Giorno: 28 marzo 2013

28 marzo 2013 0

Cercano una fuga di gas a Frosinone, trovano 62chili di hashish

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cercano una fuga di gas, trovano 60 chili di hashish. E’ quanto accaduto oggi pomeriggio a Frosinone, quando le centrali operative dei carabinieri e della polizia sono state allertate da gente che segnalava una fuga di gas nella zona tra Piazza Valchera e via Angeloni. Giunti sul posto, carabinieri e poliziotti, insieme a vigili del fuoco, hanno cercato l’ipotetica perdita concentrandosi su un appartamento all’interno del quale si stavano svolgendo lavori di ristrutturazione. Hanno pensato, quindi, che lì, inavvertitamente, nell’operare, avrebbero potuto danneggiare qualche tubo. Hanno bussato e un uomo, V. B. di 53 anni, con un atteggiamento sospetto, ha tentato di rassicurarli sostenendo che la casa non aveva impianto del gas. L’appartamento completamente vuoto e l’atteggiamento preoccupato dell’uomo, hanno convinto agenti e carabinieri ad effettuare una perquisizione dei locali rinvenendo in un soppalco due borse contenenti circa 22 chili di hashish. Una scoperta inaspettata che ha convinto gli uomini delle forze dell’ordine ad estendere la perquisizione. Cercando nel vano ricavato in un muro da cui era stato estratto un condizionatore, sono stati ritrovati altri 40 chili di hashish tutti confezionati in sacchetti sottovuoto. L’uomo, quindi, è stato tratto in arresto e la droga sequestrata. Della fuga di gas, però, nessuna traccia.

28 marzo 2013 0

Inseguiti dalla polizia a Latina, ladri di auto si schiantano contro un muro. Ferita una donna

Di redazione

Un inseguimento ad altissima velocità sul lungomare di Latina è terminato, nel primo pomeriggio di oggi, contro un muretto in cemento. Ad avere la peggio è stata una giovane donna rumena che viaggiava sul sedile passeggeri di una Bmw 530 guidata da un suo connazionale. I due avevano rubato la potente auto e hanno provocato anche un incidente stradale dal quale sono fuggiti senza prestare soccorso ai feriti. Individuati da una volante delle polizia, sono stati inseguiti ad altissima velocità fino sul lungomare di Latina dove, in località Foceverde, il rumeno ha perso il controllo della Bmw schiantandosi contro un muro. La vettura si è trasformata in un groviglio di lamiere, intrappolando la donna. Immediati i soccorsi dei vigili del fuoco di Latina che sono riusciti a liberarla e ad affidarla alle cure degli operatori del 118. Le sue condizioni gravi hanno consigliato l’intervento di uan eliambulanza che l’ha trasportata in un ospedale della Capitale.

28 marzo 2013 0

Fumata nera per il Governo, Bersani fallisce il tentativo. Napolitano farà consultazioni sue

Di redazione

Esito non risolutivo delle consultazioni. Napolitano si accerterà personalmente di eventuali possibili scenari per formare governo. Bersani ha raccontato di preclusioni o condizioni inaccettabili che non gli hanno permesso di trovare garanzie per formare un Governo. Lo stallo politico in Italia continua aspettando l’esito dei tentativi fatti da Napolitano per vagliare le condizioni di un Governo del Presidente.

28 marzo 2013 0

Stato idrogeologico della città di Frosinone, il presidente della Regione Zingaretti in visita sui luoghi delle frane insieme al sindaco Ottaviani

