Giorno: 19 maggio 2013

19 maggio 2013 0

Alla deriva nei pressi dell’isola di Ventotene, la Guardia Costiera mette in salvo 9 persone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il giorno 19 maggio, i militari in servizio presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Ponza e dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Ischia, con l’ausilio delle Direzioni Marittime del Lazio e della Campania, sono stati impegnati in un’operazione di soccorso, a favore di una unità da diporto a vela di circa 10 metri denominata “Castore” con a bordo nove persone, che si trovava alla deriva a circa tre miglia sud est dall’isola di Ventotene.

La segnalazione del soccorso perveniva alla ore 09.00 circa alla sala operativa di Circomare Ponza, via telefono tramite il Numero Blu 1530 della Guardia Costiera per le emergenze in mare, da parte dal comandante dell’unità a vela, il quale riferiva di avere in atto una grave emergenza a bordo causata dalla rottura dell’ albero maestro, spezzato a metà dalle avverse condizioni meteorologiche marine in atto, e dall’impossibilità di governare il motore in quanto la caduta in mare di una cima finita nell’elica ne aveva causato il blocco.

Ricevuta la segnalazione interveniva immediatamente la motovedetta CP857 di Ponza specializzata per il soccorso in mare che, nonostante le condizione meteorologiche proibitive con mare da sud ovest 4/5 e forti raffiche di vento, dirigeva in soccorso dell’unità alla deriva che per i forti venti e le correnti si allontanava sempre più dalla costa.

A rendere più delicata la situazione è stata la difficoltà di stabilire delle adeguate comunicazioni radio/telefoniche con il “Castore”, in quanto il telefonino di bordo aveva perso la copertura della rete GSM e l’apparato radio VHF consentiva soltanto delle brevi comunicazioni di qualità molto scarsa.

La motovedetta CP857, in considerazione del fatto che l’equipaggio del Castore non era in grado di fornire esatte indicazioni relativamente alla loro posizioni, vista la totale avaria dei sistemi di bordo tentava di individuare il mezzo sinistrato con continue ricerche effettuate tramite i sistemi radar e radiogoniometrici di bordo.

Nonostante ciò il personale della Guardia Costiera di Ponza riusciva ad individuare la posizione del “Castore” che per la deriva era finito a circa 10 miglia dall’isola di Ischia indirizzando sul punto la dipendente motovedetta in mare. Pertanto si allertava anche il personale della Guardia Costiera di Ischia che interveniva a supporto delle operazioni di soccorso.

La motovedetta CP857 individuato il Castore gli prestava soccorso ed assistenza rimorchiando l’unità sino al più vicino porto di Ischia, porto in cui l’unità giungeva alle ore 13.30 circa traendo in salvo tutti e nove i malcapitati.

Grazie alla professionalità e tempestività del personale intervenuto, le nove persone dell’equipaggio del Castore sono giunte sane e salve a terra ed in buone condizioni di salute.

19 maggio 2013 0

Mensa dell’ospedale S. Scolastica e 80° RAV, trenta posti di lavoro a rischio. La denuncia di A.S. La Cobas

Di redazionecassino1

Nel  2012 l’attività delle aziende ALL-FOODS e Coperativa CENTRO, titolari dell’appalto per la somministrazione dei pasti all’Ospedale di Cassino e alla Caserma militare 80 ° RAV, si è ridotto del 30% e nei primi quattro mesi del 2013 la tendenza non è cambiata.

Sono circa 30 i Lavoratori e le Lavoratrici, su 70 in forza,  impiegati presso l’Ospedale, la Caserma militare e il centro cottura in Sant’Angelo in Theodice che rischiano di perdere il posto di lavoro. Le società Titolari dell’appalto hanno richiesto un incontro urgente congiunto alla Regione Lazio, dove sarà presente anche A.S.La COBAS Cassino, per chiedere la Cassa integrazione in deroga per 30 Lavoratori e Lavoratrici.

Il fatto è che ormai la crisi colpisce anche i servizi necessari alla collettività  e a questo va aggiunto il notevole ritardo dei pagamenti da parte dell’ASL  che aggrava ulteriormente la situazione già precaria.

La  cassa integrazione è già partita dal 1 maggio presso la caserma militare dove viene gestita con una rotazione tra i dipendenti  a seconda della presenza dei militari che è diminuita notevolmente rispetto agli anni precedenti a causa dei tagli governativi per i corsi delle forze armate. Tra questi 30 lavoratori,  una decina sono cuochi che preparano i pasti della mensa, i restanti sono addetti alla somministrazione e  al trasporto e 2 impiegate presso l’ospedale.

