Pizza, simpatia e solidarietà. La locanda dei Girasoli a Roma verso la chiusura. Quattro giovani down rischiano il posto

14 maggio 2013 0 Di redazione

L’unica possibilità che hanno per sperare di salvare il loro “prezioso” lavoro è che alla gente torni l’appetito e, nonostante la crisi, anche la voglia di andare a mangiare fuori. Valerio, Viviana, Anna, Simone, sono gli speciali camerieri della Locanda dei Girasoli di Roma. Si tratta di un caratteristico ristorante pizzeria nella zona Quadraro, in via dei Sulpici, che sa unire l’ottima cucina, i prezzi calmierati e la simpatia dei quattro giovani cameriere attorno ai quali è stato creato l’intero progetto della Locanda. Valerio, Viviana, Anna e Simone, tutti di età compresa tra i 23 e i 38 anni, oltre ad essere professionalmente validi, hanno quella simpatia e solarità che solamente i ragazzi con sindrome di Down posseggono. In 13 anni hanno servito migliaia di pizze e sorrisi ai loro clienti ma la crisi sta minando anche la loro attività.
locanda i girasoli1 il punto
La Locanda nasce nell’ottobre del 2000 da un’idea dei genitori di Valerio, in particolare alla mamma Agostina, che preoccupati per il futuro del figlio, nato con la sindrome di Down, decisero di inventargli un lavoro. Nacque così la cooperativa sociale I Girasoli Onlus, e con essa la Locanda dei Girasoli. Ben presto aderino al progetto anche i genitori di Viviana, Anna e Simone, anche loro nati con la stessa sindrome. La speranza era che quella potesse essere una occupazione per i loro figli all’interno della quale non avrebbero dovuto patire le preclusioni mentali di chi non li ritiene all’altezza degli altri lavoratori.
locanda i girasoli il punto
Presidente della Cooperativa I Girasoli è Antonio Anzidei, ed è lui che lancia un grido di allarme per salvare l’attività e i quei posti di lavoro così preziosi. “Sono ottimi camerieri – dichiara Anzidei riferendosi ai quattro – molto precisi, si danno da fare e sanno farsi apprezzare dai clienti sia per la professionalità che per la simpatia”. Per reggere la struttura servono anche altri lavoratori, in tutto dieci tra pizzaioli, cuochi e personale di cucina. La specialità della casa è la pizza Girasole, una pizza bianca, con fiori di zucca e funghi porcini, oltre ad altri ingredienti che, alla fine, la fanno sembrare un vero e proprio girasole, ma il menù è ricco e molto fantasioso.
locanda i girasoli3 il punto
“Stiamo cercando in tutte le maniere di resistere alla crisi ma la clientela è calata, le spese per la gestione del ristorante sono tante e ci stiamo indebitando. Quindi stiamo chiedendo aiuto a tutti coloro che possono darcene”. Così come per qualsiasi altra azienda, negli ultimi tre anni, il lavoro è calato e, di conseguenza, anche il guadagno lasciando invariate solo le spese di gestione. Ad un sito internet (www.lalocandadeigirasoli.it) hanno affidato tutte le loro problematiche e preoccupazioni, oltre alla richiesta di aiuto. “Altre imprese che hanno una logica diversa, quando cala il lavoro, ricorrono al licenziamento del personale – dichiara il Anzidei – Noi questa cosa non la possiamo fare perché la nostra azienda ha una finalità sociale e, quindi, se si affonda affondiamo tutti.
Locanda girasoli1 il punto
Come cooperativa sociale, inoltre, non riceviamo alcun finanziamento pubblico. Abbiamo tentato la via dei bandi a progetto partecipandone ad alcuni per ottenere finanziamenti ma arriviamo sempre secondi e quando il progetto viene approvato, non ci sono più soldi, tutti spesi per chi ci ha preceduto. Ma non importa – continua orgoglioso il presidente della cooperativa – non è con questi mezzi che vogliamo portare avanti la nostra attività. Noi vorremmo che la Locanda dei Girasoli si mantenesse con il nostro lavoro così come facciamo da 13 anni grazie alla clientela. Purtroppo oggi siamo preoccupati in particolare per i nostri quattro amici e colleghi. Se dovesse finire questa esperienza il lavoro lo perdiamo tutti, ma loro avranno problemi maggiori per essere ricollocati”. Quindi l’appello ai clienti: “Venite a mangiare da noi perché la pizza e tutto ciò che cuciniamo è buonissima, i prezzi sono convenienti” e soprattutto, aggiungiamo noi, contribuirete ad una finalità sociale. Sul loro sito www.lalocandadeigirasoli.it, ci sono gli estremi per una donazione volontaria o per donare il 5 per mille della dichiarazione dei redditi.
Ermanno Amedei
Foto Daniele Napolitano

guarda tutte le foto