Di admin

Questa mattina, infatti, il Presidente Zingaretti insieme all’assessore regionale alle Infrastrutture Fabio Refrigeri si è recato in visita alla città di Frosinone, su espresso invito del sindaco Nicola Ottaviani, per una presa di visione della situazione idrogeologica della città alla luce degli ultimi eventi, che hanno portato in particolare al crollo di parte del viadotto Biondi con la conseguente chiusura dell’arteria stradale e dell’ascensore inclinato. Il primo incontro tecnico-conoscitivo si è tenuto nella sede del Genio Civile alla presenza di tecnici della struttura comunale e di quella regionale. Nel corso dei lavori il sindaco Ottaviani ha illustrato la situazione di forte criticità in cui versano diverse aree della città, soffermandosi in particolare sulla frana del viadotto Biondi e sulle aree di viale Mazzini, viale Napoli e Colle La Pila, e ha indicato nella sinergia tra gli enti preposti la strada da seguire per bonificare tutte le zone a rischio, specialmente tutta la zona adiacente il fiume Cosa, che si aggira intorno ai sette chilometri di lunghezza. Sottolineando come si debba necessariamente passare, dopo la fase di somma urgenza in cui si è operato sino ad oggi, ad una vera e propria fase di interventi strutturali. Il presidente della Regione Zingaretti ha assicurato la disponibilità della Regione ad affrontare in modo organico l’emergenza frane a Frosinone, dichiarandosi pronto ad attuare tutte le procedure previste, a partire dalla dichiarazione dello stato di calamità per arrivare al coinvolgimento del Ministero dell’Ambiente e alla verifica della possibilità di attingere a fondi dell’Unione Europea. Il presidente Zingaretti si è poi recato presso la stazione a valle dell’ascensore inclinato per una presa di visione diretta della calamità naturale che si è abbattuta sulla città di Frosinone, constatando di persona la gravità dei fatti. Al termine, il presidente Zingaretti, l’assessore regionale alle Infrastrutture Refrigeri e il Sindaco Ottaviani si sono recati alla Villa comunale per una conferenza stampa, durante la quale è stata ribadita la gravità della situazione idrogeologica in cui versa la città e in particolare la collina del viadotto Biondi ed è stato confermato dal presidente Zingaretti l’impegno per una soluzione condivisa del problema nell’ambito di una proficua e costruttiva tra enti e autorità ai vari livelli istituzionali.

28 marzo 2013 0

35esima Passione Vivente di Castrocielo

Di admin

Tradizione, storia e scene inedite: Venerdì Santo in paese torna la Passione Vivente, giunta alla XXXV edizione. L’appuntamento è venerdì alle 20.30 a Castrocielo, quando nelle vie del centro verrà rappresentata l’antica Gerusalemme e gli ultimi momenti della vita di Gesù. Organizzata dalla Pro Loco di Castrocielo, in collaborazione la Parrocchia Santa Lucia, con il patrocinio dell’assessorato al Turismo della Regione Lazio e del Comune di Castrocielo, la Passione Vivente è tra le manifestazioni culturali e religiose più importanti e rappresentative di Castrocielo, che ogni anno richiama migliaia di spettatori che, da tutta la Regione e oltre, vengono ad ammirare la sacra rappresentazione, realizzata con attori del posto e uno scenario che coinvolge tutto il centro del paese. La Pro Loco, che dal 1993 ne cura l’organizzazione, è riuscita a dare la giusta continuità alla manifestazione, ad arricchirla sempre più con nuove scenografie, a coinvolgere nell’iniziativa tanti giovani e ad avere una partecipazione crescente di persone grazie alla collaborazione con tutti i gruppi presenti nel territorio. Quest’anno per festeggiare il traguardo delle 35 candeline, gli organizzatori hanno deciso di arricchire la Passione Vivente con quattro nuove scene: la Cacciata dei mercanti dal Tempio, L’Incontro di Gesù con la Samaritana, il Rinnegamento di Pietro e il Pentimento di Giuda. Nella sua classica impostazione, fedele allo svolgimento cronologico degli ultimi giorni che hanno scandito la Passione di Cristo, la rappresentazione castrocielese, si caratterizza per un dinamico svolgimento delle scenografie, in luoghi diversi ma vicini tra loro, tali da creare una grande ambientazione teatrale. Lo scenario naturale dei luoghi, insieme a precise ricostruzioni dei costumi, sono i punti di forza dell’intera rappresentazione che presenta anche accurate ricostruzioni scenografiche e intensi dialoghi. Il centro storico di Castrocielo, venerdì sera, si trasformerà in un grande palcoscenico dove il pubblico presente avrà modo di seguire e vivere, in sequenza insieme ai protagonisti, tutti i vari momenti della Passione Vivente. Una rappresentazione che si svolge in maniera itinerante per tutto il centro storico dove sono previsti quattro grandi impianti scenografici: Ultima Cena, Orto degli Ulivi, Processo e Crocifissione. Attorno a questi momenti principali, vengono poi rappresentate tante altre scene ugualmente significative delle ultime ore della vita di Cristo: l’Ingresso in Gerusalemme, gli ultimi Miracoli di Gesù, scene di mercato il tradimento di Giuda, l’arresto di Gesù, l’ingresso di Pilato con i soldati romani, i vari momenti del processo, l’impiccagione di Giuda, il percorso fino al Golgota. E da ultimo, le tre croci lentamente e realmente levarsi, ciascuna col suo fardello umano, ed essere infisse al suolo, mentre, da sfondo il pubblico assiste disarmato fino alla resurrezione di Gesù. Una manifestazione che dagli anni 70 è cresciuta tantissimo e che è in continuo perfezionamento, per la quale il presidente della Pro loco Gianni Fantaccione, ha voluto ringraziare i partecipanti che ogni anno rinnovano il loro impegno, del tutto volontario, contribuendo alla ottima riuscita della Passione, entrata a far parte della storia di Castrocielo. L’appuntamento con la XXXV edizione della Passione Vivente di Castrocielo è venerdì sera con inizio alle ore 20.30, anche quest’anno la manifestazione sarà trasmessa in diretta televisiva su Tele Universo.

