Morte di Andreotti, Abate di Montecassino: “In Ciociaria non c’è strada o ponte o chiesa che non portino il suo nome”

6 maggio 2013 0 Di redazione

“A Montecassino non c’è muro, o porta o finestra, a Cassino e in Ciociaria non c’è strada o ponte o chiesa che non portino il nome di Andreotti, a cui va tutta la nostra riconoscenza”. Così scrive in una nota stampa, l’abate di Montecassino Pietro Vittorelli esprimendo il proprio cordoglio e quello di tutta la comunità monastica e diocesana per la morte del senatore a vita Giulio Andreotti. “Non posso non ricordare – continua l’abate – la statura umana e politica del grande uomo di Stato, che è stato un vero protagonista della Storia della nostra Repubblica e che, in particolare, ebbe un ruolo fondamentale e determinante per la ricostruzione postbellica nel nostro territorio. A lui, uomo di fede, con animo commosso rivolgiamo l’ultimo saluto e l’ultimo grazie, mentre eleviamo al Padre della Vita le più fervide e fiduciose preghiere per la sua anima”.