Preghiere e processioni ad Alvito per spezzare al maledizione di San Bernardino

16 marzo 2013 0 Di redazione

Un fitto programma religioso fatto di preghiere e, via crucis e processioni per ricucire lo strappo tra gli alvitani e San Bernardino. Dopo quasi sei secoli il parroco di Alvito, Don Alberto Mariani, si è posto come obiettivo quello di spezzare la maledizione che il Santo predicatore fece nel 1443, quando il ducato di Alvito dominava sull’intera valle di Comino contrastando con efficacia il potere del Ducato di Sora e quello dei frati benedettini di Montecassino. Circa 570 anni fa, dunque, don Bernardino da Siena
san bernard  punto arrivò ad Alvito per la sua accorata predica contro il malcostume, il gioco e lo strozzinaggio. Questi argomenti sotto accusa, o forse altri, indispettirono qualcuno che fomentò la gente tanto che il predicatore poi Santo, venne preso a sassate e cacciato dal paese. Andando via verso Vicalvi dove ne divenne patrono, si voltò ai sui aggressori e disse loro “Non porterete mai nulla a termine”. Augurava, o meglio, male augurava che qualsiasi cosa avesse avuto inizia ad Alvito, non sarebbe mai stata terminata. Efficace o non efficace, la maledizione è rimasta radicata nella cultura popolare tanto che ancora oggi, se ad un alvitano dovesse capitare di non riuscire a ultimare un lavoro iniziato, lo sentirete pronunciare queste parole: “Qui è passato San Bernardino”. Don Alberto,
dom alberto mariani punto tornato ad Alvito come parroco dopo 17 anni, si è interrogato sul perché il Signore lo rivolesse in quel posto. Compiuti i suoi 63 anni, ha realizzato di avere la stessa età del Santo quando morì. Segnali che gli hanno dato spunto per questa iniziativa fatta di preghiere, via Crucis, Processioni ed anche un viaggio alla chiesa di san Bernardino a L’Aquila. Padre Mariano, quindi ha rotto gli indugi e ha stilato un programma di celebrazioni religiose farcite di preghiere a San Bernardino. “Sono tre momenti importanti; il primo si è svolto agli inizia di marzo quando abbiamo esposto in chiesa la reliquia del Santo dinnanzi alla quale, il sindaco di Alvito,
accensione lume reliquia punto
ha acceso un lume. Di seguito, e nei giorni successivi, recitiamo preghiere per invocare il suo perdono affinché il Signore possa rivisitare quella maledizione e trasformarla in benedizione”. Il giorno delle Palme è prevista una Via Crucis che partirà da San Nicola, dove avvenne il fattaccio, fino alla cappella che sta sulla strada per Vicalvi, dove il Santo avrebbe pronunciato la maledizione. A maggio, invece, la statua del Santo arriverà dalla chiesa di Vicalvi dove è venerata, fino al largario della chiesa di San Nicola, lì, in processione, verrà portata nella chiesa di San Simeone dove rimarrà fino a quando, dopo tre giorni, in processione, a piedi, i fedeli non la riaccompagneranno a Vicalvi. In estate poi, è previsto un pellegrinaggio parrocchiale a L’Aquila nella chiesa di San Bernardino dove si venerano i suoi resti mortali. E se un Bernardino dovesse oggi venire a predicare in piazza, come verrebbe accolto dagli alvitani? “Bella domanda – risponde don Mariano – Se dovessi giudicare da come è stata accolta la mia iniziativa direi per metà bene e metà male. In molti hanno capito lo spirito della mia proposta, cioè trovare un modo per avvicinare i giovani alla chiesa, e si stanno prodigando per la buona riuscita delle iniziative; altri, se non mi hanno osteggiato, se ne sono completamente disinteressati”.