Giorno: 2 giugno 2013

2 giugno 2013 0

Posta elettronica certificata: al via il 10 giugno 2013 l’INI – PEC, l’Indice nazionale degli indirizzi

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

Una piccola rivoluzione tecnologica sta avvenendo nel Nostro Paese almeno in termini di comunicazione tra soggetti. La vecchia lettera o ancor meglio la posta raccomandata, sottolinea Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti, segneranno il passo per essere soppiantate via via dalla ormai nota posta elettronica certificata conosciuta dai più come PEC.

Arriva infatti a partire dal 10 giugno prossimo l’Indice nazionale degli indirizzi di PEC.

A stabilirlo è il Decreto Ministeriale del 19 marzo 2013 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 9 aprile 2013, n. 83) nel quale il Ministero dello Sviluppo economico illustra le modalità di realizzazione, gestione operativa e accesso dell’elenco telematico, nonché modalità e forme con cui Ordini e Collegi professionali dovranno comunicare ed aggiornare gli indirizzi di PEC relativi ai professionisti di propria competenza.

L’INI-PEC – questa la sigla del nuovo elenco – è suddiviso in due sezioni:

•Sezione imprese: dovrà riportare provincia, codice fiscale, ragione sociale/denominazione e indirizzo PEC;

•Sezione professionisti: dovrà riportare provincia, ordine o collegio professionale, codice fiscale, nominativo e indirizzo PEC.

Il registro partirà dal prossimo 10 giugno e sarà aggiornato quotidianamente (solo per i primi sei mesi, in fase d’avvio quindi, l’aggiornamento avverrà ogni 30 giorni).

2 giugno 2013 0

Tragedia sui binari a Mignano Monte Lungo

Di admin

Tragedia nella domenica del Corpus Domini a Mignano Monte Lungo nell’alto casertano. Per cause ancora non chiare, questa sera poco dopo le 20.30 un uomo del posto, A. M., 52 anni, è stato travolto dal treno a pochi metri del passaggio a livello della stazione ferroviaria di Mignano Monte Lungo. Sul posto si trovano ancora i carabinieri gli agenti della polfer e della polizia municipale nonchè i vigili del fuoco ed i tecnici delle ferrovie. La notizia della tragica morte dell’uomo si è diffusa in un baleno in paese mentre era in corso lo svolgimento della processione del corpus domini lascinado tutti sgomenti. Trenitalia ha messo a disposizione dei viaggiatori del treno rimasto bloccato nei pressi della stazione gli autobus sostitutivi.

2 giugno 2013 0

Nuovo coronavirus. I tre casi di contagio in Italia inducono a pensare ad una scarsa attenzione delle autorità sanitarie nazionali?

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo:

I preoccupanti casi di contagio da coronavirus denominato MERS CoV (Medio Oriente Respiratory Syndrome Coronavirus) anche in Italia dove sono stati confermati tre pazienti affetti dal temibile virus nonostante le segnalazioni effettuate dalle autorità sanitarie internazionali tra cui l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e l’ECDC (“Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie”) inducono a pensare ad una scarsa attenzione delle autorità sanitarie nazionali che a parere dell’associazione “Sportello dei Diritti”, che l’11 maggio scorso per prima in Italia segnalava la preoccupazione delle istituzioni internazionali, avrebbero dovuto monitorare con più cura tutti i rientri di passeggeri provenienti dalle aree maggiormente a rischio contagio specie dalla Penisola Araba e dalla Giordania.

Un semplice questionario, rileva Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, presso gli aeroporti e alle dogane, avrebbe senza alcun dubbio potuto evitare gli ulteriori due contagi in particolare del collega e della bambina nipote del 45enne giordano di origini palestinesi che per primo era giunto con i sintomi della malattia dopo essere rimasto per ben 40 giorni in Giordania con un figlio affetto da una forma di influenza non specificato, come riportato dalle agenzie di stampa.

Alla luce di tali assunti, senza destare alcun allarme nella popolazione ma solo a scopo preventivo, è necessario che il Ministero della Salute intensifichi l’opera di monitoraggio, di controllo e prevenzione per evitare il rischio di una diffusione della temibile epidemia che ha già causato trenta morti nel mondo.

Secondo un rapporto dell’OMS di venerdì scorso, il Medio Oriente sé l’area più colpiti dal virus, in particolare l’Arabia Saudita. Il primo decesso per il virus richiamato, secondo l’OMS, è accaduto nel giugno 2012 proprio nel paese arabo. Altri casi sono stati segnalati in Qatar, Giordania, Tunisia, Emirati Arabi Uniti e in Germania, Gran Bretagna e Francia, dove un paziente è morto il 28 maggio scorso.

Basti ricordare che circa dieci anni fa, la pandemia di SARS (sindrome respiratoria acuta grave), partita dalla Cina, ha ucciso più di 800 persone e ha causato una grande ondata di panico nel mondo. Il nuovo virus, tuttavia, è diverso da SARS, soprattutto perché provoca rapidamente insufficienza renale.

2 giugno 2013 0

Tragedia sulla strada panoramica tra Palena e Lama, muore centauro 34enne

Di redazione

Si chiamava Nico Fiorentino, aveva 34 anni ed era di Casoli il centauro che, questa mattina alle 11, ha perso la vita a Lettopalena scontandosi frontalmente, mentre era in sella alla sua Ktm, con una Skoda Octavia guidata da un 59enne di Palena. La tragedia si è consumata sulla strada panoramica che collega Lama dei Peligni a Palena e per l’uomo non c’è stato nulla da fare. I rilievi del caso sono stati effettuati dai carabinieri della compagnia di Lanciano. Er. Am.