Giorno: 11 marzo 2013

11 marzo 2013 0

Arrestato in flagranza dai Carabinieri il ladro seriale del lungomare di Termoli, recuperata refurtiva per oltre 10mila euro

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La tenacia e la costanza investigativa della Stazione Carabinieri di Termoli ha permesso di incastrare un ladro seriale di Termoli che negli ultimi mesi aveva messo a segno moltissimi colpi nel centro costiero molisano, ma anche a San Salvo e Vasto (CH); F.V., 42enne da Larino (CB), incensurato, era ricercato da tempo dai Carabinieri di Termoli come il ladro del lungomare, per aver commesso numerosissimi (si parla di oltre 100 denunce ricevute tra il 2012 e i primi mesi del 2013) furti commessi sulle auto lasciate in sosta sul lungomare. La tecnica del ladro era ormai nota agli uomini del Luogotenente Piero DE CARLO: l’uomo si recava, specialmente nei fine settimana, sul lungomare nord di Termoli a bordo della propria autovettura Fiat Panda di colore blu in compagnia del cagnolino; giunto sul posto teneva sotto controllo i movimenti delle persone, in particolare runners o semplici passeggiatori in spiaggia, che lasciavano sul proprio automezzo borse, borselli o cellulari per dedicarsi all’attività preferita. Quindi colpiva, spesso rompendo i vetri delle autovetture con una candela d’accensione per auto, impossessandosi di denaro contante, cellulari e carte di pagamento; l’uomo era stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza di vari istituti di credito di Termoli mentre effettuava prelievi dagli sportelli automatici utilizzando i bancomat rubati, spesso tenuti nel portafoglio unitamente al codice pin (cosa da evitare assolutamente!) per cui la sua sagoma, caratterizzata dalla testa pelata, era conosciuta dai militari della Stazione di Termoli che però non erano mai riusciti a beccarlo. Questo fino a domenica mattina, quando il Maresciallo Aiutante Filippo CANTORE, effettivo alla locale Stazione Carabinieri, durante un servizio in abito borghese specificamente finalizzato alla prevenzione dei furti, passeggiando su lungomare in bicicletta come un comune turista, notava la Fiat Panda di colore blu transitare a bassa velocità; il sottufficiale riconosceva il mezzo e decideva di seguirlo. Dopo poco la Panda si arrestava e ne usciva il F.V. il quale, avvicinatosi ad un automezzo in sosta, con la solita tecnica ne infrangeva un finestrino impossessandosi con celerità di un portafoglio lasciato incustodito; a questo punto interveniva il Maresciallo CANTORE che riusciva ad immobilizzare l’uomo ed a contattare i colleghi in divisa del Nucleo Radiomobile, facenti parte del medesimo dispositivo, con l’ausilio dei quali il ladro veniva portato in caserma. A questo punto, certi di avere in mano l’uomo che stavano cercando di tanto tempo, gli inquirenti decidevano di eseguire una perquisizione presso l’abitazione del prevenuto, sita in Larino: qui venivano rinvenuti e sequestrati telefoni cellulari, occhiali da sole, portafogli, carte di credito, fotocamere e navigatori satellitari per un valore di oltre 10.000 euro; il prevenuto veniva tratto in arresto per furto aggravato e continuato e ricettazione e tradotto presso la casa circondariale di Larino. Attualmente sono quattro gli episodi di furto che sono stati ricondotti al F.V., tra i quali i furto di un bancomat e il conseguente prelievo di contanti per oltre 7.000 euro ai danni di un commerciante 54enne termolese; ma gli accertamenti sono tuttora in corso e gli inquirenti sono sicuri che riusciranno ad individuare responsabilità dell’arrestato in ordine a numerosi altri furti.

11 marzo 2013 1

Centrale a carbone di Civitavecchia, domani Legambiente partecipa a presidio al Ministero dell’Ambiente

Di admin

Legambiente parteciperà domattina alle 10 con lo striscione ‘No al carbone’ al presidio sotto al Ministero dell’Ambiente, organizzato dai comitati no-coke in occasione della Conferenza dei Servizi per il rinnovo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale della Centrale a carbone di Torrevaldaliga Nord.

