Giorno: 22 maggio 2013

22 maggio 2013 0

I carabinieri di Frosinone disarticolano la banda di falsi veggenti di Piacenza. Vittime in tutta Italia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una vera holding di falsi veggenti che mietevano vittime a centinaia in tutta Italia é stata individuata e scardinata dai carabinieri della compagnia di Frosinone comandata da capitano Pietro Di Miccoli (nella foto). La base logistica di quella che i militari hanno definito una vera holding della truffa era Piacenza e da lí, con inserzioni sui giornali specializzati in astrologia e sui settimanali popolari, attraevano le loro vittime. Maga Gemma , mago Giorgio, maga Ubaldina, Professor Bernardo , Mestro Giorgio, tutti nomi dietro i quali si nascondevano impostori capaci di carpire soldi alle loro vittime anche per centinaia di migliaia di euro. L’indagine, infatti , é nata proprio a Frosinone lo scorso anno quando una donna denunció la condizione di sudditanza psicologica della figlia nei confronti di uno degli aderenti al gruppo truffaldino. La ragazza era stata convinta, tutto tramite telefono, di essere vittima di malefici per togliere i quali era necessario intervenire con riti propiziatori molto costosi. La ragazza era arrivata a venderai anche la sua porzione di eredità. Nell’ordinanza di arresto dei quattro, stata previsto anche il sequestro di un conto corrente con 200 mila euro depositati. Le vittime accertate sarebbero circa 130 in tutta Italia, ma il giro di affari sembra essere molto più cospicuo.

22 maggio 2013 0

La campionessa paraolimpica Giusy Versace parla della sua nuova vita alla consegna delle pergamene di laurea agli studenti di Scienze Motorie

Di redazionecassino1

Un turbinio di emozioni quelle vissute durante la cerimonia di consegna delle pergamene di laurea ai 167  studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale di Scienze Motorie. Nel Teatro Manzoni  il clima che si respirava era carico di commozione. Forse la scelta di  svolgere la cerimonia durante i Campionati Universitari Nazionali avrà avuto il suo peso. Ma sicuramente a rendere emozionante il tutto sono stati, in particolare, i due momenti  che hanno scandito il pomeriggio all’interno del Teatro, cuore, in questi giorni,  del Solana Village, la casa dei CNU. Il primo momento è stato quando la direttrice del Dipartimento di Scienze Umane, la prof.ssa Loriana Castellani, ha invitato i neo laureati ad alzarsi in piedi per tributare un applauso ai propri familiari che li hanno sostenuti per tutto il percorso di studi. A questo momento ne ha fatto seguito un altro: la testimonianza della bellissima Giusy Versace, oggi campionessa paraolimpica. Un brivido lungo tutta la schiena hanno provocato le parole  di  Giusy, vittima di un brutto incidente d’auto. La sera del  22 agosto del 2005,  in pochi secondi,  la vita della ragazza è cambiata. Tutto ciò che esisteva in un attimo è stato cancellato. A cambiarle l’esistenza un guardrail che le ha strappato le gambe dal ginocchio in giù.  “Di fronte a me  una scelta – ha detto Giusy Versace – guardare oltre o rimanere attaccata ad un passato che non eisteva più. Ma io ho attraversato il dolore. Sono ancora in piedi con gambe finte. Con loro ho imparato di nuovo a  camminare, a correre e a vincere.  Lo sport è terapia – ha continuato -. Ho voluto correre per dare uno schiaffo morale a chi sosteneva che sarei caduta. Se ci credete, ragazzi, andate e prendetevi il mondo”. A questo punto le lacrime hanno solcato i  visi. Ogni parola sarebbe stata inutile dinanzi ad una lezione di vita data dalla giovane Giusy. Nel ribadire che la cerimonia rappresenta sempre un momento di grande intensità, il rettore Ciro Attainaese, rivolgendosi ai giovani laureati in sala, ha sottolineato: “A tutti voi ragazzi auguro che questo titolo sia da viatico per tutto quello che il vostro cuore riuscirà a procurarvi”. Dopo gli interventi del presidente della Federazione Scherma Italiana, Giorgio Scarso, e del presidente del Comitato Tecnico del Cusi, si è poi passati alla consegna delle pergamane di laurea. Sul palco del Manzoni, oltre al rettore, tra gli altri docenti, erano presenti il prof. Giovanni Capelli, la prof.ssa Loriana Castellani, la prof.ssa Giovanna Calise.  La cerimonia si è conclusa con l’omaggio che Giusy Versace ha voluto fare  ai  laureati e ai presenti. A tutti ha donato una copia del suo libro: “Con la testa e con il cuore si va ovunque”. 