28 marzo 2013 0

Rifiuti da Roma in Ciociaria, Zingaretti: “Immondizia ma anche tanti soldi”

Di admin

“Non ho ancora incontrato il Ministro Clini ma sembra essere scongiurata qualsiasi ipotesi di trasferire i rifiuti da Roma in Ciociaria, che sarebbe stata davvero cosa inaccettabile”. Lo ha detto il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti oggi a Frosinone – “Quello di cui ora si sta discutendo è dell’arrivo di rifiuti solidi da lavorare e poi farli tornare a Malagrotta per essere interrati. E’ un aspetto che le amministrazioni comunali devono valutare anche in considerazione delle loro poche risorse economiche. Questa operazione farebbe arrivare rifiuti da trattare negli impianti Ciociari, lavorazioni che portano rifiuti che poi tornano a Roma ma che lascerebbero sul territorio i soldi per quelle lavorazioni svolte. Bisogna valutare bene i benefici. E’ una proposta che va valutata anche in considerazione delle scarse risorse per i comuni, prima di mandare i rifiuti in Emilia Romagna. C’è inoltre il rischio di multe dall’Europa per la regione Lazio, si parla addirittura di un milione di euro al giorno”.

28 marzo 2013 0

Criticità al S. Scolastica: Pertarcone incontrerà martedì il commissario Asl di Frosinone

Di redazionecassino1

Che l’ospedale Santa Scolastica fosse in preda a gravi carenze strutturali lo si sapeva da tempo, per rendersi conto della situazione questa mattina il sindaco Petrarcone si è incontrato con i responsabili della Direzione sanitaria. “Se l’ospedale di Cassino deve essere considerato DEA di primo livello bisogna fare in modo che abbia le strumentazioni consone ed un personale numericamente adeguato per garantire quei servizi che sono propri di tali strutture.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, che questa mattina ha avuto un incontro, presso il nosocomio cittadino, con i responsabili della direzione sanitaria del Santa Scolastica. “Non è possibile – ha continuato il sindaco – che l’ospedale di Cassino sia, a causa di un guasto risalente al 10 marzo scorso, sprovvisto di una TAC funzionante. È impensabile che una struttura come quella del Santa Scolastica sia munita di una sola TAC, anziché due come dovrebbe essere, e che a distanza di venti giorni, con tutte le conseguenze che ne derivano, ancora non si sia provveduto a riparare uno strumento fondamentale per le indagini diagnostiche. È una situazione che determina disagi sia in termini di salute per i pazienti, per i quali non è possibile in tempi brevi procedere ad una diagnosi ed alle conseguenti tempestive cure, sia in termini di costi dal momento che la mancanza di una TAC obbliga il personale medico al trasporto dei pazienti in altre strutture per procedere all’esame, cosa che implica la disponibilità h 24 di mezzi ed anestesisti. La riunione di questa mattina è servita a fare il punto su diverse questioni che riguardano l’ospedale di Cassino ed ha fatto emergere una serie di problematiche che richiedono interventi immediati e non più procrastinabili. Ci sono, infatti, una serie di criticità che si trascinano da tempo, ma che purtroppo ora sono giunte ad un punto di non ritorno. La carenza di personale medico e paramedico, infatti, mette a serio rischio la sopravvivenza di reparti fondamentali, primo fra tutti pediatria, ma anche urologia, ortopedia e anestesia. Una situazione drammatica che va affrontata con urgenza e per la quale vanno trovate soluzioni immediate. Finora, a fronte di queste urgenze legate al personale, è stata concessa una sola deroga per pediatria, ma si tratta di una soluzione tampone che non risolverebbe in maniera definitiva il problema. Noi ci rendiamo perfettamente conto delle difficoltà in cui opera il personale medico e paramedico che sta facendo fronte ad una situazione critica con grande professionalità e con turni massacranti vista la carenza di personale. Tuttavia è una situazione non più sostenibile, anche perché fare turni di dodici ore incide inevitabilmente sulla qualità dell’assistenza e questo è un rischio che non si deve assolutamente correre quando in ballo c’è la salute delle persone. Alla luce di ciò, quindi, abbiamo richiesto per martedì mattina un incontro urgente con il commissario della Asl provinciale al fine di trovare soluzioni in tempi brevi che vadano a garantire la qualità del servizio, ma che soprattutto siano indirizzate verso quell’adeguamento del personale necessario ad assicurare l’efficienza di reparti indispensabili.”

