Giorno: 26 aprile 2013

26 aprile 2013 0

Disperso sulle montagne molisane, rintracciato e salvato il 50enne di Rocchetta

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ stato rintracciato intorno alle ore 11 di questa mattina, 26 aprile 2013, P.I. di Rocchetta al Volturno, dato per disperso dalla tarda serata del 24, di anni 50. L’uomo è stato avvistato dall’ elicottero del Corpo Forestale dello Stato, proveniente da Pescara, che imbarcava, come da convenzione, alcuni tecnici del Soccorso Alpino molisano, a circa 20 km dal luogo in cui aveva abbandonato l’auto e precisamente in località Campitelli di Alfedena. Grazie ad un’ alquanto ardita operazione in volo, resa possibile soltanto dalla professionalità dell’equipaggio del Corpo Forestale, i tecnici del Cnsas Molise sono sbarcati nel punto in cui l’uomo era stato avvistato, riuscendo a raggiungerlo non senza difficoltà e con l’indispensabile collaborazione di altri tecnici del Soccorso Alpino, giunti via terra assieme agli Agenti del CFS di Agnone (Is), ai Carabinieri ed a tutte le forze presenti sul campo: i VVF, sul posto con un’unità cinofila, assieme a quella dell’ Associazione Nazionale Autieri di Pescopennataro (Is), all’ Associazione Nazionale Carabinieri di Agnone, ai Vigili del Fuoco in congedo di Venafro, la Polizia Municipale e molti volontari della zona, dove in mattinata era sopraggiunto anche un elicottero dei VVF che, dopo una breve ricognizione, è rientrato alla base. Le ricerche, proseguite per tutta la notte, sono state condotte in un territorio per sua natura estremamente impervio, seguendo un protocollo operativo ormai consolidato, approntato secondo procedure standard sistematiche, all’insegna della rapidità di azione, della sicurezza del disperso e dei soccorritori, della tracciabilità, grazie anche all’utilizzazione di software estremamente sofisticati. L’operazione, coordinata dalla Prefettura di Isernia e gestita dal Cnsas Molise sul posto, si è conclusa alle ore 14, quando l’uomo è stato consegnato al 118, fortemente disidratato ed in condizioni critiche.

26 aprile 2013 0

Vela, Sperlonga ospita la prima tappa del Circuito Nazionale Classe Sunfish, ‘Trofeo Torre Truglia’

Di redazione

Sarà la città di Sperlonga ad ospitare la prima tappa del Circuito Nazionale Classe Sunfish, ‘Trofeo Torre Truglia’. L’evento sportivo è stato presentato questa mattina nell’ambito dello “Yacht Med Festival” la Fiera Internazionale dell’Economia del Mare, che si sta tenendo nel centro storico di Gaeta. Il comitato organizzativo della regata, patrocinata dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Sperlonga, e composto dall’Associazione Italiana Classe Sunfish, la Lega Navale – sezione Sperlonga Lago di Fondi – ed il Terracina Vela Club. “Il Sunfish è una diffusa deriva introdotta negli anni ’50. Può portare fino a tre persone ma viene generalmente condotta in singolo. Può essere governato tramite una sola scotta e la barra del timone; è presente anche la drizza della randa che però non viene regolata in navigazione. Nei Sunfish attrezzati da regata si aggiunge un cunningham e un vang per regolare meglio la forma della vela. L’unica vela triangolare (vela latina) è inserita su di una penna ed il boma tramite una scotta arrotolata intorno all’armo e passante per degli occhielli presenti sulla vela”. La tappa si dividerà in diverse regate tra i giorni 1 e 2 giugno, che si svolgeranno nello specchio d’acqua antistante la splendida spiaggia dell’Angolo, a lato del nuovo porto turistico della città. Sull’arenile sarà allestito anche un piccolo village visitando il quale si potranno richiedere informazioni sulla disciplina oppure godersi direttamente le gare. «La Lega Navale promuove e sostiene attività nautiche e pratiche da diporto – dichiara il presidente della sezione di Sperlonga Luigi Valerio – sviluppa corsi anche di iniziazione marinaresca e azioni di avviamento agli sport del mare, con particolare attenzione alla vela. Ed è proprio in questo senso che abbiamo accolto la richiesta di organizzare la tappa sperlongana di questa importante classe di regata. L’idea è quella di mostrare uno sport sano, divertente e che si può praticare con estrema facilità. Facendo questo – conclude Valerio – diamo vita ad una tappa di un campionato seguitissimo». http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2013/04/vela-sperlonga.jpg «Siamo stati felici di accettare la richiesta dell’Associazione Italiana Classe Sunfish – dichiara l’Assessore all’Ambiente del Comune di Sperlonga Joseph Maric – di poter svolgere, nel bellissimo mare di Sperlonga, la prima tappa del circuito nazionale. Abbiamo ritenuto logico mettere a sistema il connubio tra ambiente, natura, sport ed attività produttive con un evidente risultato positivo anche per l’indotto turistico della nostra città. In questo caso, poi, c’è un altro aspetto didattico da non sottovalutare ovvero quello dell’educazione dei ragazzi ad un certo tipo di sport, fatto all’aria aperta e che si basa sì sulla proprie capacità, ma anche sull’affascinante sfida di controllare l’ imprevedibilità della natura». In occasione della conferenza stampa è stata confermata anche la data della tappa sperlongana del campionato italiano di Beach Rugby che si terrà il 17 luglio sulla spiaggia di ponente in località Lago Lungo. Il trofeo “Torre Truglia” è stato reso possibile anche grazie al coinvolgimento dei seguenti partner: SperlongaE20, l’Associazione Albergatori di Sperlonga e la società Porto di Sperlonga che sono nel comitato organizzativo, mentre il l’Acqua Pradis, Charter Nautico, Partesa Latina e Remix Sound sono i partner ufficiali. Importante anche la collaborazione di media partner di rilievo come Radio Immagine e le consociate Radio Latina e Radio Monte Giove, la testata giornalistica online 26Lettere.it e il mensile La Voce. Autorevole, vista la qualità dell’evento, anche il sostegno dello Yacht Med Festival.