22 maggio 2013 0

CNU 2013: Il Cus Torino guida il medagliere. Attesa per le gare di atletica

Di redazionecassino1

 Ed ora i Campionati Nazionali Universitari entrano nel vivo. Da venerdì 24 maggio, prenderanno il via le gare di atletica sulla nuovissima pista intitolata a Mennea. Domenica, all’interno dello stadio Salveti, saranno quindi assegnate le medaglie. Una gara nella gara, dunque, per vedere chi sarà il primo “oro” del nuovo impianto. Proprio nel torneo di calcio a 5, intanto, a seguito del ricorso del Cus Siena, la compagine del professor Calce sembra sia stata costretta a ritirare la squadra, in seguito ad una presunta violazione del regolamenti di gara. A spegnere il focolaio delle polemiche interviene il professor Carmine Calce. «Non so esattamente come siano andate le cose. So del documento consegnato da una ragazza e non è chiaro se l’anno di nascita sia il 1984 o il 1985. Voglio però dire che il calcio a 5 è un’attività promozionale, quindi gestita da noi, non dal Cusi». Intanto oltre al calcio a 5, da oggi, mercoledì 22 maggio, hanno preso il via  – e continuano anche domani –  le gare anche di: scherma, volley maschile e femminile, calcio a 11, basket, tennis e rugby. Nel volley femminile il Cus Perugia bissa il successo dell’esordio e mantiene l’imbattibilità nel Campionato Nazionale Universitario. Nelle gare di scherma brillano invece il Cus Pisa – nella spada maschile – con Marco Gori Cus Pisa. Mentre il secondo posto è andato a Edoardo Munzone Cus Catania e il terzo a Andrea Baroglio Cus Milano. Il Cus Bologna brilla  nella sciabola femminile portando a casa primo e secondo posto con Francesca Ponti Cus Bologna e  Virginia Laurenti Cus Bologna. Terzo posto a Romina Biaggi Cus Roma Foro Italico.  Al “Salveti” ottima prova del Cus Cassino che, seppur battuto 2 a 1 dal Cus Parma, incassa comunque una prestazione da applausi. Nella pallacanestro Genova e Bologna sono le squadre da battere, ma intanto a guidare il medagliere è, incontrastato, il Cus Torino. La compagine piemontese guida la classifica con 20 medaglie, di cui 8 ori. A seguire, con 7 titoli, troviamo pari merito Milano e Cosenza. A quota sei Chieti, Napoli e Tor Vergata. Per i padroni di casa, finora l’unica medaglia è arrivata dal judo, con Prisko Casertano che ha conquistato l’oro. Ma siamo solo a metà del cammino: presto, la compagine del professor Calce, potrebbe incassare altre medaglie. Anche se, tuttavia, sembra oramai impossibile contrastare i grandi atenei in cima al medagliere di questa edizione cassinate.

 

22 maggio 2013 0

“Settimana della bonifica” una festa per gli alunni delle scuole tra ambiente e cultura ‘verde’

Di redazionecassino1

E’ stata una grande festa all’insegna della cultura “verde”, nello stupendo scenario naturale del laghetto di Capodacqua, quella di cui sono stati protagonisti martedì i giovani studenti dell’Istituto Comprensivo di Castrocielo, guidati dalle loro insegnanti e dalla dirigente dottoressa Lucia Di Ruzza.

Uno spettacolo durante il quale i ragazzi hanno partecipato al programma organizzato dal Consorzio di Bonifica Valle del Liri di Cassino quale primo evento della Settimana della Bonifica e dell’Irrigazione 2013, centrato sul tema “Risorse Naturali: energia per il territorio”.

E intorno a questo tema si sono sviluppate le varie iniziative che hanno segnato la mattinata dei giovani studenti, alla presenza dei vertici del “Valle del Liri” (il presidente Pasquale Ciacciarelli, il vice presidente Walter Corsetti, i consiglieri Gino Iadecola, Sergio Marsella, ed il direttore Remo Marandola), e del Comune di Castrocielo (il sindaco Filippo Materiale e l’assessore Renzi).

Prima tappa alla centrale di sollevamento consortile, dove i ragazzi hanno ascoltato i saluti delle autorità e le illustrazioni sul funzionamento dell’impianto da parte del caposettore Amerigo Acerra.

