Giorno: 8 maggio 2013

8 maggio 2013 0

Difese una vigilessa minacciata con l’ascia, premiato agente della polizia penitenziaria a Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Questa mattina, negli uffici della polizia locale di Frosinone si è svolta una cerimonia di premiazione e ringraziamento nei confronti dell’ispettore della polizia penitenziaria Cresce Alfredo che circa un mese fa ha soccorso una vigilessa, la Sovrintendente Rosa fedeli, aggredita da un uomo che l’aveva minacciata con un’Ascia.

All’Ispettore è stato consegnato un attestato di ringraziamento da parte del Comando della Polizia locale che recita:

“All’Ispettore della polizia penitenziaria Alfredo Cresce, da parte del corpo della Polizia locale per i fatti occorsi il 10 aprile 2013 nel corso dei quali la S.V. con spiccato senso del dovere, sprezzo del pericolo ed incondizionato altruismo, interveniva prontamente disarmando un pericoloso individuo che tentava di aggredire con arma da taglio una nostra collega”.

E’ stato inoltre donato un piatto di ceramica raffigurante l’effige e i colori del Corpo della polizia locale e l’Ispettore ha donato al Comandante, col. Carlo del Piano, un crest della Polizia Penitenziaria.

Alla breve cerimonia ha voluto essere presente anche l’Assessore alla polizia Locale, Ing. Sandro Blasi, che ha rivolto parole di plauso sia nei confronti dell’Ispe della polizia penitenziaria, sia della coraggiosa vigilessa che, con grandissimo sangue freddo, ha saputo gestire con la massima professionalità una delicatissima situazione.

8 maggio 2013 0

European Solar Days, la campagna di informazione europea sull’energia solare fino al 19 maggio anche nel Lazio

Di admin

Dall’Ufficio stampa Legambiente Lazio riceviamo e pubblichiamo:

Torna la campagna di informazione europea sull’energia solare promossa da Legambiente e Ambiente Italia. Fino al 19 maggio la sesta edizione vede una ventina di iniziative in tutto il Lazio per informare e sensibilizzare i cittadini sulle opportunità e i benefici di un’energia pulita come quella solare. Punti informativi, workshop, visite guidate, laboratori didattici, in contemporanea col resto d’Europa e con le altre iniziative nazionali.

Il 15 maggio alle ore 9:30 in Piazza Oderico da Pordenone a Roma, “Workshop sul Futuro del fotovoltaico. Ricerca e Sviluppo e nuove opportunità per la P.A. e le imprese nel Lazio” con interventi di personalità politico-istituzionali ed esperti del settore. Il Coordinamento CREIA predispone dei punti informativi su energie da fonti rinnovabili, efficienza e risparmio energetico, supporto progettuale il 12 maggio dalle 10 alle 13 a Fondi e dalle 10 alle 17 a Frascati. La Biblioteca Rodari di Roma organizza tutti i giorni visite guidate per le scuole, laboratori gioco con Legambiente e Città del Sole, incontri con esperti e cineforum. Sabato 11 e domenica 12 laboratorio per sperimentare l’energia solare come fonte alternativa ad Explora, il Museo dei Bambini di Roma. Il 17 maggio Sigeim Energia srl, con il supporto di “Inforidea idee in movimento”, organizza un concorso fotografico a Roma Via dei Lambertini dal titolo “Quanta energia riesci a mettere in uno scatto?” per esprimere un nuovo modo di concepire l’energia e premiare giovani talenti della fotografia fra gli obiettivi del concorso. Il 9 maggio dalle ore 12 in Via Simeto a Roma verrà esposto un impianto per la produzione di acqua calda sanitaria realizzato con materiale di riciclo.

“Nel Lazio c’è grande voglia di energie rinnovabili, i cittadini vanno informati sulle reali opportunità e sostenuti con investimenti e semplificazione delle procedure –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Il 95,2% dei Comuni laziali hanno un impianto da fonti rinnovabili per un totale di circa 800 unità, con un impiego del fotovoltaico in aumento rispetto all’anno scorso. È uno sforzo che va premiato ed incoraggiato, a partire dall’approvazione del nuovo Piano Energetico Regionale fermo da troppi anni nelle stanze della Regione.”

