Giorno: 14 aprile 2013

14 aprile 2013 0

Scoperta discarica di amianto in Supino dalla Polizia Municipale e Polizia Provinciale

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ennesimo scempio perpetrato ai danni della natura da parte di criminali ambientali. Il fatto questa volta è accaduto a Supino, località Colle S. Giovanni, dove un Agente della Polizia Municipale, Simonetta Del Brocco, su segnalazione di alcuni cittadini, ha scoperto congiuntamente alla Polizia Provinciale, pattuglia del Comando composta da Isp. Sup. Gatto e V. S. Casale, che su una via vicinale erano state depositate n. 25 lastre di eternit delle dimensioni di un metro e mezzo per tre. Il deposito di queste lastre ha comportato la rottura di alcune di esse rendendole ulteriormente pericolose. Sul posto si è recato anche l’Assessore all’ Ambiente del Comune di Supino, Beniamino Iacobucci, che ha constatato l’atto criminale dello sconosciuto inquinatore e seri problemi alla circolazione stradale, poiché gli autori del fatto hanno depositato le lastre anche su parte della via ostruendola in parte. Le indagini sono in corso e del fatto penalmente rilevante è stata data notizia alla Procura della Repubblica di Frosinone.

14 aprile 2013 0

Scialpinista marchigiana cade sul Gran Sasso nei pressi del Rifugio Franchetti, soccorsa dal Cnsas

Di admin

Una scialpinista marchigiana nel primo pomeriggio si è infortunata nei pressi del Rifugio Franchetti, sul versante teramano del Gran Sasso. T.M.G., 54 anni di Fermo, dopo la salita sul Corno Grande stava scendendo con un gruppo di scialpinisti nella Valle delle Cornacchie, che separa il Corno Grande dal Corno Piccolo, quando giunta alla quota di circa 2300m, poco più a valle del Rifugio Franchetti, è caduta procurandosi una frattura esposta al ginocchio destro. È stato immediatamente allertata la centrale operativa del 118 che ha inoltrato la richiesta di soccorso al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Abruzzo. Sul posto era casualmente presente anche un tecnico di soccorso del CNSAS che ha prestato le prime cure. Dall’aeroporto di Preturo si è alzato in volo l’elicottero con a bordo lo staff medico del 118 e il tecnico di elisoccorso CNSAS, mentre ai Prati di Tivo (TE) si è preparata una squadra di tecnici di soccorso del CNSAS per l’eventuale intervento da terra. L’infortunata è stata recuperata dall’elicottero con il verricello e portata all’Ospedale di Teramo. Le operazioni di soccorso, iniziate alle ore 13.55, sono terminate alle ore 15.

14 aprile 2013 0

Terremoto di magnitudo 2.7 tra Lumezzane Sarezzo e Villa Carcina in provincia di Brescia

Di admin

Un evento sismico è stato lievemente avvertito dalla popolazione in provincia di Brescia. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Lumezzane (fraz. di San Sebastiano), Sarezzo e Villa Carcina. Dalle verifiche effettuate dalla “Sala Situazione Italia” del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone e/o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento è stato registrato alle ore 15.36 con magnitudo locale 2.7.

14 aprile 2013 0

Terremoto nel Cassinate, scossa di magnitudo 3.2 alle 4.20

Di redazione

Un terremoto di magnitudo 3.2 è stato registrato questa notte alle 4.20 nel territorio di Cassino dai sismografi dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. L’epicentro sarebbe stato individuato tra Cervaro, Acquafondata, Viticuso, San Biagio Saracinisco e Sant’Elia ma nessun danno è stato registrato. Anzi, alla centrale dei vigili del fuoco non è arrivata nessuna segnalazione, neanche di persone allarmate.

14 aprile 2013 0

Virus della nuova influenza aviaria si diffonde a Pechino. Primo caso al di fuori della Cina orientale

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

Una bambina di sette anni è il primo caso confermato di Pechino di un nuovo ceppo del virus dell’influenza aviaria che ha ucciso sino ad oggi 11 persone e infettato altre 37 in Cina orientale.