Tutto questo comporterà meno servizi per i pazienti degli ospedali e buste paga più leggere per i dipendenti Questi gli effetti della spending review, che ha ridotto le disponibilità di spesa delle pubbliche amministrazioni, costringendo le aziende sanitarie ma anche gli enti locali a comprimere i budget disponibili per il «clearing» e la refezione in ospedali, asili, case di riposo per anziani e scuole. A riguardare il maggior numero di utenti e dipendenti sono le rinegoziazioni degli appalti operate in sanità. Da inizio anno sono state siglate casse integrazioni e si stanno trattando riduzioni di orario per centinaia di addetti di quasi tutti gli ospedali. Il taglio comporta una contrazione della retribuzione percepita, in alcuni casi si riesce a mitigare l´effetto negativo agendo sulle cosiddette ore supplementari, cioè sullo straordinario del part-time o attivando gli ammortizzatori sociali in deroga, concessi solo per difficoltà contingenti, che presuppongono una ripresa. In molti casi però la spending review ha un effetto strutturale, quindi non è possibile attivare la Cig. Stiamo parlando di contratti che prevedono prevalentemente un monte orario tra le 15 e le 22 ore settimanali, con buste mensili nette che partono da 300 euro, per turni dalle 6 alle 9 di mattina.

19 maggio 2013 0

Volley: BLS Lanciano la salvezza ad un passo

Di redazionecassino1

La Bls Lanciano asfalta il Francavilla con un netto 3-1, conquista tre punti fondamentali per la corsa salvezza. Con questa vittoria la giovanissima squadra di coach Litterio, è ad un solo punto di distanza dalla matematica salvezza. Bisognerà aspettare sette giorni per chiudere questa faticosa ma, alla fine, esaltante stagione con una strameritata salvezza. La gara odierna è stata dominata dalla squadra frentana, a parte qualche errore di troppo nel primo set che concesso le ospiti vincono col punteggio di 25-20. Nel secondo set, la Bls ha contenuto gli errori, e la partita è girata; lo si è visto nel finale di secondo parziale, un nettissimo 25-9 per la squadra frentana. Nel terzo set, è sempre la squadra di casa al comando delle operazioni, arriva fino al 17-9, poi una serie di piccoli parziali fanno ritornare sotto il Francavilla, ma nel finale la Bls chiude 25-19. Il quarto set è solo di marchio biancoblù, le giocatrici frentane mostrano un gioco sicuro e convincente chiudendo la pratica con un netto 25-17. Il finale è un 3-1, che fa compiere un passo decisivo alla Bls Lanciano verso la permanenza nella serie C femminile. Le ragazze sembravano consce della posta in palio ed hanno superato la tensione qualche volta con piccoli errori ma molto più spesso con ottime giocate, ottima la battuta complessiva della squadra (16 aces in totale) molto buoni attacco e ricezione con Della Valle autrice di ben 27 punti.

 

BLS LANCIANO – POL.FRANCAVILLA 3-1 20/25 25/9 25/19 25/17

 

BLS LANCIANO Milano10 Di Menno ne Di MattiaB 13 Di Paolo16 Della Valle 27 Di MattiaM 8 Salerno 0 Gaeta 2 Sorrentini 1All Litterio 2All Corzo

 

POL. FRANCAVILLA D’Ettorre De Medio Di Santo Frescura Guerrieri Iampieri Marinucci Mincone Ranalli Rimoldi Zulli Di Nardo Di Clemente 1All Gasbarri 2All Di Santo

 

Arbitri Palumbieri di San Salvo e D’Adamo di Vasto

 

19 maggio 2013 0

Pico – De Angelis, Spilabotte e Buschini a sostegno della lista “La Torre” del candidato sindaco Ornella Carnevale

