Giorno: 15 aprile 2013

15 aprile 2013 0

Controlli a tappeto in Ciociaria da parte della Polizia di Stato

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Continua senza sosta l’attività di prevenzione e repressione della Polizia di Stato in provincia di Frosinone.Dopo aver messo a segno, nel fine settimana, due arresti per tentato furto di tre persone a Cassino ed una a Frosinone, tutte di n azionalità italiana, continua senza sosta l’attività di prevenzione e repressione, in questa Provincia, da parte degli uomini della Polizia di Stato.

Una lotta “senza quartiere” quella dichiarata dalla Questura di Frosinone pure alla criminalità comune che, in questi ultimi mesi, sta mostrando il suo volto peggiore, anche a causa del gravissimo momento di crisi economica e sociale che tutto il Paese sta vivendo. Sono stati, pertanto, intensificati i dispositivi di sicurezza finalizzati alla prevenzione dei reati in genere ed a tale scopo anche la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale di questa sede ha messo a punto tutta una serie di controlli su numerose attività sottoposte a licenza del Questore, con particolare riferimento al settore della vendita e detenzione delle armi.

Alla luce della citata crisi congiunturale e delle non meno gravi ripercussioni sociali che essa determina, si è, quindi, proceduto ad una revisione straordinaria delle dentenzione delle armi in questa Provincia.

 Nel corso degli accertamenti effettuati sono stati conseguiti i seguenti risultati: delle 83 armi controllate, di cui 72 lunghe ed 11 corte, 41 sono state state acquisite cautelativamente per delle riscontrate irregolarità. Inoltre un revolver è stato sequestrato in quanto detenuto illegalmente dal proprietario, denunciato all’A.G. per il reato di detenzione abusiva di arma da fuoco.

Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti amministrativi per l’applicazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente in materia.

15 aprile 2013 0

Arrestati due giovani di Terracina per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Uno aveva più di 2 Kg di hashish in casa

Di admin

Il 14 aprile 2013, alle ore 19,30 circa, in Terracina (LT), i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile del locale Comando Compagnia, a conclusione di specifica attività investigativa, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”: R. L., 33enne del luogo, trovato in possesso, a seguito di perquisizioni personale e domiciliare, di complessivi 2,330 kg. di hashish, di un bilancino di precisione, nonché della somma contante di euro 350, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio; C. S., 31enne di Terracina, trovato in possesso, a seguito di perquisizioni personale e domiciliare, di complessivi grammi 100 di hashish, un bilancino di precisione, vario materiale per il confezionamento delle dosi, nonché della somma contante di euro 700, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. Gli arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Latina, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

15 aprile 2013 0

Un misterioso incendio distrugge un’azienda agricola a Cisterna di Latina. Indagini in corso

Di redazione

Un incendio ha seriamente danneggiato, questa notte, le strutture di una azienda agricola a Cisterna di Latina, e l’intero parco di mezzi agricoli. L’allarme incendio è scattato poco dopo l’una in via Aprilia. Sul posto sono dovute arrivare due squadre di vigili del fuoco e, soltanto così, il rogo è stato domato alle 3. Purtroppo, però, i danni sono ingenti ma la natura dell’incendio resta sospetta e al vaglio del nuicleo investigativo dei vigili del fuoco di Latina.

15 aprile 2013 0

Litigano per un terreno a Monte San Biagio, padre e figlio accoltellano un parente.

Di redazione

Una lite decennale tra cognati per un appezzamento di terra a Monte San Biagio è scaturita ieri in un tentato omicidio. Le indagini della polizia del Commissariato di Fondi sono scattate quando un uomo di 60 anni si è presentato al pronto soccorso con una profonda ferita all’emitorace destro. Raggiunto dagli agenti, il ferito ha raccontato che poche ore prima si era incontrato su un suo podere a Monte San Biagio, con il cognato ed il figlio di questi con i quali ci sono polemiche proprio per quel terreno. La lite sarebbe finita ben presto alle mani e dopo essere stato colpito più volte dall’uomo mentre il ragazzo lo manteneva fermo sotto la minaccia di un coltello puntato alla gola, gli è stato inferto un fendente sotto al costato. L’uomo è stato quindi sottoposto ad un intervento chirurgico per recuperare parte della lama conficcata nel torace. Gli agenti, coordinati dal vice questore Massimo Mazio, hanno rintracciato gli aggressori, il padre R.B.G. 63 anni e il figlio R.G. 29 anni arrestandoli con l’accusa di tentato omicidio.

