ITA                         01:47:54

07328    10018    Valentino Panaccione   EM         Cus Cassino        ITA                         01:52:16

07333    09995    Ciro Attaianese                                EM         Cus Cassino        ITA                         01:52:17

07994    14234    Tullio Di Zazzo                   EM         Cus Cassino        ITA                         01:54:41

08002    14236    Maria Teresa Lancia       EF           Cus Cassino        ITA                         01:54:43

08334    04787    Carmine Calce                  DM        Cus Cassino        ITA                         01:56:00

08336    04799    Gregorio Tibaldi               EM         Cus Cassino        ITA                         01:56:01

09395    14241    Francesca Marotta         BF           Cus Cassino        ITA                         02:00:06

RIT.        14235    Maurizio Fionda               EM         Cus Cassino        ITA                         stiramento adduttori

TEMPI PARZIALI DI PASSAGGIO

KM 0-5

KM 5-10

KM 10-15

KM 15-20

CALCE S.

20.59

20.31

20.48

19.26

SCACCIA

20.58

20.31

20.48

21.13

PITTIGLIO

25.04

24.15

24.24

24.21

BALDASSARRI

24.00

24.16

24.41

25.06

SALVI

24.01

24’16”

24’42”

25’06”

TERRANOVA

28.34

27.04

24.21

23.01

VALENTE

28.39

27.05

24.22

23.00

PANACCIONE

26.34

25.51

26.31

27.27

ATTAIANESE

26.34

25.50

26.31

27.27

DI ZAZZO

27.56

26.50

27.06

27.07

LANCIA

27.57

26.50

27.06

27.07

CALCE C.

28.41

27.35

27.19

26.50

TIBALDI

28.41

27.35

27.19

26.50

MAROTTA

31.00

28.44

28.24

26.44

FIONDA

34.11

36.34

46.14

/

25 febbraio 2013 0

Inquinamento: Da giovedì 28 febbraio targhe alterne (circolano le pari) domenica ecologica

Di redazionecassino1

“Constatato che i valori di inquinamento da Pm10 nel territorio comunale nell’ultimo periodo hanno fatto registrare il raggiungimento ed, in alcuni casi, il superamento (venerdì si è raggiunto il trentesimo giorno di sforamento) delle concentrazioni medie giornaliere previste dalla legge, abbiamo deciso di adottare delle misure per contenere e limitare il ripetersi di questa problematica.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, annunciando l’attivazione delle targhe alterne come misura per contrastare l’inquinamento da polveri sottili. “Per queste ragioni – ha continuato il sindaco – l’ordinanza emanata prevede l’attivazione delle targhe alterne, a partire da giovedì 28 febbraio, per i veicoli non alimentati a Gpl, metano Euro 4 ed Euro 5.” Sull’argomento è intervenuto anche l’assessore all’ambiente del Comune di Cassino che ha spiegato il contenuto dell’ordinanza.“A partire dal 28 febbraio – ha dichiarato Consales – scatteranno le targhe alterne; in particolare nella giornata di giovedì la circolazione è consentita soltanto alle automobili che hanno targa pari (ovvero quelle con l’ultimo numero di targa pari a 0, 2, 4, 6, 8) fornite di bollino blu e a quelle con alimentazione Gpl, metano, Euro 4 ed Euro 5. Il provvedimento riguarderà la zona centrale della città, delimitata all’interno della Ztl. Le targhe alterne proseguiranno per l’intero mese di marzo, seguendo il seguente criterio che prevede: il lunedì, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20, la circolazione di veicoli con targa dispari (ovvero quelle con ultimo numero di targa pari a 1, 3, 5, 7, 9) o con alimentazione Gpl, metano, Euro 4 – Euro 5; il giovedì, sempre dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20, la circolazione di veicoli con targa pari. L’ordinanza prevede, inoltre, la chiusura totale del traffico all’interno della Ztl per la giornata di domenica 3 marzo 2013; provvedimento che, ovviamente, non riguarderà i veicoli con alimentazione Gpl, metano, Euro 4 ed Euro 5.”