L’Health Bureau di Pechino ha riferito che la ragazza, i cui genitori sono nel commercio del pollame vivo, è stata ricoverata in un ospedale giovedi con sintomi di febbre, mal di gola, tosse e mal di testa,. Oggi, dopo le analisi di controllo è stata confermata che è stata infettata con il virus H7N9. La ragazza è stata ricoverata in un ospedale ed è in condizioni stabili.

Il caso nella capitale della Cina è il primo confermato al di fuori della Cina orientale, dove il virus è stato identificato a fine marzo, costringendo ad una massiccia macellazione del pollame vivo e a divieti relativi al commercio di pollame in diverse città, tra cui il centro finanziario di Shanghai.

A Shanghai, centro dell’epidemia, sono stati diagnosticati 21 casi, tra cui sette decessi. Una persona è stata dimessa dopo la guarigione.

Il virus variante dell’influenza aviaria fu identificato il 31 marzo 2013, quando le autorità sanitarie cinesi annunciarono che un virus classificato H7N9 aveva infettato tre pazienti.

A partire dal 12 aprile 2013, quaranta casi di infezione umana con l’influenza A(H7N9) sono stati segnalati in quattro province in Cina orientale (20 a Shanghai, 12 nel Jiangsu, sei in Zhejiang e due in Anhui) dal 31 marzo 2013, dall’esordio della malattia tra il 19 febbraio e il 5 aprile 2013. La data di esordio della malattia è attualmente sconosciuta per tre pazienti. Undici pazienti sono morti, 27 rappresentano casi gravi mentre tre sono casi lievi. Le condizioni dei pazienti gravemente ammalati, sono in una condizione stabile. L’età media è di 65 anni con un intervallo tra 4 a 87 anni; 12 di loro sono femmine.

Nessuna correlazione epidemiologica tra i casi è stata identificata fino ad oggi. Più di 700 persone che sono state strettamente in contatto con gli infettati sono monitorati costantemente. Ci sono segnalazioni di un potenziale piccolo contagio in famiglia della malattia intorno al primo caso, ma questo non è stato confermato dai dati di laboratorio. Nel Jiangsu, l’inchiesta è in corso per quanto riguarda un contatto di un precedente caso confermato che ha i sintomi della malattia.

L’origine di queste infezioni e la modalità di trasmissione sono ancora da stabilire. Questa è la prima volta che le infezioni umane con virus di influenza A(H7N9) sono stata identificate.

Le autorità sanitarie cinesi stanno rispondendo a questo allarme di sanità pubblica con una sorveglianza rafforzata, epidemiologica e con indagini di laboratorio e analisi. Il settore sanitario ha intensificato le indagini sulle possibili fonti e serbatoi del virus.

L’autorità ha riferito all’organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) che A(H7N9) è stato rilevato nei campioni di carne dei piccioni e polli e nei campioni ambientali in tre mercati di Shanghai. Questi mercati sono stati chiusi e il pollame vivo è stato abbattuto. Il virus è stato rilevato anche in 14 campioni positivi in cinque mercati dove erano comercializzati uccelli vivi in Anhui, Jiangsu e Zhejiang. Nessun vaccino è attualmente disponibile per questo sottotipo di virus influenzale. I risultati preliminari suggeriscono che il virus è sensibile agli inibitori della neuraminidasi (oseltamivir e zanamivir).In questo momento non c’è alcun segnale di trasmissione da uomo a uomo in corso e non c’è ulteriore diffusione geografica. Altri sporadici casi dovrebbero essere ancora segnalati. Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, lo screening negli aeroporti è la migliore soluzione per fermare la diffusione dell’ influenza aviaria anche se è ancora troppo presto per confermare la vera dimensione del problema. Un eventuale rischio di diffusione della malattia in Europa è considerato basso, anche se non è possibile escludere singoli casi provenienti dalla Cina.