Indossata la maglietta del Consorzio, i giovani, scortati dalla polizia municipale hanno raggiunto a piedi il vicino laghetto di Capodacqua dove tra cigni, acque sorgenti e natura in fiore, hanno seguito gli ingegneri consortili nell’illustrazione delle due mostre allestite per l’occasione (La vita del Consorzio e la sua mission  e I progetti attivati dal Valle del Liri per utilizzare risorse naturali come l’energia idroelettrica e quella fotovoltaica).

I temi delle due mostre sono stati poi illustrati anche attraverso la proiezione di due separati filmati realizzati per l’occasione e che hanno permesso agli studenti come funziona un impianto idroelettrico ed un impianto fotovoltaico.

Prima di completare la giornata di festa, ai ragazzi è stata consegnata anche una colazione al sacco ed il “Vademecum sull’uso razionale dell’acqua potabile”, grazie al quale si possono apprendere piccoli accorgimenti di uso quotidiano con i quali ridurre il consumo dell’acqua domestica risparmiando anche sulla bolletta idrica ed elettrica.

“Questo vademecum – ha commentato la dirigente scolastica Di Ruzza – ci consentirà di approfondire l’argomento anche in classe, per indicare ai giovani e alle loro famiglie come risparmiare sull’uso dell’acqua potabile nelle nostre case, rispettando e tutelando l’ambiente in cui viviamo”.

Entusiasti anche amministratori consortili e comunali.

In particolare il sindaco Materiale ha apprezzato la funzione del consorzio nella tutela idrogeologica del territorio e nella fornitura di acqua per uso irriguo ai coltivatori ed imprese agricole del comprensorio grazie all’utilizzo delle acque della sorgente Capodacqua e ai vicini impianti consortili.

Concetto espresso anche dal consigliere di zona del Consorzio, Gino Iadecola, secondo il quale “l’impianto di Capodacqua è nevralgico per l’economia agricola di tutto il territorio comprendente i comuni di Castrocielo, Piedimonte, Villa S. Lucia, Aquino, ma anche per la vicina industria cartaria.

Inoltre, la sicurezza idraulica è assicurata costantemente con la manutenzione dei canali”.

Il presidente, dottor Pasquale Ciacciarelli, nel corso dei vari interventi ha ricordato “i notevoli risultati raggiunti dal Valle del Liri in questi ultimi mesi durante i quali, nonostante la prolungata siccitosità, siamo riusciti a garantire ai nostri consorziati il necessario fabbisogno di acqua per irrigazione, salvaguardando la produzione dell’economia agricola di tutto il comprensorio.

Ma anche sotto l’aspetto della tutela e protezione idrogeologica territoriale i risultati sono stati molto positivi; grazie ad’accorta e continua manutenzione e pulizia dei canali della nostra rete idrografica di competenza, abbiamo evitato allagamenti e danni ad immobili e terreni coltivati”.

Ciacciarelli ha poi accennato all’aspetto energetico ricordando che “il tema scelto quest’anno per la Settimana della Bonifica è quanto mai attuale, perché la crescita dei costi energetici impone ai consorzi il ricorso accelerato alle energie alternative.

Per i consorzi la spesa più consistente da sostenere è quella relativa all’acquisto dell’energia elettrica per il funzionamento delle centrali di sollevamento utili a distribuire acqua per irrigazione ad oltre 45.000 consorziati.

Abbiamo progettato la realizzazione di alcuni impianti di produzione di energia di tipo idroelettrico e fotovoltaico che ci consentiranno di produrre l’energia necessaria riducendo fortemente la dipendenza dai gestori tradizionali, arrecando benefici economici anche ai nostri consorziati”.

La Settimana della Bonifica e dell’Irrigazione prosegue con i prossimi eventi di San Giorgio a Liri (27 maggio), Casalvieri-Picinisco (29 maggio), S.Ambrogio sul Garigliano (4 giugno), Via Francigena e canali di bonifica Montecassino-Villa S. Lucia-Aquino (6 giugno),  Cassino-S.Elia Fiumerapido (9 giugno), Arce (22 giugno).

Nel mese di giugno è previsto anche lo svolgimento di un convegno istituzionale sul tema “Risorse naturali: energia per il territorio”, al quale saranno invitati l’assessore regionale all’Ambiente, le varie istituzioni locali, provinciali e regionali, e sindaci ed amministratori del territorio.

