Muore di appendicite a Latina, domani i funerali di Karin

12 aprile 2013 0 Di redazione

“Nessun nome è iscritto nel registro degli indagati. All’autopsia sono state invitate le parti in causa che sono, oltre alla famiglia della ragazza, il suo medico curante, gli operatori del 118 e il personale medico dell’ospedale Santa Maria Goretti”. A parlare è il capitano Massimo Minicelli, comandante del Nas di Latina che indaga sulla morte di Karin Dalla Senta, la 26enne morta martedì mattina a causa di una appendicite non diagnosticata divenuta peritonite. L’autopsia a cui l’ufficiale dei carabinieri fa riferimento è quella che si è svolta ieri i cui risultati si conosceranno solo tra 60 giorni. Ad innescare le indagini è stata la denuncia sporta dai genitori della ragazza deceduta. A Pasqua la 26enne ha iniziato a sentirsi male. Accusava dolori alla pancia e il medico di famiglia, in due circostanze, le avrebbe diagnosticato una influenza virale e curata come tale. Sul fine settimana, il padre della ragazza, preoccupato perché le condizioni della figlia non miglioravano, ha chiesto l’intervento di una ambulanza del 118. Gli operatori, chiamati sabato, avrebbero tranquillizzato la famiglia dicendo che non ci sarebbe stato nulla di cui preoccuparsi, anzi, secondo quanto riportato nella denuncia dai genitori, gli stessi sarebbero stati anche redarguiti per aver chiamato il mezzo di soccorso senza averne un necessario bisogno. I militari del Nas, però, avrebbero anche acquisito, tra tutta la documentazione ancora al vaglio, il documento firmato dalla madre con cui si rinunciava al ricovero. Bisognerà, quindi, stabilire se quella firma è stata posta in seguito alle eccessive rassicurazioni o se i genitori hanno preferito per scelta far rimanere la figlia a casa. Fatto sta che all’indomani, siamo alla domenica, il padre ha portato la figlia al pronto soccorso e dopo quattro ore di attesa, è arrivata finalmente la visita di un medico capace di riscontrare la giusta diagnosi. Immediatamente operata, Karin, è morta martedì per setticemia. La salma, dopo l’autopsia, è stata dissequestrata e domani mattina alle 10.30 si svolgeranno i funerali.
Ermanno Amedei