Di admin

“Pieno sostegno al candidato sindaco Ornella Carnevale”. Così l’europarlamentare Francesco De Angelis esprime il proprio appoggio alla lista “La Torre” di Ornella Carnevale, candidata a sindaco nel comune di Pico. Prosegue De Angelis: “Il sostegno ad Ornella Carnevale ed alla sua squadra è totale e non è limitato solo a questo periodo di campagna elettorale ma soprattutto dopo: collaboreremo per attivare iniziative per lo sviluppo del territorio e per cercare di rilanciare l’occupazione, attingendo anche ai fondi europei. Abbiamo la possibilità di instaurare una filiera: Europa, Governo, Regione e comune che sicuramente porterà benefici al territorio”. Anche il consigliere regionale Mauro Buschini esprime la propria vicinanza alla squadra di Carnevale: “Il nostro è un sostegno pieno, per cercare di riportare Pico ad essere uno dei centri più vivi della nostra provincia. E’ evidente che occorre un cambio di passo: in questi cinque anni il comune è scomparso dalle graduatorie dei finanziamenti e questo perché c’è stata un’assenza di progettualità da parte dell’attuale amministrazione. Ornella è la persona giusta per dare prospettive al comune di Pico”. La senatrice Maria Spilabotte sottolinea l’importanza di avere un sindaco donna: “Pico ha l’opportunità di testimoniare di essere al passo con i tempi. Un passo importante verso l’uguaglianza di genere ed una scelta di coraggio da parte di una donna in gamba che decide di sfidare, dal gradino più alto, un sistema che ha sempre visto gli uomini protagonisti indiscussi. C’è bisogno di far sentire anche la voce delle donne nella gestione della cosa pubblica per migliorare le cose che non vanno”.

19 maggio 2013 0

161° Anniversario fondazione della Polizia di Stato

Di admin

In considerazione delle esigenze di contenimento della spesa pubblica, come del resto annunciato dal Capo dello Stato, anche la Polizia di Stato quest’anno ha voluto celebrare con molta sobrietà l’anniversario della propria nascita. La manifestazione si è aperta con la deposizione da parte del Questore dott. Giuseppe De Matteis, in presenza del Prefetto di Frosinone dott. Eugenio Soldà, di una corona di alloro sulla memoria lapidea che ricorda il sacrificio degli operatori della Polizia Stradale Leonardo Izzo e Alessandro Pontarelli. La cerimonia è poi proseguita presso la sala riunione della Palazzina Benessere della Questura di Frosinone. Qui il Capo di Gabinetto della Questura, dott.ssa Stefania Marrazzo, nello spiegare il senso di un incontro tutto “in famiglia” ha voluto ricordare la figura del Capo della Polizia Prefetto Antonio Manganelli, prematuramente scomparso, che, con il suo esempio, ha insegnato ad ogni poliziotto che anche nei momenti più difficili quando le forze sembrano venirci meno e tutto sembra perduto, non si può mollare, non si deve mollare, ma si è tutti chiamati ad uno sforzo maggiore ad un dovere che ci supera: quello di rimanere al proprio posto fino alla fine per garantire la sicurezza e la libertà di ogni cittadino. Il Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato dott.ssa Monica Tucci ha poi dato lettura dei messaggi del Capo di Stato, del presidente del Consiglio, del Ministro dell’Interno e del Vice Capo della Polizia di Stato con funzioni Vicarie Alessandro Marangoni. Ha preso poi la parola il Questore della Provincia che, prima di procedere alla premiazione degli Agenti distintisi per l’alto senso del dovere e le spiccate capacità operative dimostrate in occasione di importanti operazioni di Polizia, ha voluto fare il bilancio più che soddisfacente dell’attività svolta dalla Polizia di Stato in questa Provincia nell’anno 2012. Egli ha inteso sottolineare come, nonostante la straordinaria contingenza di fatti ed il gravissimo momento di crisi economica ed occupazionale che tutto il Paese sta vivendo e le continue minacce per l’ordine pubblico, la Polizia di Stato dimostri ogni giorno, grazie al lavoro instancabile ed alla professionalità delle proprie donne e dei propri uomini, la capacità di gestire, con successo e grande equilibrio, ogni criticità, anche quelle più insidiose ed aggressive. La Polizia di Stato è quindi riuscita a garantire con onestà, dignità e trasparenza, anche nel 2012, ottimi risultati e l’andamento della delittuosità in questa Provincia ed il lavoro svolto dagli operatori di Polizia durante anche il primo quadrimestre di quest’anno sono lì a confermare che si è sulla strada giusta e che, nonostante la crisi, tutti insieme ce la possiamo fare.

19 maggio 2013 0

Tarquinia, il sindaco Mazzola soddisfatto per la sospensione dell’IMU

Di admin

Il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola esprime soddisfazione per la sospensione del pagamento dell’IMU sulla prima casa e sui terreni e i fabbricati rurali: «Il provvedimento adottato dal Governo è una boccata d’ossigeno per le famiglie e per il settore primario. Più volte nei mesi passati ho sollevato la questione, anche nel recente incontro con il presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, on. Luca Sani. L’IMU in agricoltura, un comparto già in grave crisi, ha infatti creato pesanti problemi, con forti ostacoli alla crescita e alla produttività. A ogni modo continua la nostra lotta per far inserire il territorio di Tarquinia tra le zone svantaggiate. Altro passo indispensabile per far recuperare competitività sul mercato alle imprese agricole locali».