Rapaci e tartarughe tornano in libertà per mano del Corpo Forestale dello Stato

26 marzo 2013 0 Di redazione

Tre civette, tre nibbi, un gheppio, tre germani reali e due tartarughe sono ritornati ieri in cattività, liberati nella Selva di Paliano dopo essere stati curati presso il Centro di recupero della fauna selvatica di Fogliano (Lt). Si tratta di esemplari rimasti feriti a causa di incidenti o vittime di bracconieri, soccorsi dal Corpo Forestale, dalla Polizia Provinciale o da gente comune. Curati nel centro della Biodiversità pontino, dopo la necessaria riabilitazione, erano pronti per tornare nei loro habitat naturali.
forestale rapace rid A salvare loro la vita è stato, oltre alla professionalità degli agenti della Forestale e della Provinciale, anche la tempestiva segnalazione fatta dai cittadini dimostrando così una crescente attenzione per la natura.
tartarughe rid
La liberazione, ogni volta, viene effettuata in aree di particolare pregio naturalistico. L’anno scorso, lo scenario scelto per la reintroduzione in natura di un biancone, detto anche “aquila dei serpenti” e di altri rapaci diurni e notturni, è stata l’oasi di Monte Cassino, mentre per la prossima occasione la zona prescelta è presumibilmente quella di Supino, località Santa Serena.forestale e rapace rid