Tutti gli appuntamenti in Italia e nel Lazio sul sito www.eusd.it.

In Italia gli European Solar Days sono coordinati da Ambiente Italia e Legambiente con il supporto di Acquisti Verdi, Agenda 21, Archiportale, Assolterm, Climate Alliance, Comunicare Energia, Eco dalle città, Eco in città, Edilportale, Envi.it, Expoclima, GIFI, GreenWeek, Il Sostenibile, Kyoto Club, Portedilo, Qualenergia, Quotidiano energia, SolarExpo, Staffetta quotidiana.

8 maggio 2013 0

Servizi fantasma offerti da una società di disbrigo pratiche auto a Sora, denunciato il titolare

Di admin

I fatti risalgono al mese di febbraio del 2010 quando il legale rappresentante di un’azienda di trasporti della provincia, a seguito dell’acquisto di tre veicoli da lavoro, si rivolge ad una società di disbrigo pratiche auto, con sede a Sora, per effettuare quanto necessario a regolarne il passaggio di proprietà.

Passa qualche mese ed il titolare della società di consulenza informa e rassicura il suo cliente di avere svolto le varie incombenze, tra cui l’iscrizione dei mezzi al P.R.A., emettendo nell’occasione regolare fattura.

L’ignara vittima del piano truffaldino provvede dunque a pagare con degli assegni bancari il corrispettivo dei servizi che, in buona fede, crede gli siano stati resi.

Ad aprile di quest’anno l’amara scoperta, quando arrivano all’indirizzo della società di trasporti tre contravvenzioni al codice della strada per omessa richiesta, entro i termini previsti, del rilascio del certificato di proprietà; solo allora l’uomo ha modo di avvedersi del raggiro messo in atto nei confronti dell’azienda che rappresenta e sporge formale denuncia presso il competente Ufficio della Questura.

Gli accertamenti degli investigatori sul titolare della società di disbrigo auto, un sessantrenne di Arce, hanno fatto emergere a suo carico l’esistenza di numerosi precedenti specifici nonché positivi riscontri ai fatti dichiarati dalla vittima in sede di querela.

A conclusione delle indagini, il titolare della società di consulenza è stato denunciato per il reato di truffa.

8 maggio 2013 0

Vis Sperlonga, un provino aperto ai calciatori di domani

Di redazionecassino1

Si terrà lunedì 13 maggio allo stadio comunale di Sperlonga, la selezione organizzata dalla società sportiva giovanile Vis Sperlonga, aperta a tutti i ragazzi nati nel 2001. Il provino porterà alla scelta dei giocatori che comporranno la squadra che il 29 agosto partirà alla volta di Brentonico per partecipare al torneo internazionale ‘Fiore del Baldo’. Anche quest’anno infatti i calciatori della Vis si sfideranno con i loro pari età delle squadre di Milan, Inter, Atalanta e Cesena. Una occasione molto importante, che regalerà ai ragazzi la possibilità di confrontarsi con altre realtà sportive, e soprattutto affrontare un’esperienza nuova sotto tantissimi profili. La selezione di lunedì è resa possibile dal coinvolgimento dell’azienda Imballaggi D’Aniello. La dirigenza della Vis Sperlonga ringrazia vivamente tutte  le società del comprensorio del sud pontino coinvolte attivamente nel portare i propri atleti alle prove. Per informazioni si può contattare il numero telefonico 3271786387.