“Il carbone sta dimostrando tutti i suoi effetti nefasti, è il combustibile peggiore per la CO2, produce e fa aumentare la febbre del pianeta -ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Non si può rinnovare l’autorizzazione integrata ambientale a questa centrale senza tenere conto delle impattanti emissioni legate all’intero ciclo di produzione, con 6.500 ore all’anno di lavoro a pieno carico per produrre 1.980 megawatt.”

L’area di Civitavecchia presenta numerose criticità ambientali che non sono state oggetto di un attento studio complessivo, ad avviso di Legambiente, come invece sarebbe stato opportuno dato l’alto potenziale nocivo per l’ambiente e le persone. L’istanza di rinnovo dell’AIA non tiene in considerazione che la zona risente già pesantemente dell’impatto ambientale generato dalle vicine centrali termoelettriche di Torrevaldaliga Sud e Montalto di Castro e dalle numerose attività industriali dislocate sulla SS Aurelia, nonché delle attività portuali ed urbane. Il processo produttivo della centrale a carbone di Civitavecchia genera pesanti emissioni di sostanze inquinanti in atmosfera dovute ai fumi di combustione, a cui vanno aggiunte quelle degli impianti di trattamento che si riversano in acqua. Vanno poi considerate le emissioni atmosferiche dovute al traffico terrestre e portuale implicate nei processi di approvvigionamento dell’impianto.

Legambiente torna anche a evidenziare le osservazioni sul fronte delle autorizzazioni ambientali: mentre è in corso il procedimento di riesame, è scaduta da tempo l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per l’impianto, mentre manca ancora “una valutazione preliminare dei possibili composti inquinanti”, con carenze in particolare per l’Arsenico, il Cloro e il Fluoro. Peraltro, anche sul reimpianto sperimentale della prateria di Poseidonia, non risultano interventi relativi alla manutenzione e al mantenimento, pur essendo state segnalate diverse situazioni di danneggiamento.

L’Ufficio stampa Legambiente Lazio

11 marzo 2013 0

Malattie renali, medici in piazza a Chieti per fare prevenzione

Di admin

Sono 1.074 in Abruzzo le persone che si sottopongono a dialisi e 271 i pazienti che hanno subito un trapianto di rene. I dati, riferiti al 2011, indicano una crescita costante dell’insufficienza renale, passata da una prevalenza di 865 per milione di abitanti agli oltre mille del 2011. I dati del 2012, in fase di elaborazione, sembrano comunque confermare tale tendenza.

Una persona su dieci soffre di disturbi ai reni, ma spesso non ne è consapevole. Ecco perché è necessaria una diagnosi precoce e un’attenta prevenzione delle malattie renali.

A tal fine la Clinica Nefrologica dell’Università “Gabriele d’Annunzio” e della Asl Lanciano Vasto Chieti, diretta dal professor Mario Bonomini, in collaborazione con la Sezione provinciale della Croce Rossa Italiana, allestirà giovedì prossimo, 14 marzo, una postazione in piazza G.B. Vico a Chieti dalle ore 10 alle 20 in occasione della Giornata mondiale del Rene. Lo slogan di quest’anno è “Controlla se sei a rischio”.

Personale medico specializzato sarà disponibile gratuitamente a effettuare il controllo della pressione arteriosa e dell’esame delle urine nonché a fornire informazioni e materiale illustrativo a tutti i cittadini interessati. Alle persone esaminate sarà rilasciata una scheda con i risultati degli esami e i suggerimenti nefrologici ritenuti più opportuni, inclusi eventuali approfondimenti diagnostico-terapeutici.

Tale iniziativa di promozione della “salute renale”, che si ripete in città dopo la favorevole esperienza degli scorsi anni, è volta a favorire la conoscenza e la prevenzione delle malattie renali alla popolazione.

«L’insufficienza renale cronica – spiega il professor Bonomini – è uno stato di malattia di grande impatto clinico, sociale ed economico sul Servizio Sanitario per tre fattori principali. Il numero di pazienti affetti da insufficienza renale cronica è in costante ascesa, la mortalità e la morbilità cardiovascolare sono significativamente elevate e, infine, il trattamento dialitico, punto di arrivo di molti pazienti con tale patologia, è una terapia ad alto costo sociale ed economico».

