Giorno: 16 maggio 2013

16 maggio 2013 0

Cagnolina persa ieri a Cassino torna tra le braccia del suo bambino-padrone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il suo padroncino può dormire tranquillo oggi. Infatti Lea, che era stata smarrita ieri pomeriggio in Via Ausonia Nuova a Cassino è stata presa da alcuni passanti che, vedendola vicino la strada per evitare di farla finire investita da qualche auto l’hanno presa e portata con sè. Stamattina la segnalazione su Ilpuntoamezzogiorno, e, la richiesta di aiuto per ritrovare Lea. Un passa parola rapido anche attraverso i social network, di cui sinceramente non ci aspettavamo tanto successo. Poi la lieta notizia. Lea era a Cassino, a casa di chi con tanta bontà di animo e in buona fede l’ha presa in custodia. Il suo piccolo padrone ringrazia e anche noi della redazione ringraziamo i tanti lettori per la disponibilità e la bontà d’animo che hanno dimostrato.

16 maggio 2013 0

Rubano un auto in centro, catturati dalla Polizia due rumeni

Di redazionecassino1

Nelle  prime ore di oggi la squadra volante della Questura ha tratto in arresto i cittadini romeni Petrila Vladionut, cl. 93 e Puscas Alexandru ionelcl.93  , sorpresi in flagranza di reato di furto aggravato su autovettura.

Le  pattuglie, allertate dalla centrale operativa nel corso del piano di prevenzione dei reati predatori in ambito cittadino e rurale, trovavano i due poco distanti da altrettante autovetture appena scassinate, parcheggiate nella via degli Etruschi di Latina. Alla  vista degli agenti, gli stranieri accennavano una breve, quanto inutile, fuga. Immediatamente  bloccati, venivano tratti in arresto e la refurtiva, portafogli e cellulari, recuperata e riconsegnata ai legittimi proprietari. Gli  stessi saranno giudicati per direttissima domani 17 maggio. È  solo di due giorni la distanza col precedente arresto di un cittadino marocchino domiciliato a sezze, per i medesimi fatti, ovvero il furto con scasso su autovettura.

Le numerose segnalazioni dei cittadini di latina giunte negli ultimi giorni, consentivano di attivare un piano articolato di controllo del territorio che sta dando i propri frutti. “La collaborazione dei cittadini nel segnalare al numero di emergenza 113 persone sospette o reati ai quali stanno assistendo o dei quali sono vittime, è fondamentale per attuare una strategia di contrasto e prevenzione dei reati ritenuti maggiormente dannosi e preoccupanti per la popolazione.”

16 maggio 2013 0

CNU 2013: Oro al Cus Milano nel singolo femminile di tennistavolo. Il saluto agli atleti russi

Di redazionecassino1

Entusiasmo, calore, allegria. I Campionati Nazionali Universitari sono iniziati con tanta curiosità e molta voglia di partecipazione. In attesa della cerimonia inaugurale, in programma domani, il Cus Cassino ha iniziato a testare la bontà della propria macchina organizzativa. Una sinergia vincente, quella messa in campo tra l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale con il rettore Ciro Attaianese, il Centro Universitario del professor Carmine Calce e il comitato organizzativo dei giochi presieduto da Alessandra Zanon, che non si è fatta trovare affatto impreparata nel primo giorno di eventi. Al teatro Manzoni presso  il “Solana Village”  i volontari – e tutto lo staff del Cus Cassino – per l’intera giornata hanno provveduto all’accredito degli atleti di tutti i Cus d’Italia che gareggeranno nelle varie discipline. Ma i ragazzi, al contempo, hanno accolto anche tante persone, incuriosite dall’evento, che hanno chiesto informazioni sui giochi. I primi atleti a scendere in campo sono stati quelli del tennis-tavolo che hanno gareggiato presso la palestra del liceo Scientifico “Pellecchia”. Hanno avuto accesso alle finali che si disputeranno domani Bisi Paolo (Cus Moena) e Ferrinio Stefano (Cus Parma). Nel doppio maschile hanno invece avuto accesso alle finali Bisi Paolo e Becucci Lorenzo (Cus Modena) contro Margarone Alberto e Basu Soumya Basu (Cus Torino). Nella prima giornata  sono già state assegnate le prime medaglie. Il Cus Milano si è confermata la squadra da battere con Ileana Irrera che ha conquistato la medaglia d’ora nel singolo femminile di tennis-tavolo, mentre nel doppio misto il vincitori sono Alessandro Balestra e Bassi Irene del Cus Parma. E sempre nella giornata di oggi, poco prima della proclamazione dei vincitori sul palco allestito al Solana Village, sono giunti in città gli atleti dell’Università di Mosca, accolti dal rettore Ciro Attaianese, dal presidente del Cus Carmine Calce e dalla presidente del  comitato organizzatore Alessandra Zanon.  «È per noi un grande onore aver dato il benvenuto alla delegazione russa. Il primo giorno dei Cnu ha confermato la bontà della macchina organizzativa che abbiamo messo in piedi. Siamo sicuri che durante tutta la kermesse lo staff e i volontari del Cus Cassino daranno il meglio per la buona riuscita di un evento che sin dal primo giorno ha dimostrato tutte le sue potenzialità. Ci auguriamo che si possa davvero fare “sistema” e che quindi questa non sia vissuta come una semplice kermesse sportiva, bensì come un’occasione unica per la città e per l’intero territorio». In attesa della cerimonia di sabato, domani  il programma sportivo continua con le gare di judo (agli impianti dell’Ateneo ad Atina); pugilato (al palasport di Cervaro) e le fasi finali di tennis-tavolo sempre alla palestra del liceo Scientifico “Pellecchia”. Intanto si ricorda che l’ingresso allo stadio “Salveti” è su invito da parte dell’organizzazione.