15 aprile 2013 0

Spilabotte incontro con i sindacati: “Videocon, siamo ancora all’anno zero, è il momento di agire”

Di redazionecassino1

“Siamo ancora all’anno zero, adesso però è il momento di agire: subito”. Queste le prime parole della senatrice Maria Spilabotte a margine della riunione sulla Videocon con i sindacati che si è svolta nella sala della Cgil ad Anagni a cui la parlamentare ciociara ha partecipato, portando anche i saluti dell’on. Mauro Buschini impegnato in consiglio regionale. Spiega Maria Spilabotte: “Sulla vicenda Videocon si sono versati fiumi di parole ma si sono compiuti pochi fatti. Anzi, in questi ultimi anni, soprattutto a causa dell’inerzia del Governo Berlusconi e della Polverini, si sono persi finanziamenti per 40 milioni di euro del Ministero e 15 della Regione. Adesso la situazione è ancor più grave vista l’imminente scadenza della cassa integrazione straordinaria che si aggiunge alla mancanza di prospettive di rilancio del sito. Per questo è necessario che si chiuda al più presto l’esperienza del governo Monti perchè c’è bisogno di uno slancio che solo un nuovo governo politico può assicurare. Un nuovo governo che riassegni i fondi non rincorrendoli nelle aule di tribunale ma attraverso un chiaro impegno politico. Inoltre bisogna rimediare ai danni della riforma Fornero e salvaguardare gli esodati: già questa questione risolverebbe il problema a 700 dei 1300 dipendenti. Occorre rimpinguare il fondo della cassa integrazione almeno per tutto il 2013 e fare in modo che la Regione Lazio investa i 460 milioni dei fondi europei che la giunta Polverini ha tenuto bloccati. Parallelamente il Presidente dell’Asi, assieme al suo consiglio di amministrazione, si attivi per chiedere la nomina al tribunale di un perito per la valutazione del sito in modo da poter procedere all’acquisizione dello stesso che, usufruendo delle leggi vigenti che consentono la defalcazione dei contributi pubblici, avverrebbe quasi a costo zero”.

 

15 aprile 2013 0

Studenti di sei Paesi europei in visita per il progetto Comenius

Di redazionecassino1

Prosegue la partecipazione della scuola secondaria di I grado di Sermoneta al progetto Comenius, il programma di scambio “alla pari” con scuole di altre sette nazioni neo comunitarie. Gli alunni della scuola media stanno avendo la possibilità di poter frequentare per una settimana le scuole di Spagna, Turchia, Ungheria, Romania, Bulgaria e Polonia, entrando in contatto con la loro cultura, le loro tradizioni e la vita quotidiana.

Questa settimana Sermoneta ospiterà le delegazioni europee per una immersione totale con gli studenti di altri 6 paesi europei. Le delegazioni sono arrivate stamattina in Italia e da domani inizieranno il loro tour per la provincia romana e pontina che toccherà naturalmente Sermoneta, con il Castello Caetani ed il centro storico, Norma con il museo del cioccolato, Terracina, Sabaudia, il Circeo e infine Roma. Prevista infatti una visita alla cappella Sistina, il Colosseo ed i monumenti più importanti della città eterna.

Le delegazioni europee, ospiti delle famiglie degli studenti di Sermoneta, avranno la possibilità di mangiare i piatti tipici non solo della tradizione sermone tana, come la polenta, ma anche quelli nostrani come pasta e pizza. Ci saranno occasioni di confronto e di dibattito, con i nostri studenti che si cimenteranno con l’inglese e lo spagnolo: una grande opportunità di crescita personale per i ragazzi di Sermoneta.