Negli scorsi decenni molto è stato fatto per assicurare un trattamento dialitico di qualità a tutti coloro che ne presentassero la necessità e per aumentare il numero di trapianti renali. Oltre a intensificare l’impegno per un ulteriore sviluppo di queste terapie, è necessario promuovere un’energica campagna di prevenzione e diagnosi precoce delle nefropatie.

11 marzo 2013 0

Arrestato dai carabinieri un 51enne per furto in un appartamento

Di redazionecassino1

I carabinieri  della locale Stazione, nel corso di predisposto servizio di controllo del territorio finalizzato a prevenire i reati contro il patrimonio, traevano in arresto nella flagranza del reato di “furto aggravato e possesso ingiustificato di attrezzi atti allo scasso” B.M., 51enne di Cassino, già censito e affidato in prova ai servizi sociali. Il predetto veniva bloccato dai militari operanti nei pressi dell’abitazione di un 60enne del luogo subito dopo aver asportato dall’interno plafoniere e materiale vario. La successiva perquisizione a carico dello stesso permetteva il rinvenimento e sequestro di attrezzi atti allo scasso. La refurtiva interamente recuperata, per un valore di 300 euro circa, veniva restituita all’avente diritto. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva tradotto presso le camere di sicurezza di quel Comando in attesa del rito direttissimo.

11 marzo 2013 0

Basket: LA-Z-NB Sora 2000 inarrestabile non si ferma più e supera anche il Collefiorito

Di redazionecassino1

Non conosce soste la squadra volsca che continua   a  mietere  vittorie  su  vittorie e  proseguire il suo cammino nelle zone alte della classifica con un vantaggio più che rassicurante nei confronti delle inseguitrici. I sorani ottengono una  vittoria sul difficile campo del  Collefiorito imponendosi col punteggio di 66-81, al termine di una gara molto dura dal punto di vista tecnico e fisico. Squadre compatte,  tifo caldo e assordante a sostenere i padroni  di casa. A  Guidonia , i biancazzurri sorani giungono privi, di  Manco, Sebastiani Alessandro e Proia; nonostante tutto la squadra però  reagisce benissimo dimostrando grande carattere e freddezza soprattutto nei momenti più delicati del match.

Il quintetto titolare vede Clock e Pomenti nell’ area piccola con Liguori, Vrenozi e Frasca sul perimetro, in panchina Sebastiani F., Panuzi, Zappacosta  e  De Ciantis. A dirigere  l’orchestra il coach Bifera.

Le prime azioni del match vedono una N.B. Sora 2000 a trazione anteriore con  Liguori, autore di 24 punti e Clock, 19 punti, protagonisti di un bel break iniziale. La squadra avversaria, dal canto suo, ha fatto valere la propria determinazione davanti al proprio pubblico riuscendo a controbattere ai colpi de LA-Z N.B. Sora 2000.

Agli infortunati del pre partita si aggiunge alla lista Andrea Pomenti, uscito dopo appena un minuto per un colpo preso al volto e costretto a rientrare ai box per poi scendere in campo soltanto nel secondo quarto. A sostituirlo degnamente nell’occasione il numero 7 Angelo Panunzi (5).

Nel secondo e terzo quarto la squadra sorana ha controllato con apparente calma le fasi difensive grazie ai rimbalzi del pivot in giornata di grazia ed ha imposto un un ritmo straziante per gli avversari in attacco soprattutto grazie alla gestione di palla del play Liguori e di Frasca, anche lui determinante con 14 punti e qualche bel tiro da fuori da tre punti. Durante questa fase della partita è importante evidenziare come la transizione di palla sia stata incisiva ed abbia fatto da sparti acque tra le due squadre. Coach Bifera è stato bravo a tenere i ragazzi concentrati per non favorire facili inserimenti alla squadra avversaria che nel terzo quarto si è avvicinata molto, un parziale che vede un’ottima  difesa da parte di Passaniti e Vrenozi, con  un  attacco pungente,  rendendo protagonista l’argentino Clock e Frasca..