 

 

16 maggio 2013 0

Il sarcofago delle quadrighe di Aquino ospite a Roma per una mostra a Castel Sant’Angelo

Di admin

Sarà ospitato a Castel sant’Angelo a Roma, il sarcofago romano delle quadrighe, l’importante reperto del III secolo d.C. rientrato l’anno scorso ad Aquino dopo un “esilio” durato 21 anni. Infatti come è ormai a tutti noto, il sarcofago era stato rubato nel 1991 nella chiesa della Madonna della Libera, e ritrovato in Inghilterra proprio l’anno scorso. Adesso il nuovo distacco dalla sua città, durerà sei mesi, e in questi sei mesi sarà visibile dalle migliaia e migliaia di visitatori della grande mostra in allestimento a castel sant’Angelo e che si aprirà al pubblico dei visitatori, il prossimo 21, mentre l’inaugurazione alla presenza del ministro dei beni culturali, avverrà lunedì 20 La mostra proporrà ai visitatori, i reperti archeologici più importanti recuperati negli ultimi anni dalle forze armate italiane, finanza, carabinieri e polizia e saranno concessi in prestito dai relativi proprietari pubblici o enti dello stato che nel frattempo sono tornati a custodirli. Il sarcofago di Aquino, è attualmente custodito nel museo comunale della Città, dove è esposto alla vista dei visitatori, dal 19 luglio dell’anno scorso giorno del “rientro”, dopo il recupero ad opera della guardia di finanza. Il sarcofago, l’altro giorno è stato prelevato dalla sua sede, dopo una delicata opera di “impacchettamento” da parte di una ditta specializzata, e”consegnato” alla stessa ditta dal sindaco Antonino Grincia, dopo le previste autorizzazioni, e trasportato nella splendida sede museale di Castel Sant’Angelo a Roma. “E’ un grande onore e una grande opportunità che una nostra opera sia presente in questa grande mostra romana”, ha rilevato il sindaco di Aquino. “La grande visibilità che il nostro bellissimo reperto archeologico avrà a Roma, sarà anche motivo per richiamare l’attenzione di operatori culturali e visitatori sulla nostra città, sui suoi monumenti e sul suo museo, e quindi per una operazione promozionale di grande rilievo”, ha concluso il sindaco Grincia. C’è da dire che ancor prima dell’apertura, la mostra di Castel Sant’Angelo ha già richiamato l’attenzione dei mezzi di comunicazione nazionali e internazionali, e generato una grande attesa tra gli appassionati e i cultori di archeologia.

16 maggio 2013 0

Si presenta come esattore di un crediti ed estorce 150 euro, ma per un 37enne scattano le manette

Di redazionecassino1

I carabinieri della Stazione di Atina, coadiuvati da quelli della Stazione di Picinisco e del  NORM della Compagnia di Cassino, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di “estorsione” S.E.,  37enne domiciliato a Venafro (IS) e già censito.  L’uomo,  presentatosi ad un 47enne del luogo  quale agente addetto ai recuperi crediti di una società con sede in Roma, lo minacciava di morte e si faceva consegnare  la somma contante di € 150.  Il denaro contante, interamente recuperato, veniva restituito al legittimo proprietario. L’arrestato, dopo le formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