ZTL così delimitata:

da incrocio Via S. Angelo – Via Porta Paldi – Via Di Biasio – C.so della Repubblica fino a Piazza Toti – Via Marconi – Largo Molise – Via Molise – Via T. Campanella – Via Degli Eroi – Via Telesio – Via Vespucci – – Piazza Gramsci – Via C. Colombo fino a Piazza Restagno – Piazza Restagno – Via Zamosh – Via E. De Nicola (ad attraversare per Via Bellini) – Via Bellini – Via Leopardi – Via Verdi con accesso a Piazza Green e Ex Campo Miranda – Via Garigliano – Piazza Garibaldi–- Viale Bonomi fino all’incrocio con Via S.Angelo – Porta Paldi;

 

 

 

25 febbraio 2013 0

Mucche sulla Flacca in piena notte a Sperlonga, rischio incidente

Di redazione

Pericolo mucche sulla Flacca. Ieri sera poco prima della mezzanotte, in un tratto lontano dalla pubblica illuminazione, quattro mucche sono state notate mentre pascolava sul ciglio della via Flacca a Sperlonga. Una situazione di grande pericolo dato che gli animali, tutti adulti e pesanti diversi quintali, erano sfiorati dalle tante vetture in transito. Gli automobilisti dopo aver passato incolumi il tratto incriminato, proprio davanti all’ingresso del museo archeologico, tentavano di avvisare gli automobilisti che sopraggiungevano in senso contrario. Difficile stabilire da dove arrivassero, certamente di proprietà di qualche allevatore incosciente che le ha lasciate libere di pascolare fino ad una delle arterei stradali più trafficate della zona con grande pericolo per loro e per gli automobilisti. E. A.

25 febbraio 2013 0

VI Congresso provinciale del Cosip a Cassino, affontate le problematiche degli operatori di polizia

Di redazione

Lo scorso 21 febbraio, a Cassino, si è svolto il VI° Congresso Provinciale del Coisp di Frosinone. Ai lavori hanno preso parte il Segretario Generale Aggiunto Domenico PIANESE ed il Segretario Nazionale Mario VATTONE. In apertura, il Segretario Generale Aggiunto Domenico PIANESE ha illustrato alla folta platea di colleghi presenti le tematiche portate avanti dal Sindacato a livello nazionale: Riforma del sistema pensionistico; Contratto delle Forze dell’ordine ed eventuali risvolti; Blocco del turn over; Chiusura degli Uffici di Polizia. Effetti della spending review. Bando di nuovi concorsi per Ispettori e Sovrintendenti. Dopo l’intervento, l’incontro è entrato nel vivo con il rinnovo delle cariche sindacali della Segreteria Provinciale. All’unanimità è stato rieletto Segretario Generale Provinciale Giovanni RAIMONDO, il quale, dopo aver ringraziato tutti i presenti per la fiducia accordatagli ha sollecitato tutti i componenti la Segreteria ad un impegno sempre maggiore per la tutela dei diritti dei colleghi, donne e uomini, che operano nella Provincia.

25 febbraio 2013 0

Evasione fiscale e bancarotta fraudolenta, imprenditore ciociaro denucniato nel frusinate

Di redazione

La Guardia di Finanza di Frosinone ha denunciato l’amministratore di una società frusinate, operante nel settore del trasporto di merci su strada, per un’evasione fiscale di oltre 4 milioni di euro e per bancarotta fraudolenta. L’operazione, eseguita dalle Fiamme Gialle di Ceprano, è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone ed ha preso in esame la conduzione societaria di un imprenditore ciociaro il quale, al fine di impedire o comunque rendere difficoltosa la ricostruzione del volume di affari e degli aspetti di gestione, ha occultato parte delle scritture contabili ed ha omesso di presentare la dichiarazione annuale dei redditi. Inoltre gli accertamenti contabili hanno consentito di rilevare che l’imprenditore, al fine di far apparire una situazione patrimoniale florida rispetto a quella effettiva, ha annotato crediti fittizi vantati nei confronti di clienti per un ammontare di oltre un milione di euro; si trattava di crediti che, seppur precedentemente effettivamente vantati nei confronti di clienti, erano stati quasi tutti regolarmente soddisfatti dai debitori. Ulteriori aspetti di gestione finiti sotto la lente di ingrandimento degli investigatori, concernevano il ricorso a contratti atipici, il cui fine ultimo era sempre quello di nascondere la reale situazione economico-patrimoniale della società. Al termine delle complessive investigazioni l’imprenditore frusinate è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Frosinone per i delitti di bancarotta fraudolenta, di omessa presentazione della dichiarazione annuale ai fini delle imposte sul reddito e dell’IVA e di omesso versamento di imposte. La base imponibile sottratta a tassazione è di oltre 4 milioni di euro e le violazioni all’IVA di circa un milione di euro