 

 

 

8 maggio 2013 1

Parigi, quando il turismo è davvero per tutti e senza ostacoli

Di redazionecassino1

A volte si fa fatica a crederlo, ma in realtà muoversi in modo autonomo, per chi ha difficoltà di deambulazione, o con il minimo della fatica in una città di tredici milioni di abitanti, sembrerebbe quasi impossibile, eppure la realtà supera qualsiasi immaginazione.  Visitare Parigi senza incontrare ostacoli, senza marciapiedi ostruiti da moto, biciclette ed ogni sorta di impedimento potrebbe apparire fantascienza, visto quello che succede da noi, invece non è così. Poter utilizzare tutti i mezzi pubblici senza difficoltà e, soprattutto sempre in perfetto orario, è quello che appare al turista disabile in vacanza a Parigi. Autobus tutti dotati di pedana mobile per l’accesso a chi si trovi su sedia a rotelle, azionata direttamente dal conducente alla fermata, non hanno paragoni con quelli delle nostre città e indigna e non poco. Sì, indigna per due motivi, il primo per l’efficienza, la puntualità, il secondo che sono tutti, o nella maggior parte, di fabbricazione italiana, cioè prodotti da quella Irisbus, fabbrica di Avellino, chiusa di recente da Marchionne. Le domande, quindi, sono semplici: perché nel nostro Paese tutto questo non è possibile? Perché i nostri mezzi pubblici non possono essere utilizzati dai disabili come avviene a Parigi, o in altre città del nord Europa, dove la legislazione sull’adeguamento dei mezzi pubblici alle necessità dei disabili risale al 2005, mentre in Italia ha più di vent’anni? Certo qualche problema ce l’hanno pure i francesi per quanto riguarda l’uso della Metro da parte dei disabili, ad esempio, sui sanpietrini che ti fanno sobbalzare, ma almeno i trasporti ‘di superficie’, quelli funzionano. Ma non basta, perché è nel muoversi per strada con la sedia a rotelle dove si notano le differenze con le città italiane. Le rampe di accesso ai marciapiedi sono perfettamente collegate alla strada e senza alcun ostacolo quando ci si appresta ad attraversare, tutte dotate di ausili per i non vedenti . Non si devono fare slalom fra auto parcheggiate davanti, ma quello che è più importante sono concepite, da sempre, per essere d’aiuto non solo ai disabili, ma a tutti i cittadini, anziani, mamme con i passeggini. Quello che non si riesce a comprendere, forse è questa la vera differenza fra noi ed il resto d’Europa, perché in Italia sia necessario avere una legge che tuteli le esigenze o i diritti dei disabili mentre altrove le opere vengano realizzate seguendo un criterio di utilità generale e non specifico per talune categorie di cittadini. Del resto è risaputo che un turista disabile a Roma ed in molte città italiane non ha le stesse opportunità esistenti in quelle europee, purtroppo!

F. Pensabene

8 maggio 2013 0

Tedeschi, sulla ‘due giorni’ di Premier e ministri in abbazia: “Che il Signore li illumini”

Di redazionecassino1

Quando ho sentito alla radio stamattina dei due giorni di ritiro promossi dal Presidente del Consiglio Enrico Letta, mi sono subito venuti alla mente i ritiri spirituali ed i campi scuola. Terminato l’impegno in Regione Lazio avrei avuto davvero bisogno di qualche giorno in una delle nostre belle abbazie, ma l’emergenza rifiuti me lo ha impedito perché sono dovuta ritornata ad essere più combattiva di prima se non altro per far sentire ai romani che una voce di dissenso esiste anche in Ciociaria. E quindi bravo il nostro Presidente del Consiglio che, attingendo alla sua formazione, porta tutti i ministri nell’Abbazia di Spineto nelle campagne senesi. Ognuno si spoglierà della propria casacca partitica e proveranno a pensare a come perseguire il bene comune per gli Italiani. Per fare questo tutti insieme bisogna essere una squadra coesa e il primo passo è conoscersi. Ed a questo punto l’arduo compito del coordinatore del team è quello di fare in modo che si stabiliscano nonostante le differenze e le diffidenze, relazioni empatiche, non simpatiche, ma di mutua e profonda comprensione. Tutto questo dovrebbe gettare le basi per un lavoro di squadra sinergico, collaborativo e produttivo. Il tutto è davvero da manuale! Un ottimo manuale. Certo, il paesaggio delle colline senesi aiuterà non poco e twitter darà una grossa mano a far sentire tutti noi compresenti con discrezione e riflessiva attenzione. Non so se questo basterà a trovare le risorse, volgarmente dette anche soldi, per finanziare le priorità: cassa in deroga, lavoro per i giovani, alternativa all’IMU, ma una cosa è certa, la villa di Arcore e Palazzo Grazioli sono stati sostituiti da un’Abbazia. Sarà un segnale, ma un segnale essenziale per un Paese che cominciava a pensare come normali certe pratiche e certe frequentazioni. Non so se saranno sufficienti due giorni per fare squadra, per svestirsi, conoscersi, comprendersi e creare vere relazioni produttive. Mi auguro che siano produttive per il Paese anche perché se la squadra fallisce, il pegno lo pagano tutti, anzi lo paghiamo tutti. Allora forse conviene a tutti fare il tifo affinché l’esperimento abbia successo, verrebbe da dire: “che il Signore li illumini”; tradotto anche per i non credenti diventa: che siano realmente e concretamente produttivi non di impegni e di buone intenzioni perché di queste sono lastricate le vie dell’inferno e noi dall’inferno, non solo economico, invece dobbiamo uscire.