16 maggio 2013 0

Esposto di “Fare Verde” su una serie di discariche abusive

Di redazionecassino1

L’associazione ecologica Fare Verde fa un esposto per una discarica abusiva in via Santa Brigida, Salvatore Avella responsabile del sodalizio, come già in altre occasioni denuncia il degrado di zone in cui proliferano discariche abusive di rifiuti di vario tipo. Molto spesso ad essere prese di mira dai vandali inquinatori sono in massima parte proprio le periferie della città. “Lungo la strada consortile Via Santa Brigida, comune di Cassino,  vi è una discarica abusiva di diversi tipi di rifiuti, già segnalata alle autorità competenti; che in un  fosso di scolo di acque piovane, Via Santa Brigida, vi sono diverse lastre di amianto, già segnalata da diversi anni, e non ancora i luoghi sono stati bonificati; che lungo il Rio Fairo, nei pressi delle Pastenelle, comune di Cervaro, vi è una discarica abusiva e sul letto del Rio Fairo vi è una nassa da pesca; che all’inizio di Via Marandola, Medaglia d’Oro, comune di Cervaro,  vicino al ponte della ferrovia, vi è una discarica abusiva con  rifiuti di pezzi di auto, rifiuti ingombranti ed altri rifiuti” è quanto contenuto nell’esposto presentato alle Autorità competenti, primo fra tutti il sindaco di Cervaro. Co n s i d e r a t o – scrive Avella – che  la strada Santa Brigida, è meta di cittadini che fanno corsa oppure passeggiano a piedi, che le lastre di amianto, sono pericolo per i cittadini che ivi passeggiano o fanno corsa. L’associazione Fare Verde c h i e d e pertanto, agli organi competenti, ognuno per la propria competenza, di voler accertare e verificare quanto sopra esposto, un accertamento in merito, trattandosi peraltro di reato di pericolo e non di danno ed essendo dunque sufficiente la mancata adozione delle misure di tutela della salute pubblica, al di là degli effetti concreti, per integrare gli estremi del reato stesso.  Con conseguente promovimento dell’azione penale verso eventuali responsabili e, ove si ravvisassero responsabilità dirette omissive, anche nei confronti di pubbliche amministrazioni in relazione ai loro adempimenti obbligatori e di procedere negli eventuali colpevoli ai sensi della legge dello smaltimento dei rifiuti pericolosi e di inquinamento. Si chiede infine un intervento per evitare che l’eventuale reato venga portato ad ulteriore conseguenze con persistere della situazione antigiuridica a livello di fatto, e il sequestro dell’aria e la bonifica dei luoghi.

16 maggio 2013 0

Autobus Cotral sbanda e finisce fuori strada a Falvaterra, muore il conducente

Di admin

Incidente mortale oggi pomeriggio sulla provinciale che collega Ceprano a Falvaterra. A perdere la vita è stato l’autista di un bus del Cotral originario di Castro dei Volsci. Per cause ancora in corso di accertamento, sembra che l’uomo abbia perso il controllo del mezzo finendo fuori strada. Vano ogni tentativo di salvarlo, l’uomo è morto durante il trasferimento in eliambulanza all’ospedale Umberto I a Roma.

16 maggio 2013 0

“I misteri di Acuto” domenica 19 maggio chiesa SS. Sebastiano e Rocco

Di admin

Lo scopo principale del convegno “I misteri di Acuto”, programmato per domenica 19 maggio 2013, è quello di avvicinare un pubblico più vasto, soprattutto di giovani, alla storia del proprio territorio, avendo come punto focale in questo caso, le emergenze storico-archeologico e artistiche di Acuto. Grazie alla presenza di illustri ospiti; ricercatori, scrittori, docenti universitari, si vuole utilizzare una prospettiva poco nota se non addirittura sconosciuta ai più. Quella dell’analisi, con un linguaggio semplice e accattivante, delle numerose simbologie e iconografie presenti ad Acuto e in particolare nella chiesa dei Ss. Sebastiano e Rocco. Analizzando affreschi, manufatti, simboli della chiesa dei Ss. Sebastiano e Rocco si affronteranno argomenti di grande presa, veicolati anche dai mass media e da note trasmissioni televisive nazionali. Come i Cavalieri Templari, i viaggi di Cristoforo Colombo e di coloro che l’anno preceduto nella scoperta dell’America, i labirinti, ed altri simboli enigmatici ed affascinanti. Inoltre la presenza dei relatori ad Acuto (alcuni dei quali verranno per la prima volta in assoluto in provincia di Frosinone, sarà pure una opportunità per far conoscere ad un pubblico più vasto il paese e le sue bellezze paesaggistiche, artistiche, storiche. Anche perchè, a seguito del convegno, sono già previsti articoli su le riviste leader in Italia sulle tematiche misteriose protagoniste dell’evento del 19 maggio 2013.

16 maggio 2013 0

Debiti Pa, boccata d’ossigeno dalla Cassa Depositi e Prestiti. Al Comune di Frosinone 16 milioni di euro in due anni

Di admin

La Cassa Depositi e Prestiti ha comunicato ufficialmente in data odierna, giovedì 16 maggio 2013, che il Comune di Frosinone, nell’ambito della procedura relativa allo sblocco dei fondi per i pagamenti dei debiti della Pubblica Amministrazione verso imprese e fornitori, è destinatario della cifra di 16.250.254,22 euro. La somma, divisa equamente in 8.125.127,11 sia per il 2013, sia per il 2014, servirà a far fronte al pagamento di debiti di parte corrente e di parte capitale certi, liquidi ed esigibili maturati entro il 31 dicembre 2012.