“La nostra è una scuola a tutti gli effetti europea  – affermano il Sindaco Giuseppina Giovannoli e il delegato alla Pubblica Istruzione Mafalda Cantarelli – aperta allo scambio e al confronto e gli alunni, con questa nuova opportunità, arricchiranno il loro bagaglio di esperienza che porteranno con sé per tutta la vita. Siamo orgogliosi di dare il benvenuto alle delegazioni europee e ringraziamo le famiglie per essersi messe a disposizione per accogliere al meglio gli studenti stranieri”.

Sermoneta, Destinazione Europea d’Eccellenza riconosciuta dal Ministero del Turismo, ogni anno rinnova il gemellaggio con le città francesi di Sant Antoine l’Abbaye e Dionay, comunità molto simili per storia e cultura a Sermoneta. Una fonte inesauribile di esperienza e di arricchimento per tutti i cittadini, grandi e piccoli.

15 aprile 2013 0

Basket: BPF Basket Cassino cade a Palestrina, 79-70, ma con onore

Di redazionecassino1

Il Basket Cassino, dopo 40 minuti molto intensi, cede al Palestrina non certo senza rimpianti. La gara bella, combattuta e a volte anche nervosa, ha regalato tanti momenti di basket di alto livello in cui purtroppo la coppia di arbitri, i fratelli Basso di Elmas, non ha certo brillato per prontezza ed equilibrio nei giudizi. Purtroppo dobbiamo registrare decisioni anche cervellotiche ai danni della nostra squadra. Le statistiche parlano chiaro e danno l’esatta fotografia della partita:43 tiri liberi concessi contro i 23 a favore, e alla fine Cassino  è costretta a giocare con soli 4 uomini in campo nell’ultimo minuto di gioco.

Resta comunque la consapevolezza della forza del roster cassinate che davanti a tanti baldanzosi giovanotti ha giocato con equilibrio e forza mostrando giocate magistrali che avallano una classifica importante e l’accesso ai play off ne è la conferma. La squadra cara al presidente Dino Pagano per la seconda volta consecutiva raggiunge i play-off in DNC, senza dimenticare le quattro volte nella C regionale, traguardi da incorniciare a dimostrazione di una gestione attenta ed oculata che ha regalato enormi soddisfazioni ai tifosi e alla città intera.

Tornando alla partita dobbiamo dar conto della partenza bruciante di Palestrina che costringe Cassino subito a rincorrere. Confessore inizia bene con un gioco da tre, ma commette subito due falli, Molinari tira fuori dal cilindro due triple in fotocopia che infiammano il Pala Iaia.  Liburdi prova per Cassino a gestire la partita, suoi 6 punti ma anche per lui un paio di falli fischiati in maniera discutibile. Il tempo si chiude con la tripla di Omoregie che consente ai suoi di fissare il punteggio sul 23-15.

Secondo parziale che stenta a decollare visto le marcature asfissianti portate dalle due formazioni, Liburdi e Arioli aprono le danze ma sono passati almeno 150 secondi di gioco. Il distacco da recuperare è importante ma Guida, Violo e Liburdi danno sicurezza. La gara dopo il time-out dei padroni di casa prende una brutta strada per i falli fischiati in maniera industriale ai ragazzi in maglia biancorossa, ne fa le spese Liburdi che commette il 3° fallo seguito da Confessore che addirittura arriva al 4°. Momento magico per Serafini che recupera 3 palloni segnando due punti e regalando con una magia un pallone d’oro a Confessore che riporta sotto i nostri al -5, 31-26. La tripla di Canzano fa sognare Cassino ma la palla del -3 viene persa in malo modo consentendo a Omoregie replicato da Cara di regalare punti d’oro per i padroni di casa che fissano il secondo parziale sul 38-31.

Terza frazione con Cassino che subisce la partenza bruciante di Palestrina, Guida commette il 17° fallo per la propria squadra, incredibile l’accanimento dei direttori di gara, Perna e Nozzolillo con due triple confezionano un pesante 10-2 che aumenta la forbice del distacco fino al -15, Liburdi prova a tenere a galla la squadra con i suoi canestri aiutato da Canzano. Momento topico della gara oltre l’ennesima tripla di Molinari l’infortunio di Canzano che lo costringe a lasciare il parquet, e il 5° fallo di Confessore che costringe Cassino a dover rinunciare a due uomini fondamentali. Il quarto si chiude con due punti di  Guida e di Serafini dalla lunetta che fissato il parziale sul 59-49.