22 maggio 2013 0

Venturi: “Consapevole delle grandi responsabilità connaturate al ruolo di assessore”

Di redazionecassino1

“Ho accettato con gratitudine, ed allo stesso tempo con la consapevolezza delle grandi responsabilità connaturate al ruolo, la nomina ad assessore che il sindaco, Giuseppe Golini Petrarcone, mi ha formalizzato nella serata di ieri.” Queste sono state le prima parole di Emiliano Venturi all’indomani della sua nomina ad Assessore del Comune di Cassino con deleghe al Personale, Affari Legali e Polizia Municipale. “La soddisfazione per la nomina, però, – ha continuato il neo assessore – è mitigata perché questa segue alle dimissioni dell’avvocato Luigi Montanelli che, per il sottoscritto, da molti rappresenta un esempio di uomo e di avvocato in termini di stile, professionalità e moralità. Il mio nuovo impegno amministrativo, sarà, allora, nel segno della continuità con l’operato del predecessore, con la speranza di ottenere gli stessi risultati politico – amministrativi; su tutti mi si permetta di ricordare la salvaguardia di 36 posti di lavoro degli ausiliari del traffico, il rafforzamento del corpo della Polizia Locale, la tutela della storica Tribunale cassinate e, da ultimo, la battaglia vinta contro Acea Ato5 a difesa dell’acquedotto comunale e dell’acqua pubblica. Allo stesso modo voglio ringraziare tutti i consiglieri di maggioranza che hanno sostenuto la mia nomina, ai quali rivolgo la promessa che rimarrò sempre e comunque uno di loro, non fosse per altro che la splendida campagna elettorale del 2011 ha cementato in noi un’amicizia ed un rispetto che vanno oltre la politica e l’impegno amministrativo. Naturalmente il ringraziamento è altrettanto doveroso anche per i consiglieri che hanno condiviso il progetto politico targato bene comune successivamente all’elezione del sindaco Golini Petrarcone.” In conclusione l’assessore Venturi ha voluto rivolgere un augurio al neo consigliere che prenderà il suo posto in aula consiliare a partire dal prossimo Consiglio Comunale. “Infine – ha concluso Venturi – rivolgo un grosso augurio di buon lavoro all’avvocato Teresa Testa che prenderà il mio posto in Consiglio Comunale. Sono convinto che rappresenterà una risorsa importante per il gruppo consiliare e per l’intera amministrazione.”

 

22 maggio 2013 0

Il Rettore Attaianese nominato presidente del Comitato regionale delle università del Lazio. Le congratulazioni del sindaco

Di redazionecassino1

“Mi congratulo con il Rettore, Ciro Attaianese, per la nomina ricevuta e che porta Cassino alla guida di tutti gli atenei del Lazio. Un risultato importante per il quale mi complimento, rivolgendo ad Attaianese gli auguri di buon lavoro.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, in merito alla nomina, giunta nella giornata di ieri, del Rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale a Presidente del Comitato Regionale delle Università del Lazio. “Si tratta di un incarico prestigioso – ha continuato il sindaco – sia a livello personale che per la città di Cassino che mai in passato aveva avuto il massimo rappresentante dell’Università a capo di tutti gli atenei regionali. Credo che questo ulteriore riconoscimento sia l’ennesimo attestato nei confronti di un territorio che in questo ultimo periodo si fa conoscere a livello regionale e nazionale per aspetti positivi. La nomina del Rettore Attaianese a Presidente del Comitato Regionale delle Università del Lazio è un’occasione importante anche in termini di rilancio, non solo dell’Università, ma dell’intera città. Fondamentale come sempre in questi casi è il lavoro da portare avanti in maniera sinergica tra tutte le istituzioni presenti sul territorio per costruire quotidianamente un’immagine sempre migliore della nostra città e contribuire al suo rilancio. Il fatto che la nomina sia arrivata proprio mentre a Cassino si stanno disputando i Campionati Nazionali Universitari è un piacevole coincidenza, ma è anche la dimostrazione che quando si lavora bene si ottengono risultati ed arrivano i giusti riconoscimenti.”

22 maggio 2013 0

Rapina a surgelati di Paliano, banda armata immobilizza personale e porta via merce per mezzo milione

Di redazione

Poco prima delle 21.30 di ieri sera, un gruppo composto da 4 o 5 persone, di cui solo uno armato, ha fatto irruzione in una azienda di surgelati in via Casilina a Paliano. Con estrema freddezza, i malviventi hanno immobilizzato il personale presente, in tutto nove persone compreso il guardiano, e dopo aver caricato il bilico che avevano portato, sono fuggiti portando via anche due autovetture degli operai poi ritrovate ad Anagni. Il valore della refurtiva si aggira intorno al mezzo milione di euro. L’allarme lanciato ha fatto scattare le ricerche da parte dei carabinieri che, al momento, oltre al ritrovamento delle auto, non ha dato gli esiti sperati.