8 maggio 2013 0

Equitalia chiude lo sportello di Lanciano

Di admin

Un ulteriore danno per Lanciano e per il suo territorio si va ad aggiungere alla sciagurata e incomprensibile scelta della Holding che si avvia a sopprimere lo sportello di Lanciano.

La riforma introdotta dalla L. 213/2013 (legge di conversione del D.L. 174/2012) ha spinto il GruppoEQUITALIA a sospendere l’attività dal primo luglio 2013.

Il Piano nazionale di ridimensionamento prende il via per vari motivi:

1) Affluenza e tipologia delle operazioni effettuate

2) Fattori di natura geografica

3) Decremento delle convenzioni per la fiscalità locale

4) Chiusura nei comuni ove di norma non è presente una sede dell’Agenzia delle entrate.

Queste cause non ricorrono per la sede di Lanciano per cui ancor di più la decisione sembra assurda e frutto di un mero calcolo ragionieristico. La sede di Lanciano, sita in via Piave, è attiva 5 giorni alla settimana ed ha 18 dipendenti. Serve tutta la popolazione del Vastese e del Sangro Aventino. Lo sportello lancianese è purtroppo in buona compagnia con altre località del centro Italia da sopprimere quali Viareggio, Riccione, Assisi, Civitanova Marche, Pavullo, in tutto una quindicina di sedi.

La riduzione dei costi previsti e la razionalizzazione aziendale è veramente modesta considerando che si vanno a risparmiare esclusivamente le utenze e i canoni locativi. Ma se si prova ad immaginare i costi indiretti, che peseranno sull’utenza, si rimane perplessi. Un cittadino di Schiavi d’Abruzzo, dopo la chiusura della sede di Vasto avvenuta lo scorso anno, trova a Lanciano la possibilità di ottemperare alle sue necessità. Da luglio dovrà recarsi a Chieti accollandosi altri 100 km di viaggio.

Insomma si ripetono le stesse valutazioni effettuate per la preventivata chiusura del tribunale. Ancora una volta l’Abruzzo Inferiore è penalizzato a favore dell’area metropolitana Chieti Pescara, dove in pochissimi Km saranno presenti due tribunali e due sportelli di Equitalia, senza entrare nel pianeta sanità. Continua la desertificazioni di servizi importanti per la nostre popolazione.

L’amministrazione comunale si opporrà alla chiusura e tenterà di far riflettere la direzione dell’Azienda alfine di scongiurare una scelta che punirà i cittadini del territorio Frentano e Vastese.

8 maggio 2013 0

Terremoto di magnitudo 3.0 a Città di Castello in provincia di Perugia

Di admin

Un evento sismico è stato nettamente avvertito dalla popolazione in provincia di Perugia. Le località prossime all’epicentro sono i Comuni di Città di Castello, Montone e Pietralunga. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia la scossa è stata registrata alle ore 13.50 con magnitudo locale 3.0. Sono al momento in corso le verifiche da parte della “Sala Situazione Italia” del Dipartimento della Protezione Civile sugli eventuali danni a persone e/o cose.