26 aprile 2013 0

Lasciavano che i bambini giocassero sui fanghi, parco pubblico sequestrato a Ferentino

Di redazione

Lasciavano che i bambini giocassero su un cumulo di fanghi puzzolenti. A dire basta sono stati i carabinieri della compagnia di Anagni che, a Ferentino, hanno sequestrato l’area. Si tratta di un parco nel comune di Ferentino inaugurata in pompa magna nell’ottobre del 2012. Da allora, però, i residenti hanno iniziato a denunciare un insopportabile cattivo odore. Denunce che hanno innescato le indagini dei carabinieri della compagnia di Anagni comandata dal capitano Costantino Airoldi (nella foto) i quali hanno scoperto che il parco pubblico era stato realizzato su un’area occupata da un depuratore dismesso nel 2007 e semplicemente interrato con tutti i fanghi senza alcuna bonifica. I carabinieri, quindi, hanno proceduto al sequestro del parco, un’area di circa 5mila metri quadrati, e alla denuncia di quattro persone tra cui due dipendenti del comune di Ferentino. A vario titolo i reati contestati sono illecito smaltimento di rifiuti e abuso d’ufficio.

26 aprile 2013 0

Maxi sequestro di marijuana sull’A1, carico da 125 chili trovato dalla Stradale di Frosinone

Di redazione

Un uomo di 49 anni, G.D.P. originario di Gela, ma residente a Fiano Romano, è stato sorpreso sull’A1 tra i caselli di Ceprano e Frosinone, alla guida di un furgone che trasportava un ingente quantitativo di marijuana. I controlli sono scattati nella tarda mattina di oggi quando gli agenti della polizia stradale della Sottosezione di Frosinone, coordinati da Fabrizio Di Giovanni e comandati dal vice questore Giovanni Consoli, insospettiti da atteggiamenti incerti dell’uomo, hanno deciso di effettuare un controllo al mezzo rinvenendo, occultato nel vano di carico alcune buste di plastica contenenti 119 involucri di marijuana per un peso complessivo di 125 chili. Dalle indagini svolte il furgone è entrato in autostrada a Trani dirigendosi verso nord. L’uomo, con precedenti penali di vario genere è stato tratto in arresto.

