La sfortuna ci mette ancora lo zampino: la Iris Serapo Gaeta sconfitta dalla Stella Azzurra Roma

14 aprile 2013 0 Di redazionecassino1

La Iris Serapo Gaeta esce sconfitta, dal PalaPostepay, con il punteggio di 67-57 dalla Stella Azzurra Roma, ma anche questa volta sul risultato finale, grava la malasorte che in questo 2013 non ha proprio intenzione di abbandonare la squadra biancoverde. Infatti, Coach Nardone deve fare a meno del suo capitano, Marrocco, restato a Gaeta a causa di un virus intestinale e questo complica ulteriormente i piani del tecnico biancoverde che, durante la gara odierna, dovrà fronteggiare anche l’infortunio alla caviglia di De Fabritiis e il riacutizzarsi del dolore al legamento della caviglia di Macaro. La gara, comunque, inizia subito in maniera positiva per la squadra gaetana, che al 6’si porta avanti con il punteggio di 8-13, trascinata da De Fabritiis. Un controparziale di 13-3 per la squadra di casa, trascinata da Mannozzi, micidiale dalla lunga distanza, gli consente di chiudere in vantaggio il primo quarto con il punteggio di 21-16.Nel secondo quarto, coach Nardone getta nella mischia Mirone, che inizia subito con il piglio giusto; la fase difensiva è molto attenta ed al 15’ la gara si gioca punto a punto ( 27-25 in favore della Stella Azzurra) quando l’ennesima tegola si abbatte sulla squadra gaetana: infatti De Fabritiis , fino a quel momento in stato di grazia, si procura una distorsione alla caviglia che lo costringe ad abbandonare il campo per tutto il restante quarto. La Iris Serapo Gaeta, inizialmente subisce il colpo, ma si riprende subito e, grazie anche a qualche bel canestro di Lilliu, riesce a chiudere il secondo quarto di gara con 4 lunghezze di divario ( 33-29).

Al rientro dagli spogliatoi, De Fabritiis stringe i denti e parte in quintetto, sostituendo un generosissimo Macaro. La squadra gaetana gioca bene e, nel terzo quarto, prima impatta la gara al 23’ ( 36-36), in concomitanza di un canestro di Pietrosanto, e dopo qualche minuto (27’) passa in vantaggio ( 42-40) grazie ad preciso Addessi che dalla lunetta fa 4/4. La squadra di casa non si arrende, e Mannozzi, con l’ennesima tripla della serata, sigla il controsorpasso e permette alla Stella Azzurra Roma di iniziare gli ultimi dieci minuti di gioco in vantaggio con il punteggio di 47-43. La squadra casalinga, all’inizio del quarto finale, piazza un primo break che le permette, al 33’, di condurre con il punteggio di 54-44; in un amen ,un mini parziale di Lilliu, permette alla squadra biancoverde di ritornare a 6 lunghezze di svantaggio ( 54-48), ma lo strappo definitivo si ha tra il 33’ ed il 35’ quando la Stella Azzurra Roma si porta al suo massimo vantaggio della gara con il punteggio di 65-49. A nulla vale il coraggio e la voglia di non mollare che porta la Iris Serapo Gaeta nuovamente sotto la doppia cifra di svantaggio, ma, con l’energia arrivata al lumicino, per via delle esigue rotazioni, non riesce, alla squadra gaetana, il recupero. L’incontro finisce con la vittoria locale con il punteggio di 67-57 ma con la dimostrazione di un gruppo che renderà difficile, qualunque sia il risultato finale, la vita a tutti gli avversari.

 

Adesso la squadra biancoverde ritornerà in palestra per preparare l’ultimo incontro stagionale casalinga che la vedrà affrontare il Bernalda. Si chiede, a questo proposito, agli appassionati ed agli sportivi gaetani di accorre alla Palamarina per applaudire questi ragazzi per il coraggio e l’abnegazione con cui hanno affrontato questo campionato, che, fin quanto Coach Nardone ha avuto a disposizione tutti gli effettivi, è stato sin anche esaltante con il settimo posto raggiunto alla fine della girone di andata.

 

Stella Azzurra Roma – Iris Serapo Gaeta 67-57 ( 21-16; 33-29; 47-43)

 

Stella Azzurra Roma: Pappalardo 9, Cucci 21, Grande 11, Paesano 2, Buscaglione 2, Mannozzi 18, Barucca 4, Alibegovic, D’Ascanio, Esposito. Coach: D’Arcangeli.

 

Iris Serapo Gaeta: Pietrosanto 5, De Fabritiis 14, Lilliu 17, Pitton 3, Macaro 6, Mirone 7, Addessi 5, Rosati, De Angelis n.e. Coach: Nardone.

 

Ufficio Stampa A.B. Serapo Gaeta.