pubblicato il30 maggio 2013 alle 09:08

Gli edili della Cgil in piazza a Roma, il 31 maggio, per costruire il futuro. 500 imprese chiuse e 4000 senza lavoro.

Il calo della produzione nel settore delle costruzioni è drammatico, sono ormai 22 trimestri consecutivi che non si vede in edilizia un segno positivo. Dietro questo record negativo il settore ha perso  oltre il 30% della produzione ed il 40% degli investimenti pubblici, a livello nazionale hanno chiuso 60.000 aziende e si sono persi 550.000 posti di lavoro. In Provincia di Frosinone in tre anni sono circa 500 le imprese che hanno chiuso e circa 4000 i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro.

Dietro questi numeri vivono il dramma  migliaia di famiglie che non hanno più di che campare. I lavoratori dell’edilizia non hanno la stessa copertura degli ammortizzatori sociali degli altri settori, FIGLI DI UN DIO MINORE, e da subito dopo licenziati nel migliore dei casi possono usufruire solo della disoccupazione. Interi territori vivono nella nostra Provincia di edilizia e nei cantieri di tutta la Regione Lazio si parla prevalentemente ciociaro: è questa la nostra vera economia autoctona.

In tre anni dei 4000 edili che hanno perso il loro posto di lavoro difficilmente se ne è parlato, la maggior parte di loro lavoravano in aziende di poche unità  ed il loro dramma è passato praticamente inosservato.

Dobbiamo dare loro VOCE, bisogna ripartire per COSTRUIRE il futuro del nostro paese. Occorrono subito risorse pubbliche, attraverso lo sblocco selettivo del Patto di Stabilità, per far partire le opere cantierabili, centinaia di cantieri per la ristrutturazione del patrimonio pubblico e per interventi a difesa del territorio dal rischio sismico ed idrogeologico, basti pensare alle continue frane nel nostro capoluogo ed in Provincia. Bisogna liberare i crediti che vantano le imprese dalla Pubblica Amministrazione per riattivare i cantieri fermi e permettere loro di sopravvivere.

L’edilizia  è il vero settore anticiclico, l’economia non riparte se non si rimette in moto il settore delle costruzioni.

RIPARTIAMO!

 Non possiamo più rimanere inermi di fronte ai continui suicidi  di lavoratori ed imprenditori dell’edilizia. La Federazione dei Lavoratori delle Costruzioni, insieme a centinaia di edili della nostra Provincia per questi motivi parteciperà alla Manifestazione Nazionale del settore che nel Lazio vedrà l’iniziativa svolgersi alle 09,30 presso la sede della Regione Lazio dove una delegazione di lavoratori Ciocairi sarà ricevuta dal Presidente Zingaretti.

La F.L.C di Frosinone ha organizzato pllmans per raggiungere la capitale e permettere la partecipazione dei lavoratori. I pullmans partiranno da Sora alle 7,00 presso il piazzale della stazione, Cassino da Piazza Green alle 7,00, Frosinone 7,45 piazzale Agenzia delle Entrate, Anagni 8,00 uscita casello autostrada.

  

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07