A.S. La Cobas: Licenziamenti in arrivo per le lavoratrici addette alla mensa del 80° RAV

17 aprile 2013 0 Di redazionecassino1

Licenziamenti in arrivo per le addette alla mensa delle caserme militari. Con lettera del 12 aprile scorso, la Centro Società Cooperativa, azienda titolare dell’appalto per la distribuzione dei pasti alla caserma militare 80° RAV di Cassino, ha formalmente comunicato l’intenzione di licenziare, per esubero del personale, sette lavoratrici operanti nella caserma e nel centro cottura. L’A.S.La COBAS di Cassino ha richiesto un incontro immediato per esperire l’esame congiunto e scongiurare i licenziamenti con misure alternative. L’incontro è stato fissato per giovedì 18 aprile prossimo alle ore 09.00.

In quella occasione chiederemo alla “Centro” di impiegare le lavoratrici presso altri unità operative, come l’ospedale di Cassino o di Sora, dove l’azienda gestisce altri appalti similari. Le dipendenti della Centro sono lavoratrici assunte con contratto part-time e alcune di esse sono monoreddito. L’eventuale risoluzione del rapporto di lavoro sarebbe drammatico per la sopravvivenza delle loro famiglie. Non possiamo consentire altri licenziamenti sul territorio di Cassino e in assenza di riscontro positivo chiederemo alla Regione Lazio di intervenire con la cassa integrazione in deroga. Questo è una ulteriore conseguenza dei tagli imposti nel 2012 dal Governo Monti. Infatti con la riduzione dei corsi  del personale militare, si è ridotta la quantità dei pasti nelle caserme con il conseguenziale esubero di personale da parte delle ditte che erogano servizi.

A.S.La COBAS CASSINO