26 aprile 2013 0

Da domani previsto maltempo al nord

Di admin

Una sistema di bassa pressione che sta interessando gran parte dell’Europa occidentale, determinerà, a partire da domani, condizioni di spiccata instabilità su tutto il nord Italia. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della protezione civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede, dalle prime ore di domani, sabato 27 aprile, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Emilia-Romagna, in estensione, nel corso della giornata, a Veneto e Friuli Venezia Giulia. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Il Dipartimento della protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

26 aprile 2013 0

San Raffaele, Ugl: “Bene convocazione tavolo trilaterale in Regione”

Di admin

“Accogliamo positivamente la convocazione per l’apertura di un tavolo trilaterale sulla vertenza del San Raffaele da parte della Regione Lazio per il prossimo 30 aprile”.

Lo dichiarano in una nota il segretario dell’Ugl Sanità Roma e Lazio, Antonio Cuozzo, e il responsabile dell’Ugl Sanità Gruppo San Raffaele, Gianluca Giuliano, evidenziando come “si tratta di un confronto che avevamo chiesto da tempo per poter coinvolgere tutti i soggetti interessati, ossia la Regione Lazio, la proprietà del gruppo e le organizzazioni sindacali, al fine di garantire una regolarizzazione delle spettanze dei lavoratori, oramai esasperati da una situazione che si trascina da troppo tempo”.

“Sono quasi tre mesi – aggiungono i sindacalisti – che i lavoratori non percepiscono lo stipendio, ma nonostante ciò continuano a prestare assistenza ai pazienti con forte senso di professionalità e diligenza. Dalla convocazione in Regione ci aspettiamo un passo avanti affinchè – concludono – si trovi il prima possibile la soluzione definitiva al problema finanziario dell’azienda così da poter restituire un minimo di serenità ai lavoratori, sempre più esasperati”.

26 aprile 2013 0

Sequestrati tre centri di raccolta abusiva di scommesse a Fondi

Di admin

Nel corso delle ultime settimane, i finanzieri della compagnia di fondi hanno eseguito alcuni controlli presso tre centri di raccolta di scommesse siti nello stesso comune e facenti capo a due specifici bookmaker esteri. I militari hanno così accertato che i centri operavano in difetto della normativa nazionale ed europea, in carenza cioè delle necessarie autorizzazioni dei monopoli dello stato e della licenza rilasciata dal questore. Le fiamme gialle hanno, pertanto, segnalato alla procura della repubblica di latina i responsabili dei centri, per il reato di raccolta abusiva di scommesse, ancorché i gestori italiani operassero come intermediari per conto delle società estere, le quali risultano, infatti, inserite nella lista dei siti di gioco non autorizzati sul territorio italiano. L’inosservanza della normativa di settore ha consentito ai centri di raccolta abusiva di poter garantire ai propri scommettitori quotazioni di vincita di gran lunga superiori a quelle che, invece, sono ritraibili dalle scommesse presso i centri autorizzati dall’amministrazione autonoma dei monopoli di stato. Ed è stato proprio questo uno dei motivi che ha fatto insospettire i finanzieri, i quali avevano notato da qualche tempo un anomalo flusso di persone (attratte, evidentemente, dalla possibilità di vincite superiori) che entravano ed uscivano dai centri abusivi. Dopo alcuni giorni di appostamento e di elaborazione dei dati raccolti per verificarne la fondatezza, vi è stato l’intervento. Durante le operazioni, i militari hanno proceduto al sequestro di tutte le apparecchiature trovate nei locali ed utilizzate per condurre l’attività illecita. Si tratta, nello specifico, di computer, monitor impiegati per la visualizzazione delle quote di gioco, stampanti, e tutto il materiale relativo alla raccolta abusiva delle scommesse. L’operazione di servizio proseguirà con l’approfondimento degli aspetti di natura fiscale, anche attraverso la verifica degli obblighi di riscossione e pagamento delle imposte dovute.

26 aprile 2013 1

Anche Badia di Esperia sarà ragiunta dalla fibra ottica

Di admin

Anche Badia, popolosa contrada del territorio di Esperia, sarà raggiunta dalla fibra ottica. Dopo la realizzazione degli impianti di fibra ottica ( peraltro già funzionanti) a servizio degli utenti di Esperia-centro e di Monticelli, la società SITE S.P.A., appaltatrice dei lavori di realizzazione di infrastrutture per le telecomunicazioni per lo sviluppo della Larga Banda, eseguirà, per conto della società INFRATEL S.P.A., le infrastrutture di collegamento in fibra ottica tra la cabina esistente in Esperia-centro su via Provinciale N.8 e la cabina esistente in località Badia su via S.Stefano. I lavori di estendimento della rete, che interesseranno in parte la strada S.P. n:8 e le strade comunali di Pozzillo, Badia, Saude e S.Stefano, sono stati regolarmente autorizzati dal Comune in data 24/01/2013 ed inizieranno il giorno 29 c.m.