L’argentino Liguori è il vero protagonista della quarta frazione: insieme ai già citati Clock e Frasca tiene alta la media realizzativa dei biancocelesti, ormai in pieno controllo del match. Il vantaggio rimane stabilmente oltre i 15 punti: ancora una volta, con un grande quarto tempo, l’NB Sora 2000 annichilisce l’avversario e porta a casa due punti che le permettono di rimanere solitaria al  secondo posto con 36 punti a 10  punti dalla  terza e  a  quattro punti  dalla  capilista  Cassino, che sarà  di scena  sabato 16 marzo ore 19.00 al PalaPanico.

COLLEFIORITO- LA-Z N.B.SORA 2000 66-81

Arbitri: 1º Arbitro: PAPAROZZI O. (VT) – MOSNEAGU I. (VT)

COLLEFIORITO:  Ietto,  Greselin 15, Orabona 3, De Carolis 6, Fiore 8,  D’ortensi 8, Tommasini, Drudi  16,Matteoni 10,Basacco.  All. Fanciullo.

LA-Z N.B.SORA 2000: Zappacosta F.2, Liguori L. 24, Passaniti E.4 ,Panunzi A.5, Vrenozi C.8, Frasca P. 14, Sebastiani F. 3,Clock C.19,De Ciantis S., Pomenti A.2.  All. Bifera S.  Ass. Piellucci L.

 

 

11 marzo 2013 0

Maltempo, allerta temporali al centro-sud

Di admin

Il flusso di correnti instabili che già da ieri ha portato tempo perturbato sulla nostra Penisola continuerà a determinare instabilità sulle regioni centro-meridionali. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende l’avviso emesso ieri. In particolare, dal pomeriggio di oggi, lunedì 11 marzo, si prevedono precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Toscana e Lazio, in estensione, dalla mattinata di domani, sulla Sicilia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

11 marzo 2013 0

Pallamano: Sconfitta, 19-35, per il Cus Cassino-Gaeta’84 contro la capolista Pescara

Di redazionecassino1

Sconfitta preventivata, con il punteggio di 35 a 19 (primo tempo 10 – 17),  per il CUS Cassino Gaeta ’84, che, contro la prima della classe, ha resistito appena 15 minuti, quando sul punteggio di 6 a 7 Pellegrini (15 reti in totale) realizzava 5 reti consecutive. I cussini  entravano in campo con la preoccupazione che le condizioni meteo non avrebbe permesso la fine della partita considerando che durante la settimana il campo è stato pressoché impraticabile. La forte squadra abruzzese, già allenata da Pave Jurina – vecchia conoscenza della pallamano gaetana- non ha fatto sconti  a Cappello ( 3 reti) e compagni, infatti Pellegrini ( 15 reti) e Stella T (6 reti ) sono risultati implacabili grazie anche alla prestazione tra i pali di Gorilla che neutralizzava quasi tutte le conclusioni a rete di La Monica e Capomaccio. Nei primi 10 minuti del secondo tempo Di Schino e Giannattasio hanno cercato di raddrizzare una partita, oramai avviata ad una sconfitta certa, riuscendo solo a far aumentare il distacco tra le due compagini. A questo punto il tecnico casalingo ha stravolto la formazione dando molta responsabilità a Camelio (2 reti) e Brongo (2 reti) così da dargli la possibilità di potersi confrontare direttamente. Dice il dirigente Di Liegro Luigi: «Adesso per noi è importante tenere compatto il gruppo perché le troppe sconfitte tendono a dividere e non permettono ai giovani di inserirsi con tranquillità cosa essenziale per crescere. Bisogna constatare  che il Tiburtina Roma è stata costretta al ritiro per problematiche sia economiche che  di carenza in organico cosa che ha noi non dovrebbe capitare visto che i nostri programmi prevedono l’inserimento di giovanissimi atleti a fianco di veterani perché, come è noto, la pallamano nella fascia di età compresa tra i 19 e 30 anni ha un alto tasso di abbandono. Speriamo che sabato 16 marzo, ultima delle sei partite casalinghe, contro il Guardiagrele, il tempo sia clemente e ci permetta di disputare l’incontro, così da evitarci prima un’esclusione definitiva dal campionato, e poi darci una vittoria visto che gli abruzzesi sono alla nostra portata anche se dovremmo fare a meno dei fratelli Cappello (Luca ed Andrea) che per motivi di studio e di lavoro non saranno della partita».