25 febbraio 2013 0

Camorra, sequestri per 650 mila euro agli affiliati ai Casalesi

Di redazione

Lo stato continua ad aggredire la malavita organizzata Campana dal punto di vista finanziario esercitando due ingenti sequestri tra Casal di Principe e i comuni vesuviani. Alcuni giorni fa il personale della Direzione Investigativa Antimafia di Napoli ha dato esecuzione al decreto di sequestro beni, emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Ce) – Sezione Misure di Prevenzione nei confronti di Di Caterino Emilio 39enne, di Casal di Principe (CE). Il provvedimento del collegio sammaritano è stato adottato a seguito degli accertamenti svolti dalla D.I.A. compendiati in una proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale avanzata dalla Procura della Repubblica stessa sede, nel marzo del 2007. Emilio Di Caterino è stato protagonista delle cronache giudiziarie e nella scalata al potere camorristico negli ultimi anni fino a raggiungere un posto di rilievo e di fiducia in seno all’organizzazione del clan dei Casalesi. Nel settembre del 2003 era stato colpito dall’O.C.C. ed indagato, tra l’altro, per reato di omicidio aggravato dall’art. 7 della legge 203/91, commesso in data 06.09.2002 ai danni di DI MAIO Nicola, attinto da due colpi di arma da fuoco dopo essere stato inviato ad appuntamento in un pub di Castel Volturno. Il cadavere fu messo in un’auto e data alle fiamme. Nel maggio del 2006, con sentenza della Corte di Appello di Assise di Santa Maria Capua Vetere, il DI CATERINO Emilio è stato assolto per non aver commesso l’omicidio ma veniva condannato per il delitto di ricettazione dell’auto a bordo della quale era poi ritrovato carbonizzato DI MAIO Nicola, e veniva condannato ad anni uno e mesi sei di reclusione. Il DI CATERINO per sfuggire alla suddetta O.C.C. ed al fermo disposto dal P.M. della D.D.A., in data 03.06.2005, per il reato di estorsione in concorso con altri, aggravato dall’art. 7, nell’ambito dello stesso procedimento penale, si era dato alla latitanza. Dopo un lungo periodo di irreperibilità il 17.10.2008, il DI CATERINO Emilio faceva ingresso in carcere ed in data 30.06.2011, ha iniziato il percorso di collaborazione con la giustizia. Conseguentemente veniva trasferito, secondo il programma di protezione previsto dalla normativa per il collaboratori di giustizia, in località protetta. Con l’odierno decreto di Sequestro il Tribunale di Santa Maria C.V. – Sezione Misure di Prevenzione, ha sottoposto a vincolo reale un terreno ed un villino ivi edificato. l valore dei beni sottoposti a Sequestro, sulla base di una stima effettuata dall’Amministratore Giudiziario, ammonta a circa mezzo milione di euro. Nella medesima giornata il personale del Centro Operativo di Napoli della Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito un altro provvedimento concernente l’estensione di un sequestro di prevenzione già eseguito alcuni giorni fa nei confronti delle seguenti persone ritenute essere appartenenti al clan “Fabbrocino”, e, più precisamente di : FABBROCINO Mario, nato il 01.06.1956 a San Gennaro Vesuviano (NA), imprenditore, attualmente detenuto; GIANNONE Anna (moglie del FABBROCINO), nata il 04.03.1959 a Casalnuovo (NA); FABBROCINO Pietro, nato il 27.06.1988, a Ottaviano (NA) figlio del FABBROCINO; FABBROCINO Lorenzo, nato il 11.04.1984, a Pomigliano d’Arco (NA) figlio del FABBROCINO. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Napoli – Sezione Misure di Prevenzione a seguito di proposta per l’applicazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale, formulata dalla Procura della Repubblica di Napoli – DDA ed ha interessato l’impresa individuale GIANNONE Annunziata nata a Casalnuovo (NA) il 07.08.1956 P.IVA 04246221214 con sede legale in San Gennaro Vesuviano alla via Ottaviano 209, sorella della GIANNONE Anna di cui al punto 2). Il valore stimato della predetta azienda ammonta a circa €.150.000.

25 febbraio 2013 1

Frana il Lungoliri a Pontecorvo. Cinquanta metri di strada “scivolano” a valle

Di redazione

Una frana dal fronte di circa 50 metri ha costretto, questa notte, alla chiusura di via Lungoliri a Pontecorvo. Lo smottamento ha ridotto della metà la carreggiata, un tempo a senso unico, trascinandosi a valle, verso il fiume Liri, con un salto di circa 20 metri, parte del manto di asfalto e tutte le opere a supporto della strada; dal marciapiedi alle pozzette. Uno smottamento dovuto alle forti piogge dei giorni precedenti, si dirà, ma la zona in questione è da anni al centro di movimenti franosi più o meno importanti e, come purtroppo spesso accade, si tarda a correre ai ripari. Quello di questa notte è certamente l’episodio più importante, e per fortuna i danni solo strutturali. Ma la strada è densamente trafficata perché è una delle principali della città fluviale, per cui ci si può dire fortunati se al momento del crollo non erano in transito veicoli, altrimenti, oggi, staremmo parlando dell’ennesima tragedia annunciata. Er. Amedei Foto Antonio Nardelli