 

28 marzo 2013 0

Arrestato in serata, dalla polizia, il rapinatore del negozio ‘Unika’

Di redazionecassino1
E’ stato arrestato l’autore della rapina commessa ieri sera nel negozio Unika di viale Dante. Nella tarda serata di ieri, infatti, gli agenti del Commissariato di P.S. di Cassino hanno tratto in arresto per rapina aggravata V.S. di anni 31, rsidente a Cassino. L’uomo veniva rintracciato nei pressi della stazione ferroviaria di Cassino subito dopo aver perpetrato la rapina con un coltello nel negozio di bigiotteria di viale Dante a Cassino. Il pugnale usato per la rapina ed il telefono cellulare rubato alla vittima venivano rinvenuti all’ìnterno del dopolavoro ferroviario mentre per le 150 euro rubate alla commessa l’arrestato ha dchiarato, agli uomini del vice Questore Putortì, di averle perse durante la fuga. L’arrestato è stato posto a disposizione del P.M. Dr.ssa Maria Beatrice Siravo ed è assistito dal suo legale di fiducia l’avvocato Armando Caporicci del Foro di Cassino. F. Pensabene Foto A. Ceccon
28 marzo 2013 0

Corrieri di “oro rosso” bloccati dalla Polizia di Stato, nel camper oltre mille matasse di rame

Di redazionecassino1

Un piano ingegnoso quello messo in atto da due napoletani di 37 e 33 anni per sfuggire ai controlli di polizia e “ripulire” l’attività criminale messa in piedi.  Un veicolo con cui trasportare la scottante merce oggetto di furto, preso a noleggio per non destare sospetti nel caso di controlli, un’amico compiacente per attestare la falsa provenienza del rame ed il gioco sembra fatto.  Ieri le cose sono andate però diversamente grazie all’intuito degli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino che, in servizio di pattugliamento autostradale, nel tratto ricadente nel comune di Aquino, ha fermato e controllato il furgone a bordo del quale erano i due partenopei. A tradire gli occupanti del mezzo il nervosismo mal dissimulato e le incongruenze emerse nel corso del controllo in merito all’ingente quantitativo di rame trasportato.

Non avendo una idonea documetazione che ne attestasse la provenienza ed il lecito possesso, per convincere  i poliziotti sulla loro “buona” fede, i due compari hanno dapprima finto di aver smarrito il biglietto di ingresso in autostrada e successivamente si sono fatti inviare delle false fatture di acquisto della merce da un’amico compiacente.

Sono bastati pochi accertamenti agli agenti per tracciarne la reale provenienza,e verificare che era stata rubata in due distinti furti compiuti il 3 marzo scorso e nella giornata di ieri in danno di un’azienda di Bergamo.

Le 1070 matasse di rame sono state dunque sequestrate ed i due campani denunciati per ricettazione.

28 marzo 2013 0

Istituto Comprensivo di Paliano: via al progetto di educazione ambientale “Parchi Rinnovabili”

Di redazionecassino1

E’ partito lo scorso 26 marzo il ciclo di lezioni di educazione ambientale sulle energie rinnovabili, che coinvolgerà gli alunni delle scuole elementari e medie dell’Istituto Comprensivo di Paliano. L’iniziativa, promossa dal C.r.e.i.a. (Coordinamento Regionale Educazione e Informazione Ambientale) in collaborazione con l’ Assessorato alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Paliano, fa parte del progetto “Parchi Rinnovabili”, dedicato alla promozione e alla divulgazione delle energie rinnovabili e delle buone pratiche ambientali all’interno dei territori compresi nelle Aree Protette della Regione Lazio. Attraverso un approccio multimediale e ludico esperienziale, gli alunni entreranno in contatto con le problematiche ambientali legate all’uso delle fonti energetiche tradizionali e al ricorso alle energie rinnovabili come soluzione. Nel mese di maggio, inoltre, in concomitanza con gli European Solar days ( la più importante campagna di informazione su scala nazionale ed europea, finalizzata alla promozione dell’utilizzo dell’energia solare) le lezioni interesseranno anche gli studenti di prima e seconda media. Sempre nell’ambito del progetto “Parchi Rinnovabili”, e con la collaborazione del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, è stata prevista una lezione outdoor, rivolta agli alunni delle scuole secondarie di primo grado, lungo le sorgenti del fiume Aniene presso Filettino, al fine di approfondire le tematiche connesse all’acqua, intesa come fonte di energia e risorsa da conoscere e tutelare.