Protocollo d’intesa tra Finanza e Comune contro evasione fiscale e ‘falsi poveri’

15 febbraio 2013 0 Di redazionecassino1

“Si stringe la maglia della lotta all’evasione sul territorio di Pescara: Amministrazione Comunale e Comando Regionale della Guardia di Finanza hanno infatti stipulato un Protocollo d’Intesa ad hoc per incrementare i controlli ai fini del contrasto all’evasione dei Tributi locali e della percezione illecita di prestazioni sociali agevolate. L’obiettivo non è ovviamente quello di vessare gli utenti, ma piuttosto di tutelare i contribuenti che, nel rispetto delle regole, pagano le imposte, scovando i ‘furbi’”. Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia che stamane ha sottoscritto il Protocollo d’Intesa con il Comandante Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza Generale Francesco Attardi, alla presenza anche del Comandante provinciale delle Fiamme Gialle, colonnello Mauro Odorisio, e dell’assessore comunale ai Tributi Massimo Filippello.

“Ormai da quattro anni la nostra amministrazione comunale è impegnata nella lotta serrata contro l’evasione delle imposte locali partendo da un principio chiaro, ossia pagare tutti per pagare meno, assicurando il rispetto di norme e regole del vivere sociale – ha spiegato il sindaco Albore Mascia -. Comprendiamo che in tempi di forte crisi economica, come quella che stiamo vivendo, diventa sempre più difficile chiedere alle famiglie di pagare oneri sempre più gravosi, ma proprio per tutelare quegli utenti che effettivamente hanno diritto a usufruire di agevolazioni o di sostegni economici da parte della pubblica amministrazione per difficoltà personali, abbiamo il dovere di essere rigorosi nei confronti di chi ha invece opportunità e condizioni economiche tali da poter pagare le imposte, ma tenta di fare il furbo e magari, presentando, una semplice autocertificazione e autoattestando un reddito minimo, riesce a usufruire del pagamento agevolato della mensa scolastica per i propri figli o dell’iscrizione gratuita all’asilo a discapito degli altri contribuenti”.

Dal canto suo, il Gen. Attardi ha affermato che l’attuale periodo di crisi ha fatto “innalzare” il livello di attenzione sui temi della tutela delle risorse dello Stato e degli Enti locali. La G. di F. non sta chiusa nel “palazzo”, senza guardare fuori dalla finestra, ma oggi, “in silenzio e a fari spenti”, continua a lavorare per individuare le migliori pratiche per ridurre sprechi e inefficienze,  anche davanti alla stessa opinione pubblica, più attenta di fronte agli episodi di mala-gestione o di sperpero delle risorse.

Proprio per tutelare i contribuenti e l’economia, cerchiamo di porci come tutori dell’economia legale, dalla parte degli imprenditori onesti e collaboriamo, sviluppando sinergie, con enti locali, associazioni di categoria, aziende sanitarie e università, unendo le forze in un comune impegno contro la cultura dell’illegalità.

E questo di oggi è uno dei protocolli di collaborazione stipulati proprio nel settore della lotta agli sprechi con enti gestori ed erogatori, al fine di impedire che una buona parte delle risorse finisca nel buco nero dello spreco.

Per questi motivi continueremo oltre ad aggredire i fenomeni come le frodi ai sistemi previdenziali e assistenziali e quelle di maggiore spessore sui settori che l’esperienza operativa individua come più remunerativi, quali la spesa sanitaria convenzionata, le misure finanziate con i fondi dell’Unione europea, incrementeremo anche la nostra presenza ispettiva per il contrasto dei fenomeni illeciti di massa nel settore delle prestazioni sociali agevolate oggetto dell’odierno protocollo che vuole, al contempo, testimoniare il progredire del concorso sinergico fra le varie Istituzioni dello Stato in difesa del bilancio pubblico ed a tutela delle risorse destinate al sostegno delle classi più indigenti…al motto…”pagare tutti per pagare meno”!

Secondo quanto stabilito nel Protocollo d’intesa, Comune e Guardia di Finanza si impegnano a collaborare, secondo le rispettive funzioni e competenze. Il Comune di Pescara fornirà al Comando Regionale della Guardia di Finanza i nominativi, o elenchi di nominativi, anche eventualmente attraverso procedure informatizzate, dei beneficiari di prestazioni agevolate pubbliche nonché i nominativi sui quali emergono fondati dubbi in merito alla veridicità della dichiarazione e inoltre, su richiesta, dello stesso Comando, documentazione e assistenza utile allo scopo dei controlli predisposti. Dal canto suo il Comando Regionale della Guardia di Finanza effettuerà i controlli sui beneficiari segnalati dall’Amministrazione comunale e darà comunicazione al Comune su violazioni di natura amministrativa e penale eventualmente rilevate. “ I controlli saranno effettuati secondo i criteri e le procedure prescritti nella normativa di riferimento e, naturalmente, nel pieno rispetto della privacy.”

Il protocollo avrà la durata di 3 anni e, per dare esecuzione al documento e assicurare un costante monitoraggio dell’attività, è stato costituito un Comitato esecutivo, composto da 4 membri, di cui due nominati dal Comune di Pescara, nelle persone dei Dirigenti del Settore Tributi e del Settore Politiche sociali, e due Ufficiali designati dal Comandante Regionale.