“Sono particolarmente soddisfatto- ha dichiarato il Sindaco, prof. Giuseppe Moretti- perché nel giro di pochi anni siamo riusciti, con impegno ed abnegazione, a far uscire Esperia dal suo “isolamento” ed a metterla in “collegamento” con tutto il mondo. Con l’estendimento della rete in fibra ottica fino a Badia, oggi possiamo affermare che il servizio della Larga Banda verrà assicurato alla totalità degli abitanti di Esperia. Tutto ciò, in aggiunta alla rete Wireless, realizzata dal Cosilam a servizio dei Comuni del Distretto del marmo, funzionante già da qualche anno su tutto il territorio comunale di Esperia ed utilizzata soprattutto da chi è privo di impianto telefonico fisso o da chi abita in zone rurali lontane dalla cabine servite dalla fibra ottica.”

26 aprile 2013 0

Beccato dai finanzieri con 50 grammi di marijuana, arrestato un 20enne a Mondragone

Di admin

I finanzieri della Compagnia di Mondragone, durante la costante e attenta attività di controllo del territorio, hanno eseguito, in Mondragone, un arresto per spaccio di sostanza stupefacente. In particolare, i militari, durante uno specifico servizio per il contrasto al traffico degli stupefacenti, hanno notato due soggetti, in piazzetta “Marechiaro”, sostare a lungo a bordo di uno scooter di colore scuro. Essendo la zona già nota per essere consueto luogo di spaccio, confermato da un altro arresto che i militari hanno effettuato solo un mese fa, e insospettiti dalla circostanza che i due soggetti stazionavano da tempo senza apparente motivo i militari hanno proceduto a qualificarsi e chiedere i documenti. I soggetti, evidentemente nervosi alle richieste dei militari, hanno fornito risposte imprecise e vaghe sul motivo della loro presenza. A questo punto è scattata la perquisizione dei soggetti e del ciclomotore dove, all’interno del vano sotto-sella, è stata rinvenuta, abilmente occultata, una confezione di una nota marca di prodotti estetici al cui interno vi erano circa 50 grammi di marijuana. I militari hanno quindi proceduto ad arrestare P.S., 20 anni, che a quel punto, ha confessato di essere il detentore della sostanza stupefacente. Sono stati inoltre sottoposti a sequestro circa 350 euro, trovati in possesso del soggetto, probabile provento dell’attività illecita. Ulteriori controlli nella zona hanno successivamente permesso di segnalare alla prefettura un altro soggetto in possesso di uno “spinello”.

26 aprile 2013 0

Piedimonte Matese, scuole e piazze del territorio presidiate dai Carabinieri per contrastare l’uso e lo spaccio di droga

Di admin

Un servizio antidroga predisposto dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese ha visto impegnati nel corso della mattinata i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e quelli delle locali Stazioni, che hanno presidiato alcuni dei principali Istituti Scolastici del comprensorio e altre zone maggiormente frequentate dai giovani, con il preciso obiettivo di stringere la morsa intorno a spacciatori e consumatori di droghe. Osservati speciali anche la villa comunale e le sale giochi del centro cittadino. Una decina di giovani sono stati identificati durante i controlli della “Benemerita”. Dall’inizio di quest’anno, sono già tredici le persone, tra le quali anche studenti, arrestati o denunciati a piede libero per reati connessi allo spaccio e alla detenzione illegale di stupefacenti, numerose anche le persone sottoposte a misure di prevenzione per tali tipologie di reato e i sequestri di droga effettuati, in particolare dosi di hashish, marijuana e cocaina. Questo tipo di operazioni, assicurano i Carabinieri, continueranno anche nelle prossime settimane e vedranno anche l’impiego di unità cinofile antidroga, costituite da cani poliziotto altamente addestrati per la ricerca di sostanze stupefacenti.