8 maggio 2013 0

Arrestato a Fondi affiliato al clan Fragnoli di Mondragone

Di redazione

Concorso in rapina, violenza, estorsione aggravata, violazione della legge sull’utilizzo delle armi, nonchè la recidiva nella commissione dei reati. C.L., 58 anni, già agli arresti domiciliari a Fondi, è stato colpito da una ordinanza di carcerazione eseguita questa mattina dalla polizia del commissariato di Fondi su ordine della Corte di Appello di Roma per fatti risalenti nel periodo tra novembre e dicembre del 2010 a Mondragone (Ce). L’uomo era già stato arrestato su richiesta della D.D.A. di Napoli in quanto risultava partecipe del “clan Fragnoli”, nuovo gruppo, ritenuto attivo sul territorio di Mondragone, in epoca recente decapitato dai numerosi arresti richiesti dalla D.D.A. di Napoli. Una volta condotto in Commissariato, dopo le formalità di rito, il medesimo veniva associato presso la Casa Circondariale di Latina, ove resterà a disposizione dell’A.G. di Latina, nel contempo avvisata in merito.

8 maggio 2013 0

Appalti irregolari per 5 milioni aggiudicate dai casalesi, in manette cinque persone

Di admin

Nelle pnme ore della mattinata odierna, personale della Direzione Investigativa Antimafia, con il supporto dell’ Arma dei Carabinieri, ha eseguito ordinanza di custodia cautelare e sequestro di azienda, emessi dal Gip presso il Tribunale di Salerno su richiesta di questa Procura nei confronti di 5 persone indagate, a vario titolo, per corruzione aggravata, abuso d’ufficio, turbativa d’asta, concussione ed intestazione fittizia di beni. In particolare, le complesse ed articolate indagini condotte dai citati uffici investigativi, coordinati da questa Procura – DDA, hanno evidenziato l’interesse di esponenti del clan dei Casalesi negli appalti indetti dal Comune di Battipaglia (Sa) tra l’anno 2009 e l’anno 2011. Due imprenditori dell’area casertana, MADONNA Nicola e Guida ATTILIO, hanno tenuto strettissimi contatti con il Sindaco e tecnici comunali impegnati nel completamento della Casa Comunale (opere edili ed impianti tecnologici) e nella messa in sicurezza di un incrocio, aggiudicandosi irregolarmente appalti per oltre 5 milioni di euro e favorendo così il clan dei “casalesi”. Primo passaggio del citato progetto delittuoso è stato, secondo la ricostruzione investigativa, l’accaparramento della pubblica commessa grazie ad un’offerta presentata con il ribasso d’asta di oltre il 34% rispetto al prezzo di gara da una società edile che di lì a poco sarebbe fallita ed il successivo subentro nell’appalto, attraverso sub appalti non autorizzati e una cessione di ramo d’azienda, di due società diverse (Soc. MEDIASUD s.c.a.r.l. e GUIDA IMPIANTI srl), ma sempre controllate dai casalesi attraverso la famiglia MADONNA. Indi a fronte dell’ottenimento pilotato di tali lavori, il Sindaco di Battipaglia richiedeva ed otteneva dall’imprenditore di Casal di Principe, l’assunzione di alcuni operai sui cantieri, paventando finanche di non autorizzare i pagamenti delle commesse fino ad allora eseguite. Tutto ciò avveniva anche con l’aiuto ed il contributo di due tecnici dell’ Area Operativa Tecnico Territoriale, l’ Ing. ARGENTO Giovanni e l’Arch. MAll’JOLFI Francesco, che richiedevano ed ottenevano dagli imprenditori tangenti per sbloccare i pagamenti elo condizionare ulteriori procedure di gara. Grazie alla complessa attività di intercettazione telefonica ed ambientale eseguita in uffici ed autovetture, gli investigatori della D.LA. appuravano anche alcuni episodi di concussione sessuale posta in essere dal sindaco Santomauro in danno di due cittadine battipagliesi entrambe separate, con figli e in difficoltà economica, indotte a sottostare alle sue concupiscenze sessuali, in cambio di un interessamento a trovare loro un lavoro o garantire loro contributi comunali.