CUS Cassino Gaeta 84    – H. C. Pescara – 19 – 35  ( primo tempo 10 – 17)

CUS Cassino Gaeta ’84   19

DI SCHINO Luigi (1), LA MONICA Luigi (3), VALENTE Raimondo (3), CAPPELLO Luca (3 ), BRONGO Giulio (2), CAMELIO Luca (2), FRITEGOTTO Luca, MACERA Damiano,  MACONE Alessandro, CAPOMACCIO Roberto (2), CARBONE Antonio, CIANO Cosmo, GIANNATTASIO Mauro (2), PIMPINELLA Carmine (1)  

Allenatore VIOLA Antonio, Medico MAGLIOZZI Francesco Dirigenti DI LIEGRO Luigi, D’ OVIDIO Giancarlo

 

 

11 marzo 2013 0

“Il Teatro degli Uguali” approvato il progetto europeo sulla disabiltà dell’associazione Motus

Di redazionecassino1

L’Associazione culturale Motus di Francavilla al Mare comunica che il progetto europeo sulla disabilità, dal titolo “Il Teatro degli Uguali” è stato approvato e vedrà presto la luce. Nello specifico il progetto vinto dalla Motus riguarda l’organizzazione di un corso teatrale per i diversamente abili (disabilità mentale) e i normodotati, con età compresa tra i 15 ed i 30 anni.

Il corso della durata di 7 mesi ha lo scopo di promuovere la coesione e l’inclusione sociale tra queste due categorie di soggetti ed alla fine dello stesso è previsto un duplice appuntamento: mostra del backstage fotografico e la realizzazione di un cortometraggio in chiave musical. “Il teatro degli uguali” è un progetto approvato dal ‘Agenzia Nazionale per i Giovani (ANG) inerente al Programma istituito dall’Unione europea denominato “Gioventù in azione”.

Il progetto, al quale collaborano l’Associazione Orizzonte, il centro Studi Musicali L’Assolo e la Compagnia dei Merli Bianchi, avrà il patrocinio della Regione Abruzzo e del Comune di Francavilla al Mare. Nello slogan “In Motus oltre i preconcetti sociali: guardando l’Orizzonte, l’arte rende uguali. Teatro, musica e fotografia in un Assolo di solidarietà senza barriere – Corso di teatro per diversamente abili in compagnia dei Merli Bianchi con realizzazione di cortometraggio finale in chiave musical e mostra fotografica del backstage” viene riassunto il significato più profondo del progetto.

«Questo risultato rappresenta un motivo di orgoglio, non solo per la nostra Associazione, ma per l’intera città di Francavilla», sono le parole del Presidente Motus Michele Accettella. «Essere riusciti a coinvolgere diverse realtà associative operanti nel territorio abruzzese abbracciando diversi campi della sapere –dalla recitazione, alla musica fino a giungere alla fotografia- rappresenta la chiave di volta per un movimento come il nostro, che ha sempre posto alla base del suo programma la collaborazione e lo sviluppo della cultura in ogni forma espressiva. Ci tengo a ringraziare le Associazioni Orizzonte, L’Assolo e la Compagnia dei Merli Bianchi oltre all’attrice Margherita Di Marco che coordinerà l’intero corso di recitazione e all’Amministrazione Comunale di Francavilla al Mare. Un ringraziamento speciale va, come sempre, ai ragazzi della MOTUS, tutti indistintamente, che ancora una volta hanno mostrato la loro sensibilità e vicinanza alla vita del nostro movimento, fornendo ogni tipo di supporto possibile».

Per la presentazione del progetto, verrà predisposta apposita conferenza stampa in data che verrà successivamente indicata mediante comunicato. In calce, si allega specifica di tutti gli step del progetto.