L’erogazione delle somme è vincolata alla sottoscrizione con il Ministero dell’Economia di un contratto che regolerà le modalità di erogazione e restituzione delle stesse, nonché alla presentazione di un piano di pagamento dei debiti per i quali è stata richiesta l’anticipazione di liquidità.

Nell’ambito delle modalità di pagamento sarà data priorità ai crediti non oggetto di cessione pro soluto (cessioni in cui il cedente non deve rispondere dell’eventuale inadempienza del debitore) e secondo il criterio dell’anzianità del credito: prima i crediti non ceduti pro soluto in ordine di “anzianità”, poi i crediti ceduti pro soluto sempre in ordine di “anzianità”. Il decreto stabilisce, poi, che le amministrazioni dovranno pubblicare i piani di pagamento sui propri siti internet e che per queste procedure non ci sarà bisogno della richiesta di certificazione da parte delle imprese creditrici, ma sarà responsabilità diretta dell’amministrazione individuare i soggetti creditori e gli importi da pagare.

E’ stata introdotta, inoltre, la clausola di impignorabilità delle somme anticipate dal fondo, per garantire che le stesse, necessarie per estinguere i debiti commerciali della Pubblica Amministrazione maturati al 31 dicembre 2012, non siano distratte e per assicurare il completamento del processo di liquidazione di tutti i debiti commerciali ante 2012 non ancora estinti. Tutte le amministrazioni sono chiamate entro il 15 settembre 2013 alla ricognizione completa dei debiti commerciali scaduti o in scadenza accumulati ancora pendenti e a produrre, senza adempimenti od oneri per le imprese, l’elenco certificato di tutti i debiti ancora da onorare. Entro il 31 maggio 2013 il Comune dovrà comunicare alle imprese creditrici il piano dei pagamenti.

“Finalmente un po’ di ossigeno da parte del governo centrale” è stato il primo commento del Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani. “Il pagamento dei debiti alle imprese – ha proseguito il primo cittadino del capoluogo – non è soltanto una questione giuridica, ma, anche, etica e morale nei confronti delle aziende che, in questi anni, hanno dato fiducia al Comune di Frosinone, entrando a loro volta in sofferenza con il sistema creditizio. Sedici milioni di euro in due anni, da ripartire ai fornitori e agli appaltatori del Comune di Frosinone, significa riattivare l’economia locale che ruota attorno all’ente pubblico. Se a ciò dovessero unirsi anche le risorse sbloccate dal Governo in favore della Regione Lazio allora sarebbe opportuno nutrire legittime aspettative sulla Pisana, al fine di riversare anche in provincia di Frosinone le nuove opportunità finanziarie che, altrimenti, prenderebbero solo la direzione dell’area metropolitana romana”.

16 maggio 2013 0

Regione Lazio: Abolite le pensioni dei consiglieri, ma solo da questa legislatura. Fiorito, salvo il suo vitalizio

Di redazionecassino1

La IV Commissione Bilancio della Regione ha dato parere favorevole all’abolizione del vitalizio a partire dalla presente legislatura. Respinto, invece, l’emendamento del M5s che prevedeva l’abolizione anche per le legislature passate. Stop alla “pensione” per i consiglieri regionali del Lazio. Ma non per tutti, infatti,  la IV Commissione Bilancio del consiglio Regionale, presieduta da Mauro Buschini (Pd), ha dato parere favorevole all’abolizione del vitalizio, a partire dalla presente legislatura.  Rimangono bloccati, invece, i vitalizi delle legislature precedenti. E’ stato bocciato, infatti, l’emendamento del consigliere del Movimento 5 stelle Valentina Corrado, che chiedeva di abolire, fatti salvi i trattamenti in erogazione, anche agli assegni relativi alle legislature precedenti la cui erogazione non è ancora iniziata, restituendo ai potenziali aventi diritto i contributi versati.  Il  M5s deve registrare una doppia sconfitta.  Bloccare  il pagamento delle “pensioni” delle legislature passate, tra cui figura anche la scorsa, avrebbe impedito a Franco Fiorito di mantenere la  rendita, è stato bocciato anche l’emendamento del consigliere Corrado per abolire il vitalizio agli assessori esterni della IX legislatura.

Via libera invece all’articolo 8 che stabilisce l’esclusione dall’erogazione del vitalizio per quei titolari dell’assegno macchiatisi di reati contro la pubblica amministrazione che comportano l’interdizione dai pubblici uffici.