Le urla di coach Porfidia verso i suoi giocatori durante i  minuti di riposo scuotono i ragazzi di Cassino; Liburdi che nel terzo parziale era stato sanzionato di un fallo antisportivo, quarto per lui,  lotta come un leone ferito, e la gara cambia. 7 punti consecutivi e due palloni strappati alle mani degli avversari con il punteggio che diventa incerto con le due formazioni distanti solo tre lunghezze, 61-58. Ma ecco l’ennesima chicca degli arbitri : 5° fallo per Liburdi lontano metri dal fatto. Mauro lascia il parquet con 19 punti in  23 minuti giocati con il coach Porfidia incredulo davanti l’ennesima ingiustizia. Palestrina capisce le difficoltà degli ospiti costretti a giocare gli ultimi minuti senza tre pedine fondamentali e con merito e tranquillità riporta la partita sul suo fronte anche se il punteggio rimane aperto quasi fino alla fine, eloquente il punteggio che ha meno di due minuti recita 70-65 grazie anche alla serata speciale vissuta da Serafini che con una tripla e altri 3 punti vive una serata comunque per lui indimenticabile. Gli ultimi minuti scorrono inesorabili con Cassino come già detto costretta a dover rinunciare a 6 giocatori fuori per diversi motivi, la gara finisce con la vittoria dei padroni di casa 79-70.

 

PALESTRINA: Baroni 8, Braghese, Perna 9, Cara 12, Molinari 13, Omoregie 10, Nozzolillo 11, Brenda 6, De Gregorio, Arioli 8. All. Longano BPF BASKET CASSINO: Confessore 7, Lepore, Granata, Canzano 5, Liburdi 17, Violo 8, Candelaresi ne, Tomasiello 11, Guida 10, Serafini 12. All. Porfidia

PARZIALI: 23-15, 38-31, 59-49, 79-70

 

15 aprile 2013 0

Colle San Magno, la Giunta approva il Piano triennale di prevenzione della corruzione

Di redazionecassino1

Con deliberazione di giunta, la  numero 26, l’amministrazione comunale di Colle San Magno ha approvato il “Piano di prevenzione della corruzione”, dotandosi di uno strumento importantissimo ai fini della trasparenza, della legalità e del rispetto delle normative in vigore.

Il Piano, la cui definizione e applicazione è stata demandata al Segretario comunale, costituisce un obbligo per le pubbliche amministrazioni ed è legato alle nuove e più stringenti direttive della legge n. 6 del novembre 2012 che prevede azioni di sensibilizzazione e formazione dei dirigenti della macchina amministrativa comunale sulla prevenzione dei reati di corruzione.

Nelle more del Piano è previsto che i provvedimenti e gli atti emanati e adottati dal Comune di Colle San Magno devono riportare in narrativa la descrizione del procedimento svolto, richiamando tutti gli atti prodotti – anche interni – per addivenire alla decisione finale; devono essere sempre motivati con precisione, chiarezza e completezza; devono essere redatti con stile il più possibile semplice e diretto. Ai fini della massima trasparenza dell’azione amministrativa e dell’accessibilità totale agli atti dell’amministrazione, infine, per le attività a più elevato rischio, i provvedimenti conclusivi dei procedimenti (determinazioni, delibere, ordinanze, decreti ecc) sono pubblicati all’Albo Pretorio on line.

“Con questa delibera – ha spiegato il sindaco Antonio Di Nota – l’amministrazione comunale di Colle San Magno si dota di un altro strumento di legalità e trasparenza della macchina di governo comunale come il Piano anticorruzione.

Una soddisfazione enorme, in quanto credo, anzi sono convinto, il nostro Comune sia uno dei primi a deliberare in tal senso nel territorio provinciale, a dimostrazione dell’azione continua di questa amministrazione tesa a recepire in maniera veloce le normative dello Stato, ma soprattutto l’ennesima garanzia di chiarezza e di accessibilità degli atti pubblici a disposizione della comunità.

Un ringraziamento al dottor Colacicco, il nostro Segretario comunale, per la celerità con cui ha istruito il Piano, migliore garanzia di piena applicazione di quanto disposto”.