22 maggio 2013 0

Centro scommesse clandestino sequestrato a Sora, giocavano anche i minorenni

Di redazione

Esercizio abusivo dell’attività di gioco e di scommesse, questi i reati contestati dalla guardia di finanza di Sora ad un 50enne di Frosinone titolare di un centro scommesse completamente abusivo e privo di ogni autorizzazione, sequestrato nella cittadina ciociara. Nel corso delle indagini i finanzieri hanno anche scoperto che tra i principali clienti c’erano ragazzini minorenni, altro aspetto questo, fuorilegge. La società che raccoglieva le scommesse non aveva autorizzazioni della Questura e dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli dello Stato. Ma nonostante ciò aveva insegna pubblica in bella mostra e faceva capo ad un bookmaker estero inserito nella lista dei siti di gioco non autorizzati sul territorio italiano. Tutte le apparecchiature, quindi, tra monitor computer stampanti termiche e le ricevute che comprovavano le giocate effettuate, sono state poste sotto sequestro.

22 maggio 2013 0

Operazione di carabinieri e DDA contro lo spaccio di droga, traffico d’armi, estorsione. Nove arresti

Di redazionecassino1

Nelle prime ore della mattinata odierna, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Mondragone hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, con la misura coercitiva del carcere, emessa dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di 9 indagati, gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso armata e finalizzata alla commissione di vari delitti: tentato omicidio, estorsioni, traffico di sostanze stupefacenti, atti intimidatori con danneggiamenti, riciclaggio e traffico di armi.

L’attività investigativa – avviata nell’ottobre del 2011 e espletata anche  attraverso intercettazioni  telefoniche e verifiche dirette a riscontro delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, già affiliati al locale clan camorristico –  ha permesso di raccogliere importanti elementi indiziari in ordine a  gravissimi episodi criminali verificatisi negli ultimi anni nel comune di Mondragone e nella provincia di Caserta.

Si è verificata, infatti, all’interno del clan egemone della zona, la presenza di un vero e proprio gruppo armato, costituito da giovanissimi senza scrupoli che operavano utilizzando motoveicoli di grossa cilindrata. Tra i fatti di maggior allarme e gravità ad essi ascritti il tentato omicidio e il ferimento di due ragazzi nativi di Mondragone, utilizzati da un gruppo emergente all’interno del clan per lo spaccio di cocaina. Tali fatti si inseriscono, in particolare,  in una vera e propria faida scoppiata per il controllo delle piazze di spaccio nella zona e cessata grazie all’arresto dei capi della fazione emergente operato dai Carabinieri di Mondragone. Si tratta di veri a propri atti intimidatori, ordinati dal clan per  punire quanti non si piegavano alla sua volontà. E, ancora, vere e proprie spedizioni punitive eseguite anche fuori dal comune di Mondragone, come il ferimento di un uomo di Recale eseguito per fare un piacere ad un amico del clan e il violento danneggiamento di un bar, all’interno del quale sono stati esplosi numerosi colpi di pistola.

Nel corso delle indagini sono state rinvenute numerose armi utilizzate e a disposizione del clan – tra cui mitragliatori, fucili a pompa, pistole – oltre a varie munizioni.

E’ ancora una volta il mercato della droga, insieme alle estorsioni raccolte sul territorio dalle attività commerciali, a portare nelle casse del clan la maggior parte degli introiti. A raggiungere Mondragone per acquistare droga sono giovani e giovanissimi anche dal vicino basso Lazio.

Ognuna delle piazze di spaccio – divise a seconda del tipo di sostanza stupefacente smerciata – ha un suo referente,  una zona dove vendere e un nutrito numero di pusher. I vari gruppi sono ben organizzati; in caso di arresto del singolo spacciatore è già pronta una  riserva per la sostituzione.

Sono stati accertati anche episodi di probabile motivazione etnica, che vedono il gruppo  criminale indiziato di aver dato alle fiamme numerose autovetture in uso a ragazzi bulgari del luogo, accusati ingiustamente di aver rubato della sostanza stupefacente all’organizzazione.