14 aprile 2013 0

La sfortuna ci mette ancora lo zampino: la Iris Serapo Gaeta sconfitta dalla Stella Azzurra Roma

Di redazionecassino1

La Iris Serapo Gaeta esce sconfitta, dal PalaPostepay, con il punteggio di 67-57 dalla Stella Azzurra Roma, ma anche questa volta sul risultato finale, grava la malasorte che in questo 2013 non ha proprio intenzione di abbandonare la squadra biancoverde. Infatti, Coach Nardone deve fare a meno del suo capitano, Marrocco, restato a Gaeta a causa di un virus intestinale e questo complica ulteriormente i piani del tecnico biancoverde che, durante la gara odierna, dovrà fronteggiare anche l’infortunio alla caviglia di De Fabritiis e il riacutizzarsi del dolore al legamento della caviglia di Macaro. La gara, comunque, inizia subito in maniera positiva per la squadra gaetana, che al 6’si porta avanti con il punteggio di 8-13, trascinata da De Fabritiis. Un controparziale di 13-3 per la squadra di casa, trascinata da Mannozzi, micidiale dalla lunga distanza, gli consente di chiudere in vantaggio il primo quarto con il punteggio di 21-16.Nel secondo quarto, coach Nardone getta nella mischia Mirone, che inizia subito con il piglio giusto; la fase difensiva è molto attenta ed al 15’ la gara si gioca punto a punto ( 27-25 in favore della Stella Azzurra) quando l’ennesima tegola si abbatte sulla squadra gaetana: infatti De Fabritiis , fino a quel momento in stato di grazia, si procura una distorsione alla caviglia che lo costringe ad abbandonare il campo per tutto il restante quarto. La Iris Serapo Gaeta, inizialmente subisce il colpo, ma si riprende subito e, grazie anche a qualche bel canestro di Lilliu, riesce a chiudere il secondo quarto di gara con 4 lunghezze di divario ( 33-29).

Al rientro dagli spogliatoi, De Fabritiis stringe i denti e parte in quintetto, sostituendo un generosissimo Macaro. La squadra gaetana gioca bene e, nel terzo quarto, prima impatta la gara al 23’ ( 36-36), in concomitanza di un canestro di Pietrosanto, e dopo qualche minuto (27’) passa in vantaggio ( 42-40) grazie ad preciso Addessi che dalla lunetta fa 4/4. La squadra di casa non si arrende, e Mannozzi, con l’ennesima tripla della serata, sigla il controsorpasso e permette alla Stella Azzurra Roma di iniziare gli ultimi dieci minuti di gioco in vantaggio con il punteggio di 47-43. La squadra casalinga, all’inizio del quarto finale, piazza un primo break che le permette, al 33’, di condurre con il punteggio di 54-44; in un amen ,un mini parziale di Lilliu, permette alla squadra biancoverde di ritornare a 6 lunghezze di svantaggio ( 54-48), ma lo strappo definitivo si ha tra il 33’ ed il 35’ quando la Stella Azzurra Roma si porta al suo massimo vantaggio della gara con il punteggio di 65-49. A nulla vale il coraggio e la voglia di non mollare che porta la Iris Serapo Gaeta nuovamente sotto la doppia cifra di svantaggio, ma, con l’energia arrivata al lumicino, per via delle esigue rotazioni, non riesce, alla squadra gaetana, il recupero. L’incontro finisce con la vittoria locale con il punteggio di 67-57 ma con la dimostrazione di un gruppo che renderà difficile, qualunque sia il risultato finale, la vita a tutti gli avversari.

 

Adesso la squadra biancoverde ritornerà in palestra per preparare l’ultimo incontro stagionale casalinga che la vedrà affrontare il Bernalda. Si chiede, a questo proposito, agli appassionati ed agli sportivi gaetani di accorre alla Palamarina per applaudire questi ragazzi per il coraggio e l’abnegazione con cui hanno affrontato questo campionato, che, fin quanto Coach Nardone ha avuto a disposizione tutti gli effettivi, è stato sin anche esaltante con il settimo posto raggiunto alla fine della girone di andata.

 

Stella Azzurra Roma – Iris Serapo Gaeta 67-57 ( 21-16; 33-29; 47-43)

 

Stella Azzurra Roma: Pappalardo 9, Cucci 21, Grande 11, Paesano 2, Buscaglione 2, Mannozzi 18, Barucca 4, Alibegovic, D’Ascanio, Esposito. Coach: D’Arcangeli.

 

Iris Serapo Gaeta: Pietrosanto 5, De Fabritiis 14, Lilliu 17, Pitton 3, Macaro 6, Mirone 7, Addessi 5, Rosati, De Angelis n.e. Coach: Nardone.

 

Ufficio Stampa A.B. Serapo Gaeta.