Il Piano di prevenzione della corruzione del Comune di Colle San Magno avrà durata triennale.

15 aprile 2013 0

Pallamano: Cus Cassino-Gaeta si aggiudica, 24-23, il derby con Fondi

Di redazionecassino1

Vittoria nel derby del Cus Cassino Gaeta’84  contro la Semat Fondi, nel campionato di Serie B con il punteggio di 24-23 ( primo tempo 12-08). Partita equilibrata decisa solo nell’ultimo minuto grazie alla maggiore determinazione di Cappello e Capomaccio. Incontro agonisticamente valido, come è nei derby, dove i contendenti si sono affrontati con determinazione, durezza e senza esclusione di colpi ma nel rispetto delle regole e della correttezza sportiva. Sin dalle prime battute il CUS si è portato in vantaggio e con Mitrano (6 reti) e Cappello (7 reti)  sembrava riuscire a portare a temine una vittoria inaspettata che mancava da tempo. La Semat, mai doma, rispondeva a tutti i tentativi di allungare dei locali con Parisi ( 6 reti ) e D’ Ettorre tra i pali che nel secondo tempo neutralizzava 4 rigori e chiudeva letteralmente la porta permettendo ai compagni di agguantare il pari (22 -22) a 1 minuto dalla fine. La reazione d’ orgoglio di Capomaccio, espulso per aver ritardato la ripresa del gioco e la realizzazione di Cappello hanno permesso agli universitari di aggiudicarsi l’incontro con il punteggio di 24 – 23. Dichiara il Presidente Carmine Calce: «Una vittoria nel derby fa sempre morale e compatta la squadra. Venivamo da una serie di sconfitte che stavano minando il morale, ma Di Schino, Frittegotto e compagni ci hanno abituati ad imprese inaspettate. Siamo impegnati nell’ organizzazione dei campionati di Nazionali Universitari e questa vittoria ci aiuterà a trovare la forza ed il morale per riuscire a portare a termine quanto programmato». Prossimo turno sabato 20 aprile a Vasto ore 16.00

DI SCHINO Luigi, (4), LA MONICA Luigi (5), CAPPELLO Luca (7 ), BRONGO Giulio, CAMELIO Luca, FRITEGOTTO Luca, MACONE Alessandro (1); MITRANO Manuel ( 6), CARBONE Antonio, VALENTE Raimondo (1), CAPOMACCIO Roberto (1), MACERA Damiano, GIANNATTASIO Mauro,

Allenatore VIOLA Antonio, Medico MAGLIOZZI Francesco Dirigenti DI LIEGRO Luigi, D’ OVIDIO Giancarlo

 

Semat Fondi   – 23

Lauretti S ( 2), Micci ( 3 ), D’ Ettorre D, El Amari (2), Iacovacci G., Riccardi A. (1), Pinto V. (3), Marcucci S,  Salemme L ( 1) Santamaria S (4), Sicignano G., Grossi M., Capotosto (1), Parisi G. ( 6)

Allenatore MANZI Ivano, Medico ROTUNNO Franco  Dirigenti BERNARDINO Salvatore

 

Arbitri: Panno Gaetano, Armenio Giampiero

15 aprile 2013 0

Manifestano i pescatori, chiuso un tratto del raccordo Autostradale 12 Chieti-Pescara e della strada statale 16 dir/c Porto di Pescara

Di admin

L’Anas comunica che, a causa di una manifestazione dei pescatori, è provvisoriamente chiuso al traffico in direzione Pescara il tratto compreso tra il km 14,100 e il km 14,700 del Raccordo Autostradale Chieti-Pescara. Inoltre, è provvisoriamente chiusa al traffico in entrambe le direzioni la strada statale 16 dir/C “Del Porto di Pescara”, prosecuzione del Raccordo Autostradale 12, per tutta la sua lunghezza dal km 0,000 al km 3,300.

Sono presenti sul posto le squadre dell’Anas e delle Forze dell’Ordine per la gestione della viabilità. Il traffico è provvisoriamente deviato sulla strada statale 714 “Tangenziale di Pescara”.

L’Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione ‘VAI Anas Plus’, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv e il numero 841-148 ‘Pronto Anas’ per informazioni sull’intera rete Anas.