 

Per ulteriori informazioni: sito internet: www.associazionemotus.it

E-mail: info@associazionemotus.it

IL TEATRO DEGLI UGUALI RELAZIONE: Progetto presentato ed approvato dall’Agenzia Nazionale Giovani che è un organismo pubblico vigilato dal Governo Italiano e dalla Commissione Europea. Tale iniziativa, promuovendo un senso di cittadinanza attiva, di solidarietà e di tolleranza tra giovani e persone svantaggiate al fine di rafforzare la coesione e l’inclusione sociale, si prefigge di permettere a tutti i giovani, inclusi i ragazzi con minori opportunità, di partecipare attivamente alla società europea e di acquisire delle competenze per mezzo dell’apprendimento non formale. In particolare i giovani con disabilità mentali sono quelli che si trovano in svantaggio ai loro coetanei, e tale difficoltà impedisce agli stessi un accesso efficiente all’istruzione formale e non formale, alla mobilità e partecipazione attiva, all’autonomia decisionale ed al coinvolgimento nella società in generale. OGGETTO: Corso di teatro per i diversamente abili (disabilità mentale) e normodotati, con età compresa tra i 15 ed i 30 anni; Durante il corso verranno realizzati degli scatti fotografici, ad opera degli stessi allievi, che saranno oggetto di una mostra fotografica finale; Il corso terminerà con la realizzazione di un cortometraggio in DVD, in chiave musical (della durata di 40 minuti, con sottotitoli in lingua inglese); Il progetto prevede due conferenze: una intermedia di marzo, di presentazione del progetto e una finale di ottobre, avente ad oggetto la presentazione dell’opera ultimata, a cui seguirà la proiezione del dvd con contestuale mostra fotografica del backstage dei lavori.

WORKPLAN DEI LAVORI: Da marzo a ottobre (Sito internet, visibilità del programma e diffusione risultati); Marzo (visite preliminari, organizzazione del corso e conferenza di presentazione); Da aprile a luglio (laboratorio teatrale); Da aprile a agosto (Ripresa e Backstage fotografico); Da agosto a ottobre (produzione e montaggio cortometraggio); Ottobre (conferenza finale,mostra fotografica e proiezione dvd). CARATTERISTICHE: I ragazzi con disabilità mentale fanno parte dell’Associazione francavillese “Orizzonte” e sono prettamente autistici. La parte musicale verrà curata da Simone Pavone, con la sua scuola di musica di Pescara “L’Assolo”. Pertanto il gruppo base dei ragazzi partecipanti al corso sarà composto prevalentemente da quelli delle due Associazioni Orizzonte e L’Assolo; Il Corso di recitazione verrà gestito dal coach, l’Attrice Margherita Di Marco e dalla Compagnia teatrale di Giulianova “Compagnia dei Merli Bianchi”; I laboratori teatrali si svolgeranno presso la sede di Orizzonte e inizieranno nel mese di aprile.

11 marzo 2013 0

Basket: BPF Basket Cassino, Gianluca Tomasiello si presenta ai tifosi

Di redazionecassino1

Ultimo arrivato nella società del basket Cassino, Gianluca Tomasiello risponde alle nostre domande per cercare di farsi conoscere alla città di Cassino che si aspetta molte cose buone con il suo ingaggio, ecco l’intervista:

Gianluca parlaci del tuo amore per questo sport che ti ha dato tante soddisfazioni.

“Bhe non poteva essere altrimenti, nella mia famiglia il basket è di casa, un amore cresciuto in famiglia. Mio padre, Giovanni Tomasiello  era presidente di una squadra di pallacanestro femminile, le mitiche Pantere fondato nel 1988 uno dei due club femminili casertano insieme alle Zinzi, e tutte e tre le mie sorelle tra cui Lidia  giocavano, quindi  era difficile non farsi coinvolgere, nella mia famiglia da sempre si è mangiato pane e basket”.

-Quali sono stati i motivi che ti hanno spinto ad accettare le offerte del basket cassino 

“La mia scelta principalmente è stata fatta grazie al coach Raffaele Porfidia che già conoscevo e che mi ha voluto fortemente, se non era per lui non si sarebbe mai trovata una soluzione, inoltre tutti mi hanno parlato di Cassino come una società seria in cui i giocatori sono parte integrante del progetto e il clima che si respira è molto familiare, quando si scelgono realtà come quella di Cassino è  perché si cerca soprattutto la tranquillità e la serietà, la società cassinate ha tutti questi requisiti ed io mi sento come a casa mia”.

