pubblicato il17 maggio 2013 alle 14:56

Zavattaro: ”In azione la macchina del fango sul Cup”

«Posso solo definire squallida un’operazione come quella che pone sotto i riflettori il Cup aziendale, dove viene utilizzata in modo subdolo e strumentale un’ordinaria questione interna, fatta passare per incapacità organizzativa»: stronca le polemiche senza mezzi termini il Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Francesco Zavattaro, a proposito delle recenti notizie di stampa che pongono nuovamente al centro dell’attenzione il servizio di prenotazione.

 

«Periodicamente torna in azione la macchina del fango – aggiunge il manager – che mira a colpire il Centro unico di prenotazione, additato come luogo di inefficienza e teatro di strane manovre, a fronte di un dato di realtà di segno diverso, fatto di innovazione, attenzione ai bisogni degli utenti e miglioramento organizzativo. La nostra Azienda è stata la prima in Abruzzo ad attivare le prenotazioni per classi di priorità, il sistema che consente di filtrare l’accesso alle prestazioni secondo la gravità dei sintomi e delle ipotesi diagnostiche indicate dai medici di medicina generale. In due anni sottolinea Zavattaro , da marzo 2011 a marzo 2013, con questa modalità sono state effettuate 8.472 prenotazioni: ciò vuol dire che altrettanti utenti hanno avuto un accesso diversificato al nostri servizi, non grazie a corsie privilegiate, ma in virtù di un’indicazione diagnostica ben precisa».

 

Sul fronte delle mammografie, da marzo 2011 a dicembre 2012 «abbiamo prenotato 4.293 donne, al 43% delle quali – spiega il direttore generale è stata anche anticipata la prestazione rispetto alla data indicata al momento della prenotazione. E ancora, grazie al servizio di recall sono stati recuperati 4.199 posti resi disponibili dagli appuntamenti annullati. Infine sul sito Internet www.asl2abruzzo.it è stata attivata la sezione del Cup on line per consentire la consultazione dei tempi di attesa aggiornati in tempo reale. Ho portato solo alcuni esempi per testimoniare la qualità e la consistenza di un lavoro portato avanti con impegno e professionalità, che ha prodotto risultati evidenti e misurabili. Abbiamo piena coscienza di quanto resta ancora da fare sul fronte dei tempi di attesa conclude Zavattaro e ci impegneremo per questo, come abbiamo fatto finora, con umiltà e determinazione. Tutto è migliorabile, ma l’utilizzo strumentale di aspetti organizzativi interni non è accettabile, come non lo è l’esercizio periodico della diffamazione di chi del Cup ha la responsabilità organizzativa e operativa».

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07