pubblicato il23 maggio 2013 alle 11:10

Tragedia della strada a Grazzanise, un altro “lenzuolo bianco” sulla Provinciale 333

Strada provinciale 333, quasi al km14, ore 21 di mercoledì 22 maggio, schianto improvviso: un uomo investito da una Fiat Bravo il cui conducente, di Cancello ed Arnone, nulla ha potuto fare per salvarlo. Neppure il tempo di frenare ed il corpo del malcapitato è sbalzato da cofano sul parabrezza, finendo poi a terra ormai privo di vita. Tutto in un tremendo attimo. Immediatamente accorsi i carabinieri di Grazzanise agli ordini del comandante Luigi De Santis e, in pochissimi minuti, anche l’ambulanza del 118 è giunta sul posto. Ma ormai non c’era null’altro da fare che coprire con un pietoso lenzuolo il poveretto ed attendere l’arrivo del giudice e della scientifica.
S’è verificato, insomma, senza scampo, l’incidente che ogni automobilista teme ogni volta che avvista, nelle ore notturne, uno o più extracomunitari che rientrano in una delle aziende agricole del Basso Volturno, procedendo a piedi o in bicicletta, al termine d’una dura giornata di lavoro e magari dopo aver trascorso qualche ora di svago davanti a un bar. Talora è la velocità delle auto a provocare il disastro; più spesso all’origine della tragedia c’è un senso di irresponsabilità delle stesse vittime della strada che poco o nulla fanno per rendersi visibili a sufficiente distanza. Sembra che stavolta l’investimento sia avvenuto proprio al centro della carreggiata. Ma ovviamente saranno i rilievi oggettivi a confermarlo, pervenendo all’attendibile o esatta ricostruzione della dinamica che ha provocato la morte dell’extracomunitario. L’autista cancellese, in viaggio sulla tratta Grazzanise-Castelvolturno, avrebbe detto d’aver visto d’un tratto l’uomo barcollante davanti ai fari e di non aver avuto il tempo di attivare alcuna manovra per evitare l’impatto. Certo, prima o poi verrà accertata l’identità dell’investito. L’autopsia dirà pure se, in quel fatale momento, fosse o no sotto l’effetto dell’alcool. Probabilmente i suoi connazionali faranno la colletta per permettere il rientro della salma nella disgraziata terra d’origine. In ogni caso, quest’ultimo tragico evento, come tanti altri simili già verificatisi, andrà ad aggiungere un’ennesima pagina al doloroso libro i cui capitoli si chiamano “povertà”, “immigrazione”, “pessima integrazione”, “incoscienza”, “disorientamento”, “sfruttamento”, “carne da macello”… Capitoli interrotti, qui o là, forse due-tre volte all’anno, da un paragrafo denominato “autentica solidarietà” o da un capoverso che esordisce affermando il “pieno rispetto dei diritti e dei doveri civili”.
Raffaele Raimondo

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07