-Che tipo di giocatore sei e quali sono i tuoi obbiettivi futuri 

“Le mie caratteristiche fondamentali sono quelle di un giocatore a cui da sempre è piaciuto giocare in un gruppo coeso in cui tutti fanno la loro parte, in poche parole non mi piace giocare da solo, mi piace tanto giocare di squadra dove tutti ognuno per le proprie competenze e capacità prova a dare il suo contributo, grandi squadre nascono e vincono con una grande collettivo e credo che questa prerogativa  possa essere l’arma in più per vincere il più possibile. E’ mia intenzione provare a vincere anche qui a Cassino “.

–Conoscevi già Cassino 

“Certo che si conoscevo alcuni ragazzi che già giocavano qui e tutti mi hanno parlato bene di questa realtà al secondo anno nella DNC, poi ad inizio di questa stagione ho conosciuto alcuni atleti che lo scorso hanno avevano giocato con voi, sia Gatta che Simeoli hanno tessuto lodi alla vostra società e al vostro progetto”.

-Raccontaci della tua carriera ricca di soddisfazioni 

“Aver avuto una carriera ricca di soddisfazioni e l’aver calcato parquet di assoluto prestigio mi ha reso più forte e mi ha temprato sotto  tutti i punti di vista, i palcoscenici delle massime serie di questo sport mi hanno arricchito anche come uomo, su tutte forse l’esperienza più importante è stata quella di Siena dove ho trascorso 5 anni favolosi, le due coppa Italia con la fascia di capitano e la finale persa per la Legadue sono rimaste dentro il mio cuore e mi accompagneranno per il resto della mia carriera sportiva che comunque spero di arricchire anche grazie al basket Cassino”.

-Cosa ti senti di promettere ai tifosi del basket Cassino

“E’ ancora troppo presto per fare proclami, devo recuperare in fretta il tempo perduto, il mio impegno come sempre non mancherà, prometto di dare il massimo bisogna avere pazienza perché i risultati sicuramente non tarderanno ad arrivare, io come sempre metto a disposizione del gruppo la mia esperienza  e professionalità, spero di entrare al più presto in forma fisica e di dare tante soddisfazioni al nostro caloroso pubblico cassinate”.

-Domenica al tuo esordio con te al palazzetto anche la tua famiglia, moglie e due figlie, speri un giorno ripercorrano la stessa carriera del padre? 

“Loro sono tutta la mia vita se possibile mi seguono sempre, per rispondere alla tua domanda devo essere sincere e dico  No,  io credo  che i figli devono seguire la loro passione, se poi visto che nella nostra famiglia e 360° si parla di basket loro sceglieranno questo bellissimo sport sarò contento altrimenti li sosterrò qualsiasi cosa vogliano fare”.

Grazie Gianluca e in bocca al lupo per il futuro biancorosso

11 marzo 2013 0

Albanese 39enne in manette per furto in un’abitazione

Di redazionecassino1

Continua incessante l’impegno dei Carabinieri finalizzato a contrastare il dilagante fenomeno di furti che da lungo tempo interessa l’intera penisola con particolare attenzione alle località costiere.

Nella tarda serata di ieri i carabinieri hanno arrestato un cittadino albanese, ABDULLA INDRIT, 39 enne, senza fissa dimora in Italia.

I militari, a seguito di richiesta d’intervento pervenuta al 112 si sono recati nell’abitato di Giulianova Lido, precisamente in via Parma , ove era stato segnalato un furto in atto all’interno di un’abitazione utilizzata prevalentemente nel periodo estivo dai proprietari. Giunti sul posto, i carabinieri del Radiomobile dopo aver appurato l’effettiva presenza di individui all’interno della casa chiamavano in ausilio le altre pattuglie in circuito, dopo si provvedeva a circondare il perimetro ostruendo le possibili vie di fuga. INDRIT, resosi conto  della sgradita sorpresa tentava di darsi alla fuga attraverso la stessa finestra utilizzata per intrufolarsi, ma cadeva inesorabilmente tra le braccia  dei carabinieri venendo arrestato.

Terminate le incombenze di rito, il cittadino è stato  ospitato per l’intera notte nella cella di sicurezza della Stazione Carabinieri di Giulianova, a disposizione della Procura della Repubblica di Teramo che ha disposto l’udienza per il rito direttissimo nella  mattina di oggi.

A seguito della convalida, il cittadino albanese è stato ristretto nel carcere di Castrogno ove rimarrà fino al processo fissato al 21 marzo.